In un articolo il vero piano (ed obiettivo) del totalitarismo Lgbtq

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zzBearSi chiama S. Bear Bergman, ha 41 anni. Si dichiara transessuale. Sul suo sito Internet si presenta, tra le tante altre qualifiche, anche come «disturbatore di genere». Militante. E il perché è presto detto.

Il suo curriculum parla da solo. E’ stato tra i fondatori dell’associazione studentescaGay-straight alliance. Fino al 2006 ha presieduto l’Unione nazionale degli studenti ebrei Lgbt. In seguito, ha tenuto ed ancora tiene conferenze in numerose università americane sulla «questione transgender nella prospettiva dei diritti dell’uomo». Via web informa di esser stato invitato anche «a scrivere il capitolo sull’inclusione trans nella Guida per gli Lgbtq di Hillel International». Hillel International è la più grande organizzazione studentesca ebraica nel mondo ed è emanazione della potente sigla B’nai B’rith, Figli dell’AlleanzaHillel tiene i contatti con oltre 550 collegi e università in tutto il mondo: Stati Uniti, Canada, Argentina, Brasile, Uruguay, Russia, Ucraina, Azerbaijan, Bielorussia, Moldavia, Uzbekistan, Australia, Regno Unito, Austria, Germania, Svizzera, Israele.

Lo scorso 7 marzo Bear Bergman ha firmato sull’Huffington Post un articolo molto interessante, dal titolo «Sono venuto ad indottrinare i vostri figli in base alla mia agenda Lgbtq (e non ne sono per niente dispiaciuto)». Più di un proposito, si tratta di un programma, di un manifesto, di una dichiarazione d’intenti. O di guerra, a seconda dei punti di vista.

Il piano appare scrupoloso, metodico, quasi chirurgico: «Ve lo confesso: vi ho sempre detto di non voler indottrinare le persone con le mie convinzioni su gay, lesbiche, bisessuali, transessuali e queer. Era una menzogna. Nei 25 anni della mia carriera di militante e sin dal primo istante, a 16 anni, ho pervicacemente cercato di cambiare la mentalità del mio pubblico, per renderlo come noi. E’ assolutamente questo il mio obiettivo. E’ il mio, nostro lavoro. Voglio fare dei vostri figli persone come me e la mia famiglia, anche se questo andasse contro le vostre convinzioni religiose. Voglio esser percepito come un padre invidiabile ed uno scrittore sposato con un altro giovane. Utilizzato come una sorta di ragazza».

Parole di una crudezza sconcertante, tuttavia estremamente significative. Per sfatare certa retorica facile, ma falsa. Perché, forse per la prima volta, queste affermazioni mostrano finalmente il vero volto dell’ideologia gender: in esse appare evidente come non si tratti più di battersi per ottenere rispetto, per evitare linciaggi morali e mediatici o fenomeni di mobbing e bullismo, tali da spingere anime fragili sino al suicidio. Tutt’altro. Qui non ci sono vittime. C’è piuttosto un’aggressiva campagna di “reclutamento”, che nasconde una precisa strategia di conquista studiata nel dettaglio, una consapevole volontà di prevaricazione ed indottrinamento degna del miglior totalitarismo: «Cambiare la mentalità del mio pubblico, per renderlo come noi», scrive.

Totalitarismo, che non bada a mezzi nella sua costante e capillare opera di propaganda. S. Bear Bergman, ad esempio, sta lavorando ad una collana di sei libri per bambini, tutti all’insegna dell”Lgbtq politicamente corretto’. Si presentano come testi “multiculturali”, colorati e simpatici, ma maschietti e femminucce vi «scelgono la propria identità», ovviamente «in modo gioioso e piacevole, pagina dopo pagina. A volte mi chiedono per quale motivo io mi sia interessato alla letteratura per piccoli», scrive Bear Bergman. Il motivo è evidente: «Come influenzarli più efficacemente? Raccontando loro delle storie. Così, ho iniziato. Voglio insegnare loro la vita degli individui trans. Sarei felice, anzi felicissimo di provocare su questo tema fratture tra i ragazzi ed i loro familiari. Permettetemi di essere onesto: non ne sono neanche dispiaciuto». Chiaro, no? V’è bisogno di aggiunger altro?

