Alfie, pecorella abbandonata dal pastore – di padre Vittorio Veneziani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

“Guarderanno a Colui che hanno trafitto”: in queste poche parole può  essere riassunta tutta la missione di Gesù Cristo nello svelare il potere del peccato e della morte su di noi (che ha origine dal demonio e dal nostro libero consenso) e di offrire  la possibilità della conversione, del perdono dei peccati e la vita eterna. La stessa cosa si può  dire di Alfie che, con il suo martirio, ha svelato aspetti, per lo più ben nascosti, del nostro vivere all’insegna del disprezzo di Dio e della vita umana. Come nella passione e morte di Gesù Cristo, anche in quelle Alfie c’è stata una incredibile attualizzazione del mistero della Croce alla quale ancora una volta è  stato inchiodato un Innocente.

L’uccisione di Alfie, che sicuramente è entrato nel Cielo, santo e martire tra i santi, è un crimine fra i più gravi che siano mai stati compiuti nella storia: un assassinio voluto proprio da quelle autorità che avrebbero il dovere di difendere le persone e non di ucciderle, specialmente se si tratta di innocenti. Le modalità con le quali questo crimine è stato attuato hanno mostrato la natura satanica del potere a cui si sono asservite numerose persone con varie responsabilità: sia nel mondo che nella Chiesa.

Alfie è sopravvissuto alla sua ingiusta condanna a morte una prima volta, ma non ha potuto usufruire nemmeno della grazia che, in questi casi, viene accordata anche al peggior criminale. Per essersi rifiutato di morire alla prima esecuzione, è stato lasciato morire in condizioni disumane, inaccettabili anche per qualsiasi animale. Si deve prendere atto che tante anime belle cercano sempre di rendere accettabili questi fatti alla sensibilità comune, ma niente può essere tolto alla vera tortura subita da Alfie e dai suoi genitori.

Se qualcuno ha il coraggio di affermare il contrario, provi almeno a chiudersi il naso lasciando passare solo qualche filo d’aria per alcuni minuti. E cerchi di immaginare che cosa ha provato Alfie durante quei cinque lunghissimi giorni, indebolito dalle droghe somministrategli, da un’infezione polmonare per nulla curata, dalla mancanza o insufficienza di cibo e acqua. Comprenderà, forse, che è molto facile ignorare o persino deridere chi sta sulla Croce (come avvenne per Gesù Cristo, crocifisso e deriso, sia dalla gente comune che dai notabili del popolo), quando non si è per nulla coinvolti in quelle sofferenze. Alfie è  stato giustiziato due volte e la seconda esecuzione è stata sotto ogni aspetto peggiore della prima.

Detto questo, come cristiano e come sacerdote, mi sembra sia giunto il momento di chiedere perdono a tutti per non aver compiuto il dovere di annunciare la Verità di Gesù  Cristo come avrei dovuto fare. In questo senso, mi permetto di chiamare in causa anche quanti, come me, sono investiti del mio stesso compito; in modo particolare i vescovi che hanno ricevuto il mandato del tutto speciale di trasmettere integralmente il Vangelo e l’insegnamento della Chiesa.

Chi più chi meno, tutti abbiamo mancato in due cose: non abbiamo saputo dire con fermezza e convinzione che la sofferenza e il dolore hanno un valore incalcolabile per la vita di ciascun uomo e soprattutto in vista della vita eterna. E, soprattutto, non abbiamo quasi mai parlato delle uniche realtà che non verranno mai meno e neppure si corromperanno come ogni altra cosa che ci è  data da vedere e toccare in questa vita: la il giudizio, l’inferno, il purgatorio e il paradiso, la risurrezione dai morti, e il giudizio finale.

Riguardo il significato della sofferenza e della Croce, è vergognoso ammettere che non si abbia avuto il coraggio di richiamare il perenne insegnamento della Chiesa. Nessuno ha avuto il coraggio di dire che il tema della sofferenza e del dolore è direttamente collegato al tema del peccato e della necessità di essere salvati dalla sua schiavitù. Si è preferito lasciar intendere che il dolore e la sofferenza siano realtà inutili e incomprensibili, da escludere dalla vita umana fino al punto di volere la morte di un bambino che, pur lottando con tutte le forze per vivere, viene soppresso “per il suo bene”. Eppure non bisognava scrivere un trattato di teologia o soteriologia come dicono gli esperti, ma di ritrovare gli elementi fondamentali della nostra fede.

