“FUORI MODA”. La posta di Alessandro Gnocchi – rubrica settimanale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Mai come in questi tempi rimanere soli è stato così pericoloso per il destino delle anime. Nella “Scala del Paradiso”, San Giovanni Climaco scrive in proposito: “Quanti confidano in se stessi e credono di non aver bisogno di nessuna guida spirituale si ingannano. (…) Senza una guida ci si allontana dalla retta via, per quanto prudenti si possa essere”

   = = = = = = = = = = = = = = = =

 .

Ogni martedì Alessandro Gnocchi risponde alle lettere degli amici lettori. Tutti potranno partecipare indirizzando le loro lettere a info@riscossacristiana.it , con oggetto: “la posta di Alessandro Gnocchi”. Chiediamo ai nostri amici lettere brevi, su argomenti che naturalmente siano di comune interesse. Ogni martedì sarà scelta una lettera per una risposta per esteso ed eventualmente si daranno ad altre lettere risposte brevi. Si cercherà, nei limiti del possibile, di dare risposte a tutti.

 .

Il successo di questa rubrica è testimoniato dal numero crescente di lettere che arrivano in redazione. A questo proposito preghiamo gli amici lettori di contenere i propri testi entro un massimo di 800 – 1.000 battute. In tal modo sarà più facile rispondere a più lettere nella stessa settimana. Ringraziamo tutti per la gentile attenzione e collaborazione.

PD 

.

Mercoledì 11 marzo 2015

.

E’ pervenuta in Redazione:

.

Caro Alessandro Gnocchi,

ho ormai superato i 50 e fin dall’infanzia ho frequentato parrocchia, oratorio,  associazione e anche la “stanza dei bottoni”. Poi ho lasciato. Qualche anno fa in una fase di sconforto spirituale ho avuto la tentazione di fare un annuncio su quei settimanali di cerco, vendo, offro con una inserzione del tipo: “AAA cercasi direttore spirituale cattolico. Chiamare solo se esperti. No psicanalisi”. Vede, caro Gnocchi, sono un peccatore come tanti e sono cosciente delle mie debolezze soprattutto di quella principale che affligge il mio cammino di conversione. Ho sempre avuto chiara la percezione di peccato mortale e veniale e dei rischi correlati. Nelle confessioni però diverse volte al momento dall’elencazione dei miei peccati mi sento a disagio. Non tanto per un senso di vergogna ma per la sensazione che le mie accuse non vengano prese in debita considerazione. Diverse volte è capitato di ricevere l’assoluzione prima di aver terminato. Naturalmente posso sbagliare io a essere troppo pignolo, ma non ho mai ricevuto indicazioni di nessun tipo in merito. Inoltre ad alcuni sacerdoti che ritengo bravi ho chiesto se potevano farmi da direttore spirituale, ma hanno risposto no glissando la domanda.

Purtroppo in questo settore sono un autodidatta e nessuno mi ha mai insegnato come si fa. Già… Come si fa? Ho notato che ad ogni omelia, convegno, conferenza si sente spiegare il perché (ma neanche tanto) e il cosa ma mai il come. Ė come quando ti vendono una lavatrice decantandone la molteplicità di funzioni ma poi non ti danno il manuale di istruzioni. In una battaglia è necessario un buon addestramento prima di combattere.  Un aiuto importante sarebbe quello di segnalare, oltre ai luoghi in cui si celebra la S. Messa di sempre, anche la presenza di luoghi ove è possibile contattare bravi sacerdoti con i quali cominciare un cammino spirituale per combattere la buona battaglia. Dimenticavo, l’annuncio è ancora valido. Abito in Friuli Venezia Giulia.

Sia lodato Gesù Cristo.

Marco Iacolettig

 .

zrbrpsCaro Iacolettig,

lei tocca uno dei problemi più urgenti e più dolorosi per le tante anime che questa Chiesa governata da pastori ipocredenti abbandona a se stesse nella lotta con il mondo e il suo principe. La direzione spirituale è fondamentale in tempi ordinari, si figuri in un’epoca tremenda come la nostra. La gravità della questione sta nel fatto che, come nota lei, i direttori spirituali di cui fidarsi si fanno sempre più rari. Abbondano gli amici, i consiglieri, i terapeuti, gli imbonitori radiofonici a onde medie, i piazzisti di morale in saldo a mezzo stampa, i medici e gli infermieri da ospedale da campo, ma difficilmente, presso di loro, un povero cattolico imparerà come rendere gloria a Dio e salvare l’anima.

