28 aprile. L’uccisione di Mussolini e di Claretta Petacci in un articolo e un video con un consulente d’eccezione: Luciano Garibaldi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Redazione

.

La verità sui misteri di Dongo e di Giulino di Mezzegra, le vere ragioni per cui sul lungolago di Dongo furono uccise barbaramente quindici persone, alcune delle quali per nulla compromesse col regime, il fosco mistero su Dongo – quanti, anche tra i partigiani, cercarono la verità morirono assassinati – sono argomenti che hanno da sempre impegnato il giornalista e storico Luciano Garibaldi, una firma illustre per il suo incessante e testardo amore per la verità storica. Il velo di mistificazioni steso dalla vulgata si scopre col passare del tempo, anche perché i settant’anni che ormai ci separano da quelle tragiche giornate hanno contribuito a far cadere, almeno in parte, l’omertà che aveva chiuso per decenni la bocca di tanti.

Le circostanze precise, il luogo, l’ora, in cui furono uccisi Mussolini e Claretta Petacci, la cui unica colpa era l’amore per il Duce, sono state a loro volta coperte da una storiografia di parte che aveva tutto l’interesse a diffondere una visione oleografica di avvenimenti in cui ci fu ben poco di dignitoso e di onesto.

Non si tratta di approvare o meno la politica del fascismo, specialmente quella dell’ultimo periodo del regime, che portò a una compromissione sempre più profonda e distruttiva col regime nazista. Qui si tratta di ricostruire finalmente la verità. Perché un popolo che non conosce la propria storia non sarà mai, come non è, un popolo libero.

Per questi motivi consigliamo vivamente ai nostri lettori l’articolo “Mussolini, il tragico epilogo” (clicca qui) pubblicato oggi sul Giornale d’Italia e il video, in cui Luciano Garibaldi, che ringraziamo per questo interessantissimo contributo, ricostruisce con la puntigliosità del vero storico quelle drammatiche giornate.

Cliccando sull’immagine potrete seguire il video.

zzzzgdm

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

5 commenti su “28 aprile. L’uccisione di Mussolini e di Claretta Petacci in un articolo e un video con un consulente d’eccezione: Luciano Garibaldi”

  1. pierangelo pavesi

    Sono stupito di quanto ha detto don Luigi Barindelli che conosco da molti anni. Disponibile ad un confronto pubblico.
    pierangelo pavesi.

  2. Pierangelo Pavesi

    Sono passati due anni ma don Luigi Barindelli mi lascia con il mio stupore. Peccato.
    Io rimango sempre a sua disposizione.
    Pierangelo Pavesi

  3. Pavesi Pierangelo

    L’amico Garibaldi dichiara che Longo uccise Benito Mussolini. Ma Longo, nel pomeriggio del 28 aprile era a Milano, in piazza Duomo. Ci sono le fotografie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su