La manfrina antifascista – di Piero Vassallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Piero Vassallo

.

Oggidì il fascismo (ammesso che l’onorevole Giorgia Meloni sia fascista o fascistottarda piuttosto che cripto o tarda finiana) non è un serio, incombente pericolo.

Qualificati politologi sostengono, concordemente, che non è necessario rammentare che al presente sono sconosciute e per la maggioranza degli italiani perfino incomprensibili le circostanze storiche, le idee e gli stati d’animo, che, nel primo dopoguerra, hanno suscitato e in qualche modo incoraggiato e giustificato la vincente azione del partito di Benito Mussolini.

A cauti passi – tuttavia – gli storici, che hanno considerato e meditato seriamente i fatti propriamente detti, avviano una puntuale revisione della storia del Novecento italiano, proponendo un abbassamento delle unidirezionali sentenze sulla guerra civile.

Il fascismo appartiene interamente al passato dunque l’antifascismo oggidì ha tanta attualità quanta ne potrebbe vantare l’azione di un partito ghibellino, governato (regnante in Vaticano un improbabile guelfo) dalla germanica cancelliera Angela Merkel.

Robustissima e mutante (trans politica) la domina teutonica (ex comunista), che (pur avendone i requisiti fisici e mentali) non fa ridere l’ammansito e addomesticato popolo tedesco.

E’ pertanto lecito sostenere che sarebbe utile considerare i cambiamenti avvenuti nella scena filosofica postmoderna, dunque preservare la politologia dalle ottenebranti e depistanti suggestioni dell’anacronismo, ossia dalla tentazione di usare, quali parametri dell’attualità spensante intorno alle salme delle ideologie, pensieri e fatti inattuali, in ultima analisi appartenenti a un passato, che è – per obbligante e categorica definizione – irrevocabile.

La ventennale storia del fascismo infine appartiene all’irripetibile passato e come tale andrebbe letta sine ira et studio. Di qui l’esigenza di uscire da una lettura polemica e irosa di fatti storici, che la scolastica, generata dal progressismo retroattivo,consegna e affida al partito dei passatisti militanti (a sinistra e al centro liberale).

La storia del ventennio fascista deve pertanto incominciare dall’espulsione della pretesa – strutturalmente irrazionale – di trascinare nel presente idee e fatti appartenenti al passato. Si pensi alla polemica antifascista che, sotto l’impulso dell’irrealtà, ha proiettato nel passato – facendone quasi il temibile e agguerrito erede del duce di Predappio – una foglia al vento quale è stato il politicamente (auto)emarginato Gianfranco Fini.

Dopo le indispensabili messe a punto è forse possibile proporre una lettura storica e non più politica del ventennio di Mussolini, delle sue felici imprese, dei suoi gravi errori e della sua tragica fine.

Non si può negare seriamente che Mussolini riuscì nell’impresa di trasformare l’Italietta dei liberali in una nazione capace di condurre splendide imprese: la pacificazione nazionale, il concordato con la Chiesa cattolica (non è certo per un caso che la giovane classe dirigente democristiana – Moro e Fanfani, ad esempio – ebbe un passato in camicia nera), la gigantesca impresa della bonifica pontina, l’attivazione di un sistema sociale (che il regime degli antifascisti non ha osato debilitare, prima che su di esso precipitasse, dall’estero, la sciagura del neoliberalismo), il rinnovamento della scuola e la sua apertura alle c.d. classi subalterne, l’attivazione di una grandiosa campagna contro le malattie sociali, la civilizzazione della Libia (sulla cui memoria i libici – se potessero conoscere la storia – dovrebbero manifestare le ragioni del loro rimpianto), l’avveniristica progettazione e costruzione di autostrade, e infine la proiezione del mondo di una splendida immagine dell’Italia.

Errori capitali e imperdonabili furono la promulgazione delle leggi razziali, l’abolizione del sistema elettorale (da cui il fascismo avrebbe ottenuto strepitosi consensi) e l’alleanza con i parenti serpenti di Germania, una decisione contraria per diametrum, ai giudizi beffardi e devastanti, che Mussolini aveva espresso su Adolf Hitler, sul suo partito e sul suo popolo (lo ha rammentato, sviluppando un tema di Renzo De Felice, Fabio Andriola autore di un fondamentale saggio su Mussolini nemico di Hitler (Piemme, Milano 1997) puntualmente censurato dai severi vigilanti progressisti.

Mussolini era perfettamente consapevole dell’oscurità incombente sul partito nazionalsocialista, cui si avvicinò spinto dalla cieca avversione delle cancellerie di Francia e Germania e dalla impellente necessità di importare le materie prime indispensabili all’industria italiana.

Ad attenuazione del fatale, imperdonabile errore commesso da Mussolini alleato della Germania di Hitler, è doveroso rammentare l’ostilità delle democrazie massoniche e anti italiane, che nell’inseguimento corsaro dell’odio (antifascista e anti italiano) superarono (in larga misura) l’Unione Sovietica.

