Attivista Lgbt, vicino al Presidente Obama, in carcere per pedofilia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zzcleprkUn altro leader dell’attivismo gay e pro-choice è stato arrestato per pedofilia. E’ l’ennesimo caso verificatosi, è l’ennesimo caso vergognosamente passato sotto silenzio dalla grande stampa internazionale (quella italiana compresa).

Ancora non si sono sopite le reazioni per la condanna a 5 anni di galera ed a 60 mila euro di multa inflitta a Stefan Johansson, il 44enne ex-presidente della Federazione svedese per l’eguaglianza sessuale di Halland, una Ong Lgbt, che già è scoppiato un nuovo scandalo. Questa volta nei guai nella galassia omosessista è caduto Terrence Bean, di 66 anni: è accusato d’aver violentato un 15enne.

A far scattare le manette ai polsi dell’uomo ha provveduto l’Unità Crimini Sessuali del Dipartimento di Polizia di Portland, che lo ha raggiunto nella sua abitazione dopo il provvedimento emesso nei suoi confronti dal giudice della Contea di Lane per «presunto abuso ai danni di un adolescente, consumato nel 2013». E’ quanto ha annunciato la televisione locale KOIN6.

Il primo a dar notizia del drammatico episodio è stato, però, il periodico on line Willamette Week, che ha specificato come le indagini fossero in corso da circa sei mesi e fossero state condotte, servendosi anche di sistemi di rilevazione ambientale, tra cui una telecamera nascosta nella sua camera da letto. Questo ha consentito agli agenti di tener monitorate le attività del sospettato ed, al contempo, anche di registrare quelle che sarebbero poi divenute le prove a suo carico.

Secondo l’avvocato di Bean, Kristen Winemiller, l’uomo avrebbe collaborato con gli inquirenti e si sarebbe detto «vittima di un’estorsione». Ciò che tuttavia non nega le imputazioni, semmai ne azzarda soltanto una differente spiegazione, tutta da verificare e spunto per nuove indagini.

Il Viceprocuratore capo distrettuale, Patricia Perlow, non ha rilasciato ulteriori informazioni in merito, sebbene fonti vicine agli inquirenti confermerebbero come le accuse possano condurre, in realtà, a più vittime. Bean è considerato un “pioniere” del mondo Lgbt, nonché co-fondatore della Human Rights Campaign, promotrice accanita dell’aborto, ed uno dei principali punti di riferimento per il Partito Democratico. Ha sostenuto, fattivamente ed anche economicamente, la campagna del Presidente Obama ed ha spesso accolto in casa propria personaggi del calibro di Bill Clinton e Al Gore. Per le sue “battaglie” omosessiste e politiche si è prodigato in un’incessante raccolta fondi ed ha esercitato forti pressioni sul Congresso, affinché eliminasse qualsiasi finanziamento federale alle realtà che educassero i giovani all’astinenza sessuale.

Bean si è recato più volte alla Casa Bianca, ha posato col Presidente in carica e con la first lady, Michelle Obama, nonché con numerosi altri leader democratici. Attualmente Bean, uscito dal carcere solo versando una cauzione di 5 mila dollari, è in attesa di processo.

.

fonte: NoCristianofobia  

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

3 commenti su “Attivista Lgbt, vicino al Presidente Obama, in carcere per pedofilia”

  1. A simili personaggi si vorrebbe affidare l’educazione dei nostri figli e nipoti?
    Se lo stato, spinto dalle associazioni pederastiche, dovesse rendere obbligatorio il “gioco del dottore” e l’autoerotismo nelle scuole, comprese quelle cattoliche, e se dovesse abolire il diritto all’educazione parentale si dovrà scegliere se essere conigli (ciò significherebbe la fine totale o subtotale di ogni residuo di civiltà e sarà, purtroppo, la scelta maggioritaria) o se opporsi alla barbarie con la forza (un numero sempre crescente di scuole andrà in fumo, fino a quando capiranno che non possono rendere OBBLIGATORIA la perversione o fino a quando l’educazione parentale ritornerà lecita (e necessaria) per carenza di edifici scolastici)!
    Soluzione troppo drastica? Non mi diverto a parlarne, ma che altro potremmo fare SE dovessero toglierci ogni possibilità LEGALE di opporci alla perversione obbligatoria dei bambini? Sono graditi suggerimenti!

  2. Questi sono i nostri “amici”e “protettori” americani. Questi sono i democratici USA. Ecco tutta la loro democrazia. Valori divelti, imposizione di ideologie stravolgenti tutti i canoni morali, condanne mediatiche a “portatori sani” di vera, antica civiltà. I vari Obama, Clinton, Gore ecc.occupati a distruggere tutto il distruggibile con sane facce perbeniste, sorrisi moooolto molto umani, ma sotto la giacca nascondono la mannaia per tutti i non-pervertiti. E la vecchia baldracca dell’Europa, gentilmente chiamata “nonna” da papa Francesco, antica e sempre più decrepita cortigiana dei “parenti ricchi” americani. E così sta finendo anche lei nel baratro-bordello de, pensiero dominante, della civiltà di facciata che nasconce invece una barbarie sempre più disumana e orrida. Clap, clap, clap a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su