Giuda, Teilhard de Chardin, Martin Lutero e il Concilio e… i mass media – di Gederson Falcometa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Gederson Falcometa

.

La Chiesa sapeva chi erano le tre personalità che richiamiamo nel titolo di questa nota.

Giuda per duemila anni è stato l’immagine della slealtà, il padre dei traditori. Teilhard de Chardin fu un falso gesuita, forse il massimo rappresentante di una falsa scienza e di una falsa teologia. Martin Lutero è stato il padre di tutte le più recenti eresie occidentali. Tutti e tre, insieme ad altri, a partire dal concilio Vaticano II, sono stati oggetto di manovre per riabilitare le loro figure, facendole passare dal male al bene.

Teilhard de Chardin è stato il primo a godere di questo “beneficio”. Il suo processo di riabilitazione è iniziato prima del concilio Vaticano II, e ha finito col fornire la base per la riabilitazione di tutti gli altri eretici. Una sintesi appropriata sulla riabilitazione di Teilhard de Chardin, la dà Mons. Andrè Combes, come si può leggere nel libro “Mito e realtà” del santo sacerdote Mons. Pier Carlo Landucci, il quale da parte sua scrive:

«Più si considera il pensiero di Teilhard de Chardin in se stesso, cioè liberato da tutte le manipolazioni, triturazioni, adulterazioni che, sotto pretesto di difenderlo, sono concordi in maniera antiscientifica a tradirlo, più manifesta apparisce… la sua incompatibilitàveramente radicale, con la tradizione cristiana. Ne segue che non si può mantenere un tal pensatore nella Chiesa… senza estenuare, fino ad annullarlo, il carattere tradizionale della fede».

Nonostante tale grave avvertimento, Teilhard de Chardin non è stato allontanato dalla Chiesa, anzi è servito a tenerne aperte le porte per l’ingresso in essa di Lutero ed altri. Grazie soprattutto al lavoro di un sacerdote che è stato uno dei periti del concilio Vaticano II: il padre gesuita Henri De Lubac.

Sul lavoro di De Lubac, Mons. Landucci dirà:

«Tra i maestri nell’arte di adulterare il pensiero del Teilhard, per difenderlo, secondo Cb. [Mons. André Combes], sta purtroppo in prima linea P. Henri de Lubac, che è forse il responsabile principale della più o meno aperta simpatia che prosegue a godere nel campo cattolico, anche italiano, il Teilhard. Dice il Cb.: «L’abilità degli apologisti [del T.] non è uguagliata che dalla loro indifferenza al vero significato dei testi che essi pretendono di spiegare. Il P. de Lubac è divenuto maestro in quest’arte singolare. Non è il solo, ma il suo talento rimane, mi sembra, senza pari» (ivi)”.

Anni dopo il Vaticano II, padre Henri de Lubac accuserà i mass media di aver derubato il Concilio della Chiesa (tesi conosciuta come il “Concilio dei mass media”). Dopo aver letto questi estratti da Mons. Pier Carlo Landucci, è facile concludere che quello che egli dice in relazione a Teilhard de Chardin, è stato praticato anche in relazione al Concilio, mentre lo stesso Concilio lo ha praticato in relazione alla Tradizione (le verità cattoliche stravolte in seno alla Chiesa). La sua tesi fu così ampiamente accettata negli ambienti cattolici “conservatori”, che Benedetto XVI, nel suo ultimo discorso da Papa, ha ripetuto questa falsa teoria del “Concilio dei mass media”, inventata dal teilhardiano francese.

Il caso di Giuda e di Teilhard de Chardin si ripresenta con delle varianti nel caso di Lutero. Quello che la Chiesa ha affermato su di lui e sulla sua riforma fin dall’inizio e per quasi 500 anni, negli ultimi 50 anni si è provato a farlo sparire. Da eresiarca e nemico mortale della Chiesa (in particolare del Papato), Lutero ha finito col ricevere la lode di Benedetto XVI: “Amico appassionato di Gesù”, e ultimamente di Francesco: “Riformatore dalle intenzioni non erronee”.
Tutto questo delinea un contesto che è basato su una grande e grave rottura col passato della Chiesa. E stranamente, in questi casi, per giungere alla rilettura di personalità una volta eretiche e nemiche di Cristo e della Chiesa, ecco che l’ermeneutica della rottura, non solo è riconosciuta, ma è perfino praticata.

Il risultato è che i cattolici che hanno il minimo buon senso, intravedono, non a torto, che forse nel prossimo futuro si potrebbe avere la riabilitazione di ogni altro eretico: Ario, Nestorio, Sabellius ecc. E quello che fa sorridere è che, in questa ottica,  la stessa accusa di pelagianesimo che Papa Francesco continua rivolgere ai veri fedeli cattolici, finisce col perdere il senso e il tono di errore e di eresia. Non v’è dubbio, infatti, che con la semplicità con cui oggi si sta riabilitando Lutero, domani sarà possibile riabilitare Pelagio: basta aspettare la messa punto dei criteri per la riabilitazione degli eretici.
Si dice che “non c’è due senza tre”, quindi nessuna meraviglia se presto questa Chiesa finisca col riabilitare tutti gli eretici morti… non ha forse già riabilitato quelli vivi?
Cos’è infatti quello che è accaduto col cardinale Kasper? Se non una riabilitazione in vita di un cattolico solo di nome, mentre di fatto si tratta di un novello Lutero all’interno della Chiesa?

E poi ci si vorrebbe raccontare che il Concilio sarebbe in continuità con la Tradizione, che non ci sarebbe rottura, perché basta solo l’ermeneutica della riforma nella continuità. L’ermeneutica che riabilita gli eretici?

