13 marzo 2017. Quarto anniversario dell’Alba Radiosa. Un lettore ci scrive

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

.

Caro Direttore,

per normalissimi motivi familiari mi trovo spesso in auto la mattina fra le 7.30 e le 8.30, e fra un semaforo e l’altro ascolto sovente il GR1 appunto delle ore 8, come chissà quanti altri italiani. Forse oggi il traffico era un po’ più lento, o chissà: fatto sta che, benché quando si guida si debba prima di tutto guidare, per l’incolumità propria e degli altri, ho posto un po’ più attenzione del solito a quello che sentivo. E mi sono reso conto che era un vero bollettino di guerra. Non mi riferisco, ahimè, alla notizia dedicata alla (sempre drammatica, beninteso) situazione in Siria: quella è la guerra ai corpi, e per tragica che sia non è quella che a un cristiano dovrebbe fare più paura. S’intende che non vorrei peccare di cattiveria e presunzione, e infatti prego quotidianamente Iddio che me ne scampi (e sa solo Lui come potrei comportarmi qualora vi incappassi); ma in questo caso mi pare più grave la guerra alle anime, e mi riferisco quindi a un’altra “pagina” di GR, anzi: addirittura alla copertina.

Oggi è il quarto anniversario dell’Alba Radiosa dell’elezione di J.M.Bergoglio al soglio di Pietro. Panegirico ad opera della giornalista, e poi intervista a padre Antonio Spadaro. Non sono abbastanza bravo a “smanettare” sul cosiddetto podcast per riascoltare tutto, quindi devo affidarmi solo alla memoria: ma temo che non la stupirei più di tanto anche se riportassi (noiosi) passaggi testuali.

La sintesi di ciò che ha espresso la giornalista, di voce briosa e probabilmente tanta buona volontà, è che con papa Francesco finalmente la Chiesa: 1) è misericordiosa; 2) guarda agli umili; 3) è sobria; 4) è ecumenica; e via di questo passo. Sorvoliamo pure sul fatto che quanto al punto 1 (osservando, per inciso, che è Iddio a potersi permettere di essere misericordioso, perdonando il peccatore, mentre la Chiesa dovrebbe essere inflessibile nel condannare il peccato: cose che invece mi pare oggi siano un po’ confusette), al punto 2 e al punto 3 sia storia della Chiesa già da una ventina di secoli; caso mai, è quanto al punto 4, questo sì, ad aver disgraziatamente avuto una stupefacente accelerazione con il corrente pontificato. Comunque, tutti aspetti rigorosamente umani, scollegati dalla loro Origine divina. Ma fin qui è anche tutto in regola: è comprensibile che i laicissimi giornalisti RAI non indulgano a considerazioni cristiane neppure parlando di un Papa, limitandosi a commentare le ricadute sociali del suo operato.

Ciò che sconforta è che anche chi si fregia del titolo di “padre”, nella Chiesa cattolica, alla fine dica più o meno le stesse cose; non metto virgolette perchè, come scrivevo prima, devo affidarmi alla sola memoria, ma la sostanza è stata: nessun accenno a Dio e a Gesù; di vita eterna, Paradiso e inferno non parliamone neppure ché ci faremmo ridere dietro; i “peccati” sono solo quelli fatti (prima) dalla Chiesa; senzatetto e migranti, poi, come se per duemila anni non fossero né esistiti né ripetutamente accolti e aiutati dalla Chiesa (sempre quella di prima). Per arrivare a concludere, in crescendo e alla grande, che questo papa è una sorta di guida morale per il mondo.

