A “tavolo” con Gian Luigi Gigli: Pensieri sulla cometa abortista  –  di Piero Vassallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

E’ una pia banalità dichiarare che l’aborto è un delitto orrendo, senza risalire alle cause filosofiche e politiche della legislazione che lo istituisce a carico del contribuente.

di Piero Vassallo

.

zzzzbdrLa bestiale, infame legge 194 del 22 maggio 1978, dai surrealisti politicanti definita “norma per la tutela della maternità”, ha finora giustificato l’eliminazione di sei milioni di nascituri.

Per tutelare la maternità è stato sacrificato, sull’altare di stregoni e squallide megere radical-chic, un  numero di italiani innocenti, superiore dieci volte a quello dei caduti nella Grande Guerra.

Un fiume di sangue innocente circola nelle sedi della medicina democratica e progressiva, che di conseguenza supera in volata le normali associazione per delinquere.

Nel quotidiano  dei vescovi italiani (CLICCA QUI), l’onorevole Gian Luigi Gigli, un pensatore che, sfidando il ridicolo, afferma di sopportare eroicamente l’esiguo stipendio da deputato, rammenta che il Movimento per la vita ha salvato centosettanta mila nascituri.

Il risultato dell’azione di Gigli non si discute. Genera invece apprensione il silenzio di Gigli sulla causa prima del feroce macello attivo nelle cliniche ginecologiche. Un silenzio che induce ad immaginare l’azione di una anonima mano magica a sostegno della medicina disumana.

E’ una pia banalità dichiarare che l’aborto è un delitto orrendo, senza risalire alle cause filosofiche e politiche della legislazione che lo istituisce a carico del contribuente.

Il qualunque osservatore, che rifiuta di girare intorno al sacro palo dell’ipocrisia clericale e/o politicante, sa, infatti, che la legge abortista è una violazione della legge naturale, un abuso bestiale, discendente dall’articolo primo della costituzione italiana: “la sovranità appartiene al popolo”, un’empia e folle menzogna, che traduce il principio eversivo di tutte le rivoluzioni moderne:  summa in cives legibus soluta potestas.

Una tale disonesta e falsa affermazione giustifica invisibilmente la doppiezza dei cattolici – appartenenti alla scolastica di Rosy Bindi – in ridicolo equilibro fra due libri, la Sacra Scrittura e la costituzione italiana.

I cattolici italiani sono impotenti perché esposti al vento della democrazia assoluta, affermata nella costituzione, feticcio venerato dagli impuniti assassini e dagli utili idioti.

Si pone quindi l’obbligo di meditare le obiezioni che Francisco Elias de Tejada ha rovesciato sugli iniziatori dell’eversione moderna, i ghibellini farneticante nella scuola di Padova, e al loro seguito Jean Bodin, Ugo Grozio, gli illuministi, gli idealisti e i positivisti giuridici.

Una cultura cattolica che, rifiutata la lezione di San Tommaso d’Aquino in nome del delirio sincretista impropriamente detto ecumenismo, diventa incapace di reagire agli errori della modernità, ed è pertanto destinata ad affondare insieme con la zavorra che è sapientemente associata al sacro feticcio.

La comparsa in scena dei vaniloquenti o silenti cattolici della esangue generazione post-conciliare, cui appartengono i Gigli, i Buttiglione, i Formigoni, le Bindi, i Casini, le Binetti e gli Introvigne, è un segnale che incoraggia l’azione degli eversori attivi sotto la falsa e maledetta luce della costituzione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

6 commenti su “A “tavolo” con Gian Luigi Gigli: Pensieri sulla cometa abortista  –  di Piero Vassallo”

  1. normanno Malaguti

    Carissimo Piero,
    Come sempre, sei un tiratore dalla mira infallibile.
    Hai scelto il bersaglio vero e ancora una volta, hai fatto centro.

  2. Ottimo l’articolo e ottimi i vari aggettivi, però mi piacerebbe tanto smettere di chiamare
    cattolici i “vaniloquenti o silenti cattolici”!
    Dato che anche lei, caro Vassallo, ha, come tutti i redattori e i collaboratori di Riscossa
    Cristiana, una notevole ricchezza di linguaggio, non può trovare un’altra definizione?
    Per esempio: i falsicattolici..

    Il Signore la benedica!

    1. giovanni gigantesco

      Trattasi dei “cattolici della domenica” quelli che con 3\4 d’ora alla guida della loro pseudo fede credono di percorrere tiepidamente la strada della Salvezza. Ma nel Vangelo, Nostro Signore Gesù Cristo si è già pronunciato sui “tiepidi”.

  3. luisa lavagna novello

    grazie a tutti voi (prof Vassallo , De Mattei , Deotto … ) per le illuminanti parole (illuminanti perchè ancorate alla eterna , indefettibile Verità)

  4. Cito dall’articolo di Gigli: <>. Direi che questa frase dice tutto sull’autore: che tristezza! Che grande tristezza vergognarsi del Rosario e della Croce! Scrivendolo poi su Avvenire a chiare lettere in questo modo… Se questo e’ il messaggio, capisco perfettamente perche’ a suo tempo delle persone si siano distanziate dall’intellighenzia del MpV. E sono a loro riconoscente per averlo fatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su