E allora, per finire ci chiediamo: quale sarà il prossimo eretico ad essere riabilitato da questa nuova Chiesa che ha perso il giudizio?

.

fonte: UnaVox 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

8 commenti su “Giuda, Teilhard de Chardin, Martin Lutero e il Concilio e… i mass media – di Gederson Falcometa”

  1. Questo significa che come fedeli, dopo aver ascoltato le lodi degli eretici da parte dei pastori, è nostro dovere avvicinarci in disparte al pastore di turno e chiedergli ragione delle sue affermazioni eretiche. Meglio essere in due.

  2. ah bello questo Teilhard – gesuita anche lui (della moderna razza gesuitica, certo….)., l’ uomo di Zhoukoudian! Grande scienziato davvero, e che dire del suo status di teologus??? Chissà a che punto è ora la sua evoluzione, e quale la sua distanza dal Cristo Cosmico? O che non sia per tutti quelli qui insieme alui nominati una cosmica involuzione verso lo stadio degli abissi?

  3. Alberto Giovanardi

    Nella mia ignoranza non mi permetto di approfondire il pensiero dei vari Teilhard de Chardin, Henri de Lubac o Karl Rahner: so solo che erano tutti Gesuiti, e sono stati i precursori dell’odierno sfascio. Oggi la loro setta malefica continua a spargere eresie, dal Superiore Sosa Abascal che nega l’esistenza dell’Inferno e rinnega i Vangeli mettendo in dubbio la Parola di Gesù (testuale: “all’epoca non esistevano i registratori”) fino a quell’altro -il più importante di tutti- il quale, contravvenendo alla Regola, ha buttato alle ortiche la veste nera per passare a quella bianca con le tragiche conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti.
    Nel 1773 Papa Clemente XIV, forse ispirato dal Cielo, sciolse la Compagnia che già allora ne combinava di tutti i colori; disgraziatamente, quarantuno anni dopo, Papa Pio VII, forse ispirato dal Maligno, la ricostituì.
    Non sono che un umile credente, ma con un unico orgoglio: quello di autodefinirmi fondamentalista, integralista, oltranzista e massimalista. E vi chiedo: siete d’accordo con me nel definire i Gesuiti “cancro della Chiesa?”

    1. non siamo così perentori e non diamo ascolto agli infami narratori delle Leggemde Nere. I Gesuiti- quelli veri- erano un tale baluardo contro gli attacchi dei nemici della Chiesa, che questi riuscirono a piegare Clemente XIV ai loro desideri, di vedere eliminata la Compagnia di Gesù: l’ostacolo ai loro piani tolto di mezzo, due decenni dopo trionfò la Rivoluzione Francese, i cui effetti mortiferi durano tuttora. Che papa Ganganelli si sia piegato a strumento del Nemico, la Massoneria, lo dice la massoneria stessa, quando lo definisce papa “secondo il loro cuore” (cfr ‘Alta Vendita’). Pio VII riparò il misfatto, ma il danno era fatto. Fu Clemente XIV a essere vittina dell’ ‘ispirazione’ del diavolo. La Compagnia attuale è colpita dalla stessa perversione che segna la Chiesa di Roma. O vogliamo dire che la chiesa di questo qui, il Bergoglio ( e dei Ratzinger Woitila Montini Roncalli), è la stessa Chiesa di Gregorio Magno di san Pio V o di San Pio X???

    2. Enzo Ricciardi

      Voglio riconoscere che ci sia qualcuno diverso che conferma la regola. Ma condivido pienamente che la maggior parte, sono la rovina! Ave Maria.

      1. come dire che la maggior parte dei componenti della Chiesa- dall’origine- sono una rovina! Quando invece questi gesuiti di oggi sono perfettamentein linea coi caratteri della chiesa di oggi: falsi e criminali, sub specie religionis. Agenti della sovversione – religiosa sociale e politica – per conto della lurida Compagnia della Vedova, alla quale si sono aggregati. Così come, d’altronde, tutti i membri degli ordini religiosi maschili e femminili di oggi…
        La rovina della cristianità sono sempre stati, e sono, in seconda istanza certamente, tutti quelli che si sono lasciati- e si lasciano – soggiogare dalla narrazione dei fatti fatta dai nemici della Chiesa, quelli, per intenderci che si dimostarno figli zelanti di quella ‘buona donna’ di cui sopra… Certo, a ‘manovrare’ sui regnanti e a ‘intrigare’ negli affari politici devono essere lasciati solo i Soros di tutti i tempi: questi lo fanno solo per ragioni filantropiche: niente paura!

  4. Luciano Pranzetti

    E pensare che l’emerito ex B XVI proclamò Teilhard ‘Patrono delle Università Pontificie’, in linea con quanto di lui scrisse in INTRODUZIONE AL CRISTIANESIMO – ed. Queriniana 2003 – dove, in numerosissimi passi ne fa l’elogio. E questo dovrebbe far riflettere i nipotini di Ratzinger sul vero pensiero di ‘colui che fece per ingravescente aetate (?) il gran rifiuto’, autentico apripista all’attuale papa.

  5. perfetto, caro Pranzetti. Ma fino a quando i ‘tradizionalisti’ si divideranno tra ‘fan’ di Ratzinger e nemici di Bergoglio, non c’è speranza… ( Nemmeno il fatto che il Tedesco- devoto del suo conterraneo Lutero, non scordiamolo – si sia fatto rinchiudere nella prigione dorata del Vaticano con servizio annesso, induce ad abbandonare i tratti della povera vittima affibbiatigli?)

Rispondi a bbruno Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su