Eppure, bisogna continuare a cercare pregando Dio di concedere la grazia di trovare. È chiaro che l’insegnamento tradizionale, la dottrina e la morale di sempre, la vera liturgia refrattaria a ogni riforma sono nutrimento e guida da cui non si può prescindere. Ed è vero che lì si trova tutto ciò che serve per dare forma alla propria vita. Ma le difficoltà poste dalla natura ferita dal peccato e l’azione del maligno vanno conosciute, vagliate e combattute attraverso una guida sicura.

Nella “Filotea”, San Francesco di Sales scrive in proposito: “Vuoi metterti in cammino verso la devozione con sicurezza? Trova qualche uomo capace che ti sia di guida e ti accompagni; è la raccomandazione delle raccomandazioni. Qualunque cosa tu cerchi, dice il devoto Avila, troverai con certezza la volontà di Dio soltanto sul cammino di una umile obbedienza, tanto raccomandata e messa in pratica dai devoti del tempo antico. La Beata Madre Teresa, vedendo Caterina di Cordova fare grandi penitenze, ebbe un grande desiderio di imitarla contro il parere del confessore che glielo proibiva e al quale era tentata di non obbedire, almeno in questo. Dio allora le disse: Figlia mia, tu stai camminando su una strada buona e sicura. Vedi le sue penitenze? Eppure io preferisco la tua obbedienza! Teresa concepì tanto amore per questa virtù che, oltre all’obbedienza dovuta ai Superiori, votò una particolare obbedienza ad un uomo straordinario, impegnandosi a seguirne la direzione e la guida; ne ebbe grandi consolazioni”.

Lei dirà, caro Iacolettig, che quelli erano tempi in cui trovare un buon direttore era più facile, e ne convengo. Ma il metodo per riuscire nella ricerca è sempre lo stesso, anche se oggi chiede una fatica maggiore, della quale, immagino, il Signore terrà conto. E il metodo ce lo spiega sempre San Francesco di Sales: “Ma chi può trovare un amico di tal sorta? Risponde il Saggio: coloro che temono Dio; ossia gli umili, che desiderano ardentemente avanzare nella vita spirituale. Giacché ti sta tanto a cuore camminare con una buona guida, in questo santo viaggio della devozione, cara Filotea, prega Iddio, con grande insistenza, che ne provveda una secondo il suo cuore; e poi non dubitare: sii certa che, a costo di mandare un Angelo dal cielo, come fece per il giovane Tobia, ti manderà una guida capace e fedele”.

E, quando lo si sia trovato, dice ancora la “Filotea”, “Per te deve rimanere sempre un Angelo: ossia, quando l’avrai trovato, non fermarti a dargli stima come uomo, e non riporre la fiducia nelle sue capacità umane, ma in Dio soltanto, che ti incoraggerà e ti parlerà tramite quell’uomo, ponendogli nel cuore e sulla bocca ciò che sarà utile al tuo bene; tu devi ascoltarlo come un Angelo venuto dal cielo per condurti là. Parla con lui a cuore aperto, in piena sincerità e schiettezza; manifestagli con chiarezza il bene e il male senza infingimenti e dissimulazione: in tal modo il bene sarà apprezzato e reso più solido e il male corretto e riparato; nelle afflizioni ti sarà di sollievo e di forza, nelle consolazioni di moderazione e misura. Devi riporre in lui una fiducia senza limiti, unita a un grande rispetto, ma in modo che il rispetto non diminuisca la fiducia e la fiducia non tolga il rispetto. Apriti a lui con il rispetto di una figlia verso il padre e portagli rispetto con la fiducia di un figlio verso la madre; per dirla in breve: deve essere una amicizia forte e dolce, santa, sacra, degna di Dio, divina, spirituale. A tal fine, scegline uno tra mille, dice Avila; io ti dico, uno tra diecimila, perché se ne trovano meno di quanto si dica capaci di tale compito. Deve essere ricco di carità, di scienza e di prudenza: se manca una di queste tre qualità, c’è pericolo. Ti ripeto, chiedilo a Dio e, una volta che l’hai trovato, benedici la sua divina Maestà, fermati a quello e non cercarne altri; ma avviati, con semplicità, umiltà e confidenza; il tuo sarà un viaggio felice”.

zzcrIn un tema simile, caro Iacolettig, preferisco affidarmi a guide sicure, invece che esprimere pareri miei. E allora mi permetto di suggerirle un altro classico della spiritualità, che può essere letto come la cerca del maestro. Si tratta dei “Racconti di un pellegrino russo”, il cui anonimo protagonista diventa un paradigma del figlio spirituale in cerca di un padre. “Per grazia di Dio” dice nell’incipit che è tra i più belli della letteratura di tutti i tempi “sono un uomo e cristiano, per azioni gran peccatore, per condizione un pellegrino senza terra, della specie più misera, sempre in giro da paese a paese. Per ricchezza ho sulle spalle un sacco con un po’ di pane secco, nel mio camiciotto la santa Bibbia, e basta. La ventiquattresima domenica dopo la Trinità sono entrato in chiesa per pregare mentre si recitava l’Ufficio; si leggeva l’Epistola dell’Apostolo ai Tessalonicesi, in quel passo dove è detto: Pregate senza posa. Quella parola penetrò profondamente nel mio spirito, e mi chiesi come sarebbe stato possibile pregare senza posa dal momento che ognuno di noi deve occuparsi di tanti lavori per sostenere la propria vita”.

