Ancora su abortismo “umanitario” e “libertario” e su “strategia del carciofo”. Ma c’è di più – di Marisa Orecchia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Per sostenere distinzioni inutili e portatrici di confusione, si cerca anche di travisare le chiare e nette posizioni di Mario Palmaro. Non accettiamo questa gravissima scorrettezza.

di Marisa Orecchia (*)

 .

Mario_PalmaroLeggiamo nuovamente su un sito Internet cose vecchie: la distinzione tra abortismo “umanitario” e “libertario” e la proposta della “strategia del carciofo”. Per quest’ultima poi c’è chi esprime una certa inquietudine, dolendosi del fatto che non sia utilizzata dai pro life

 A chi  evidentemente scopre solo adesso la strategia del carciofo ( a parte ovviamente  quella  di cavourriana memoria) e la raccomanda caldamente a tutti  i  pro life,  vorrei dire che si tranquillizzi: questa “strategia” è stata messa in atto da sempre dai pro life..

I Centri di aiuto alla vita   proprio nell’intento  di sostenere la donna   e di evitare l’aborto hanno cercato da sempre  di infilarsi in quei  piccolissimi varchi che  i  cattolici  di sinistra, che si erano adoperati  per rendere  la 194”presentabile”, avevano aperto , spacciandoli  per   importanti conquiste e ammantandoli con i panni dell’abortismo  umanitario. Dell’abortismo  cioè che consente  l’aborto non in nome  di una rivendicata intoccabile  libertaria   autodeterminazione, ma di quello  che   considera l’aborto un male necessario,  da evitare, se possibile, aiutando la madre.

Da sempre la politica del carciofo è  la  strategia prevalente attuata dai volontari per la vita che per sottrarre bambini all’aborto si sono impegnati in ogni  direzione, cercando di aggregare  attorno all’obiettivo di contrastare l’aborto, persone, associazioni,  costruendo case di accoglienza, inventando telefoni  di pronto  soccorso,  istituendo progetti  per sostegno economico e via dicendo.

Da sempre i pro life  hanno cercato  di entrare nei consultori familiari e nei presidi sanitari che rilasciano il certificato di aborto,hanno interloquito con  medici, amministratori, hanno stipulato  con candidati alle elezioni patti per la vita da qualcuno definiti  con una certa enfasi  nuovi patti Gentiloni. Hanno  contrastato l’introduzione delle pillole del giorno dopo, dei cinque giorno della RU 486. Insomma, si sono spesi senza risparmio.

Appare evidente  a questo punto che il carciofo ha poco a che fare con  la difesa della vita nascente.

Dobbiamo   amaramente  costatare  infatti che nonostante  i 160.000 bambini salvati in questi   trentasei anni  e  che giustificano ampiamente il lavoro profuso, l’abortismo libertario  ha vinto la partita. Nella cultura, nell’opinione pubblica e nel suo ruolo di apripista  ad ogni altro attentato contro la vita umana e l’antropologia giudaico-cristiana. L’ha vinta per un motivo assai semplice: l’abortismo umanitario di fatto non si dà, non esiste. E’ la menzogna  sotto la quale si  nasconde l’abortismo  libertario, lo specchietto per le allodole  per quanti si  sono illusi e si illudono che  sia possibile  contrastare con la sola buona  volontà  e l’impegno, la terribile  ideologia di morte espressa  sempre e in ogni caso  dall’aborto, anche quando veste panni lacrimevoli e pietosi. Si può forse basare una strategia di salvezza e di vita  su una realtà di morte? Trentasei anni di esperienza dovrebbero metterci  tutti d’accordo su questo: la legge 194 è una legge di morte che merita solo di essere abrogata.

La strategia del  carciofo, che  ci viene adesso proposta come  cosa nuovaforiera di chissà quali  miracolosi risultati  –  e che, occorre ribadirlo,  continueremo a mettere in atto con  tutta la nostra tenacia  nella speranza di salvare ogni tanto qualche vita – non ci porterà lontano.

Suona un po’ strana  in questo momento la  proposta  di una strategia  che in  tanti anni  ha dimostrato il suo limite e non è riuscita ad arginare l’innumerevole moltitudine di aborti che  si sono consumati.

lbrmrMa non è solo strano, è anche gravemente ingiusto voler utilizzare Mario Palmaro per sostenere le proprie traballanti idee, citando quanto Mario ebbe a scrivere  a proposito della distinzione  dell’abortismo tra le due categorie  di abortismo libertario e umanitario.  Nel suo  primo libro, che fu la sua tesi di laurea, “Ma questo è un uomo – indagine storica, politica,  etica, giuridica sul concepito”,  Palmaro ci offre una  disamina completa del  fenomeno aborto e delle teorie  che lo sostengono. Cita per completezza  quanto a proposito aveva precedentemente  scritto Lombardi Vallauri. Non ne adotta le prospettive.

