Real Madrid: per soldi, via la croce dal logo e lo stadio cambia nome

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zzrealInutile star tanto a questionare: pecunia non olet, rispose Vespasiano a Tito, secondo la tradizione. Per questo lo scudo del Real Madrid splenderà ad Abu Dhabi senza la consueta croce, unita alla corona nella parte superiore del logo sin da quando il Club è stato fondato ovvero 112 anni fa.

E tutto questo per non urtare la sensibilità islamica. Tanto rispetto umano, benché fuori luogo, non è gratis: lo si è capito chiaramente alla presentazione delle nuove carte di credito del Bnad, Banco Nazionale di Abu Dhabi. Sarà questo, d’ora in poi, a sponsorizzare la squadra iberica. Non a caso: si tratta del più grande istituto di credito degli Emirati Arabi Uniti. Così, tra raccattar fondi e ferire la sensibilità cattolica, il famoso Club calcistico non ha avuto alcun dubbio: ha scelto i primi, infischiandosene della seconda.

A diffondere l’incredibile notizia, è stato il quotidiano sportivo on line Marca. Che ha precisato come l’accordo sia triennale. Il Presidente del Real Madrid, Florentino Perez, e l’amministratore delegato di Bnad, Alex Thursby, si son messi in posa dinanzi ad una targa gigante, ove si vede bene lo scudo modificato (nella foto). Anche perché l’accordo sottoscritto non riguarda soltanto la società calcistica, ma si estende allo storico stadio Santiago Bernabeu.

Nome, che dovremo dimenticare, perché presto lo cambierà in Ipic Bernabeu oppure in Cepsa Bernabeu in ossequio al fondo d’investimento firmato con l’islamico IPICPetroleum Investment Company. Incredibile! L’identità è stata svenduta al prezzo di 400 milioni di euro, erogati nel corso dei prossimi 15, 20 anni al massimo.

Tra l’altro, il Presidente del Real, Pérez, ha precisato come non si tratti soltanto di un’intesa, bensì di «un’alleanza strategica con una delle organizzazioni più prestigiose al mondo. Spero che tale collaborazione – ha aggiunto – possa divenire un’alleanza stabile». Non è la prima volta che il Real Madrid si consegna alla finanza islamica: era già capitato l’anno scorso, quando intascò 130 milioni di euro dalla compagnia aerea Fly Emirates. Ma è la prima volta che, per questo, la società sportiva si è dimostrata disposta anche a mettere tra parentesi la propria identità ed a tradire la propria storia, le proprie radici, i propri valori.

.

fonte: NoCristianofobia   

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

10 commenti su “Real Madrid: per soldi, via la croce dal logo e lo stadio cambia nome”

  1. giorgio rapanelli

    Di fronte ai musulmani si calano le braghe: in Spagna, in Italia, in Europa, in Gran Bretagna, negli USA. Siamo una banda di vigliacchi. Vogliono metterci in mano non dico ai tagliagole, ma a chi mai accetterà di convivere con la nostra civiltà cristiana e laica.

  2. Di che stupirsi? Non seguo il calcio ma ricordo che Swiss Air ( che ha come simbolo lo scudocrociato ), dopo aver inaugurato collegamenti giornalieri tra Zurigo e Riad, ha dovuto rinunciarvi in quanto costretta a volare solo di notte per non esporre il simbolo della compagnia di bandiera. E poi se andiamo avanti cosi’, la Spagna (e a seguire l’Europa) ritornera’ sotto il dominio dell’Islam con buona pace dei tifosi del Real.

    1. Questo è quello che credono loro, gli apostati modernisti, perché non conoscono le “contromosse” della Divina Provvidenza : se ne accorgeranno, prima o poi, che fine faranno, a chi andranno a far compagnia. Noi, nel frattempo, rifuggiamo i loro discorsi, le loro eresie, teniamoci stretti stretti a Maria SS.ma, (a loro sgradita, perché ostacolo all’ecumenismo), Lei ci guiderà da Gesù, mica questi signori qua ! Ladetur Jesus Cristus.

  3. massimo trevia

    anche la chiesa ,da anni,vigliaccamente accoglie in nome di cristo chi prima o poi cercherà di privarcene!!!!!questo non è cristianesimo!!!!!!!

  4. A questo punto , perché non svendersi totalmente chiamando la squadra ‘ Islam Madrid ‘ e lo stadio ‘ Mohamed Bernabeu ‘ ?

Rispondi a Pascaliano Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su