“Allah is gay”: il cortocircuito multiculturale – di Giampaolo Rossi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Giampaolo Rossi

.

LA MOSCHEA “FEMMINISTA”
Quando, nel Giugno scorso a Berlino, è stata inaugurata la prima moschea “progressista”, tutti i giornali del mondo ne hanno parlato. La fondatrice Seyran Ates, avvocatessa curdo-turca, ha affermato che l’unico modo per combattere l’integralismo è: “introdurre un marchio femminista e liberal nella fede islamica”.
E così nella moschea, non solo donne e uomini possono pregare insieme, ma imam maschi e femmine si alternano nella preghiera, cosa inaccettabile per la tradizione musulmana; inoltre la moschea è aperta anche ai gay di fede islamica e persino per ai “non musulmani” che possono andare lì e pregare il loro Dio.
Come avrebbe detto Camilian Demetrescu, uno dei più grandi artisti e maestri cristiani del nostro tempo “più che una Casa di Dio sembra un garage dell’anima”, uno spazio neutro dove parcheggiare i pruriti di uno spiritualismo relativista.
Poco importa che il giorno dell’inaugurazione ci fossero più giornalisti che fedeli; poco importa che la moschea dedicata ad Averroé (Rushd in arabo) e a Goethe in omaggio alla Germania, sia stata ricavata dentro i locali di una Chiesa protestante in piena coerenza con quel sincretismo della nuova religione globale.

Dal Washington Post a Vanity Fair, la stampa liberal ha intonato lo stesso identico coro: questo è l’esempio che il multiculturalismo è possibile, che i musulmani possono convivere con i valori dell’Occidente e che un Islam moderato c’è, ma solo se gay friendly, femminista e arcobaleno.
Risultato: Seyran Ates è stata messa sotto protezione h24 dalla polizia tedesca per le minacce ricevute non dall’Isis ma dai musulmani tedeschi e per la fatwa lanciata contro di lei dal Dar al-Ifta al-Misriyyah la più importante istituzione religiosa sunnita del mondo, con sede in Egitto, che ha definito la moschea “un attacco all’Islam”.
Mentre la Turchia, forte dei quasi due milioni di turco-tedeschi, attraverso i suoi media e attraverso le sue organizzazioni governative, ha dichiarato che l’esperimento è “finalizzato a depravare e pervertire la religione islamica”.

“ALLAH IS GAY”
A Londra qualche giorno fa un altro episodio, questo addirittura ridicolo.
Durante la solita carnevalata buffonesca del Gay Pride (che il pensiero debole di sinistra continua a definire “marcia dei diritti”), un gruppo di “ex fedeli mussulmani” della comunità Lgtb ha sfilato con cartelli con scritto “Allah is gay” e “Fuck the Islam”Lo scopo? Denunciare l’implicita omofobia della religione islamica. Risultato, sono stati denunciati loro per “islmaofobia” dalle organizzazioni musulmane inglesi. Più che un cortocircuito è un blackout dei neuroni.

Da notare che i cartelli offensivi sull’Islam sono stati sequestrati dalla polizia durante il corteo con grande sorpresa dei militanti Lgtb perché in genere striscioni con scritto “Dio è Gay” o “Gesù ha due padri” o slogan e caricature contro la Chiesa, Cristo o il Papa, non provocano alcun intervento. Appunto.

Omofobia e islamofobia sono gli strumenti repressivi con cui la dittatura liberal ed il nuovo diritto globalista spargono il loro terrore su chiunque non la pensi secondo gli ordini del mainstream collettivo.
Se critichi la lobby gay o ti dichiari contrario alle adozioni omosessuali, ti becchi la denuncia per omofobia. Se sostieni che l’Islam qualche problemino con la nostra cultura ce l’ha e che magari non è proprio detto che sia compatibile, la condanna per islmaofobia è pronta per te.
Ma il tribunale del Pensiero Unico non ha contemplato che l’islamico potesse essere omofobo o che l’omosessuale fosse islamofobo.

