Ddl Cirinnà. L’ultimo colpo per realizzare la distruzione totale  –  di Marisa Orecchia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Non è esagerato  affermare che  se il Ddl Cirinnà  diventerà legge dello Stato, non solo sarà completata  l’opera di distruzione della famiglia, ma sarà ferita nel profondo la stessa natura dell’uomo. Consegnati alla violenza e alla prevaricazione i rapporti di genitorialità e di figliolanza – ché tali sono l’immissione di un figlio  in una sedicente famiglia di omosessuali e la produzione del figlio con sfruttamento di utero altrui  –  ridotto a grottesca caricatura  il rapporto di coppia, l’uomo viene definitivamente sottratto alla stabilità delle relazioni e alla certezza delle appartenenze per cadere non solo nella melma queer dove tutto è mutevole e provvisorio, ma in una realtà fatta di menzogna.

di Marisa Orecchia

.

zzzzkngE’ questo  il destino che  i poteri forti che governano il mondo hanno preparato per l’uomo: diventi  un individuo decontestualizzato, senza relazioni significative, senza una famiglia che  possa dirsi tale e che ne sia  sostegno e rifugio, e sarà facilmente  governabile e manipolabile. Un mondo fatto di  individui  che si illudono  di essere liberi, di scegliere, di fare e disfare a piacimento, ma nella realtà eterodiretti, governati  fin nelle scelte più irrilevanti, allenati e irreggimentati a seguire la voce del padrone che dal sistema massmediatico incalza e blandisce. Incoraggiati, come i prolet di orwelliana memoria, a spegnere  cervello e volontà nel massiccio uso della pornografia o a cantare come il popolo di Huxley la canzoncina Orgy Porgy  nell’ora di orgia in una sessualità promiscua che uccide la relazione. Sesso e pornografia come circenses  offerto al popolo, soprattutto a giovani e ragazzi per ottunderne le coscienze  e inaridire  quello slancio  che  nella cultura  occidentale ha favorito ogni conquista dello spirito.

Non sembri esagerato quanto detto fin qui. Il Ddl Cirinnà, se diverrà legge, cancellerà per il presente e per il futuro la concezione della famiglia e la stessa  natura dell’uomo, così come sono state  percepite, considerate, vissute fin dagli albori della  civiltà.

Non è necessario rifarsi alle parole di Genesi o a quelle di Gesù per comprendere il senso della famiglia e della procreazione dei figli. Certamente  esse illuminano con la luce della trascendenza queste realtà umane , le caricano di senso che rimanda con tremore al Mistero trinitario, le fissano nell’Eternità.

Ma l’uomo, già al muovere dei suoi primi passi sulla terra, ben prima di ogni Rivelazione, aveva  ben compreso la natura dell’uomo, il suo essere maschio e femmina, il suo desiderio di famiglia e di  procreazione, in adesione ad una legge che gli parlava nel cuore. A questo lo spingeva la sua natura e lui  l‘ha seguita anche se non ne conosceva l’Autore .

I millenni, da quelli più  lontani  fino a quelli della civiltà  greco-latina, ci  rimandano gli echi di una cultura  che è nata e fiorita in questa consapevolezza. Ogni  attività umana, l’arte in ogni sua manifestazione, la letteratura, lo ius, il mos ci parlano dell’amore  e dell’attrazione dell’uomo per la donna e viceversa, della famiglia, dei figli che da questo amore sono chiamati alla vita.

Oggi invece tutto deve essere stravolto, snaturato in nome di una nuova cultura che cancelli la natura dell’uomo.

La legge Cirinnà sarà l’ultima tappa di un percorso che dura da anni, in cui molti hanno lavorato alacremente  per distruggere, mentre chi doveva opporsi non lo ha fatto o lo ha fatto in modo poco efficace e convinto.  Per timore, per opportunismo, per comodità, per convinzioni sue personali, per seguire i tempi nuovi e le  correnti del mondo.

E’ sempre difficile, se non impossibile per la storia, definire  con una data l’inizio di una concatenazione di eventi, ma è  forse possibile fissare l’inizio di quello che  per la famiglia è stato un iter catastrofico nella data  del 24 aprile 1947 quando, con votazione  a scrutinio segreto, venne, in sede costituente, cassato con una  maggioranza di soli  tre voti, l’aggettivo indissolubile riferito al matrimonio, in quello che sarà l’articolo 29 della Costituzione Italiana. Determinante, oltre alla votazione segreta, fu l’assenza di 36 deputati democristiani.