San Paolo afferma che non ha detto altro, nel suo annuncio del Vangelo, che Cristo e Cristo  crocifisso, sapienza di Dio e stoltezza per gli uomini. Sebbene parli in diverse altre parti della risurrezione, San Paolo fa una sintesi impressionante dell’opera di Gesù Cristo con questa semplicissima frase che va collegata a quella in cui parla di una sofferenza di tutta la Creazione (e non solo dell’uomo) per l’attesa e per il desiderio che nasca e si manifesti l’uomo nuovo redento da Cristo. Ancora, San Paolo aggiunge che lui, come ogni cristiano, viene associato a Cristo per completare nella propria carne ciò che manca ai suoi patimenti (per la salvezza di tutta l’umanità).

O queste parole non hanno alcun senso, per cui sarebbe meglio toglierle dalla Scrittura, oppure stiamo dimostrando una tremenda ignoranza, per cui c’è da chiedersi a che servano tante università di teologia con tutti i loro costosissimi studi. Non solo, ma se la sofferenza e il dolore non hanno una loro collocazione dentro il piano di Dio, diventa incomprensibile tutta la nostra fede, dal momento che Dio stesso si serve della sofferenza, in Gesù Cristo per esercitare il suo amore verso di noi al fine di vincere il potere del demonio per mezzo della crocifissione del peccato nella sua stessa carne. Mi chiedo: sono delle stupidaggini, queste, o stiamo parlando della realtà più vera e più profonda del nostro credo?

Nei terribili giorni di tortura e di agonia di Alfie, un pensiero ha continuamente attraversato la mia mente: che cosa sappiamo di quel piccolo Essere nel quale sono inscindibilmente uniti un’anima eterna e un corpo voluti come tali da Dio fin dall’eternità? Come si fa a dire: bisogna porre termine a ciò che ha voluto Dio perché si tratta di una vita “inutile”? Che cosa ne so, io, dell’importanza di quella relazione tra i genitori e il loro bambino? Tra il quel bambino e noi, tra noi e Dio? Chi può dire qual è il vero termine di confronto o l’unità di misura per determinare l’utilità o meno di una vita? Non sarà che, se ci mettiamo a riflettere seriamente su tutte queste domande, si fa venire giù tutto, specialmente la terribile realtà dell’aborto, con tutto il nostro cinismo e la nostra consolidata abitudine al crimine più grave che esista?

Ricordo, come fosse quest’oggi, l’intervista a un porporato subito dopo il successo ottenuto dalla CEI in occasione del referendum sulla procreazione assistita. Il giornalista chiedeva se non fosse quello il momento buono per rimettere in discussione la legge dell’aborto, visti i risultati ottenuti. La risposta del porporato fu allucinante: no, quella legge non si tocca. Da quel momento, mi è stato ancora più chiaro che i pastori della nostra Chiesa non avrebbero avuto più nulla di importante da dire. E così  è avvenuto pochi anni dopo con le unioni omosessuali (una delle peggiori bestemmie contro la bellezza della creazione di Dio e contro la natura umana fatta a immagine di Dio) e per l’eutanasia. Senza parlare di tutte le “aperture” verso i cosiddetti “cambi di sesso” che rappresentano innanzitutto la peggiore castrazione della mente umana e della più semplice logica operate nel corso della storia. Le poche cose dette al riguardo, in difesa delle fondamenta della fede, invece, non sono arrivate neppure al livello del vagito di un neonato. E pensare che, da piccolo, mi sembrava di aver capito che il pastore doveva portare il bastone per difendere le pecore dai lupi. Al contrario, oggi i pastori mettono le pecore di fronte ai lupi perché se le possano mangiare senza dare loro alcun fastidio e, come se non bastasse, usando il bastone contro le pecore più deboli e indifese.

Ora credo sia opportuno parlare del secondo punto oscurato in questo tempo: la morte, il giudizio, l’inferno, il purgatorio, il paradiso, la risurrezione, il giudizio finale. San Paolo dice che, se non c’è risurrezione dei morti, vana è la nostra fede. Si potrebbe aggiungere anche: se non c’è il giudizio  (del quale parlano inequivocabilmente i Vangeli e tutta la Scrittura) e se non c’è la possibilità  di dannarci eternamente (anche di questo parlano i Vangeli e tutta la Scrittura), mangiamo, beviamo e divertiamoci, dal momento che moriremo. A questo punto, riconosco che il primo a gettare alle ortiche ciò che indegnamente indossa, dovrei essere io.

