Contro l’Italia del degrado, lo stato faccia la sua parte – di Mario Bozzi Sentieri

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Non c’è solo San Lorenzo, il quartiere romano balzato all’attenzione delle cronache nazionali per il tragico assassinio della giovane Desirée, a rimarcare un’Italia del degrado e dell’abbandono sociale con cui è tempo di fare i conti. Dal  Nord al Sud sono tante le aree in cui lo Stato sembra essere assente, ritiratosi di fronte all’emergere di un’illegalità diffusa, che arriva ad imporre le sue regole: da Torino (con i giardini Alimonda al centro del quartiere Aurora) a Milano (segnata a Nord dai quartieri di Quarto Oggiaro e a Sud da Rogoredo), da Genova (con ampie zone del Centro Storico in mano alla criminalità) a Firenze (dove  lo spaccio, in via Palazzuolo, è no-stop, dalle 8 di mattina a notte inoltrata), da Trieste (dove si segnala l’abbandono del complesso Rozzol Melara) a Napoli (in cui la prostituzione e lo spaccio sono, anche in alcune zone del centro, a cielo aperto), da Foggia (in cui il Rione Candelaro è teatro di scontri tra famiglie rivali nel controllo del racket) a Palermo (dove il  cuore della Vucciria  è una vera e propria zona franca proibita alle forze dell’ordine).

Sono alcuni esempi, tra i tanti che si potrebbero ancora fare, uniti dal filo rosso delle occupazioni e delle illegalità, del mercato della droga e della piccola criminalità, nazionale e d’importazione. Di fronte a quest’Italia di “frontiera”, periferica ed abbandonata, ci vuole qualcosa di più che qualche intervento straordinario da parte della polizia o i generici appelli alla “coesione sociale”.

Ci vuole un’idea chiara di Stato, che affermi la sua autorevolezza rispetto alle tante emergenze che segnano il Paese e che rimarchi una presenza costante. E ci vuole un’azione di ricostruzione sociale, culturale e politica di lunga durata, che partendo dalle regole minime del rispetto civile e della convivenza, rompa finalmente con un degrado cronico, che passa attraverso l’illegalità diffusa, le occupazioni d’immobili, lo spaccio evidente eppure tollerato, fino a toccare la vita domestica, le famiglie, le regole del lavoro, i minori ed i loro obblighi scolastici non rispettati.

Dopo gli anni del “meno Stato più mercato”, dello Stato leggero e quindi svuotato di funzioni, al punto che, in questa corsa al disarmo istituzionale, c’è chi è arrivato ad ipotizzare territori spogliati “finalmente” dalla presenza della macchina statale, bisogna cambiare rotta.

I risultati del pressappochismo antistatalista sono evidenti a tutti. Ora si abbia il coraggio di ripensare politiche d’intervento e di controllo, che passano certamente attraverso la repressione dell’illegalità, ma nel contempo debbono riaffermare una presenza ricostruttiva in termini sociali e culturali. Altrimenti nulla cambierà. E presto, molto presto, la tragica morte di Desirée verrà archiviata. In attesa della prossima vittima e dell’ennesima denuncia contro il degrado di un’Italia, che stenta a fare i conti con i suoi mali profondi.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

2 commenti su “Contro l’Italia del degrado, lo stato faccia la sua parte – di Mario Bozzi Sentieri”

  1. Fatela finita di invocare l’inesistente senso civico degli italiani!
    Servirebbero le espulsioni, ma vanno supportate da appoggi politici: Onu-Ue.
    E zittire questa falsa chiesa con ricatto e minacce.
    E testimoniare ai nostri figli come le donne siano le vittime di questa immigrazione subita
    grazie ai fatto progressisti rossi e bianchi.
    Poi andate a vedere nei parchi di Londra come si tiene pulito: se fai cadere una briciola arriva la guardia
    e ti fa una multa!

  2. @ Cisco22: “E zittire questa falsa chiesa con ricatto e minacce.” . caro Cisco, temo che sarebbe molto difficile, se non addirittura impossibile, visto in che razza di bolgia infernale navigano molti esponenti dell’alta gerarchia (Mc Carrick e soci) e, sopratutto, se venisse fuori che gli scheletri rinvenuti nella Nunziatura Apostolica di Roma appartengono a Emanuela Orlandi e Mirella de Gregori. Come non pensare a riti satanici con sacrifici umani? (lo ha ipotizzato, tempo fa, l’esorcista Padre Amorth). Ci troveremmo a combattere con dei veri e propri sicari del diavolo, ci vorrebbe allora una crociata, come ai tempi di Pietro l’Eremita, ma purtroppo oggi il cd “popolo in cammino” è totalmente anestetizzato da 60 anni di menzogne e faziosità da non essere più capace di una reazione decisa e risoluta per la causa di NSGC e della Sua Santa Chiesa.

Rispondi a Catholicus Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su