Poi fu solo questione di tempo. Al referendum abrogativo della legge 898 che nel 1970 aveva introdotto il divorzio nel nostro Paese,  i cattolici persero perché non  si erano presentati compatti. Era stata da molti di essi ripetutamente  e autorevolmente  evocata a favore della legge quella duritia cordis per la quale Mosè aveva consentito il ripudio della moglie e inoltre molti furono quelli che caddero nella trappola che avrebbe funzionato egregiamente anche per la  successiva tappa disgregatrice , l’aborto: Io  non divorzierò/abortirò  mai perché sono cattolico, ma  non posso impedire a un non credente di farlo. Come  se l’indissolubilità del matrimonio e la salvaguardia della vita innocente  fossero valori solo per i cattolici e non principi cardine della società, perduti i quali la società  stessa  si disgrega.

La legge 194 sull’aborto volontario  porta la firma  di esponenti politici  della democrazia cristiana e l’allora capo del governo, sempre dello stesso partito, minacciò il ricorso all’Avvocatura di Stato per difenderla   contro avanzate eccezioni in incostituzionalità. Oggi molti cattolici, o sedicenti tali,  di questa legge assassina  si sono fatti paladini e asseriscono  convinti che  è buona legge perché tutela le donne e, nelle “parti buone”, consente di salvare  qualche bambino. Di  fatto è una  legge che consente di fare del bimbo concepito ciò che si vuole, ciò che aggrada alla donna e che ha fatto finora  6 milioni di vittime.

Figlia della legge 194 è la legge sulla fecondazione in vitro. Ugualmente abortiva, stimola e nutre  la hybris prometeica dell’uomo che, al chiuso dei laboratori,  si crede Dio e produce la vita. Quanti  hanno per il passato sostenuto che  la legge avrebbe permesso solo la forma omologa, accettabile perché usa solo gameti  appartenenti alla coppia, sono stati messi a tacere dalla Consulta e da sentenze “creative”, che in poco più di dieci anni hanno legalizzato ogni aberrazione.

E adesso arriva la Cirinnà. Chi potrà fermare questa deriva ? C’è forse un Katechon  che può trattenere  questa  dissoluzione che avanza? Per il passato, in tempi difficili e perigliosi , il credente guardava alla Chiesa che nel turbine della tempesta , da qualunque parte arrivasse, sapeva dire parole di  guida.

In tempi di vita contadina, nella più completa mancanza di mezzi di comunicazione e di notizie se non quelle  portate dal viaggiatore che per ventura si trovava di lì  a passare , il prete era quello cui fare riferimento. Conosceva la dottrina, suggeriva la morale, faceva chiarezza.

Oggi nelle nostre chiese, salvo  poche  eccezioni, è diffusa una strana afasia. Quelle prediche, quelle omelie  settimanali tanto temute da Antonio Gramsci e ripetutamente identificate , nei  suoi Quaderni dal Carcere,  come momenti attraverso cui la Chiesa attua operazioni di controllo culturale ed influenza il pensiero, non esistono più. Cancellate dall’insipienza del politicamente corretto.

Può caderci addosso qualunque sfascio culturale, morale, etico , bioetico. In chiesa si parla d’altro.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

5 commenti su “Ddl Cirinnà. L’ultimo colpo per realizzare la distruzione totale  –  di Marisa Orecchia”

  1. Il male avanza perché ci si è dimenticati del Bene e, ciò che è più grave, perché non ci sono quasi più pastori che quel Bene lo proclamino ad alta voce. E questo è uno di quei peccati così gravi che dirli “mortali” è forse dir poco. A questo punto l’auspicata equivalenza “odore del pastore ₌ odore delle pecore” e viceversa, assume una connotazione sinistra; e cioè: pastori che nascondono la verità allevano di conseguenza pecore che la verità non potranno mai conoscerla: una responsabilità tremenda e un orribile peccato di omissione semplicemente scandaloso e sconcertante.

  2. “Chi potrà fermare questa deriva?” Si chiede l’articolista e la risposta è facile: più nessuna forza umana riuscirà a contrastare ed a fermare il declino in cui stanno precipitando,non solo la società italiana,ma in genere tutte le società industrializzate e “massonizzate”….anche la Chiesa ha ormai rinunciato al suo alto compito. Ormai è chiaro che solo un intervento straordinario di Dio può risollevare l’umanità dal baratro,
    auguriamoci che ciò avvenga al più presto!

  3. Cara Marisa, grazie davvero, un articolo magistrale. Speriamo che i Vescovi del Pimonte, giusto per partire dalla nostra terra, escano dal torpore del politicamente corretto, escano dall’ambiguità, e tornino a Cristo per tornare ad essere pastori per i vivi, per i sofferenti, per i poveri, meglio che essere pastori di anime morte.
    Andrea

  4. carissima Marisa, poche parole ma pesanti come pietre … abbiamo bisogno di chiarezza e di certezze. il bene ed il male non sono sfumature di un colore, sono fra loro agli antipodi e tu li hai fatti emergere con forza.sempre avanti nella battaglia. Anita

Rispondi a Andrea Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su