Perché i pastori della Chiesa, con i loro presbiteri (diaconi, catechisti e popolo tutto), non annunciano e non fanno presente che c’è un giudizio di Dio sulla storia e sulle nostre azioni nel quale dovremo rispondere? Perché non dicono che l’unico e vero impegno di tutta la nostra esistenza è e dev’essere quello di evitare di finire all’inferno e di cercare con tutte le forze di farsi piccoli per entrare in paradiso dove si trova l’unica felicità che deriva dal fatto di partecipare della Vita Divina che è  Carità  perfetta e Comunione con Dio e con i fratelli?  Che cosa ci può essere di più importante e di più “interessante” da ascoltare per un uomo o per una donna che, da fatti come quello di Alfie, sono seriamente interrogati sul senso della nostra esistenza?

Questi argomenti sono quelli che si sarebbero dovuti riproporre in un momento così tragico e crudele come quello della passione di Alfie e  dei suoi genitori, unitamente a tutti gli sforzi per strappare quell’innocente dalle mani dei suoi carnefici! Questa è la nostra vera difesa contro l’ignoranza generale della gente e in particolare dei giudici! Non importa se si sarebbero messi a ridere o a gridare allo scandalo della pretesa di dire che, in quella “vita inutile”, era Dio stesso a essere presente in mezzo a noi per farci uscire dalla nostra meschinità e per farci cercare il Cielo! Anche di fronte a Gesù Cristo che si dichiarava Figlio di Dio e faceva presente la nostra chiamata ad essere come Lui figli del Padre Celeste, i sacerdoti si erano strappati le vesti. Ma Gesù, il Buon Pastore, non si è tirato indietro, è rimasto lì, in piedi, non in ginocchio, di fronte al mondo e ha testimoniato la Verità ad ogni costo. E così Santo Stefano, umile diacono, quando testimoniò i Cieli aperti e l’accesso alla vita eterna per mezzo di Gesù Cristo, accettando in piedi di essere lapidato e nello stesso tempo offrendo la sua vita per i suoi persecutori.

Da parte mia sono certo che, se avessimo avuto il coraggio di testimoniare la Verità, nonostante la vittoria della crudele società assassina, sicuramente molti avrebbero visto un po’ più di luce vera in questo mondo di tenebra. Anzi, mi correggo: già alcune fiammelle si sono viste, ma sono state quasi unicamente quelle accese dai più poveri, da quelli che avevano meno mezzi per salvare Alfie o per svelare l’iniquità di un apparato asservito al demonio. Quelli che, come Christine, hanno dato tutto o molto di quello che serviva loro per vivere per salvare Alfie. Ma il resto, quelli che veramente potevano e non hanno fatto, quelli che hanno taciuto o si sono girati da un’altra parte, oppure hanno approvato sono stati complici delle tenebre. Come sempre, c’è stato bisogno di un tradimento.

La passione di Alfie ormai è stata consumata fino in fondo: non resta altro che guardare a Colui che abbiamo crocifisso. Mentre la risurrezione è nelle mani di Dio, ci rimane solo poco tempo per convertirci. Anche se sono il peggiore di tutti, grido a tutti, presbiteri, vescovi e Santo Padre: “Convertiamoci, non siamo stati posti al servizio del mondo e del suo principe. Torniamo a pascolare le pecore, non i lupi. Quando avremo lasciato sbranare le pecore, i lupi si avventeranno ancora più forti contro di noi!”.

Ma quel che è  peggio è che quando diremo: “Abbiamo predicato, fatto miracoli…” ci sentiremo rispondere:  “Via da me, maledetti, non vi ho mai conosciuti”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

9 commenti su “Alfie, pecorella abbandonata dal pastore – di padre Vittorio Veneziani”

  1. giuseppe pozza

    resta il fatto che con l’aborto si continua ad uccidere,perchè nessuno è saltato fuori? Che differenza fa tra l’esser venuti alla luce o uccisi prima?

