“L’Occidente è ripiegato sulle sue illusioni. Coraggio è andare controcorrente”. Parola di cardinale – di Matteo Matzuzzi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Matteo Matzuzzi

zzzzcrdn

Il cardinale Robert Sarah è prefetto della congregazione per il Culto divino e la disciplina dei sacramenti

“Se si considera l’eucarestia come un pasto da condividere, da cui nessuno può essere escluso, allora si perde il senso del Mistero”. Così ha detto il cardinale Robert Sarah, da pochi mesi prefetto della Congregazione per il Culto divino e la disciplina dei sacramenti, intervenuto al Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per studi su matrimonio e famiglia, in occasione della presentazione della collana “Famiglia, lavori in corso”, una raccolta di saggi editi dalla casa editrice Cantagalli, in vista del prossimo Sinodo ordinario di ottobre. Una collana che ha l’obiettivo di stimolare il confronto e di toccare tutti i temi “caldi”: omosessualità, sessualità, divorzio, procreazione assistita, eutanasia, celibato. Tre volumi hanno aperto la collana, due dei quali scritti da docenti presso il Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per studi su matrimonio e famiglia: “Eucaristia e divorzio: cambia la dottrina?” di José Granados (che è anche stato nominato consultore del Sinodo dei vescovi) e “Famiglie diverse: espressioni imperfette dello stesso ideale?” di Stephan Kampowski. Il terzo, “Cosa ne pensa Gesù dei divorziati risposati?” è opera di Luis Sanchez Navarro, ordinario di Nuovo Testamento alla Università San Damaso di Madrid. Il Foglio aveva anticipato ampi estratti dei libri dei professori Granados e Sanchez il 15 aprile scorso.

“L’Occidente – ha detto Sarah rispondendo a braccio ad alcune domande che gli sono state poste dall’uditorio – si sta adeguando sulle proprie illusioni”. Il problema di tutto, ha rimarcato più volte il porporato di cui Il Foglio ha anticipato per l’Italia lo scorso 13 marzo un lungo estratto del libro “Dieu ou rien” uscito in Francia presso Fayard, è nella fede. “Se si pensa che anche nel rito del Battesimo non si menziona più la parola ‘fede’, quando ai genitori viene domandato cosa si chiede per il bambino alla Chiesa di Dio, si comprende l’entità del problema”, ha aggiunto il cardinale guineano, che ha anche biasimato il senso che viene dato oggi al Catechismo: “I bambini fanno disegni e non imparano nulla, non vanno a messa”. Quanto al Sinodo prossimo venturo, l’invito è a non farsi illusioni su cambiamenti epocali: “La gente crede che ci sarà una rivoluzione, ma non potrà essere così. Perché la dottrina non appartiene a qualcuno, ma è di Cristo”. Dopo l’appuntamento dello scorso ottobre, ha osservato Sarah presentando i tre volumi, “fu chiaro che il vero fulcro non era e non è solo la questione dei divorziati risposati”, bensì “se la dottrina della Chiesa sia da considerare un ideale irraggiungibile, irrealizzabile e necessitante quindi di un adattamento al ribasso  per essere proposta alla società odierna. Se così stanno le cose, si impone necessariamente una chiarificazione se il Vangelo sia una buona notizia per l’uomo o un fardello inutile e non più proponibile”. La ricchezza del cattolicesimo – ha aggiunto – “non può essere svelata da considerazioni dettate da un certo pragmatismo e dal sentire comune. La Rivelazione indica all’umanità la via della pienezza e la felicità. Disconoscere questo dato significherebbe affermare la necessità di ripensare i fondamenti stessi dell’azione salvifica della Chiesa che si attua attraverso i sacramenti”.

