La nuova frontiera dell’eterologa: il baratto solidale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zzfartEsseri umani ridotti a cose, dunque sfruttabili, commercializzabili o barattabili: questa è la logica che sottintende l’abominevole pratica della fecondazione artificiale, sia essa omologa o eterologa, con o senza “paletti”.

Un’ulteriore conferma arriva dalla notizia secondo cui tra circa un mese verrà effettuato all’ospedale Cervesi di Cattolica il primo intervento di fecondazione eterologa incrociata. In sostanza, si tratta di due coppie in cui uno dei due partner è sterile; il marito sano dell’una donerà il suo seme e a sua volta la moglie sana dell’altra donerà in contraccambio il suo ovocita. Gli embrioni prodotti verranno impiantati nell’utero delle due donne di modo che entrambe le coppie realizzeranno il sogno di avere un figlio.

Poco importa che per far nascere le creature se ne dovranno sacrificare molte altre e poco importa che i due bambini saranno il prodotto di un vero e proprio “pasticcio genetico” (fratelli genetici con madri gestazionali differenti).

La propaganda disumana della fecondazione gioca bene le sue carte: in una società che ha perso il lume della ragione ed in cui ha farla da padrone sono le pulsioni ed i sentimenti fuggevoli, cosa c’è di più efficace che dare in pasto all’opinione pubblica la bella favola della donazione reciproca di gameti presentata come fosse una delle più alte forme di altruismo?

Lo sfruttamento mediatico della notizia è palese: immediatamente tutte le agenzie di stampa hanno diramato la notizia in modo trionfale e sul sito del giornale “La Repubblica” è stata pubblicata a tamburo battente un’intervista ad un membro delle due coppie “scambiste”: un autentico manifesto ideologico pro fecondazione costruito a tavolino e curato nei minimi particolari (http://www.repubblica.it/salute/2014/09/18/news/i_gemelli_delleterologa_spartiti_tra_due_coppie-96053960/).

C’è da considerare che tale escamotage dello scambio di gameti permetterebbe di ovviare al problema degli alti costi della fecondazione eterologa, così come evidenziato dal vicepresidente del Comitato nazionale di bioetica, Lorenzo D’Avack, in un’intervista rilasciata al quotidiano Avvenire: “Credo si debba tener presente che nello scambio di gameti tra due coppie viene in qualche modo esaltato il principio della volontarietà e della gratuità della donazione. Proprio quegli elementi, cioè, che rendono pressoché impossibile agli ospedali raccogliere gameti in quantità sufficienti, visto che nessuna donna decide di sottoporsi all’invasivo trattamento di stimolazione ovarica e di prelievo degli ovociti soltanto per generosità. In questo caso succede invece che la donazione ottiene un compenso indiretto, e questo compenso è un figlio, anzi due”.

La stessa Eugenia Roccella, ex sottosegretario alla Salute, in un video trasmesso in rete tiene a sottolineare che quella della fecondazione eterologa incrociata è una pratica perfettamente legale dal momento che non comporta la compravendita di gameti.

Dunque, la favola dell’altruismo e della donazione come foglia di fico convince anche il mondo politico cattolico, il quale sembra ormai aver accettato di buon grado la nuova frontiera della fecondazione artificiale eterologa. A patto che essa venga regolamentata e non sia oggetto di evidente sfruttamento commerciale … (A.D.M.)

.

fonte: Corrispondenza Romana

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

6 commenti su “La nuova frontiera dell’eterologa: il baratto solidale”

  1. Davanti a questi abominii il Vaticano tace: è troppo impegnato a pensare a come distruggere le Leggi di Dio e a liberarsi di coloro che difendono ancora la retta Dottrina per pensare a fermare questi orrori abominevoli ed omicidi!
    Ormai possiamo gridarlo dai tetti: IL RE è NUDO!

  2. Cesaremaria Glori

    La fecondazione assistita è la ripetizione del peccato originale perché attenta alla natura dell’Uomo ma con questo ulteriore passo in avanti l’Uomo intende sostituirsi del tutto a Dio nella procreazione. Quousque tandem Dio accetterà un’offesa del genere al suo capolavoro che, non dimentichiamolo. è proprio l’Uomo?

  3. Ma che bel quadretto a quattro!
    Cosa c’è di più bello che aiutarsi vicendevolmente? Tu dai una cosa – proprio cosa – a me e io do una cosa a te.
    Da quando ho sentito la notizia mi è venuto un pensiero che, come già ho fatto in famiglia, vorrei comunicare anche qui, perché è troppo forte la tentazione di dirlo. Se poi i responsabili del sito pensano che sia troppo osé, mi cestinino pure.
    Il pensiero è questo: ma perché complicare così tanto le cose? basta prendere il marito fertile di una coppia e la moglie fertile dell’altra e mandarli a letto insieme. Tanto, dal punto di vista morale non cambia niente. Ovviamente più di una volta e in tempi diversi, in modo da assicurarsi almeno due pargoli e accontentare così entrambe le coppie.
    Semplice, no? Troppo semplice: poi cosa ne facciamo di tutta l’équipe medico-biologico-infermieristico? E di tutto quello che ci sta dietro? Vogliamo togliere posti di lavoro, guadagni, ricerca che avanza?
    Bah…!

  4. La perversione non ha limiti: in Germania il comitato etico ha approvato l’incesto: “Il diritto fondamentale dei fratelli adulti alla autodeterminazione sessuale deve essere garantito in misura maggiore rispetto l’idea astratta di tutela della famiglia.”
    Probabilmente in poco tempo tutte le leggi che in Germania proibivano quella nefandezza verranno abolite, poi tutta l’UNIONE EUROPEA si adeguerà…quindi la PROSSIMA frontiera della FIVET potrebbe essere quella fra FRATELLO e SORELLA!
    E mentre i laicisti si scatenano proponendo perversioni a più non posso, certi uomini di Chiesa vorrebbero aiutarli nella loro guerra contro la famiglia naturale: aborto, FIVET, ideologie GAY/GENDER, ecc. sarebbero quasi inesistenti se il DIVORZIO non avesse fatto da apripista: è IMPOSSIBILE non capire che legittimando il DIVORZIO concedendo l’EUCARISTIA ai divorziati conviventi si spinge la società ad un punto di non ritorno (oltre a commettere una GRAVISSIMA profanazione)!

Rispondi a anto Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su