Divorzio troppo breve?  –  di Sabrina Cottone

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Sento molto parlare (e mi chiedono di parlare) di divorzio breve. Che cosa ne penso? Io però, prima che alla mia opinione, vorrei dare la parola a una bella lettera che mi è stata segnalata da Torino.

 di Sabrina Cottone

 .

zzdvrzE’ apparsa su “La Voce del Popolo”, storico settimanale della Diocesi. Ne pubblico ampi stralci, che ci consentono di vedere la cosa da un punto di vista di solito un po’ offuscato: gli uomini e le donne che cercano di salvare i propri matrimoni. Spesso, con un po’ di tempo a disposizione, ce la fanno. Ma che succede se il divorzio è più breve della sbandata che l’ha causato? Ascoltiamo una donna che sa quel che dice: perché l’ha vissuto. E poi studiato.

“Gentile Direttore…
poiché seguo alcune persone che stanno vivendo fatiche coniugali, simili a quelle che anch’io mi sono trovata ad attraversare, mi convinco sempre più che il divorzio breve (in Parlamento lo si vorrebbe autorizzare in 6 mesi, anziché 3 anni) sia una follia!
Sono dell’idea – e non è un tanto per dire, visto che mi costa sangue quotidiano – che il matrimonio sia una forza inaudita, specialmente quando è in crisi…
Mi pare che nel dibattito pubblico manchi una riflessione sul fatto che il tempo della separazione, oggi fissato in tre anni prima di arrivare all’eventuale divorzio, persegue esattamente uno scopo: far riflettere. Per riflettere sul destino del proprio matrimonio occorre tempo adeguato, questi famosi tre anni. Occorre darsi tempo, perché sappiamo come noi uomini e donne siamo fatti.
Le statistiche – odiose ma significative – dicono che spesso le crisi matrimoniali esplodono al comparire dell’amico/amica che comprende, che presto diventa amante e che impedisce, per la natura stessa delle passioni che accecano, una riflessione matura. Occorre che si attenui quel tempo e poi si può provare a riflettere… .e magari si può provare a ricostruire.
Le stesse passioni hanno una durata massima di due anni, e poi? Molti vorrebbero ricucire legami interrotti… Ecco, questo è il senso di quei tre anni… non altro. Certo siamo sempre preoccupati di «risolvere» le pendenze, l’incertezza non è ambito dell’essere umano, che pure è incerto per sua natura…. meravigliosa fragilità umana. Ma se i tre anni vengono annullati, la fatica dell’orgoglio, il riavvicinarsi a coniugi che hanno appena rimarginato ferite sarà reso ancora più difficile. Ovviamente… questo non si dice!
Nel mio piccolo, alle persone che provo ad accompagnare suggerisco, in punta di piedi, di fidarsi e non chiudere mai nessuna porta…. Servono spiragli di luce, non per coltivare il sogno di ritorni impossibili, ma speranze di vita possibile”.
Mi fermerei qui, agli spiragli di luce. Un pezzettino di cielo.

.

fonte: Il Giornale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

4 commenti su “Divorzio troppo breve?  –  di Sabrina Cottone”

  1. Ferruccio Metolda

    Un ringraziamento soprattutto a Forza Italia, a Fratelli d’Italia ed a tutti coloro che hanno votato a favore della distruzione della famiglia in manera ancora piu’ rapida. Possiamo avere i nomi ed il partito di appartenenza?

    1. Maria Teresa

      La Fondazione “Novae Terrae”, insieme a molte altre ONG europee, ha proposto un manifesto a tutti i candidati alle elezioni europee del 25 maggio scorso. I firmatari si “erano” impegnati, se eletti, a promuovere e difendere i valori contenuti nel documento. e tra questi quello della famiglia considerata…” la cellula elementare della società, un luogo fondamentale per lo sviluppo culturale, educativo e intellettuale dell’individuo e un’inestimabile risorsa per la collettività nel suo ruolo di assistenza materiale e morale nei confronti del singolo….La famiglia -continua – è anche un potente fattore di sviluppo sociale e di coesione comunitaria per la democrazia: la stabilità del matrimonio si dimostra un elemento necessario per la creazione di comportamenti positivi e virtuosi a livello comunitario…”

      Mi chiedo, tra i nomi di seguito trascritti i candidati eletti , già parlamentari, alla luce dei valori contenuti nel “manifesto” firmato, erano presenti nell’aula di Montecitorio ?

