4.447 ebrei romani salvati da Pio XII – di Piero Laporta

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Piero Laporta

fonte: sito dell’Autore

 

p121021 ebrei romani furono deportati il 16 Ottobre 1943. Roma politica li commemora con accenti contro Pio XII, accuse trascoloranti da “indifferenza” fino a “connivenza”. Altrove gli ebrei (proprio ebrei, americani e israeliani) la pensano come Emilio Pinchas Lapide, già Console generale di Israele a Milano: «La Santa Sede, i nunzi e la Chiesa cattolica hanno salvato da morte certa tra i 700.000 e gli 850.000 ebrei». A Roma la Chiesa, cioè Pio XII, salvò 4.447 ebrei.

Era il 16 Ottobre 1943.

Trentotto giorni prima, l’8 Settembre, fu annunciato l’armistizio. I governi e gli stati maggiori statunitense, inglese e italiano vi lavoravano da mesi e mesi. Tutti seppero che gli ebrei romani sarebbero stati bersaglio in caso d’armistizio. La Croce Rossa internazionale fu altrettanto al corrente. Sua velocissima maestà Vittorio Emanuele III tuttavia fuggì. Lasciò senz’ordini 80mila soldati a Roma e l’aviosbarco alleato per conquistare e difendere Roma dopo l’8 Settembre fu cancellato.

Chi domandò: degli ebrei che ne sarà? Non ebbe risposta oppure più tardi finì alle Ardeatine. La Capitale cadde in mani tedesche. I tedeschi seppero che avevano mano libera. L’usarono.

La Resistenza, dimenticavo la Resistenza, presente dappertutto dopo il 4 giugno 1944, in quei giorni rimase nell’ombra. Verrà allo scoperto, si fa per dire, a via Rasella. Che darà le Ardeatine, chiudendo le tombe, le bocche e il cerchio.

Tradimenti, fughe, codardie, idiozie, nefandezze di eserciti, generali, monarchi, resistenti, mestatori, politici, potentissimi e armati.

Con chi se la prendono taluni velenosi ebrei romani? Col capo d’uno stato di 44 ettari, difeso da 241 guardie svizzere, il quale, mentre altri mestavano, salvò 4.447 ebrei dalle camere a gas, cioè 18,5 ebrei per ogni guardia svizzera. Immaginate che cosa avrebbe potuto fare il corpo d’armata americano che avrebbe dovuto conquistare e difendere Roma. Già…

Un segreto putrescente salda la complicità da allora sino ai giorni correnti. Quei residuati della storia vorrebbero negare, proprio loro, che Pio XII è santo. Insistano, la fama di santità del Pastore Angelico se ne giova.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

6 commenti su “4.447 ebrei romani salvati da Pio XII – di Piero Laporta”

  1. Luciano Garibaldi

    E’ sufficiente rileggersi il mio libro “O La croce o la svastica”, pubblicato due anni or sono dalla Lindau, per conoscere quanti ebrei furono salvati da Pio XII.

  2. ma riusciremo mai a conoscere al Verita’ su quegli anni? Per esempio: io non ho mai sentito parlare di quest’ azione avio degli Americani. Mi piacerebbe avere altri dettagli.
    Rosa

  3. piero vassallo

    il 7 settembre, prima dell’anticipato annuncio dell’armistizio da parte di Radio America, l’ambasciatore tedesco chiese spiegazioni al governo italiano circa le voci in circolazione intorno a un armistizio firmato dagli emissari del governo Badoglio a Cassibile. La notizia fu seccamente smentita. Il giorno dopo, quando gli americani diffusero l’armistizio, il governo italiano si riunì e, prima di decidere la precipitosa e disonorevole fuga a Pescara, esaminò (e infine scartò perché insostenibile) l’eventualità di smentire la notizia dell’armistizio e di confermare il detto di Badoglio “la guerra continua”.
    Quanto all’attentato di via Rasella (che costò la vita a tanti romani innocenti) la testimonianza di Massimo Caprara ha dimostrato che la rappresaglia era desiderata dai comunisti, che in tal modo ottennero l’eliminazione di loro avversari antifascisti.

  4. Annarosa Berselli

    Caro Laporta, sono la solita storica della domenica, e posso citare, a conferma di quanto scrivi, un articolo di
    Pier Luigi Guiducci comparso sull’ultimo numero di Storia in Rete, a pagina 30!
    Oltre, è chiaro, il volume di Luciano Garibaldi, già citato dall’autore!

  5. Romano Carafoli

    Piero Laporta , sempre chiarificatore di situazioni difficili da valutare per i comuni mortali . E poi le note tecniche , illuminanti che a volte creano disagio ( e sì, vedere che i tuoi alleati,amici ti mentono e ti imbrogliano . Così consideravo ,Americani,Francesi, Inglesi , come EX militare di carriera ) come le presunte bombe in Libia ( erano esplosioni provocate a terra, fasulle ) o i cosìdetti ribelli ( mercenari FR,USA,GB, ecc Arabi vari ) nelle primavere ( sìc ) in nord Africa .

    Dalla bassa Emiliana un saluto a tutti

    Romano Carafoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su