In Argentina il cambio di sesso è ora a carico dei contribuenti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zzzrgntUna notizia davvero triste: in virtù di un dispositivo della legge sull’identità sessuale, votata tre anni fa, dal 29 maggio scorso gli Argentini che lo vogliano, possono “cambiar” sesso del tutto gratuitamente. Pagano i contribuenti. L’approvazione da parte del Ministero della Sanità di un apposito regolamento, ha fatto sì che tutto – dall’intervento chirurgico ai trattamenti ormonali – sia a carico dello Stato, cioè di tutti. Ciò permette a trans e travestiti non solo di dichiarare liberamente la pretesa del proprio sesso «autopercepito», ma anche di cambiare di conseguenza il proprio stato civile, sia pure senza il consenso di un medico o di un giudice.

Questo conferma il Paese natale di papa Francesco nel triste ruolo di leader nel “settore”. L’Argentina fu il primo Stato dell’America Latina ad autorizzare le “nozze” omosessuali nel 2010, il primo a consentire l’adozione di bambini da parte di coppie del medesimo sesso ed ora questo nuovo, azzardato, devastante omaggio alla lobby Lgbt. Non a caso Esteban Paulon, portavoce della Falgbt, la federazione che riunisce lesbiche, gay, bisessuali e trans, ha commentato esultante la notizia all’Afp-Agence France-Presse: «Le operazioni, ma anche i trattamenti ormonali che permettono al corpo di corrispondere all’identità autopercepita, fan parte del regime di cura obbligatorio – sostiene – Le spese dovranno pertanto essere coperte a livello sociale, ospedali pubblici e cliniche private». Passaggio per nulla indolore, né tanto meno innocuo, questo: quel riferimento alle strutture sanitarie private, rende evidente sin d’ora il proposito di dar battaglia a tutti gli istituti cattolici, che, per motivi confessionali, si rifiutassero di assicurare i trattamenti previsti dalla normativa sul gender.

Tra gli interventi gratuiti figurano, per intenderci, l’espansione del busto, l’asportazione del seno e degli organi genitali, ricostruzioni e protesi dei medesimi, ora fruibili in Argentina anche senza autorizzazioni di sorta, da parte di chicchessia, giudice, medico, amministrazione o ente pubblico.

A parte tutte le considerazioni di carattere morale, è evidente la discriminazione tra chi, realmente malato, si trovi a dover sopportare i costi delle cure, benché necessarie, a proprio carico e chi viceversa abbia l’incredibile opportunità di vedersi soddisfatto un proprio “capriccio” coi soldi dei contribuenti.

.

fonte: NoCristianofobia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

6 commenti su “In Argentina il cambio di sesso è ora a carico dei contribuenti”

  1. Tabella pubblicitaria oggi a Roma: “Sei Gay? La felicità è un tuo diritto”.
    Siccome la Repubblica si pone al servizio dei Diritti (avendo cestinato il Diritto), pagheremo da ora all’infinito le Infelicità dei Gay

  2. giorgio rapanelli

    Mi si dice che nella Regione Emilia Romagna le operazioni del cambiamento di sesso vengono prima di quelle contro il tumore. La fonte proviene dall’interno di un notissimo ospedale, ma non posso produrre prove, né le chiedo perché l’informatore rischierebbe il posto.

  3. Normanno Malaguti

    E’ veramente terribile!
    Vorrei sapere la posizione che hanno assunto gli altri prelati argentini, in particolare il successore di M.J. Bergoglio in questa vicenda.

Rispondi a Paola B. Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su