IL RAZZISMO GLOBALISTA
La sinistra è in cortocircuito: dopo aver favorito l’immigrazione islamica in Europa in nome di un multiculturalismo irragionevole e di una stupidità ideologica travestita da mito dell’accoglienza, si accorge che quegli immigrati non riescono ad accettare proprio i valori portanti dell’ideologia liberal.
La verità è che il multiculturalismo sta fallendo dovunque: in Gran Bretagna, in Germania e nella sua variante francese “assimilazionista”. Lo sanno anche loro: l’élite globalista che ha pianificato la Grande Sostituzione (per poi dissimularla come teoria complottista) e gli eurocrati razzisti che teorizzano apertamente il meticciato per distruggere l’identità culturale dei popoli europei. Tra il ridicolo e il criminale, gli effetti del  multiculturalismo ideologico sta producendo il cortocircuito dell’Europa.

.

Su Twitter: @GiampaoloRossi

Articoli correlati:
Il razzismo degli eurocrati
Idiozia e dolo: come la sinistra prepara l’invasione
Svezia islamica: l’apartheid multiculturale
Germanistan: l’islamizzazione nel cuore dell’Europa
Ecco Denk, il primo partito islamico d’Europa

.

fonte: Il Giornale   

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

5 commenti su ““Allah is gay”: il cortocircuito multiculturale – di Giampaolo Rossi”

  1. Questa è la verità e bisogna “gridarla dai tetti”, come dice Gesù, contro ogni tentativo “demoniaco” di tenerla nascosta. “Non abbiate paura, io sono con voi, tutti i giorni, fino alla fine del mondo!”.

  2. quindi è chiaro, no?, che le religioni sono al guinzaglio dell Potere Massonico, che tutte le vuole ridurre al minimo denominatore comune, per sommarle tutte in un pastone unico! Dire che la sinistra ora è in cicorto circuito, mi pare un po’ troppo ottimistico: la sinistra, il potere politico che più direttamente esprime la volontà massonica in politica, sa bene quello che fa: che poi il suo piano, alungo andare, gli esploda in mano, lo sappiamo solo per la promessa che non saranno loro a vincere:” non possono vincere sempre”!

  3. Sono fuori tema.A Biella la prossima settimana parlerà in una Chiesa Cattolica l’abortista Emma Bonino invitata dal Parroco come da articolo di Marco Tosatti allegatohttp://www.marcotosatti.com/2017/07/21/la-bonino-parla-in-chiesa-la-protesta-di-molti-cattolici-ci-sara-un-sit-in-davanti-alla-curia-e-il-vescovo/#comments

    Invito i lettori a protestare contro questa iniziativa inviando una e-mail al Vescovo di Biella. La email è : info@diocesi.biella.it. Grazie per l’eventuale pubblicazione, Nicola.

    1. Stefano Mulliri

      Quanto a me mi farò sentire , e glielo dirò, che sono degli apostatati , e giunto il momento che questi pelandroni, che hanno scelto la carriera ecclesiastica soltanto perché non hanno mai avuto voglia di lavorare e non perché gliene freghi qualcosa del Signore, se lo sentano ben bene spiattellare in faccia ciò che pensiamo di loro.
      Saluti…….Stefano Mulliri.

    2. Ah, già, quella che osa prendere due parole del Vangelo – “Ero straniero” – come tema del suo parlare in chiesa (povera chiesa, e non parliamo del prete, più che povero , nullo come prete….), talmente a sproposito, come fa dell’uso della pompa da bicicletta…. Una donna assassina – secondo i parametri cristiani e di legge naturale – chiamata “grande italiana” da quell’uomo in bianco che da Roma, a sproposito assoluto, pretende di esserci, “luce e guida”, e chiamata predicare in chiesa da un povero mentecatto che l’ha scambiata per una novella Ildegarda di Bingen… Ma già da qualche parte, in Francia,per e esempio, i fulmini di Dio cominciano a folgorare a morte i sacrileghi che imperversano nei luoghi santi….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su