Il Beato Carlo I d’Absburgo, ultimo imperatore cristiano – di Giovanni Lugaresi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Giovanni Lugaresi

 .

Finis_Austriae_copertina_webNell’ultima stagione della sua lunga vita (1882-1982) Giuseppe Prezzolini, sempre più pessimista sugli uomini e sulle cose di questo mondo, si chiese, lui “interventista intervenuto” (per usare un’espressione emblematica di Renzo De Felice), se fosse stato opportuno porre fine all’Impero austroungarico. Con ciò suscitando la polemica reazione del mazziniano “storico” Aldo Spallicci che rispose alla “provocazione” apparsa sulle pagine del Resto del Carlino, per (ovviamente) contraddirlo.

Erano gli anni Settanta del Novecento; è trascorso quasi mezzo secolo da quella polemica, ma a farcela tornare alla mente sono state le pagine di un libro affascinante: per contenuto e per scrittura.

 Si tratta di “Finis Austriae. La santità dell’ultimo imperatore” (Fede & Cultura; pagine 181, Euro 18,00). L’ha scritto una studiosa della Mitteleuropa, cultrice di storia e narratrice di notevole dignità: Romana de Carli Szabados, esule da Pola, che ripercorre la vicenda di Carlo I d’Austria, successore del prozio Franz Joseph nel 1916, in piena guerra, cercando di porre fine a quella che Papa Benedetto XV aveva definito “inutile strage”.

Ma il testo di Romana de Carli Szabados non è soltanto la biografia di Carlo I d’Absburgo, ultimo imperatore d’Austria, re d’Ungheria e Boemia, eccetera eccetera (1887-1922), beatificato nel 2004 da Giovanni Paolo II, bensì (anche) un affresco di quella che fu definita “Austria felix”, un impero plurietnico e plurilinguistico, un mondo, uno spirito, una temperie affogati per così dire in un bagno di sangue spaventoso, quello della Grande Guerra, preludio a un altro terribile conflitto. Finis Austriae ma pure finis Eurpae

Con felice vena narrativa, come si accennava, l’autrice ci coinvolge in quel mondo e tratteggia a tutto tondo le fisionomie di personaggi indimenticabili: oltre al protagonista, per esempio, la moglie Zita di Borbone Parma (quindi italiana), figura di alto spessore morale, di uno stile di vita, di comportamenti, riassumili in due parole: alta dignità – a proposito, anche per lei è aperto il processo canonico per la beatificazione!

Ma torniamo a Carlo. Uomo di elevate spiritualità, non di meno ben consapevole della realtà nella quale si trovava ad operare come capo di un impero… in disfacimento. Romana de Carli Szabados evidenzia nei particolari i tentativi (trattative segrete) di porre fine alla guerra da lui intrapresi nel 1917, tentativi andati regolarmente a vuoto per diverse ragioni, non ultimi, il rifiuto da parte dell’Italia (che non voleva tornare alla condizione prebellica) da un lato, e l’avversione dell’elemento ungherese e di quella parte pangermanica dell’Austria dall’altro, nonché della Germania stessa che voleva una “pace vittoriosa”!

Profondamente religioso, Carlo diede un’impronta sobria alla vita di corte, decidendo fra l’altro di mangiare pane nero, lasciando quello bianco ai soldati feriti.

Zita gli aveva dato sette figli; il primogenito, Otto (morto nel 2011 a 98 anni) è stato, come noto, un convinto europeista ed esponente del Parlamento europeo.

Finita la Grande Guerra, e con la finis Austriae, Carlo andò in esilio con la famiglia in Portogallo, a Madeira, dove morì nel 1922, a soli trentacinque anni, per una tremenda polmonite. Negli ultimi momenti di vita volle al capezzale il primogenito Otto, volendogli mostrare come moriva un imperatore: pregando, con il nome di Gesù sulle labbra. Ma soprattutto dimostrò come doveva morire un cristiano autentico.

.

Pubblicato anche su:

La Voce di Romagna, 6 febbraio 2014

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

4 commenti su “Il Beato Carlo I d’Absburgo, ultimo imperatore cristiano – di Giovanni Lugaresi”

  1. Io considero questo sfortunato ma grandissimo imperatore, per la sua serietà e santità, un grande modello – assieme a Tommaso Moro – per l’attuale mediocre classe politica.
    Beato Carlo d’Asburgo e San Tommaso Moro, pregate per noi e per questa povera Europa!

  2. Cesaremaria Glori

    Purtroppo l’antico Impero cadde perché ostacolo al disegno massonico. Da Kaunitz in poi anche l’Impero ebbe la Massoneria al suo governo e quando qualcuno vi si opponeva veniva fatto fuori come Rodolfo d’Asburgo e l’arciduca Ferdinando,suoi predecessori come eredi al trono. Carlo arrivò al trono, ma quanto dovette penare al suo interno! Il fanatico (e massone) Generale Konrad fu una delle sue croci sulla ricerca della pace separata. Ma tutta l’élite del vecchio Impero era imbevuta di spirito massonico come pure il suo mondo culturale (Freud, i modernisti della pittura e dell’architettura nonché della musica e della letteratura). Una cultura su cui aleggiava uno spirito pessimistico, plumbeo, di una mortale tristezza, come il suo poeta Georg Trakl che morì alla vigilia della grande Guerra che disfece l’Impero. Un poeta tragico, funebre. Nella sua lirica Grodek aveva previsto o sentito la fine con i versi / Umfaengt die Nacht Sterbende Krieger,die wilde KLage/ ihrer zerbrochenem Muender (Stringe la notte i guerrieri morenti, il grido selvaggio delle bocche squarciate). Finis Austriae et Finis Europae ma anche di una antico popolo cristiano, Ora al lamento urlato dei soldati morenti si è sostituito il latrare dei cantanti d’Occidente che sono stati ospitati anche all’interno delle nostre Chiese eclissando la bellezza mistica del Gregoriano

  3. Grandissimo imperatore, persona integerrima e santo uomo, ce ne fossero di regnanti come fu l’ imperatore d’Austria.Devoto del SS. Cuore di Gesù, morto con il Suo nome sulle labbra.

Rispondi a Luigi Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su