Dio, Patria e Famiglia. La Costituzione più bella del mondo è quella di Putin

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Mi limito a riportare il succo della notizia e penso che ciascuno sarà in grado di commentare da sé. Il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin, ha da poco inviato al Parlamento gli emendamenti che intende inserire nella carta costituzionale. La bozza andrà ora in seconda lettura, poi in terza lettura, quindi inviata alla Camera alta e proclamata dl presidente stesso.

I princìpi costituzionali voluti da Putin, e pienamente condivisi dalla maggioranza del Parlamento, dovrebbero far riflettere i cosiddetti politici più o meno cristiani di casa nostra.

DIO Come auspicato dal patriarca della Chiesa Ortodossa russa, il testo letto in aula dal presidente della Camera bassa Vyacheslav Volodin prevede un esplicito riferimento alla fede cristiana del popolo russo. Se nell’inno nazionale ci possono stare le parole “la Terra Patria da Dio custodita”, aveva detto il patriarca Kirill, perché non si può dire la stessa cosa nella Costituzione? E così il nuovo testo sosterrà esplicitamente che la Russia, unita da una storia millenaria, conserva il ricordo degli antenati che “ci hanno trasmesso gli ideali e la fede in Dio”. D’altra parte, il presidente russo ha sempre fatto affidamento sulla Chiesa Ortodossa come custode dell’identità nazionale, senza mancare rispetto nei confronti delle minoranze religiose, alle quali pare che il riferimento a Dio nella Costituzione non dispiaccia affatto.

PATRIA L’emendamento sull’etnia sottolinea il ruolo cruciale del popolo russo nel “forgiare” il Paese e definisce la lingua russa quale idioma ufficiale della federazione. Viene fatto espresso divieto di cedere parti di territorio della Federazione, con evidente riferimento alla Crimea riconquistata nel 2014 dopo che era stata assegnata all’Ucraina e alle isole Curili contese dal Giappone. Oltre a questo, qualsiasi candidato alla presidenza dovrà aver vissuto in Russia per almeno 25 anni (anziché 10 finora previsti), e i politici di alto livello non dovranno avere cittadinanza o residenza straniere.

FAMIGLIA Il vicepresidente della Camera bassa, Pyotr Tolstoj ha dichiarato: “Per me è questo l’emendamento più importante, quello che fissa la natura uomo-donna della famiglia, e sono felice che porti la firma del presidente”. D’altra parte, Putin aveva chiarito in precedenza che, fino a quando lui sarà presidente della Federazione Russa, non verranno utilizzati i concetti “genitore 1” e “genitore 2”, e aveva ribadito la sua posizione sulla famiglia tradizionale e sul matrimonio fondato sull’unione tra un uomo e una donna.

Da non trascurare, inoltre, la piena affermazione del concetto di sovranità ribadita dal presidente russo il 15 gennaio nel suo discorso all’Assemblea Federale. Allora aveva affermato che la Costituzione della Federazione Russa dovrebbe avere la precedenza sul diritto internazionale, sottolinenado la necessità di consolidare lo status e il ruolo del Consiglio di Stato.

BREVE CONLUSIONE Come dicevo, non servono troppi commenti. Mi limito a riportare un’altra dichiarazione del vicepresidente della Duma Tolstoj: “L’ultimo giorno dell’adozione di emendamenti alla Costituzione e il primo giorno della Grande Quaresima, il presidente Vladimir Putin ha presentato le sue proposte alla Duma (…). Per me, la cosa più importante è la proposta di sancire nella Legge Fondamentale il concetto di matrimonio come unione di un uomo e una donna”. Vorrei soltanto sottolineare la finezza cristiana di legare il giorno di presentazione degli emendamenti con quello di inizio della Quaresima. Gli uomini politici che hanno veramente fede ci sono ancora. Ma non da noi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

9 commenti su “Dio, Patria e Famiglia. La Costituzione più bella del mondo è quella di Putin”

  1. Lunga vita al Presidente Putin!
    Ecco cosa sta succedendo quando la Madonna ci disse che sarà la Russia a salvare l’Europa.
    Purtroppo io e noi credenti nel Padre, Figlio e Spirito Santo stiamo subendo il diabolico disastro europeo/occidentale di imposizioni ideologiche perverse gestito da falsi e arroganti buonisti burocrati. Il fallimento è già una realtà che stanno cercando di contenere disgraziatamente rinnegando Dio. Voglio almeno augurare a questi di convertirsi almeno 5 minuti prima di morire, e che la Madre di Cristo ci salvi!

  2. DIO, PATRIA E FAMIGLIA: questa dicitura fece parte della Costituzione Italiana dopo i Patti Lateranensi.
    Se non ricordo male (dato che sono abbastanza vecchia..)
    E non so se ricordate che la cirinnà esibì sui mezzi di comunicazione una cartello appeso davanti al suo petto “Dio, Patria e Famiglia che vita de mer.…”
    Fu criticata ma la fecero vedere sia in TV che sui Media…..

  3. Questo articolo mi fa ricordare un altro simile, ben più modesto, una semplice serie di riflessioni su questo tema, cioè la triade Dio-Patria-Famiglia (“una vita di merda”. così si leggeva su un cartellone in mano alla Cirinnà in una manifestazione di stampo sessantottino, cioè rivoluzionaria, anticattolica, antiitaliana, nemica di Dio e dell’umanità intera) :
    http://www.unavox.it/ArtDiversi/DIV2404_Catholicus_Dio_Patria_Famiglia.html
    Ben vengano, quindi, queste conferme della validità di questi valori, a base della civile convivenza umana, altro che globalismo, mondialismo, mescolamento di razze, religioni, culture, per farne un minestrone insipido, un meticciato di manodopera a basso costo per i padroni del vapore. Anatema a loro, sia falsi religiosi che politici: non vinceranno mai, possono toglierselo dalla testa, Sarà Lei a vincere, a sconfiggerli, l’Immacolata, la Regina delle Vittorie !

  4. Giorgio Lo Giudice

    Dal che si deduce che cinquant’anni di Democrazia cristiana sono stati peggio che settant’anni di comunismo.

  5. Flavia Pastore

    Sarebbe interessante approfondire il ruolo della Russia nell’attuale momento geopolitico e specialmente spirituale. Grazie a Dio c’è qualcuno che bilancia il nefasto filoamericanismo di certo ambienti che si dicono tradizionalisti.

  6. E’ sempre pericoloso fare della fede cristiana una mera questione identitaria. Il nazionalismo russo, la commistione tra fede e interessi nazionali, ha anche recentemente creato divisioni profonde all’interno stesso del mondo ortodosso.

Rispondi a Paola Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su