Cristiani perseguitati sul lavoro: lo conferma un dossier

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zzmobbingMancano solo le condanne alla pena capitale, per essere in pieno regime del Terrore: ma intimidazioni, discriminazioni, persecuzioni sociali, civili e professionali a danno dei cristiani già ci sono. E pare proprio che vi si faccia ampio ricorso. Lo conferma l’indagine recentemente conclusa in Gran Bretagna e subito ripresa dall’agenzia LifeSiteNews: 2.483 i dipendenti intervistati, tutti concordi nel dire una cosa sola ovvero che i fedeli han sempre più paura di esprimere le proprie convinzioni sul posto di lavoro. Farlo significa nella migliore delle ipotesi essere derisi, nella peggiore essere penalizzati in termini di salario o di carriera, quando non addirittura licenziati. Il caso delle ostetriche cattoliche scozzesi, obbligate nel dicembre scorso dalla Corte Suprema britannica a supervisionare gli aborti effettuati pena la perdita del posto, ne è solo un caso. La loro obiezione di coscienza venne interpretata dai giudici come un elemento comprovante la loro fede e quindi punita. E la Commissione per i diritti umani, benché coinvolta, si astenne dall’intervenire. L’antologia di episodi analoghi è già purtroppo sterminata. Abbastanza da scoraggiare chiunque dall’esprimere pubblicamente la propria identità e la propria fede.

Le forze laiciste pare proprio che abbiano raggiunto i loro obiettivi: intimorire, ridurre al silenzio, disporre di normative da usare come clava, per imporre la nuova ideologia giacobina della secolarizzazione liberticida. Secondo il responsabile della Commissione Uguaglianza e Diritti Umani inglese, Mark Hammond, vi sarebbero diffuse incomprensioni e «confusioni normative» nel rapporto tra datori di lavoro e dipendenti, tali da determinare «risentimenti e tensioni tra gruppi», oltre ad un permanente stato di «ansia». Altro che mobbing! In realtà, non si tratta solo di questo: «Un tema ricorrente – si legge nel rapporto finale – riguarda le pressioni subite, per convincere i lavoratori a metter tra parentesi la propria fede sul lavoro». Pressioni, come derisioni, offese, umiliazioni: «Vengono bollati come ‘bigotti’, li si accusa di predicare, di voler fare proselitismi. Si sentono discriminati», non potendo indossare simboli religiosi, né esprimere le proprie idee quando si tocchino tematiche morali o bioetiche, dal sesso al matrimonio, dall’aborto alle ‘nozze’ gay, dal divorzio all’eutanasia.

Andrea Williams, amministratore delegato del Clc, Centro Giuridico Cristiano, ha chiesto alla politica un «intervento urgente», per far cessare questa forma di persecuzione manifesta contro chi semplicemente si rifiuti di rinunciare o nascondere le proprie convinzioni: «Questa ricerca giunge troppo tardi – ha dichiarato – però sottolinea quanto siano diffuse e differenziate le provocazioni e le ostilità contro i cristiani ogni giorno sul posto di lavoro». In particolare, contro infermieri, medici, magistrati, insegnanti, genitori affidatari, consulenti, funzionari dell’anagrafe, predicatori di strada, educatori, insegnanti, assistenti sociali, gente che ha «affrontato sfide difficili soltanto perché decisa a vivere in modo coerente la propria identità religiosa».

Da una parte lo scherno, dall’altro – si legge nel rapporto – il terrore di violare qualche punto dell’Equality Act, approvato nel 2010, e ritrovarsi così tra capo e collo una denuncia con richieste di risarcimento da capogiro. Evidenti gli abusi, cui si presta la normativa vigente. Un’interpretazione troppo restrittiva del Sexual Orientation Regulations ha comportato, ad esempio, la pressoché totale chiusura delle agenzie cattoliche per le adozioni, operanti in Inghilterra e nel Galles. Il governo pretendeva che accettassero come potenziali genitori anche le coppie omosessuali. Sono rimaste aperte soltanto le poche disposte a secolarizzarsi, quindi, di fatto, a snaturarsi.

Secondo Paul Tully, segretario generale della Società per la Protezione dei Bambini non nati, in troppi casi esprimere le proprie convinzioni religiose – compresa l’obiezione di coscienza all’aborto – viene considerato un atto fuorilegge. Attualmente è in corso una raccolta fondi a sostegno della battaglia legale a favore di un docente cattolico, licenziato per aver distribuito cartoline contro le ‘nozze’ gay tra i colleghi nella scuola ove insegnava.

La Commissione Uguaglianza e Diritti Umani inglese sta mettendo a punto una sorta di guida, per comprendere la normativa, evitando equivoci e malintesi. Ma è ben chiaro, da quanto scritto, come il punto non sia questo e come strumenti di questo tipo servano, in realtà, a poco o niente, a gettar fumo negli occhi, evitando di affrontare il vero problema. Che è ideologico.

