Lega cattolica per la preghiera di riparazione. Intenzioni di preghiera e avvisi e una lettura di formazione di San Francesco d’Assisi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

logodef

.

Gentili amici, ci auguriamo che per tutti nel mese di agosto ci sia stata l’occasione per un riposo sano e un arricchimento spirituale e riprendiamo il nostro consueto appuntamento del giovedì. Questa settimana la nostra preghiera è rivolta in riparazione alla gravissima offesa contro Nostro Signore Gesù Cristo che si è consumata martedì 1° settembre all’Expo di Milano (clicca qui), dove un vicario episcopale della diocesi ambrosiana ha partecipato a un rito sincretista, accettando così di attribuire lo stesso valore alla vera Fede e alle falsi religioni. Dobbiamo pregare anche per il pastore della diocesi, il Cardinale Angelo Scola, che decidendo la partecipazione della diocesi a cerimonie di questo tipo è venuto meno ai doveri di apostolato e di guida del gregge affidatogli, esponendolo anzi al rischio di gravi confusioni. Preghiamo affinché lo Spirito Santo lo illumini.

Segnaliamo inoltre alla vostra attenzione un utilissimo testo di Don Giorgio Maffei, “Il sacrilegio della Comunione sulla mano”, pubblicato su Riscossa Cristiana. Domani, venerdì 4 settembre, sarà pubblicata l’ultima parte; questi sono i link per leggere le parti già pubblicate: prima partesecondaterzaquartaquintasesta.

Come lettura di formazione questa settimana proponiamo la “Lettera a tutti i chierici sulla riverenza del Corpo del Signore”, tratta dagli scritti di San Francesco d’Assisi.

.

NOTIZIE E AVVISI

– Ogni primo venerdì del mese, al Priorato Madonna di Loreto, a Rimini-Spadarolo, alle ore 21, Adorazione Eucaristica notturna per riparare le offese e gli oltraggi al Sacro Cuore di Gesù.

– Ogni primo venerdì del mese, nella parrocchia di Linarolo (Pavia), alle 16.30 si tengono la recita del Santo Rosario di riparazione e delle Litanie, e alle 17.00 la celebrazione della Messa in rito romano antico secondo le intenzioni della Lega per la preghiera di riparazione.

– a Firenze, nell’Oratorio di S. Francesco Poverino, col mese di settembre riprende regolarmente la Santa Messa domenicale in rito antico alle ore 10 e la Preghiera di Riparazione al Cuore di Gesù. Per informazioni: Dante Pastorelli, dante.pastorelli@virgilio.it, tel. 055.600804

– Ogni venerdì un gruppo di fedeli si ritrova per la preghiera a Cremona. Per informazioni: Mauro Faverzani  – mauro.faverzani@gmail.com

Ogni primo venerdì del mese viene celebrata la Santa Messa in rito antico alle 19.30 a Modena nella parrocchia dello Spirito Santo in via Fratelli Rosselli. Vi partecipano alcuni aderenti alla Lega di riparazione  secondo le intenzioni proposte dalla nostra iniziativa. Ricordiamo che nella medesima chiesa viene celebrata ogni domenica alle 17 la S. Messa (dal 2007) e, a richiesta, anche gli altri sacramenti.

– Se altri sacerdoti fossero disposti a fare lo stesso nella zona in cui operano, ce lo facciano sapere e provvederemo a darne comunicazione.

– Ricordiamo che è possibile anche il semplice incontro tra laici che preghino secondo le intenzioni della Lega come già indicato. Anche in questo caso, sarebbe utile segnalarcelo in modo da poterne dare comunicazione. Rimane il fatto che lo strumento più efficace per la diffusione è il passaparola, che sarebbe meglio chiamare apostolato.

– Nei limiti delle nostre forze, siamo a disposizione per incontrare gli amici che intendono impegnarsi in questa impresa. Per questo, si faccia riferimento all’indirizzo di posta elettronica della Lega di riparazione, legariparazione@email.it , e troveremo il modo e il tempo per farlo.

