All’ombra del Ministero e dentro l’UNAR – di Alfonso Indelicato

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Comunicato

Il punto non è, naturalmente, quello che indicano il Corriere e Repubblica. Non è, cioè, che l’U.n.a.r  (leggasi Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali stretto da un rapporto organico e continuativo con il MIUR) abbia utilizzato fondi pubblici per finanziare club di sesso omo a pagamento. Da tempo, infatti, siamo abituati al fatto che lo Stato utilizza il nostro denaro per finanziare le finalità più dubbie: aborti, “unioni civili”, consiglieri e funzionari nullafacenti delle regioni a statuto speciale, onlus un tanto a migrante, cinematografari le cui pellicole non sono guardate neanche dalle loro madri, mediatori culturali, educatori di strada, quotidiani di partiti estinti, associazioni vegane. Dunque, tutto a posto: che si finanzino con le tasse del cittadino circoli in cui gli omosessuali si prostituiscono è cosa che, in questa nostra Italia dalla società liquida e dal pensiero debole – ma dal contributo forte – può ben starci. Ne abbiamo viste e sentite tante, siamo uomini di mondo.

Ma, come dicevamo, il punto è un altro. Questo U.n.a.r. è uno degli ispiratori (insieme al “Gruppo Nazionale di Lavoro LGBT” cui fanno capo 29 associazioni accomunate dall’ideologia gender) della politica ministeriale che, con particolare intensità dopo il varo della renziana legge 107, si propone di cancellare il principio antropologico della distinzione fra i sessi e quello della famiglia naturale fondata sulla relazione fra uomo e donna, e quindi aperta alla procreazione. Quella politica che si avvale di diverse strategie: interventi di “esperti” che si sovrappongono alle obsolete lezioni di Italiano e Matematica, letture fortemente inquinate, drammatizzazioni  in cui i bambini “giocano” a cambiare sesso, e via proseguendo.

Dunque l’opera di finanziamento di club nei quali gli omosessuali si esibiscono nelle loro performances per il solluchero di spettatori paganti  non è solo un qualcosa che rimane riservato agli affezionati del genere: se così fosse, nulla quaestio. è invece una prassi che, data la cooperazione dell’Ufficio con l’attività educativa della scuola di Stato, proietta un’ombra su tutta intera l’Istituzione.

E non è – sia chiaro – l’avvenuta  giubilazione del responsabile dell’U.n.a.r. (giubilazione che comunque il sottosegretario Boschi ha circondato di cautele e riserve) a sanare la situazione.  Si può ben dubitare, infatti, che le contribuzioni in favore di realtà quali il circolo gay scoperto dalle “Iene” siano il prodotto della generosità individuale del direttore. E non, piuttosto, il prodotto di un atteggiamento più diffuso nell’U.n.a.r.  e in altri uffici prossimi al Ministero. Tanto da far esclamare ai padri e alle madri (padri e madri, non genitore1 e genitore2) la classica locuzione “in che mani sono i nostri figli!”.

Alfonso Indelicato

Responsabile del Dipartimento Scuola della Lombardia di FdI – AN

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

10 commenti su “All’ombra del Ministero e dentro l’UNAR – di Alfonso Indelicato”

  1. UNAR & Co.: sono questi i luridi manovrati dal NWO che, con i NOSTRI soldi, traviano i NOSTRI bambini!!!
    Attenti, depravati: non sfuggirete alla Spada della Giustizia Divina!

  2. Una latrina manda sempre cattivo odore, sia che si usi come tale, che per i più turpi incontri. Ma che essa sia deputata a sfornare “educatori” da sguinzagliare nelle scuole, oltre che osceno, è abominevole.
    E tanto più insopportabile è che si tenga in piedi coi soldi nostri.

  3. Dall’inizio all’epilogo non c’è stato niente di normale. Si è fatta apologia di tutto quanto contraddice Fede e morale e i risultati non si sono fatti attendere. Una rovina. Che serva di lezione per l’avvenire; o meglio : si cerchi nell’immediato di arginare il danno.

  4. giorgio rapanelli

    Satana è colui che ispira LGBT, Gender nelle scuole, omosessualità sfacciata, pornografia in rete, e così via… Ispira pure la politica del PD e della cosiddetta Sinistra. Come per l’elezione imprevista di Trump, la recente vicenda di scandalo omosessuale e ciò che verrà in seguito, come la distruzione del PD, è opera dello Spirito. La lotta è appena iniziata, ma alla fine gli accoliti di Satana saranno sconfitti.

  5. Mi sovviene il concetto di fossile guida, ad esempio, per non mi ricordo quale era, la nummolite.
    E quello di oggi: il gay?

  6. Perché Babilionia e’ immonda? Perché, dopo avere prodotto immondizie, e ricorrendo ad artifici retorici, le spaccia e le propina per prelibatezze, ossia quali nutrimenti buoni e sani. E così i peggiori idoli non sono più abominevoli mostri ma sacrosante deità. Manteniamoci legati con la santa Catena infrangibile (Rosario) al Segno (Croce) del Figlio dell’Uomo.

  7. Altro tassello che contribuisce ad allargare la linea di demarcazione tra istituzioni e cittadini, tra la politica e il popolo. Che si stia inaugurando una fase di contro-propaganda? Difficile, per il momento, rispondere; certo è che, dopo anni, le finalità della politica nostrana, come quella dell’Occidente tutto, stanno palesandosi in tutto il loro grottesco e inquietante splendore.

  8. Anch’io, come Feder, accarezzo la speranza che il vento stia cambiando.

    Infatti, dubito che un colpo come quello inferto dalle jene sia stato possibile senza un’autorizzazione dei “piani superiori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su