Aggiungerei modestissimamente una pericolosa maiuscola: per il Mondo, appunto. Chi è questo tipo di guida per questo tipo di Mondo, rischia di essere alleato (consapevole o no) del suo principe. Non riesco, – mi perdoni Iddio e mi correggano i fratelli se sbaglio – a trovare in questo papa niente, dico niente, che mi avvicini a Nostro Signore; né, in lui o in questa nuova chiesa, niente che richiami l’uomo (ossia prima di tutto me, non per egoismo né egocentrismo ma per semplice fatto costitutivo) alla salvezza eterna della propria anima; quanto piuttosto programmi e manifesti politico-sociali come in una delle tante ONLUS: tutto terra e mondo, appunto. C.S.Lewis faceva dire al diavolo (Lettere di Berlicche, n.23) “Gli uomini e le nazioni che pensano di poter far rivivere la Fede al fine di avere una società buona potrebbero con lo stesso ragionamento pensare di adoperare la scala del Cielo come una scorciatoia per recarsi alla farmacia più vicina”. Profetico: mi pare che la situazione sia molto simile a questa, e vediamo da chi è ispirata.

Spero di sbagliarmi. Sono quattro anni, giusto oggi, che mi piacerebbe potermi ricredere.

Sempre grazie per il lavoro suo e dei collaboratori. Un cordialissimo saluto, e sia lodato Gesù Cristo.

A.F., Milano

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

18 commenti su “13 marzo 2017. Quarto anniversario dell’Alba Radiosa. Un lettore ci scrive”

  1. E oggi abbiamo avuto un altro primato di Bergoglio: i “vespri” tenuti da “ministri” della eretica Church of England (anglicani) a SAN PIETRO. Forse al giornalista è sfuggito l’evento. Al “padre” certamente no: ma meglio non fare troppa pubblicità, potrebbe venire alle orecchie a qualche devoto cattolico. Rallegriamoci senza fare troppo rumore in quanto il luogo simbolo della cattolicità sia stato finalmente “espugnato”, aprendo così la prospettiva di altre analoghi “celebrazioni” eretici. Ho i miei dubbi che la FSSPX – con l’accordo appena raggiunto (manca solo il TIMBRO) per la “piena” comunione – avrà l’onore di celebrare in San Pietro. Ma forse sì, magari assieme a qualche setta protestante. Oramai tutto è possibile nella Roma sede dell’Anticristo.

  2. Caro lettore A.F., la glorificazione di Bergoglio è ormai diffusa in tutto l’orbe terracqueo, tanto che pare che se non fosse stato per la sua venuta, la chiesa non avrebbe mai parlato di misericordia, né prestato soccorso ai poveri e considerato gli umili, né tanto meno sarebbe mai stata sobria. Ci manca poco che non si veda nell’argentino venuto dalla fine del mondo la reincarnazione di Gesù Cristo e che non esca fuori qualcuno che sostenga di averlo visto trasfigurato su di un monte.
    Eppure tanto bene san Luca ci ammonisce con quel “Guai quando tutti gli uomini diranno bene di voi”. Ma che sciocca, ancora non ho capito che san Luca, un uomo come tutti noi, per aver scritto il suo Vangelo alcuni decenni dopo la morte di Cristo e per non averlo conosciuto personalmente può aver scritto frasi in realtà da Gesù mai pronunciate. In fondo al tempo non esistevano mica i registratori…

  3. Luciano Pranzetti

    Più che di “Alba Radiosa” si dovrebbe parlare di “Notte profonda” dato che l’elezione papale di Bergoglio è avvenuta a tarda sera sigillata con l’indecente “Buona sera”. Ma sta bene anche “alba radiosa” che tanto ricorda quella “Golden Dawn”, cioè: alba dorata, superfetazione della massonerìa che tanta parte ha in questo clero conciliare e che, in questi ultimi tempi, con il riconoscimento di Lutero e di Enrico VIII, fa il suo ingresso trionfale e trionfante. 2017: cento anni da Fatima. . ..