.

fonte: NoCristianofobia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

12 commenti su “In un articolo il vero piano (ed obiettivo) del totalitarismo Lgbtq”

  1. Non preoccupa cio’ che fa questo genio del pensiero umano, preoccupa molto di piu’ le porte che trova aperte. E sono molte. Sono le Istituzioni, culturali, accademiche o governative che siano che dobbiamo fermare. Se gente come lgbt non trovasse sponda, il gioco sarebbe gia’ concluso. Quando poi si arriva a constatare che e’ la Chiesa stessa ad aprire quelle porte, come gia’ successo al recente sinodo…

  2. No, non c’è bisogno di aggiungere altro. La protervia di questo individuo esplicata nella maniera più chiara e sfrontata possibile, senza il minimo timore di possibili reazioni contrarie è la dimostrazione di come abbia le spalle ben coperte e di quanto vasto e potente sia questo infame piano di mondiale indottrinamento contro l’ordine naturale delle cose nato dalla perfezione delle mani di Dio. La sua malefica e satanica ispirazione è talmente evidente che solo chi non vede, non sente, non parla può non accorgersene. Va gioiosamente avanti questa mortifera macchina da guerra, ma è sicuro che, grazie alla santissima Madre di Dio, Regina del Cielo e della terra, non avrà mai partita vinta.

    1. Sono d’accordo con lei: l’aggettivo satanico è quello più idoneo!
      Mi tranquillizza però il pensiero che appena sarà a conoscenza di
      questo, il vescovo di roma interverrà con la consueta veemenza,
      come ha fatto con la mafia!!!!
      Oppure questo mio pensiero è sbagliato, e ci sarà invece il consueto
      SILENZIO ASSORDANTE????

  3. Personaggio osceno che milita per una ideologia oscena!
    Non ci si poteva aspettare niente di diverso, comunque le sue parole fanno ribrezzo!

  4. Questa ideologia è nata in ambito massone. I piani della massoneria sono, né più ne meno quelli di distruggere il cristianesimo, unico e vero nemico da abbattere, possibilmente dall’interno della Chiesa stessa. Distruggere, pagina per pagina, la Rivelazione, cominciando dalla Genesi:” maschio e femmina li creò”. Poiché tale massoneria è composta da ebrei e non, ma gente che è a capo delle più ricche e potenti lobbyes finanziarie, ecco che con grandi finanziamenti possono “comprarsi” tutta la propaganda possibile, tutti i gruppi, movimenti, partiti politici in ogni parte del mondo, cosicché sembra che tutto il pianeta non abbia altro ed unico obiettivo che far approvare leggi sul gender e sulle unioni gay. Non sembra effettivamente molto strano che, al di là di problemi come la fame, i conflitti, le pandemie ecc., tutto il mondo sembra disperatamente ambire solo alla soluzioni di problematiche di infinitesimale portata? È la massoneria che avanza. È satana che conquista il potere ovunque giorno per…

    1. Concordo con lei Flora, é il piano massonico prioritario pervertire l’umanità distruggendo la Chiesa cattolica, l’ultimo baluardo a difesa dell’umanità.
      Preghiamo il Signore che ci dia la forza per resistere

  5. Tradizionalista

    Quando leggo di personaggi come questo che scrivono libri per bambini non posso fare a meno di pensare a questo passo del Vangelo

    “Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare”. Marco 9, 42

    Preghiamo con fede perche’ il Signore, la Vergine Maria, l’Arcangelo Michele e tutti i santi e gli angeli ci assistano in questi momenti cosi’ difficili.
    Sia lodato Gesu’ Cristo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su