Brexit? Una grande opportunità. Parola di Ubs  –  di Marcello Foa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Marcello Foa

.

z.brexit-boomOnore al merito di Ubs, sì proprio la grande banca svizzera. Perché, a scanso di errori, è il primo fra i grandi istituti di credito a parlare del Brexit in termini oggettivi, in decisa controtendenza rispetto alla stampa specializzata, soprattutto del Financial Times, che per tutta l’estate ha descritto l’uscita della Gran Bretagna dalla Ue a tinte foschissime; enfatizzando qualunque notizia negativa e ignorando o minimizzando – in home page – quelle positive, dimostrando uno zelo – spiace constatarlo – quasi da propagandista.

Il quotidiano color salmone si è fatto grigio, ma evidentemente non ha convinto tutti, certo non Ubs, che a firma del proprio Global Chief Investment Officer Wealth Management, Mark Haefele, nell’ultima lettera agli investitori l’”Ubs House View Monthly Letter”, ha proposto queste brevi e significative riflessioni

“Cara lettrice, caro lettore,
Scopriamo oggi che quella inizialmente denunciata come una rapina a mano armata era in realtà una trattativa male interpretata. No, non mi riferisco alla vicenda dei quattro nuotatori olimpici statunitensi in Brasile: sto parlando della Brexit. Da più parti si temeva che i mercati globali subissero i contraccolpi del voto britannico a favore dell’uscita dall’UE, ma – a parte l’impatto sulla sterlina – il crollo post referendum è durato solo pochi giorni, poiché la reazione rassicurante della Bank of England (BoE) e i solidi dati in altre regioni hanno permesso agli investitori di concentrarsi sulla crescita mondiale. In questo momento i tre indici azionari principali degli Stati Uniti sfiorano livelli record, le azioni dei mercati emergenti si attestano ai massimi degli ultimi 12 mesi, le obbligazioni high yield hanno mostrato una buona tenuta nonostante la volatilità del petrolio e, all’estremo opposto dello spettro del rischio, la domanda di titoli di Stato dei paesi sviluppati è così elevata che il 40% di queste obbligazioni registra ormai rendimenti negativi. (…)

Ma è possibile spingersi oltre e tracciare uno scenario che vada al di là del riassorbimento dei timori legati alla Brexit? Che cosa serve perché emerga un eventuale lato positivo del voto che ha fatto tanto discutere? Su scala globale, il referendum britannico ha riacceso il dibattito sui limiti della politica monetaria, che potrebbe rivelarsi proficuo se sfociasse in una serie di stimoli fiscali e monetari più coordinati. E nello stesso Regno Unito, la Brexit può rappresentare un’opportunità storica per migliorare le sorti economiche del paese, se verranno seguiti gli esempi giusti.”

Capito? Altro che disastri, altro che sventure. I mercati volano, l’impatto di una protesta popolare democratica come quella espressa dal popolo britannico e frettolosamente bollata da molti commentatori come populista e contraria al progresso, si sta rivelando positiva per l’economia mondiale perché sta costringendo banche centrali e governi a rivedere le proprie politiche. E rischia di trasformarsi per la stessa Gran Bretagna in “un’opportunità storica”.

Come dire: il popolo aveva ragione.

Capita, in democrazia.

.

fonte: Il Giornale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

2 commenti su “Brexit? Una grande opportunità. Parola di Ubs  –  di Marcello Foa”

  1. Mi chiedo se sia possibile per noi uscire dall’Europa, ho l’impressione che la massoneria essendo forte in Inghilterra e di conseguenza in USA, abbia permesso l’uscita dell’Inghilterra dalla trappola da essa creata, giusto per avere casa propria libera, mentre farà di tutto per impedire che escano anche altri Paesi, che devono rimanere servi e poveri, per poterli smerciare, comprare a basso prezzo, pezzo per pezzo. Quando mai si è potuto fare dell’Italia, Paese ricchissimo di storia, arte, cultura, patrimonio di bellezze uniche, un super mercato a basso prezzo? Perchè mai privarsene?
    Mi auguro si potrà uscire anche noi, perchè potremmo vivere di turismo, di agricoltura, di cucina, ma finchè saremo governati da bravi servitori della massoneria, sarà dura. Se siamo così pusillamini è specialmente per la cattiva condotta di coloro che hanno il mandato di annunciare la Verità, invece si fanno complici dei menzogneri.

  2. Ho esultato per la Brexit e non ho mai creduto allo scenario catastrofico ipotizzato dai giornali.
    La gente è più intelligente di quanto si creda e non si fa tirare per il naso più di tanto, neanche se certe cose le dice il Papa (vedasi invasione immigrati).
    Perché tanti sono bravi a parole e soprattutto a imporre pesi agli altri.
    Pesi che “loro non muovono neppure con un dito”.
    (Ogni riferimento ovviamente è puramente casuale…).

Rispondi a ivan Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su