A questo punto, caro Iacolettig, il pellegrino si trova nella stessa condizione in cui si trova lei, in cui mi trovo io, i cui si trovano i nostri fratelli: “Ho cercato nella Bibbia e ho letto coi miei occhi proprio quel che avevo inteso: Bisogna pregare senza posa, pregare con lo spirito in ogni occasione, pregare in ogni luogo alzando mani pure. Avevo un bel riflettere, non sapevo proprio cosa decidere. ‘Che fare?’ pensavo. Dove trovare qualcuno che mi possa spiegare quelle parole? Andrò nelle chiese dove predicano uomini di gran fama, e forse là troverò quel che cerco. E mi misi in cammino. Ho ascoltato molte prediche magnifiche sulla preghiera. Erano però istruzioni sulla preghiera in generale; che cosa è la preghiera, perché è necessario pregare veramente, su questo, nemmeno una parola. Ho sentito una predica sulla preghiera in spirito e sulla preghiera perpetua; ma non mi si diceva come fare per giungere a questa preghiera. Così, frequentando le prediche non sono riuscito ad avere quel che desideravo. Allora ho smesso di andare alle prediche e ho deciso di cercare con l’aiuto di Dio un uomo sapiente ed esperto, che mi sapesse spiegare quel mistero dal quale il mio spirito era rimasto invincibilmente attratto. Quanto tempo ho camminato! Leggevo la Bibbia e chiedevo se non si potesse trovare in qualche luogo un maestro spirituale o una guida saggia e piena di esperienza”.

Come vede, caro Iacolettig, nella sua lettera lei si pone le stesse domande di questo venerabile pellegrino, perché sono le stesse che l’uomo desideroso di giungere nelle braccia di Dio si pone in qualsiasi tempo. Il fatto di vivere in giorni particolarmente difficili non deve sgomentarla perché la natura del nostro compito e dei nostri bisogni spirituali non è mutata. Noi certamente facciamo più fatica e, proprio per questo, sentiamo un bisogno tanto più grande della direzione. Ci è troppo evidente che quanto dice San Giovanni Cassiano nella “Filocalìa” vale ancora di più ai nostri giorni: “Senza il dono del discernimento, nessuna virtù può durare o rimanere stabile fino in fondo poiché quella è madre di tutte le virtù”.

Caro Iacolettig, coltivi la ricerca di un buon direttore e la alimenti con la preghiera, come insegna San Francesco di Sales. Mai come in questi tempi rimanere soli è stato così pericoloso per il destino delle anime. Nella “Scala del Paradiso”, San Giovanni Climaco scrive in proposito: “Quanti confidano in se stessi e credono di non aver bisogno di nessuna guida spirituale si ingannano. (…) Senza una guida ci si allontana dalla retta via, per quanto prudenti si possa essere”.  Ma se chiediamo con sincerità, il Signore non ci lascia soli.

Alessandro Gnocchi

Sia lodato Gesù Cristo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

8 commenti su ““FUORI MODA”. La posta di Alessandro Gnocchi – rubrica settimanale”

  1. La lettera che avrei voluto scrivere. Grazie sig Iacolettig. Tutte le confessioni sembrano sempre uguali. Consolazioni sbrigative. Commiserazioni sterili.
    L’unica volta che ho ricevuto uno scossone tremendo è stato quando un anziano sacerdote mi disse una semplice frase minacciosa:”Perché lo hai fatto?”.

    1. Carla D'Agostino Ungaretti

      E’ la lettera che anche io avrei scritto. Ho avuto la fortuna di avere per vari anni un direttore spirituale che per me è stato allo stesso tempo un padre spirituale e un fratello maggiore. Ma il Signore ha pensato che quest’uomo straordinario fosse più utile ai Suoi progetti stando vicino a Lui in Paradiso piuttosto che sulla terra e lo ha chiamato presso di sé. E’ stata la Sua volontà e per me va bene così, ma ora non faccio che pregare il Signore perché me ne faccia incontrare un altro. Il mio attuale confessore mi dice sempre di vivere tranquilla e non pormi tanti problemi. Ma come fa, in questo mondo confuso, a non porsi problemi chi vuole vivere integralmente il Cristianesimo?’