  4. Carla D'Agostino Ungaretti

    E’ quello che penso anche io da quattro anni, dal momento di quel famigerato “Buonasera” che mi ha fatto immaginare il nuovo Papa in veste di “anchor man” o di lettore del TG. Quel “saluto” non mi va giù.E’ mai possibile che il papa dimentichi che il normale saluto tra cristiani, e a maggior ragione del Vicario di Cristo, è “Sia lodato Gesù Cristo”? E’ un disegno preordinato il suo? e come mai nessuno glielo ha fatto notare? Quando chiesi al mio parroco il perché di questa stranezza che a lui sembrava cosa perfettamente normale,, lui mi rispose: ” Il Papa è un uomo educato e sa che si deve salutare tutti prima di parlare”. Mi cascarono le braccia e a momenti scoppiavo a piangere. Da allora sono diventata antipatica al mio parroco che in seguito mi accusò di contribuire (io …!) alla rovina della chiesa (sempre con l’iniziale minuscola …).

    1. A me ha fatto molta impressione quando ha auspicato la “grande fratellanza” e ho pensato: “ma non sarà mica massone!?!”.

      1. https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/9/9a/Virgen_de_Luj%C3%A1n-R%C3%A9plica.JPG

        Nostra Signora di Lujan, Patrona dell’Argentina.
        Cosa c’è ai piedi dell’Immagine? Questo:
        https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/f/ff/Coat_of_arms_of_Argentina.svg/644px-Coat_of_arms_of_Argentina.svg.png

        Lo stemma ufficiale della Repubblica Argentina, nata massonica (contro la Spagna) e proseguita massonica, fino a oggi. Mani che stringono il “patto”, berretto frigio giacobino e Sol dell’Avvenire (Sol de Mayo -di Maggio- in Argentina). Dopo l’occupazione piemontese delle Due Sicilie, si ipotizzava di deportare in Patagonia i ribelli del Sud: https://it.wikipedia.org/wiki/Luigi_Federico_Menabrea.

        La stessa Patagonia -per inciso- che veniva cristianizzata e civilizzata in quel periodo dai Salesiani da poco fondati (in chiave antimassonica)… e che nessuno poteva immaginare sarebbero diventati, cent’anni dopo, “naturali simpatizzanti” della Massoneria

      2. “ma non sarà mica massone!?!”.” : caro Paolo, ma lo ha visto il video di quando Bergoglio appare al balcone, al sera del 13 marzo 2013 ? la tenda si apre e si vede lui che fa il gesto della “mano del marrano”, segno di riconoscimento tra massoni (del resto si era fatto fotografare così anche in Argentina, in tram); anche il prelato ala usa destra fa lo stesso gesto ma poi, accortosi che sono allo scoperto,si riprende e fa abbassare il braccio anche a Bergoglio. Quindi ritrngo la sua domanda retorica o pleonastica, purtroppo. Ma c’è una consolazione : se ha fatto quel gesto, significa che il collegio cardinalizio deve esser pieno di gente iscritta alla massoneria, purtroppo. Quindi si tratta di una falsa Chiesa, che ha eclissato quella vera, come profetizzato dalla Madonna a La Salette, che aggiunse “Roma perderà la fede e diventerà la sede dell’anticristo”.

        1. A occhio -necessariamente a occhio- direi, fra i Cardinali: un quarto di Massoni, una metà “comprensiva verso l’inevitabilità del confronto costruttivo con la Massoneria”, quasi nessuno convinto che Massoneria e satanismo anticristico coincidano.
          In termini pratici: tagliare la testa ai Reali di Francia e massacrare frati, suore, popolazione cattolica sono stati “passaggi dolorosi, ma necessari per dare avvio a un Mondo Libero e Indipendente” ?