Non vogliamo esprimere giudizi su chi si arroga il diritto di falsificare le chiare e nette posizioni di un amico che ci ha appena lasciato. Ognuno potrà valutare la correttezza di un tale comportamento!

Ciò che pensava Mario Palmaro  dell’abortismo si evince seguendo  il filo rosso degli infiniti interventi, delle numerose pubblicazioni   che hanno  punteggiato tutta la sua vita – ché mai  Palmaro cessò di battersi contro  l’aborto e la cultura che ne  è alla base – ed è  espresso chiaramente anche nell’ultimo paragrafo dell’ultimo comunicato  stampa, il n. 150, che egli scrisse, come presidente di Verità e Vita  pochi giorni prima della morte. Lì  l’abortismo  è citato  senza aggettivi: non c’è abortismo  umanitario, libertario o altro.  C’è abortismo  e basta, perché ogni  aggettivo è inutile.

 .

(*) Presidente di Federvita Piemonte

]]>

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

6 commenti su “Ancora su abortismo “umanitario” e “libertario” e su “strategia del carciofo”. Ma c’è di più – di Marisa Orecchia”

  1. Carlo Manetti

    Grazie, Dottoressa, delle Sue chiare parole. Quell’articolo, cui Ella fa riferimento, tanto pudico nella forma, quanto eticamente chiaro nella sostanza, ha lasciato molti di noi senza parole. Auguriamo a certe persone di capire a che livelli di bassezza morale conduce la teoria del male minore, anche quando viene camuffata da teoria del bene possibile, che è, invece, tutt’altra cosa. Nonappena si accetta di chiamare Guido da Lusignano, cioè traditore dei compagni d’arme e vile, chi non si piega ai compromessi politico-ecclesiali, che tanto male hanno fatto al Movimento per la Vita (Casini [Carlo] docet), si offendono tutti coloro che, a vario titolo ed a vario livello, si sono impegnati e si impegnano, senza intravedere personali vantaggi, per la lotta alla piaga genocidaria dell’aborto e, tramite questa lotta, contro ogni attacco alla vita. Riprendere, per esaltarlo, quell’articolo, mi sia consentito dirlo, letteralemente infame (non si trovano parole per definirlo), ed accostarvi il nome di Mario Palmaro, addirittura citando fuori contesto alcuni suoi scritti, per accreditare l’idea della sua connivenza con certe posizioni, a poche ore dalla sua morte, si commenta da solo. Grazie, Dottoressa, anche per questa sua bella lezione di stile.
    La lotta contro la cultura della Morte sarà ancora lunga ed è più che mai opportuno denunciare gli “errori” (chiamiamoli così) ed i cedimenti che possono solo fare il gioco del nemico, indipendentemente dagli apparenti e momentanei successi che possano sembrare offrire.

  2. Grazie di fare chiarezza, ma andrebbe fatta soprattutto in ambito ecclesiale, dove si trova la resistenza maggiore alla chiarezza.
    Francesco Bernardini – NO194 Rieti

  3. Normanno Malaguti

    Complimenti alla dott.ssa Orecchia per l’articolo cristallino e al Dott. Carlo Manetti per il Suo commento.

  4. I limiti che la 194 pone all’aborto sono poca cosa, un piccolissimo varco nell’abortismo libertario, ma ci sono, e per quanto possibile vanno: 1) utilizzati; 2) gradualmente ampliati.’ nell’ottica della guerra senza quartiere all’aborto, da condurre a tutti i livelli, culturale, politico giuridico, amministrativo. Cosa non va in questa strategia? l’articolo di libertà e persona è chiaro e non si presta a fraintendimenti, nè sostiene il male minore, come neppure giudica “buono” l’abortismo umanitario, che qualifica come un male.
    Mi sembra che abbiate gravemente frainteso, ed anche che non sia chiaro per nulla quale strategia alternativa intendiate proporre.

  5. Non ci possono essere “scappatoie” l’aborto sarà sempre un male, mai “minore” e la legge 194 INIQUA in ogni suo punto. Non si può renderla migliore, non servono frasi, punti e virgole tolte o aggiunte: è iniqua e dal punto di vista legale non “sarebbe neppure da rispettare perchè contraria al bene comune”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su