L’angolo di Gilbert K. Chesterton – Grandezza e attualità di uno scrittore cattolico – rubrica quindicinale di Fabio Trevisan

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

chesterton

.

15 giugno 2016

.

Il romanzo dell’ortodossia      = = = = = = = = =     

di Fabio Trevisan

.

“Tutti si lamentano della nostra epoca tumultuosa e dinamica: ma in verità caratteristica principale di quest’epoca è la sua profonda pigrizia e stanchezza”

.

zOrtodosNel capitolo VIII del grande saggio: Ortodossia del 1908, Chesterton esordiva con questo sorprendente paradosso riportato in corsivo. Questa profonda pigrizia e stanchezza cui alludeva era l’incapacità di pensare, di riflettere adeguatamente sulle cose fondamentali. Il grande saggista londinese si scagliava conseguentemente contro la mollezza e l’imprecisione del linguaggio moderno: “Il meccanismo del linguaggio moderno è in gran parte un meccanismo per il risparmio di energia; esso risparmia l’energia mentale più di quel che dovrebbe”.  Chesterton faceva riferimento al sano realismo cristiano che guardava alla realtà oltre le superficiali apparenze. Il ritratto della società ai suoi tempi era quello di persone che si industriavano per nascondere sostanzialmente la fatica del ragionare e quindi di aderire all’ortodossia cattolica.

Egli l’aveva ammesso fin dall’inizio del saggio: “Sono io che ho scoperto ciò che era stato scoperto prima”, riferendosi alla verità cristiana, ovviamente preesistente alla sua nascita. Il cavallo di battaglia dell’ortodossia era inserito nella cornice di uno splendido romanzo, in una grandiosa avventura che lo vedeva precipitarsi contro il modernismo e i suoi falsi ideali di accomodamento ai tempi: “Quasi tutte le proposte miranti a portare la libertà della Chiesa sono semplicemente proposte che porterebbero la tirannia nel mondo. Liberare la Chiesa, oggi, non significa liberarla in tutte le direzioni”. Bisognava lottare per preservare la bellezza e la ragionevolezza dell’autorità dei dogmi, della dottrina cattolica, pena la tirannia: “C’è una sola cosa che non può mai andare oltre un certo punto nell’alleanza con l’oppressore, e questa cosa è l’ortodossia”.

Anche ai nostri giorni ravvisiamo sempre più l’esattezza della filosofia chestertoniana; chi si agita contro la dottrina e i dogmi non sta portando più serenità e pace (come apparentemente potrebbe sembrare) ma esattamente l’opposto, ovvero confusione e disperazione, disordine e terrore. L’apparenza inganna. Chesterton avvertiva che: “Il Figlio di Dio non è venuto a portare la pace ma una sibilante spada, cioè ogni uomo che predica il vero amore è obbligato a generare l’odio”. Ed aggiungeva, in modo da togliere ogni dubbio interpretativo: “Il falso amore finisce nel compromesso; il vero amore nello spargimento di sangue”. Nella mentalità moderna un simile ragionamento darebbe la patente di guerrafondaio al grande scrittore inglese. Una scorciatoia ancora una volta per non pensare. Per Chesterton, dopo la Riforma protestante l’umanità aveva perduto l’unione tra fede e ragione, abbandonandosi alle suggestioni e ai pregiudizi.

Con l’uso di questi suggestivi ed appassionati paradossi, egli intendeva portare la luce e la chiarezza dell’ortodossia. Servivano per illuminare una ragione deturpata e per ammonire tutti coloro che, con la pretesa di portare più libertà, aumentavano di fatto l’oppressione: “Uomini che cominciano a combattere la Chiesa per amore della libertà e dell’umanità finiscono col combattere anche la libertà e l’umanità pur di combattere la Chiesa”. Ai nostri giorni, dove si è smarrito il lume della ragione sostenuto dalla fede (poiché la fede illumina e amplia la ragione), non si può che vedere nell’interpretazione di Chesterton una straordinaria radiografia della nostra società, che non sa più nemmeno cosa siano le reali radici cristiane. A questa generazione traviata e smarrita valga il monito di Chesterton a conclusione del capitolo VIII: “Non soltanto la fede è madre di tutte le energie del mondo, ma i suoi nemici sono i padri di tutta la confusione del mondo”.

Ecco perché bisognava lottare, ecco cosa si sarebbe dovuto fare per salvaguardare l’ortodossia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

1 commento su “L’angolo di Gilbert K. Chesterton – Grandezza e attualità di uno scrittore cattolico – rubrica quindicinale di Fabio Trevisan”

  1. “…In questo clima di libertà,nel nome della libertà,non vi è più riguardo per nessuno. In mezzo a tale licenza nasce e si sviluppa una mala pianta: la tirannia.” Questo dichiarava Platone ne “La Repubblica”. Non è molto lontana da queste parole l’affermazione di Chesterton secondo cui “quasi tutte le proposte miranti a portare la libertà della Chiesa sono semplicemente proposte che porterebbero la tirannia nel mondo.
    Negare i dogmi, oltrepassare la dottrina, reinterpretare arbitrariamente ciò che le colonne della Chiesa hanno dichiarato a chiare lettere, questo sì che è generatore di immenso disordine e confusione. E in ultima analisi di sfacciata tirannia.

Rispondi a Tonietta Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su