Il problema è anche di quei “sacerdoti e vescovi” che contribuiscono con le loro parole a “contraddire la parola di Cristo”. E questo, ha detto Sarah, “è gravissimo”. Permettere a livello di diocesi particolari quel che ancora non è stato autorizzato dal Sinodo (il riferimento era alla prassi seguita in molte realtà dell’Europa centro-settentrionale) significa “profanare Cristo”. Poco vale invocare la misericordia: “Inganniamo la gente parlando di misericordia senza sapere quel che vuol dire la parola. Il Signore perdona i peccati, ma se ci pentiamo”. Le divisioni che si sono viste lo scorso ottobre, “sono tutte occidentali. In Africa siamo fermi, perché in quel continente c’è tanta gente che per la fede ha perso la vita”. Un appello, il cardinale, l’ha anche lanciato contro chi – membro del clero – usa un linguaggio non corretto: “E’ sbagliato per la Chiesa usare il vocabolario delle Nazioni Unite. Noi abbiamo un nostro vocabolario”. Una puntualizzazione, poi, l’ha voluta fare su una delle massime che vanno per la maggiore dal 2013, e cioè l’uscita in periferia. Proposito corretto, naturalmente, ma a una condizione: “E’ facile andare nelle periferie, ma dipende se lì portiamo Cristo. Oggi è più coraggioso stare con Cristo sulla croce, il martirio. Il nostro dovere è quello di andare controcorrente” rispetto alle mode del tempo, a “quel che dice il mondo”. E poi, “se la Chiesa smette di dire il Vangelo, essa è finita. Può farlo con i modi d’oggi, ma con fermezza”.  Infine, un appunto sul calo delle vocazioni sacerdotali nel mondo: “Il problema non è che ci sono pochi preti, quanto capire se quei preti sono davvero sacerdoti di Cristo”.

.

fonte: Il Foglio 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

16 commenti su ““L’Occidente è ripiegato sulle sue illusioni. Coraggio è andare controcorrente”. Parola di cardinale – di Matteo Matzuzzi”

  1. le vocazioni calano anche perchè non c’è più domanda di apostolato, non ci sono più fedeli e i giovani non avvertono nella società, la necessità di sacerdoti; quelli che ci sono vengono infamati tutti i giorni, chi glielo fa fare a un giovane di diventare sacerdote?

  2. Si’, un vero conforto in mezzo a tanta distruzione. E viene dall’Africa, mille volte più’ periferia dell’Argentina. Eppure sarebbero tempi buoni per le vocazioni: c’è un grande bisogno di preti e di uomini coraggiosi.

  3. Voce isolata nel deserto culturale della chiesa cattolica. A proposito: esiste ancora la chiesa cattolica? Sentendo gli interventi della Cei, o le messe a base di corano, o il dialogo ecumenico a base cattocomunista, inizio ad avere qualche dubbio. Ah, dimenticavo i soliloqui di santa marta..

  4. Un autentico Sacerdote di Dio. Non sociologia, sterile richiamo a vaghe “pubbliche idealità”, ma testimonianza autentica della Parola di Gesù. Uno sguardo limpido rivolto al Cielo, che invita a cercare le cose di lassù “dove si trova Cristo, assiso alla destra di Dio”. Lo Spirito Santo guidi tutti.

  5. Già 15 anni fa il mio parroco andava affermando che un Papa africano sarebbe stato un grande segno di mentalità aperta e di rottura. A me sembrava un grande sciocchezza perché pensavo cha il Papa avrebbe dovuto essere segno di fermezza nella fede e da dove venisse mi pareva irrilevante. Bene, oggi mi ritrovo ad essere d’accordo con lui, non per il fatto della mentalità aperta (a che? a chi?) ma per la rottura, rompere finalmente con questo andazzo di falsamente credenti che stanno portando le anime alla perdizione.
    Signore Gesù salvaci.

  6. Alberto Fernetti

    Finché l’hanno lasciato lavorare per la Chiesa Cattolica, è in Africa che ha seminato il babau mons. Lefèbvre.
    Chissà che non stiamo raccogliendo i frutti…

Rispondi a marco m Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su