.

fonte: NoCristianofobia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

6 commenti su “Cristiani perseguitati sul lavoro: lo conferma un dossier”

  1. La situazione che si è creata è indecente…io DEVO decidermi ad andare al lavoro con un GROSSO Crocifisso al collo, mi vergogno di NON averlo MAI fatto finora…
    Va molto meglio per quel che riguarda i principi: io NON mi adatto e NON transigo…so che potrei perdere il posto di lavoro da un giorno all’altro, ma non per questo cederò sui principi…meglio fare il barbone o il topo di appartamento piuttosto che scendere a certi compromessi!
    I lavoratori cattolici, soprattutto se appartengono alle categorie “più critiche”, hanno persino paura di confidarsi con i colleghi più conosciuti (a meno che essi non siano VERI cattolici)…di solito si devono “fare le ossa” da soli (e a volte cedono per la paura, il mobbing, ecc.), nonostante non siamo in pochissimi e nonostante ci siano persone che non vedono l’ora di aiutare e incoraggiare i loro colleghi cattolici…ma come riconoscerci? Di CHI fidarsi?
    Ci vorrebbero dei contatti e-mail o una LEGA di lavoratori VERAMENTE CATTOLICI, disposti a consigliarsi, sostenersi e incoraggiarsi, anche CONTRO le ingiuste leggi di uno stato iniquo: consigli per resistere al mobbing (o per contrattaccarlo: è difficile ma non è impossibile), consigli su come evitare IMPUNEMENTE certi compiti immorali che le leggi ci vorrebbero imporre, consigli su cosa fare in caso di ingiusto licenziamento, aiuto CONCRETO, supporto psicologico (è molto più utile di quel che si pensi potersi confidare con qualcuno che la pensa come noi, soprattutto se quel qualcuno deve sopportare simili condizioni di vita o di lavoro), ecc.

  2. si potrebbe richiedere una legge contro la cristianofobia. Finchè però i cattolici lasciano fare e perdipiù non hanno più nemmeno gli uomini di Chiesa dalla loro parte sarà difficile. Quando gli uomini di Chiesa vengono meno tutta la società si imbarbarisce.

  3. Annarita@

    Una legge contro la cristianofobia? Dai chiediamola all’attuale presidente del consiglio italiota che mi pare si definisca cattolico. Abbimo in mano il governo ed abbiamo paura di chiedere a Renzi una legge? Oppure chidiamola a Del Rio. O alla Boschi. Son tutti cattolici, Alfano è cattolico, Formigoni è cattolico, che diamine! Mezzo PD è cattolico, l’NCD è cattolico, tre quarti del parlamento sono cattolici, dite che non fanno una legge contro la cristianofobia…………………………?

  4. Grazie alle proteste dei cattolici americani, la Sig.ra Jannuzzi e’ stata RIASSUNTA nella scuola ‘ cattolica ‘ che la aveva licenziata, se alziamo la voce NON siamo inascoltati, purtroppo per decenni i “cattolici” sono stati troppo passivi e ora tutti sanno che possono colpirli e oltraggiarli senza pericolo, si è arrivati al punto che pseudo-cattolici facciano leggi anti-cattoliche: bisogna iniziare ad alzare la voce, a protestare (anche contro i lupi travestiti da pastori), ad aumentare le marce pro-life e pro-famiglia, ma SOPRATTUTTO bisogna dimostrare solidarità CONCRETA verso chi viene perseguitato o licenziato per il fatto di essere cattolico…sarebbe un colpo tremendo per i laicisti…i lavoratori cattolici smetterebbero di aver paura…

  5. Qualche giorno fa si è arrivati a raccogliere 840000 dollari per gli O’Connor, forse ora la cifra è aumentata…verrebbe da dire: FORTUNATI LORO, perchè non IMITARLI???
    Quando anche qui in Italia si capirà che i perseguitati di turno vanno aiutati ANCHE economicamente (e non solo moralmente) le lobby abortiste, pilloliste e LGBT, perderanno gran parte del loro potere, che si basa sul TERRORE di diventare vittime fortemente danneggiate (economicamente, carcere, ecc.) e poi abbandonate da tutti, avendo al massimo un po’ di supporto a PAROLE!
    Sembra comunque che la solidarità CONCRETA verso la vittime, qui in Italia, interessi a pochi e questo è male: ad esempio i genitori cattolici non vogliono il gender a scuola…quanti di loro saranno però disposti ad AIUTARE CONCRETAMENTE gli insegnanti che perderanno il posto pur di opporsi a ciò che sarà OBBLIGATORIO? Non si capisce che se non si creeranno precedenti di supporto ANCHE economico, solo i pochissimi disposti al martirio bianco resisteranno!

Rispondi a Paola B. Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su