  5. L’establishment dà per presupposto che al tempo della “Resistenza”, per affermare la democrazia contro il Fascismo, fosse lecito usare le armi: perché non sarebbe lecito usarle oggi per affermare la democrazia contro chi, p. es., nega a Salvini il diritto di parola e per togliergli fino alla fine dei secoli la voglia di farsi passare per l’anticamera del cervello di farlo?Ma viviamo in un mondo in cui vige il blasfemo “dogma” mediatico-clericale secondo cui la salvaguardia della vita umana deve prevalere sul Diritto (l’onore di Dio, secondo san Tommaso d’Aquino) sempre, o quasi.Infine i guerriglieri rossi (in quanto “amici del popolo”) hanno la benedizione anche “latae sententiae” dal papa, da quando è tale Tizzone d’Inferno (come lo chiama Alessandro Gnocchi) venuto “dall’Argentina con misericordia” (misericordia verso i nemici della Chiesa), che denuncia chi si “ferma” al Diritto; per forza il Diritto non piace a Tizzone: non riconosce il diritto (soggettivo) di appellarsi al Diritto a chi non concorda con lui.

  6. Radiosa appunto come il fuoco che sta consumando la Chiesa (vedi foto). Fuoco non d’amore, ma di distruzione.

  7. Le parole ” nuova chiesa ” mi riportano alla profezia della beata Caterina Emmerich che ebbe la visione di una falsa chiesa vicino alla Chiesa di sempre. Leggendo quella profezia sembra proprio che siano questi i tempi, perché in questa falsa chiesa prevale solo la misericordia, mentre la giustizia di Dio è totalmente scomparsa, non se ne parla mai. Facciamo tutti i peccati, tanto c’è la ” divina misericordia” . Cancelliamo dalla Bibbia le parole ira e giustizia, tanto sono del tutto sorpassate. Quanto danno alle anime! Chi le salverà?

    1. A (s)proposito di misericordia regalata a piene mani, leggete le parole di Sant’Alfonso M. de Liguori citate nel blog di Blondet: http://bit.ly/2mFWHiD
      Ormai, siamo alla negazione di tutto, tutto il depositum fidei.

  8. Come fanno a sorridere sempre il Papa, e gli altri eresiarchi che lo seguono entusiasti? Non ci credono all’Inferno?

  9. bergoglio è un imbonitore come quelli che ti presentano qualche cosa di necessario e che alla fine si dimostra una bufala. Io lo definerei il re dei falsi imbonitori. Prego Nostro Signore Gesù Cristo che lo faccia rinsavire. perchè potrebbe essere un magnifico ospite dell’ospedale di Catiglione delle Stiviere.

  10. S.Alfonso M. de Liguri, uno dei più grandi dottori della Chiesa; immenso è il Suo patrimonio culturale,teologico e spirituale.
    Che qualcuno facesse leggere a Omissis quello che S. Alfonso scrive, a proposito della Misericordia,altro che…”si salvano tutti”

  11. Niente che richiami l’uomo al suo destino di salvezza eterna: e qui sta la chiave. La domanda che mi pongo è se a qualcuno ancora interessi, nella gerarchia di questa Chiesa…

    1. Se il capo non dà a vedere che la cosa debba interessare, stia scuro che nessuno, sotto di lui, lo farà, sapendo che altrimenti firmerebbero la loro condanna. Bergoglio infatti è astioso, intollerante e vendicativo : così lo descrive chi lo ha conosciuto (e gli è stato amico/a in Argentina; la faccia da bonaccione sorridente glie la hanno confezionata i massoni per sbatterla su tutti i media e farne una pop star; tutte falsità, i media (TV, stampa laica e religiosa, radio vaticana e radio Rai, giornali diocesani, Avvenire, ecc) sono le fonti di informazione più spudoratamente menzognere oggi in circolazione, dato che sono in mano ai nemici della civiltà cristiana occidentale, cioè i massoni (,laici e religiosi)

  12. amos Previero

    Sono collegato con tv2000. Stanno trasmettendo una liturgia della penitenza da San Pietro alla presenza del papa. Ciò che mi colpisce è la quasi totale assenza di vescovi (appena sette) quando solitamente sono assai numerosi. E mi pare che ciò si verifichi anche nelle udienze pubbliche del mercoledì. È solo una mia impressione? O è sintomo di qualcos’altro?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su