Il gender? Non esiste, ma viene insegnato all’asilo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Non più di quattro o cinque anni fa, il discorso filosofico sul gender è approdato ad una svolta decisiva grazie al robusto argomentare di pensatrici del calibro dell’allora ministra della Pubblica istruzione Giannini e della Signora Fedeli Valeria (così firmava i documenti ministeriali) succeduta alla prima in una carica sempre ricoperta, da mezzo secolo a questa parte, da chi aveva mezzi culturali o capacità personali inversamente proporzionali alla bisogna.

Quelle signore decretarono ufficialmente, una dopo l’altra, e con la benedizione dell’autorità ecclesiastica, che “il gender non esiste” e che, non esistendo, non poteva neppure essere entrato, come si andava insinuando da più parti, nei programmi scolastici previsti dalla recente riforma firmata da Renzi e Giannini, chiamata con modestia della “Buona Scuola”.

Così la ministra si mise a sventolare come un gioiello di famiglia senza macchie una legge che invece prevedeva, come prevede, proprio l’indottrinamento continuo e trasversale alla formazione di una identità personale liberata dalla natura e dalla cultura, cioè affidata all’estro individuale. Che è appunto il cuore del gender.

Del resto la sfrontatezza è diventata la nota dominante di un costume politico nazionale e internazionale degenerato, di una intera vita politica dove, come nell’autoscontro, non vale alcuna regola di guida. Sicché è possibile negare impunemente anche l’evidenza confidando nel fatto che la massa sempre più confusa dal rumore delle parole in libertà non si accorgerà di niente, e in ogni caso non reagirà. Non per nulla la stessa massa ha potuto consegnarsi ad un guitto che sbraitava più forte di altri, e solo per questo appariva più credibile.

Così, la trovata di negare sfacciatamente l’evidenza è stata premiata. La menzogna era troppo plateale per non sembrare veritiera. Anche i genitori più sensibili e smaliziati, ma affannati da una affannata quotidianità, si sono sentiti sollevati da tanta sicumera ministeriale, scambiata per sicurezza, e hanno smorzato l’allarme, ovvero l’hanno bevuta, come direbbe Woody Allen.

Ecco dunque che una volta proclamata ex auctoritate l’inesistenza del gender, il potere occulto, ma non troppo, impegnato a distruggere definitivamente ogni identità umana, si è potuto rimettere al lavoro con l’obiettivo di annichilire le ultime generazioni “prima che sia troppo tardi”. Infatti, ai fini della omologazione globale, non basta sconvolgere i caratteri etnici attraverso la commistione immigratoria. Non basta inoculare in via televisiva l’indifferentismo sessuale in chiave pederastica, non basta attaccare gli ultimi avamposti della famiglia monogamica e la fedeltà della donna al ruolo affidatole dalla natura.

Per poter assicurare una distruzione rapida e generalizzata, bisogna distorcere le menti ancora fragili dei bambini, e dunque torna decisiva la scuola che, detenendo i piccoli per la maggior parte della giornata, può arrivare facilmente a sottrarre ai genitori e alla famiglia ogni ruolo educativo. Se un tempo il compito della scuola era quello di educare istruendo, ora l’obiettivo è che essa, dopo avere smesso anche di istruire, diventi solo un centro di rieducazione collettiva.

Intanto il gender tradotto con “genere”, ha perso per strada il significato proprio, e le famiglie e la gente comune, che pure avevano avvertito l’allarme, si sono distratte e hanno cominciato a sottostimare anche la effettiva portata eversiva di un linguaggio studiatamente ambiguo intessuto di parole politicamente corrette cioè apparentemente innocue, volte a trasformare un intero orizzonte etico e culturale.

Formule come “educazione alla parità dei sessi”, “prevenzione delle discriminazioni”, “prevenzione della violenza di genere”, et similia, a forza di essere ripetute a destra e a manca hanno allontanato a poco a poco da sé ogni significato sospetto facendo perdere anche la propria vera chiave di lettura, cioè il fine cervellotico della omologazione identitaria.

Sullo sfondo di un imbroglio ad ampio spettro, dunque, il programma eversivo è andato avanti a passi da gigante. Esso non ha subito battute d’arresto neppure per gli eventi sconvolgenti di Bibbiano e dintorni, con cui pure è strettamente imparentato. Infatti, entrambi ruotano intorno alla distruzione della famiglia attraverso la distruzione dei ruoli famigliari. E la distruzione dei ruoli famigliari converge sempre in modo mirato alla esaltazione dell’indifferentismo sessuale e in ultima battuta alla promozione della omosessualità e della transessualità.

A Bibbiano, bambini tolti ai genitori sono stati affidati a coppie omosessuali perché avessero davanti un capovolto modello identitario e famigliare. Così pure “instillando” nella mente di un piccolo di quattro anni l’idea che mamma e babbo possono comportarsi da mammo e babba, si prendono i due fatidici piccioni con la economica unica fava: si sbiadisce l’idea della famiglia naturale e si apre lo spazio radioso della indifferenza sessuale.

Ora questo demenziale progetto globalizzato si fregia e si avvale dell’apporto della cosiddetta autorità accademica, perché nella società delle parole vuote di contenuto reale, e dell’ignoranza di massa, si è fatta strada l’idea che chiunque, approdato a qualunque tipo di studi superiori, e guadagnato così il titolo di “esperto”, garantisca di fatto la bontà delle attività in cui impegna la propria scienza. Eppure già Socrate metteva in guardia dal confidare ciecamente nell’operato dell’esperto in quanto tale, perché essere esperto non implica affatto anche l’essere orientato al Bene. Ne prese coscienza, troppo tardi, anche Oppenheimer, dopo il felice debutto della bomba atomica. Ma l’osservazione può suonare oziosa in un’epoca che sembra avere perduto il senso stesso del bene e del male.