Al seguito dello storico (antifascista ma onesto e veridico) Renzo De Felice, è ora necessario uscire dalla sentenza settaria che, nel fascismo, contempla esclusivamente una malattia morale. Il futuro della storiografia proporrà il ristabilimento della verità che – nel concordato con la Santa Sede – manifesta la dura negazione fascista della mefitica cultura dei lumi e l’implacabile avversione alla sozza e criminosa cialtroneria degli iniziati ai misteri dei muratori. Negazioni che – in un futuro disintossicato dagli ambidestri pregiudizi settari – dovranno bilanciare gli errori del regime fascista ed essere iscritte nella colonna dei meriti di Benito Mussolini.

.

fonte: Sito dell’Autore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

7 commenti su “La manfrina antifascista – di Piero Vassallo”

  1. Ringrazio il dr. Vassallo per la sintesi storica su Mussolini.
    Mi piacerebbe diffonderla soprattutto presso molti giovani dopo le menzogne che hanno appreso dai loro professori di storia. Dovrebbero farlo tutti i nonni come il sottoscritto.

  2. Luigi Bruno Torre

    Grazie, grande Piero, anche per il suggerimento del libro, da leggere e far conoscere! E nella bella copertina par infatti di intravvedere nel volto del Duce un “buon viso a cattivo gioco”, e ciò nonostante la formale circostanza, così probabilmente esempio di coraggio per gli smidollati politicanti, alcuni ahimé pur di centrodestra, della cosiddetta seconda Repubblica, insomma mutanti, repubblicanti, accidianti …

  3. Caro Vassallo è proprio sicuro che il Fascismo (la f maiuscola) appartenga interamente al passato? La pensava così anche quando frequentava la federazione missina di Genova molti decenni fa? E’ vero che il grande Almirante diceva “Non rinnegare non restaurare” ma la terza via del corporativismo e della socializzazione lanciata dal Fascismo fu ripresa interamente del MSI e riproposta per decenni quale terza via fra il capitalismo liberale sfruttatore ed il marxismo collettivista; questa terza via sociale ed economica si identifica molto anche con la visione storica della Chiesa nel campo sociale ed economico ed è la nostra via da percorrere anche oggi.Quanto alla Meloni…..sarà un pochino “fascista” nel profondo dell’anima? O è più fascista e cattivone Salvini che secondo i centri sociali è addirittura “il nuovo Almirante” a cui bisogna impedire ad ogni costo di parlare? Poi abbiamo Roberto Fiore di Forza Nuova….almeno lui sarà ancora fascista? Secondo la mia modesta opinione ce ne sono ancora parecchi di fascisti in giro (vedi il sottoscritto) altrimenti Fiano non…

  4. “…imperdonabile errore commesso da Mussolini…”

    “A fine maggio e ai primi di giugno del 1940, se critiche venivano fatte erano per gridare allo scandalo di una neutralità definita ridicola, impolitica, sorprendente. La Germania aveva vinto. Noi non solo non avremmo avuto alcun compenso; ma saremmo stati certamente, in un periodo di tempo più o meno lontano, invasi e schiacciati.“
    Da “L”ultima intervista al Duce, 20 aprile 1945: le ragioni di un Capo, il bilancio di una lunga avventura”: Il Giornale d’Italia, Giovedì 05 Ottobre 2017

    1. Appunto, l’errore è stato di credere alla vittoria (che non era ancora avvenuta) della Germania Nazista.
      L’errore dietro questo è il non aver compreso l’enormità e disparità dalla nostra, della macchina industriale americana. Dietro ancora il legame con gli inglesi triplo o quadruplo per mezzo dei banchieri.
      Noi Italiani eravamo molto più civili, acculturati e ingegnosi – (e lo siamo ancora vedasi fuga di cervelli) ma la macchina industriale era quella di un paese di 37 milioni di abitanti, l’altra era quella di un paese enormemente più ricco, esteso e con cinque volte tanto di risorse umane.
      Il paragone USA – Germania Nazista era di poco migliore; invece di un fattore 5 si potrebbe valutare un fattore 2 (mi voglio rovinare) ma anche in quelle condizioni, con l’ostilità nei territori occupati e per giunta la Russia come altro avversario, le armate di Hitler avevano il destino segnato.
      I furbi furono Franco e Salazar.
      Alla fine della sconfitta di Hitler il triumvirato con Mussolini e una Francia zoppicante, avrebbe potuto esserci un inizio di federazione Europea
      Ucronia

  5. Io però mi domando: come mai tutte ste boiate di leggi passano sempre? Sono tutti d’accordo, comunisti, fascisti, democristiani, liberali di diverse etnie,radicali, democratici? No perchè mi pare che ultimamente di brutta roba ne sta passando un bel po’, tutti urlano , si dimenano, denunciano, si stracciano le vesti, poi passa tutto. Ci stanno prendendo per i fondelli eppure sono tre gatti e noi siamo tanti, perchè sono ancora li?

  6. Saverio Gpallav

    il peso del fascismo nel mondo politico attuale é dato dalla consistenza dei movimenti che ad esso si richiamano in maniera peraltro non esplicita. Non raggiungono neppure l’uno per cento. Parlare del pericolo fascista é semplicemente fuorviante e un tentativo di riattizzate una guerra civile iniziata quasi un secolo fa e terminata nel 45. Chi la istiga dovrebbe essere perseguito penalmente

Rispondi a Annarita Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su