Ora alla massoneria fa gola l’Africa e apre una ‘sede’ a Bangui

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zzzzmssfrcL’Africa, alla massoneria, fa decisamente gola. E non fa nulla per nasconderlo. Prima è stato diffuso il singolare comunicato con cui 28 obbedienze europee hanno ufficialmente esercitato pressioni sui governi dell’Unione, affinché accolgano sempre più immigrati provenienti dal Mediterraneo, contrapponendo questo all’idea di Patria, di nazione, di identità, di popolo. Ed ora un nuovo tassello si è aggiunto nella tela internazionale, che i grembiulini stanno tessendo: col medesimo obiettivo, la conquista dell’influenza sul territorio africano. Che le varie logge sembrano esser disposte anche a contendersi senza troppi complimenti. Come dimostra la situazione francese.

Secondo quanto riportato dal settimanale L’Express, il Gof-Grand’Oriente di Francia, sostanzialmente orientato a sinistra, è pronto a dar battaglia ed a contendere la primazia continentale al Glnf-Gran Loggia nazionale francese, viceversa classificabile a destra. Per questo il Gof sta tentando di metter in piedi una propria loggia in Centrafrica. E vorrebbe riuscirci entro la fine di quest’anno. Ha fretta, perciò lavori e contatti si stanno succedendo a ritmi portentosi.

L’idea è stata già approvata formalmente dai consiglieri del Grand’Oriente in occasione della loro assemblea annuale, svoltasi dal 27 al 29 agosto scorsi a Reims. Per l’occasione è stato nuovamente incoronato Gran Maestro Daniel Keller (nella foto), il quale è stato pertanto incaricato di spostarsi in prima persona a Bangui per ufficializzare la nascita di questa nuova obbedienza, che assumerà il nome, già deciso, di Fraternità centrafricana.

Sono molte le coincidenze in merito: ad esempio, il fatto che dello stesso Gof, oggi tanto attento alle vicende continentali, abbia fatto parte anche l’attuale premier francese Manuel Valls dal 1989, quando fu aggregato alla loggia «Né maestri né dei», da cui sarebbe uscito nel 2005 per motivi di tempo.

Ma anche la scelta del Paese non pare casuale. In Centrafrica la Francia ha già concentrato da tempo forti interessi sia in campo economico, sia in campo umanitario, sia anche come presidio militare. Sul posto sono presenti da fine giugno circa 900 soldati francesi della forzaSangaris. Prima di tale data eran circa il doppio. Non solo: ombre aleggiano anche sul primo ministro centrafricano, Mahamat Kamoun, di 54 anni, membro della famiglia del locale sultano. E’ stato più volte sospettato di malversazioni finanziarie. Una volta ha scampato l’arresto per motivi di salute, nel novembre 2007, di ritorno da Parigi. Sentendosi minacciato, ha deciso tuttavia di lasciare il proprio Paese alla fine di quello stesso anno. Ultimamente altre accuse sono piovute sul capo di Kamoun: questa volta si parla di distrazione di fondi. Dal canto suo, ha come sempre respinto in blocco i rilievi e proclamato la sua innocenza. Entrato in carica soltanto poche settimane fa, lo scorso 21 agosto, il neo-premier centrafricano ha avuto il sostegno pieno – guarda caso – del presidente del Congo, Denis Sassou Nguesso,e della Francia. Come se non bastasse, il primo agosto Laurent Fabius, capo della diplomazia francese, ha inviato alla presidentessa del Centrafrica, Catherine Samba-Panza, un appello-invito in favore di Kamoun, esaltandone le qualità professionali. Una coincidenza davvero singolare. Perché? Perché lo stesso Nguesso, il presidente francese Hollande ed il premier, Manuel Valls, si erano incontrati poco prima, il 7 luglio, con un obiettivo esplicito: discutere proprio dei comuni progetti sul vicino Centrafrica. Non a caso Kamoun viene accusato esplicitamente dai ribelli di eccessive simpatie verso Parigi, dove studiò economia negli Anni ’80.

Insomma, diciamo che, quanto meno, il Gof, aprendo nel Paese africano una propria obbedienza, non si troverà del tutto spaesato. Anzi, tutto sommato, si sentirà un po’ a casa… (M.F.)

.

fonte: Corrispondenza Romana

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

2 commenti su “Ora alla massoneria fa gola l’Africa e apre una ‘sede’ a Bangui”

  1. Queste cose, questi avvenimenti sono, almeno per me, abbastanza paurosi.
    Perché avvengono in maniera subdola, cioè quasi tutti noi, popolazione, non
    sappiamo niente di niente al riguardo.
    Io so soltanto quanto leggo su questo SANTO sito, altrimenti sarei completamente
    ignorante al riguardo.
    E, appunto, credo che così sia per tutta o quasi tutta la popolazione.
    Preghiamo.

  2. Massimo Emiliani

    La massoneria agisce come cattiva consigliera. E’ la ‘longa manus’ del Male. Agisce dove c’è il Bene (ed in Africa ve ne è una potenzialità assoluta, naturale), deviando e preparando la perversione consensuale delle menti, della gente, dei popoli. Cosa possiamo fare, noi gente comune? Dobbiamo tenere la mente libera, parlare, comunicare, scrivere i nostri pensieri non contaminati, senza sosta, con tutti, senza smettere mai di essere noi stessi. E naturalmente, pregare. Però, la massoneria mondiale ha un punto debole: è più visibile. Per contrastarla, dobbiamo fare e pensare il contrario. Spinge il gender? Essere contrari. Spinge per lo svilimento delle identuità nazionali? Essere nazionalisti. Spinge per la immigrazione selvaggia? Essere per l’abolizione di Schengen ed il controllo delle frontiere. Spinge per la intercambiabilità delle religioni? Essere cattolici osservanti intransigenti. E fare ciò fino alla fine, con speranza e fede. Come una Crociata. Dritti come la croce e la spada: con…

Rispondi a Massimo Emiliani Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su