I deliri sessual-pedagogici dell’OMS e gli applausi di “Avvenire” – di Elisabetta Frezza