Paolo Deotto – Alessandro Gnocchi

Sia lodato Gesù Cristo

.

LETTURA DI FORMAZIONE

zzzzsfrncsc

.

LETTERA A TUTTI I CHIERICI SULLA RIVERENZA DEL CORPO DEL SIGNORE

di San Francesco d’Assisi

.

(tratto da Fonti Francescane)

[207]

Facciamo attenzione, noi tutti chierici, al grande peccato e all’ignoranza che certuni hanno riguardo al santissimo corpo e sangue del Signore nostro Gesù Cristo e ai santissimi nomi e alle sue parole scritte, che santificano il corpo. Sappiamo che non ci può essere il corpo se prima non è santificato dalla parola.

Niente infatti possediamo e vediamo corporalmente in questo mondo dello stesso Altissimo, se non il corpo e il sangue, i nomi e le parole mediante le quali siamo stati creati e redenti “da morte a vita”.

[208]

Tutti coloro, poi, che amministrano così santi ministeri, considerino tra sé, soprattutto quelli che li amministrano senza discrezione, quanto siano miserandi i calici, i corporali e le tovaglie sulle quali si compie il sacrificio del corpo e del sangue del Signore nostro.

E da molti viene lasciato in luoghi indecorosi, viene trasportato senza nessun onore e ricevuto senza le dovute disposizioni e amministrato agli altri senza discrezione.

[209]

Anche i nomi e le parole di lui scritte talvolta vengono calpestate, perché “l’uomo carnale non comprende le cose di Dio”.

Non dovremmo sentirci mossi a pietà per tutto questo, dal momento che lo stesso pio Signore si consegna nelle nostre mani e noi l’abbiamo a nostra disposizione e ce ne comunichiamo ogni giorno? Ignoriamo forse che dobbiamo venire nelle sue mani?

Orsù, di tutte queste cose e delle altre, subito e con fermezza emendiamoci; e ovunque troveremo il santissimo corpo del Signore nostro Gesù Cristo collocato e lasciato in modo illecito, sia rimosso di là e posto e custodito in un luogo prezioso.

Ugualmente, ovunque siano trovati i nomi e le parole scritte del Signore in luoghi sconvenienti, siano raccolte e debbano essere collocate in luogo decoroso.

E sappiamo che è nostro dovere osservare tutte queste norme, sopra ogni altra cosa, in forza dei precetti del Signore e delle costituzioni della Santa Madre Chiesa.

E colui che non si diporterà in questo modo, sappia che dovrà rendere “ragione” al Signore nostro Gesù Cristo “nel giorno del giudizio”.

E coloro che faranno ricopiare questo scritto perché esso sia meglio osservato, sappiano che saranno benedetti dal Signore Iddio.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

2 commenti su “Lega cattolica per la preghiera di riparazione. Intenzioni di preghiera e avvisi e una lettura di formazione di San Francesco d’Assisi”

  1. Normanno Malaguti

    Quanto era grande il nostro San Francesco!
    dovrebbero tremare le vene e polsi a tanti celebranti e ministranti. Anche questa mattina, pur nel nitore dei lini, quando ho assistito al Divin Sacrificio sono restato turbato al procedere del celebrante, freddo come un funzionario delle imposte, apparentemente estraneo a ciò che avveniva attraverso di lui. la celebrazione durata circa ventidue minuti. Non un’omelia, neanche due parole, neppure un fugace frase di illustrazione di quel grande pontefice che fu San Gregorio Magno, vero esempio per i celebranti di tutti tempi e per i pontefici venuti dopo di lui.
    siamo davveroro alle soglie della Grande Apostasia di cui ci parla San Paolo?

    1. Gesù a una grande mistica: “la prima conseguenza della mancanza di rispetto all’Eucaristia è la mancanza di rispetto all’uomo”…e purtroppo si vede ogni giorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su