      Giovanni Alemanno Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale ITA
      Magdi Cristiano Allam Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale ITA
      Roberta Angelilli NCD-UDC ITA
      Alfredo Antoniozzi NCD-UDC ITA
      Paolo Bartolozzi Forza Italia ITA
      Sergio Berlato Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale ITA
      Francesco Biava Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale ITA
      Antonio Cancian NCD-UDC ITA
      Massimo Caprari Scelta Europea ITA
      Marco Carraresi NCD-UDC ITA
      Carlo Casini NCD-UDC ITA
      Lorenzo Cesa NCD-UDC ITA
      Luciano Ciocchetti Forza Italia ITA
      Marinella Colombo Scelta Europea ITA
      Lara Comi Forza Italia ITA
      Salvatore detto Sasso Deidda Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale ITA
      Averaldo Farri Verdi ITA
      Carlo Fidanza Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale ITA
      Lorenzo Fontana Lega Nord ITA
      Matteo Forte NCD-UDC ITA
      Pino Galluzzo Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale ITA
      Elisabetta Gardini Forza Italia ITA
      Giuseppe Gargani NCD-UDC ITA
      Paolo Guzzanti Forza Italia ITA
      Giovanni La Via NCD-UDC ITA
      Maurizio Lupi NCD-UDC ITA
      Silvio Magliano NCD-UDC ITA
      Giorgia Meloni Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale ITA
      Filippo Piccone NCD-UDC ITA
      Pasquale Ricchiuti Io cambio – MAIE ITA
      Alessandro Rondoni NCD-UDC ITA
      Massimiliano Salini NCD-UDC ITA
      Marco Scurria Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale ITA
      Sergio Silvestris Forza Italia ITA
      Antonio Tajani Forza Italia ITA
      Gabriele Toccafondi NCD-UDC ITA
      Simone Venturini NCD-UDC ITA
      Marco Zabotti Scelta Europea ITA

    2. Carla D'Agostino Ungaretti

      Caro Sig. Ferruccio, purtroppo il divorzio è entrato ormai nel DNA degli italiani; Credo che non ci sia un solo membro di partito o un solo simpatizzante che non ammetta la possibilità del divorzio. Mi disse molti anni fa un Vescovo americano di origine italiana, caro e vecchio amico della mia famiglia, che uno dei grandi problemi della Chiesa cattolica americana era quello di convivere con la mentalità divorzista che dilagava nei paesi di civiltà anglosassone e che aveva ampiamente contagiato anche i cittadini di origine italiana, irlandese o ispanica, tutti cattolici che non esitavano la domenica ad accostarsi alla S. Comunione anche se divorziati. Come vede, il problema che agita oggi la Chiesa a livello di Sinodo, loro lo avvertivano già in passato. E tutto questo perché le confessioni riformate americane – come le episcopali e le metodiste derivate dal protestantesimo europeo, oltre alle varie sette che si ispirano al Cristianesimo più o meno alla lontana – non credono che il Matrimonio sia un Sacramento. E allora? Allora io credo che non ci rimane altro che sperare e pregare perché si verifichi veramente una RISCOSSA CRISTIANA, una palingenesi indotta dallo Spirito, che ci faccia tornare sui giusti binari voluti da Dio. Io probabilmente non la vedrò, ma auguro a lei con tutto il cuore di vederla ed esserne protagonista.

  2. Fermo restando che i cosiddetti cattolici dovrebbero essere contrari al divorzio tout court, perche’ obbligare due persone adulte e consenzienti a restare ” legate ” nel nome di un un possibile ripensamento ? Si lasci all’ uomo il libero arbitrio !

Rispondi a Ferruccio Metolda Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su