Putin il realista – di Giampaolo Rossi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Giampaolo Rossi

.

zptnvldVALDAI
“Tra la fine degli anni ‘80 e i primi anni ‘90, c’è stata la possibilità non solo di accelerare il processo di globalizzazione, ma anche di dare ad esso una diversa qualità e renderlo più armonico e sostenibile. Ma alcuni paesi che si vedevano vincitori della Guerra Fredda (…) hanno colto l’occasione per rimodellare l’ordine politico ed economico globale solo per soddisfare i propri interessi”.
A parlare è il Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin, di fronte ai 150 rappresentanti di 53 paesi che hanno partecipato alla riunione annuale del Club Valdai, uno dei più prestigiosi spazi internazionali di confronto e analisi tra l’élite economica e culturale russa e quella del resto del mondo.
Il discorso di Putin va letto con attenzione perché rappresenta non solo un atto di accusa diretto alle politiche dell’Occidente, ma anche un’analisi realista e in qualche caso ironica di ciò che l’egemonia americana sta imponendo.

Questi Paesi, ha continuato Putin, “nella loro euforia, hanno sostanzialmente abbandonato dialogo e parità con gli altri attori della vita internazionale, hanno scelto di non migliorare né di creare Istituzioni universali, ma di portare il mondo sotto le loro organizzazioni, le loro norme e le loro regole”.
Putin si scaglia contro l’Occidente, contro le sue guerre umanitarie e i suoi tentativi di esportare la democrazia fuori da una cornice multipolare: le guerre in Serbia, in Iraq, in Afghanistan e in Libia “spesso condotte senza le relative decisioni del Consiglio di Sicurezza Onu”; e poi ancora hanno deciso “di spostare l’equilibrio strategico a proprio favore distaccandosi dal quadro giuridico internazionale che proibisce l’implementazione di nuovi sistemi di difesa missilistica”hanno “creato gruppi terroristici le cui azioni hanno generato milioni di profughi, e gettato intere regioni nel caos”.

LA MINACCIA RUSSA
Putin definisce la “minaccia militare russa” con cui l’Occidente sta costruendo la nuova Guerra Fredda, un “business redditizio da utilizzare per pompare denaro fresco nei bilanci della Difesa, espandere la NATO (…) fino ai nostri confini”.
Il leader russo è categorico: Mosca “non ha intenzione di attaccare nessuno”; pensarlo è “sciocco e irrealisticoI paesi membri della NATO insieme con gli Stati Uniti hanno una popolazione totale di 600 milioni circa; la Russia solo 146. E’ semplicemente assurdo concepire anche tali pensieri”.

REPUBBLICA DELLE BANANE
Poi Putin ironizza sulla “isteria degli Stati Uniti circa una presunta ingerenza russa nelle elezioni presidenziali americane”; e rivolgendosi alla platea, “lo chiedo a voi: qualcuno seriamente immaginare che la Russia possa in qualche modo influenzare la scelta del popolo americano?” Cos’è l’America? Una “Repubblica delle Banane o un grande potenza?”

CONTRO L’ÉLITE
Ma la denuncia più violenta di Putin è contro l’élite tecnocratica che sta scippando il valore della sovranità.
Nelle democrazie più avanzate “la maggioranza dei cittadini non ha alcuna reale influenza sul processo politico e sul potere”. Le persone avvertono “un divario sempre crescente tra i loro interessi e quelli dell’élite che governa i processi”. E quando, attraverso le elezioni o i referendum, i cittadini scelgono in maniera diversa rispetto a quello che l’élite vorrebbe, ecco che essa trasforma la volontà popolare in “anomalia” o immaturità o incapacità di scegliere. E ciò che in maniera sprezzante viene definito populismo, per Putin è “gente comune, cittadini che stanno perdendo fiducia nella classe dirigente”.

Sembra che le élite non vedano il dissesto profondo nella società e “l‘erosione della classe media, mentre allo stesso tempo, esse impiantano ideologie distruttive per l’identità culturale e nazionale”.

Putin avverte: “è la sovranità la nozione centrale di tutto il sistema delle relazioni internazionali. Il rispetto per essa e il suo consolidamento contribuirà a sottoscrivere la pace e la stabilità sia a livello nazionale e internazionale”.

Quello di Putin è un monito a chi si diverte a disegnare un nuovi ordini mondiali sulla pelle di nazioni e popoli; un avvertimento agli alchimisti della finanza globale e ai guerrafondai umanitari che alimentano le rivoluzioni colorate, le guerre civili e il terrorismo per generare il caos funzionale ai propri progetti egemonici.

Quella di Putin è l’analisi realista della deriva dell’Occidente ed una prospettiva anche per l’Europa: disegnare un sistema multipolare che metta “fine alla divisione del mondo in vincitori e vinti permanenti”L’unica speranza per scongiurare una crisi internazionale senza ritorno.

Su Twitter: @GiampaoloRossi

Articoli correlati:
L’Occidente arma chi lo vuole distruggere
Libia: nuove verità su una guerra sporca
Nato-Russia: chi soffia sul fuoco?
I padroni delle armi
La politica Usa produce terrorismo: i numeri lo dimostrano

.

fonte: Il Giornale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

6 commenti su “Putin il realista – di Giampaolo Rossi”

  1. Putin, nonostante tutto, è un vero leader, ultimo baluardo del buon senso in opposizione alla melma maleodorante americana ed europea. Da missino mi auguro un leader come questo ex-comunista del kgb che rimetta un po’ di ordine nella putredine in cui ci troviamo.

    1. Ezra Pound venne dall’America perché vide che noi avevamo trovato la via per uscire dalla matassa liberal/massonica e vivere costruttivamente.
      L’America di oggi -specialmente dal momento in cui decise di utilizzare la caduta del Muro di Berlino per estendere la NATO, come dice Putin- non solo è liberal/massonica, ma è direttamente occupata dai sacerdoti (e streghe…) del Politically Correct

  2. Silvia Elena Masetti

    Dovrebbero arrestare subito lei e Soros, e basta parlare di destra o sinistra, non esiste. Lei è il capo dei capi dello Stato Islamico . Il Mossad e la CIA hanno fatto precipitare le Torri Gemelle, quindi ha tradito il popolo nordamericano due volte. Altro che terza guerra, basta arrestarli prima, cioè adesso. Una vergogna.

  3. Un uomo con gli attributi. Il Signore lo conservi e ci liberi dai pericoli di una guerra scatenata contro di lui dalle belve rabbiose al soldo dell’eterno Nemico, per il tramite del popolo che rinnegò Suo Figlio quando venne per la Nuova Alleanza. Basta, il tempo dei “fratelli maggiori” e del loro braccio armato a stelle, strisce e grembiulino è finito.

Rispondi a Piero Vassallo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su