  2. Bernardo M.Trelle

    Grazie Padre Vittorio per questo suo articolo profondissimo che condivido in toto. Il Piccolo Martire Alfie ci aiuti dal cielo ad essere sacerdoti profetici che non hanno paura di annunciare la Vera Dottrina la sola che salva.
    Sac. Bernardo M. Trelle

  3. Il grande peccato, accanto alla presunzione, è stato credere che l’uomo nascesse e restasse buono e se conseguenze avessero avuto i suoi atti, avrebbero riguardato lui solo. Da queste premesse discende il resto, questo testimonio con la mia vita, con quello che ho capito. I pastori, con loro gran parte dei sapientoni, hanno sbagliato quando hanno voluto credere che l’occidente fosse ormai adulto, causa acquisizioni tecniche, e che l’insegnamento base cattolico fosse superato. Qui ci siamo segati le gambe da soli.Altro errore: il bene sarebbe in ognuno fiorito da solo, attraverso la vita, dimenticando che la vita, qualunque vita, DEVE ESSERE CURATA per non soccombere, e questo vale per il filo d’erba e per il gatto. Come si propaga la mala erba, così si propaga il male morale, la monnezza, la propaganda, nella informazione, negli spettacoli, nella così detta arte, hanno corrotto un popolo,lo hanno portato a vivere tra strutture di peccato permanente. Rimedio, che mi son data, riprendere in mano il Catechismo di S Pio X studiarlo a memoria e viverlo ogni anno della vita che mi…

  4. Ci siamo abituati a sentirci cristiani ma non a seguire Cristo. Dormiamo su false sicurezze che ci fanno sentire al sicuro, giusti. Ritorniamo a Cristo, al Cristo Crocifisso dei Vangeli, al Cristo morto e risorto per riportare l’ Opera del Padre allo splendore primigenio. Ritorniamo a sentirci corpo mistico del solo Signore che dà la vita e che dà senso a ogni cosa, anche al dolore.Torniamo a chiederci chi è Cristo e se veramente siamo e vogliamo essere cristiani, cristificati e donati per la salvezza dell’ uomo, di ogni uomo.

  5. Reverendi padri,forse questo “vento di pazzia” verrà spazzato via da una guerra mondiale,forse la meritiamo!
    “Fermare questo assassinio con tutti i mezzi”…ha scritto nel suo articolo.
    Che vuol dire?
    Esistono santi martiri che hanno impugnato spade e fucili,San Josè del Rio Cristeros,i Vandeani,i “briganti” contro i porci invasori Napoleonici o coloro che difesero il Papa San Pio IX nella breccia di porta Pia…etc…
    Quanti Cattolici oggi li venerano e ammirano come santi…forse la gran parte dei “cattolicisti” e la stessa Chiesa modaiola li considerano,estremisti folli cattivi degni dell’inferno.
    Vergogna di padre! Ha detto bene!
    Io mi vergogno di essere pavido nella fede mi vergogno di non avere il coraggio di difendere con tutti i mezzi quel bambino,in primis con la preghiera!…ma mi vergogno di essere cattolico di questa finta chiesa (quella gestita da noi uomini)pavida ed eretica.
    Mi hanno detto che i Cristeros avevano sbagliato a reagire così…mi è crollato il mondo addosso.Ma non la Fede!,perchè Guareschi scriveva a ben dire:”Ho ragione io ho ragione io…

  6. Paolo Martino Allegri

    Grazie Padre! In mezzo a tanta desolazione mi conforta sapere che esiste ancora qualche pastore pronto a difendere le pecore. Sempre più spesso ormai non riconosciamo la voce del Buon Pastore in coloro che dovrebbero guidarci. Mi ha fatto venire in mente l’appello che un giorno fece Madre Teresa di Calcutta ad un ritiro per sacerdoti: “vogliamo santi sacerdoti!”

  7. Quei pochi sacerdoti ancora fedeli a Cristo potrebbero dare voce alla richiesta di una indagine sulla morte di Alfie. Dopo la conversione e la preghiera, questa sarebbe la cosa migliore per onorare il suo martirio

  8. Grazie padre per aver parlato in verità. Credo che Dio voglia questo in primis.
    Diciamolo chiaro e con coraggio, quello di Alfie è stato un omicidio così come lo sono l aborto e l eutanasia.
    Possa Dio perdonare i giudici maledetti che lo hanno condannato e tutte le donne che credono di avere il diritto di abortire e tutti coloro che credono di avere il diritto di togliersi la vita.
    La vita è il dono che Dio ci fa per permetterci di ritrovarlo e di vivere finalmente la vera vita con Lui.

Rispondi a Bernardo M.Trelle Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su