  2. Maria Teresa

    Che tristezza. Questa lettera mette in risalto le condizioni di un cristiano ai nostri tempi: attaccati da nemici interni ed esterni. Può un sacerdote rifiutarsi di fare da guida spirituale, glissando la domanda?
    Perseguitati (dall’Isis), derisi (dai modernisti) e soli…. (grazie ai “nuovi” pastori): però anche io sono convinta che Dio non lascia MAI soli i suoi.

  3. “Diverse volte è capitato di ricevere l’assoluzione prima di aver terminato”.

    Ricordo al signor Marco Iacolettig che nella parabola del figliol prodigo il Padre riempie di baci e abbracci il figlio prima ancora che questi apra bocca e, dopo aver iniziato a parlare, non lo lascia terminare che già lo riveste con il vestito più bello, i sandali, l’anello, ordina di fare festa…
    Sembra strano che non abbia trovato nessuno che le faccia da padre spirituale. Ci sono tanti sacerdoti e frati disponibili. Conosco diversi amici che ne hanno uno.

    1. a me non sembra affatto strano invece che il sig. Iacolettig non abbia trovato un sacerdote che gli fosse di guida e non condivido l’accostamento di quel brano del Vangelo con il fatto che molti confessori non lasciano neanche finire la confessione….la confessione va ascoltata tutta e attentamente e non solo, il sacerdote deve porre domande al penitente per capire bene la natura, le circostanze e i motivi che hanno spinto a quel peccato e capire anche se c’è un pentimento sincero. Padre Pio rimandava spesso indietro i penitenti proprio perchè si accorgeva che molte confessioni erano sacrileghe perchè non c’era vero pentimento. Il pressapochismo e superficialità dei sacerdoti è un male gravissimo che porta alla perdizione spesso molte anime. Bisogna cercare i pochissimi sacerdoti ancora fedeli a Dio e rivolgersi SOLO a loro, se si vuole fare un cammino autentico. Se, per un motivo o un altro non si trova una buona guida, meglio accontentarsi di un discreto confessore e leggere le vite dei santi!!

  4. Perché non il classico “Teologia della perfezione cristiana” di Antonio Royo Marin, prima edizione 1960, edito dalle Paoline ? Trattazione sistematica, moderna ma nello stile “scolastico”.
    Cercando bene si trova molto in rete, scritto e parlato. Recentemente ho scoperto “Sermones escogidos del Santo Curato de Ars”, 22 discorsi di un’ora in spagnolo comprensibilissimo e per me assolutamente commovente, davvero rivelativi di un santo. Per la teologia presentata divulgativamente ma a un buon livello le conferenze in francese di Arnaud Dumouch. Italiano un sacerdote di grande levatura, Leonardo Maria Pompei, parroco presso Latina.
    A suo tempo anche San Pietro usava la rete…

  5. “Signore Gesù Cristo Figlio di Dio, abbi pietà di me peccatore”. Questa è la preghiera che il pellegrino russo impara a recitare “senza intermissione” migliaia di volte al giorno. E’ una preghiera semplice, ma secondo me esprime l’infinita umiltà dell’uomo al cospetto di Dio, il suo affidarsi alla Sua misericordia nella consapevolezza del proprio nulla e della propria condizione di fragilità e di peccato. “Propongo di non offenderti più, Signore mio, ma sono così piccolo e debole di fronte a Te che per Tua gratuita bontà mi hai fatto esistere, così immerso nel peccato che tento di non fare eppure faccio, che solo chiedendoti pietà e confidando nel Tuo aiuto posso sperare nella mia salvezza”. Che il Signore conceda la grazia, a noi che la chiediamo, di incontrare un santo sacerdote che guidi santamente la nostra vita.

  6. Io mi trovo nella stessa ed identica situazione di Marco. Sono in cerca di una guida spirituale gradita a Dio ed ho iniziato a pregare per questo. Mi affido a lui e sono certo che presto arriverà. Ho provato diversi sacerdoti ma senza risultati, troppo impegnati in altre cose. Per ora, se può essere di aiuto a Marco, il Signore mi ha ispirato di leggere il “Compendio di Teologia Ascetica e Mistica”, di Padre Adolphe Tanquerey (1854 – 1932) che è su internet in formato pdf a da cui sto traendo benefici enormi ed edificazioni per la mia anima. Il titolo non deve ingannare perché il volume è proprio per chi non ha ancora trovato la giusta guida ed è sia per i laici che per i sacerdoti. Lo consiglio a tutti.

Rispondi a isia Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su