“Giuristi per la vita” propone agli enti locali un ordine del giorno a tutela della famiglia naturale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Intervista a Radio Vaticana

.

gpv

.

Per leggere il testo dell’ordine del giorno, clicca qui

Un ordine del giorno a sostegno della famiglia naturale e contro ogni tentativo di limitarne la libertà di opinione, di educazione e di credo religioso. E’ quanto l’Associazione Giuristi per la Vita propone alle assemblee elettive di Comuni, Province e Regioni perché non sia alterato il valore della centralità della famiglia nella società sancito dalla Costituzione e dalla Carta Universale dei Diritti dell’Uomo. Paolo Ondarza (Radio Vaticana) ha intervistato Gianfranco Amato, presidente di Giuristi per la Vita (per l’audio dell’intervista, clicca qui):

R. – La cronaca ci dice quanto urgente sia questa esigenza. E’ arrivato il momento che anche a livello istituzionale si levi una voce forte.

D. – Voi, quindi, proponete un ordine del giorno che i singoli Consigli comunali, provinciali o regionali potranno adottare. Nel testo, non si dice in realtà nulla di nuovo: si ribadisce la centralità della famiglia, fondata sul matrimonio tra uomo e donna, che tuttavia nuovi orientamenti stanno mettendo in discussione…

R. – Sì, l’ordine del giorno parte da un riconoscimento ed è quello delle disposizioni quali l’art. 29 della Costituzione, o l’art.16 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, per cui il matrimonio, quale fondamento sui cui si basa la famiglia, è quello costituito da un uomo e una donna. Questo è il primo dato ineludibile. Da lì si conferma quale sia la funzione della famiglia, quella procreativa, soprattutto educativa, e si arriva poi a invocare, chiedere che non vengano introdotte nell’ordinamento giuridico disposizioni normative, che possano in qualche modo alterare la struttura naturale della famiglia, comprimere i diritti dei genitori all’educazione dei propri figli e anche violare i diritti della libertà di opinione e di credo religioso, che sono garantiti dalla stessa Costituzione. Sono i diritti di tutti coloro che si dovessero opporre ai vari tentativi di snaturare l’istituto familiare, quali ad esempio quello dell’introduzione del matrimonio tra persone dello stesso sesso, oppure della possibilità di affidamento, adozione di minori da parte di coppie omosessuali.

D. – Voi scrivete che la famiglia fondata da un uomo e una donna è un dato prepolitico e pregiuridico, in quanto viene prima cronologicamente anche dello Stato. Ha diritto quindi a non essere danneggiata nel suo compito educativo: compito educativo che i genitori sono chiamati a svolgere in conformità alle loro convinzioni morali e religiose. Tale compito educativo oggi è minacciato?

R. – Oggi, è minacciato soprattutto se consideriamo il tentativo di introdurre, in maniera molto invasiva, l’educazione sessuale fin dalla tenerissima età, un dato che fa inorridire. Ebbene, di fronte a questo tentativo invasivo, l’educazione sessuale, per esempio, è un ambito che deve restare sotto la vigilanza, prudente, dei genitori. Il diritto dei genitori di educare i propri figli, riconosciuto dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, oltre che dalla nostra Costituzione, resta un caposaldo.

D. – Tra le altre cose, vi opponete a qualunque tentativo di introdurre nell’ordinamento giuridico, disposizioni normative tali da ignorare l’interesse superiore dei minori a vivere…

R. – In Belgio, si è arrivati all’introduzione addirittura della cosiddetta eutanasia infantile. Siamo in una fase d’imbarbarimento, che fa veramente inorridire. Se si cede su questo fronte, la regressione nella nostra civiltà è inevitabile.

D. – Avete pubblicato in queste ultime ore l’ordine del giorno. C’è già qualche prima risposta da parte degli enti locali?

R. – Il dato interessante è che siamo stati contattati da diversi consiglieri comunali, ma devo dire anche da qualche Consiglio regionale. Se dal basso le istituzioni cominciano a pronunciarsi, quanto meno possiamo contare su una possibilità di arginare una deriva a livello normativo nazionale.

D. – In un momento in cui il dibattito assume talvolta toni esasperati, è bene ribadirlo: questa è un’iniziativa non contro qualcuno, ma a favore della famiglia, nucleo fondante della società…

R. – Assolutamente sì. Tant’è vero che tutta la prima parte dell’ordine del giorno si traduce in un semplice ribadire concetti, che appartengono alla cultura profonda del popolo italiano.

Testo proveniente dalla pagina http://it.radiovaticana.va/news/2013/11/28/giuristi_per_la_vita_propone_agli_enti_locali_un_ordine_del_giorno/it1-750758
del sito Radio Vaticana

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

3 commenti su ““Giuristi per la vita” propone agli enti locali un ordine del giorno a tutela della famiglia naturale”

  1. Carla D'Agostino Ungaretti

    speriamo che l’iniziativa abbia successo, ma sono pessimista. I poteri contrari sono molto forti. L’iniziativa è a favore della famiglia , ma è proprio questa che i poteri dominanti vogliono distruggere.

  2. Che Il Signore Nostro, Padre nostro e Dio dei nostri Padri,vi benedica e vi protegga, vi rafforzi e vi doni la Sua POtente Vittoria in Cristo, per la Verità che state gridando a questo mondo ormai avvelenato e drogato dalla misitficazione e dalla demagogia mortifera. Che Dio lOnnipitente attraverso la Vittoria di Gesu Cristo ed il Suo SPirito Santo vi ricompensi di tutta la vostra tenacia contro la barbarie, e ci liberi tutti dal baratro in cui ci vogliono far cadere. E che cadano i nostri nemici davanti a noi. svergognati e ridicolizzati amen

Rispondi a Carla D'Agostino Ungaretti Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su