A Vienna arrivano i semafori ‘travestiti’ da gay friendly

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zzzzspc

.

Ormai la propaganda Lgbt imperversa senza più argini e senza alcun ritegno: lo dimostra l’ultima “novità” – in ordine di tempo – introdotta in Austria. Potrebbe sembrare uno scherzo di pessimo gusto. Non lo è. Non è uno scherzo, intendiamo. Pur restando di pessimo gusto.

Di cosa si tratta? Di un centinaio – dicasi un centinaio – semafori “travestiti”. Li si trova a tutti gli incroci, in pieno centro e nella capitale, Vienna. Sono stati modificati, così da rappresentare due gay o due lesbiche, che si illuminano per segnalare se si possa attraversare o meno, al posto del tradizionale omino verde o rosso. Cuoricini compresi… Il tutto, a poche settimane dal Life Ball – evento di beneficenza contro l’Aids, 16 maggio – e dall’Eurovision Song Contest, che prevede tra l’altro il 22 maggio una giornata a tema dal titolo più che eloquente: «Conchita: Queen of Austria» con in programma un «Conchita Look-Alike Contest». Senza dimenticare la Regenbogenparade – in una parola, il Vienna Pride – in agenda per il 20 giugno.

La mascherata dei semafori gay friendly dovrà esser mantenuta pertanto sino a fine giugno. Tra i prevedibili consensi di media compiacenti e dei politici di regime à la page, che han fatto a gara per definire la trovata un esempio di grande «tolleranza». Unica eccezione, unica voce fuori dal coro quella dell’Fpö, il Partito della Libertà austriaco, che non ha esitato a bollare l’intera operazione come un caso di «delirio gender» da parte del Comune viennese, delirio oltre tutto pagato coi soldi dei contribuenti, come ha segnalato il quotidiano Frankfurter Allgemeine Zeitung. Costo, 63 mila euro.

.

fonte: NoCristianofobia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

6 commenti su “A Vienna arrivano i semafori ‘travestiti’ da gay friendly”

  1. Beh, non lamentiamoci troppo… visto l’andazzo c’era da temere seriamente che gli omini luminosi fossero intenti ad altra pratica, invece di darsi la manina… ma temo sia solo questione di tempo!

  2. Già non lamentiamoci troppo: la prossima versione di quei semafori, più evoluta tecnologicamente, sarà in grado di riconoscere le auto che trasportano famiglie di conigli ed in tal caso manterrà il verde fisso sullo sfondo dell’icona malthusiana dell’occidente invertito. Ora che lo sfascio della fede è completo, è in corso la dissoluzione della morale.

  3. Carla D'Agostino Ungaretti

    Questa perdita del senso del ridicolo non è altro che un corollario della perdita della ragione che affligge l’umanità nel silenzio di quei pochi che ancora la conservano. E’ naturale che si arrivasse anche a questo quando si è arrivati a ritenere naturale il matrimonio tra persone dello stesso sesso e a zittire chi cerca di opporvisi accusandolo di crudeltà..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su