Dunque, dalla sinergia tra le fucine accademiche del più evoluto pensiero sociopsicopedagogico e il limitrofo laboratorio politico, nasce il piano di rieducazione scolastica che, forte della legge renziana, mira a demolire la famiglia e quindi la società tutta attraverso la manipolazione dei più piccoli. Il gender non esiste, ma per uno strano caso di paranormalità amministrativa, viene imposto manu militari ai bambini dall’asilo alle elementari, “perché dopo è troppo tardi”.

Lo leggiamo in un eloquente documento, qui allegato, che contiene solo l’esempio di un programma che vale per tutto il territorio nazionale. In esso si dice appunto, che “è fondamentale trattare questi argomenti il prima possibile, poiché è a partire dai quattro anni che i bambini iniziano a costruire la propria identità individuale e a interiorizzare le costruzioni sociali del femminile e del maschile, nonché eventuali stereotipi”. Il piano è applicativo della legge 107 che, d’altra parte, ha risposto a sua volta ai diktat della Unione Europea impegnata sul fronte della omologazione sessuale non meno che su quella economica e culturale.

L’efficacia del progetto è garantita: esso è già stato “sperimentato” in due asili cittadini, e dell’esperimento hanno reso conto le dotte promotrici in un “incontro di restituzione” (sic!) davanti a cinquanta insegnanti plaudenti. Per fornire la prova inconfutabile della intelligenza e oculatezza dell’esperimento, dette promotrici si sono vantate di avere creato delle favole ad hoc, buone per “instillare” nelle tenere menti infantili la falsità degli stereotipi famigliari.

Quella più significativa di queste “favole”, racconta di un tizio che lavora in un circo, è un uomo straordinariamente forte, ma ha anche la grande passione di lavorare a maglia, cosa che desta la curiosità e forse il riso dei colleghi. Ma quando un fortunale strappa via tutto il materiale del circo, tutti gli uomini si mettono a lavorare a maglia e, con i proventi di questo lavoro, ricostruiscono il circo. Ecco perché bisogna scoprire le risorse della libertà del genere, e capire quanto male facciano invece gli stereotipi. Infatti ogni ruolo imposto dalla società nuoce gravemente alla salute mentale dell’individuo.

Come si vede, lo studio e l’accademia danno i loro frutti. Le promotrici hanno stigmatizzato, scuotendo sconsolate il capo, che due genitori si fossero opposti all’esperimento e avessero tenuto i bambini a casa, sottraendoli irresponsabilmente alla immunità di gregge da stereotipo.

Del resto il ragionamento è semplice, alla portata di tutti: allo stereotipo di genere creato dalla cultura di una società oscurantista, va sostituito il diverso stereotipo della liberazione dagli stereotipi identitari. Così, se vi sono stereotipi imposti dalla società, per distruggerli ne vanno elaborati di uguali e contrari, che il bambino deve scegliere obbligatoriamente dopo averli interiorizzati, grazie alla propria sacrosanta libertà di scelta.

Abbiamo appreso che per fortuna nostra è già in elaborazione, con il decisivo apporto intellettuale di Cirinna, Boldrini e Zingaretti, un disegno di legge volto a sanzionare penalmente, sempre in omaggio alla libertà, ogni forma di transfobia, insieme a tutte le altre fobie omologhe. Così la tenaglia della libertà da natura e cultura potrà chiudersi saldamente e dalla culla alla tomba potremo essere in via definitiva liberi e uguali. A Cirinnà. Boldrini e Zingaretti. E non è cosa da poco.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

3 commenti su “Il gender? Non esiste, ma viene insegnato all’asilo”

  1. E’ ovviamente una piano completamente diabolico, e mi vengono in mente due argomenti:

    – il relativismo combattuto con forza e rigore da Ratzinger, ancora Cardinale…
    – e un certo Gesù che dice: “chi fa del male a questi bambini meglio sarebbe gli fosse messa una macina al collo e fosse gettato in mare….”

  2. Marco Boggia

    E’ questa davvero l’unica libertà che conoscono (e ci riconoscono): di essere identici a loro. Anche nell’accettare quell’arnese infernale che è il gender.

    1. Gemens&flens

      Se saremo uguali a cirinnà e compagnia cantante, non lo saremo altro che per nostro esclusivo merito, digiuni come siamo ormai di ogni senso morale e di ogni rispetto delle sacre leggi divine. È forse una sciocca e semplicistica constatazione, ma il livello di preparazione religiosa non solo dei giovani d’oggi, ma anche dei loro genitori che li hanno cresciuti, è visibile da certe risposte che essi danno o non riescono a dare nel corso di certi quiz televisivi a cui partecipano: davvero impressionante e direi pure deprimente. Il fatto è che ormai da decenni non ci sono.più guide spirituali degne di questo nome, avendo costoro preferito la pastorale della situazione, che altro non è se non venire a patti col mondo, a una rigorosa educazione che metta Dio e i suoi diritti al centro di ogni cosa.
      Piccolo esempio: in questi difficili giorni di epidemie e chiese chiuse e messe soppresse, invece di pensare alla preghiera o a iniziative che facciano riflettere la gente, che ti inventano questi fantasiosissimi pretonzoli? Un bel raduno nel bar in piazza con tanto di aperitivi e dj in piena attività, in occasione dell’8 marzo, una delle ricorrenze più condite di ideologia sinistra che agli allocchi è stata imposta negli anni.
      Cosa dite? Che i tempi sono cambiati e che così si evangelizza? Mi dispiace, ma da questo orecchio non ci sento, né ci sentirò mai.

Rispondi a Gemens&flens Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su