Bergoglio, la campagna “Ero straniero”, il partito radicale, eccetera. La parola ai lettori

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Redazione

.

Udienza di ieri, mercoledì 21 giugno. Bergoglio ha espresso il suo “sincero apprezzamento” per la campagna “Ero straniero”, promossa dal partito radicale (clicca qui) & solita compagnia di contorno. Lo scopo, inutile dirlo, è favorire ulteriormente l’invasione dell’Italia, o di ciò che ne resta.

L’illuminato “sincero apprezzamento” ci viene comunicato da una fonte seria, la SIR – Servizio Informazione Religiosa:

.

per leggere tutto l’articolo, clicca qui

Avete letto? Bene. Noi non scriviamo nulla. Abbiamo già detto ciò che pensiamo su ius soli, invasione dell’Italia eccetera. Abbiamo già detto ciò che pensiamo di Bergoglio & C.

La parola ai lettori.

Cari Lettori, valutate voi questa ultima (per ora) novità. TUTTI i commenti saranno pubblicati. Non c’è spazio ovviamente per il turpiloquio o per gli attacchi ad altri commentatori.

E grazie a tutti per la collaborazione. Questo articolo, insomma, lo scrivete voi.

PD

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

43 commenti su “Bergoglio, la campagna “Ero straniero”, il partito radicale, eccetera. La parola ai lettori”

  1. Ecchè ca…volo c’entra “ero straniero” con la politica dell’accoglienza ad ogni costo? Legga il Bertgoglio , tra una sparata e l’altra, se è capace – ma noi siamo ancora capaci e lui non ci frega – tutto il testo, e vedrà che lo straniero in questione non sono i baluba negri né i fanatici assatanati bombaroli e tagliagola muslim, ma è il discepolo stesso di Cristo, accogliendo il quale si accoglie Cristo. “Ma quando mai ti abbiamo visto affamato ammalato assetato STRANIERO…. ecc. ecc.” ? Leggere la risposta di Cristo, IDIOTI criminali, e turlupinatori. E poi e poi, se la volete tutta, chi ha detto che Gesù ha detto se allora nessuno l’ ha registrato perchè non c’erano i registratori???? O c’erano solo quelli che metteva Bergoglio ei suoi FURFANTI???

    1. I figli del Pannella drogaro e abortista, la Bonino, quella della pompa de bicicletta per espellere i bambini dalle pance delle femmine come lei (non dico ‘donne’ né ‘madri’, che sarebbe bestemmia…) , quelli come quel tale che fa l’accompagnatore delle ‘buona morte’ in Svizzera, questo Bergoglio Ciamberlano della Loggia tra le Logge Vaticane, ammiratore e santificatore della compagnia di cui sopra,….questi qui sarebbero gli interpreti del Vangelo, e hanno la faccia di sbandiera e le parole evangeliche, per la loro campagna di massacratori della vita della morale della fede del popolo della civiltà cristiana!!! Verrà giorno che finalmente saranno svergognati, per primo l’OCCUPATORE ABUSIVO del Vaticano, e si dirà di loro: ” ERANO BASTARDI E ASSATANATI” e hanno combinato questo disastro, per conto del bugiardo ed assassino dal principio!

  2. Sono sempre più sgomenta, incredula. Mai avrei immaginato che potessimo avere un pontefice che abbraccia le idee radicali…!
    Ha più volte detto che non vuole esprimersi in campo politico : a quanto pare sugli argomenti che gli stanno a cuore si esprime! !
    Sull’aborto, unioni civili, eutanasia, droga libera…tace.

    1. Si, infatti. E intanto le sue prese di posizione, spesso nel più assoluto assordante silenzio, sono politica allo stato puro. Senza vergogna, con la forza programmatica di un disegno che travalica la sua figura….

  3. Questa è una delle più evidenti contraddizioni della teologia politica ossia che genera fondamentalismi antievagelici.

    1. Carla D'Agostino Ungaretti

      Ha ragione, Monsignore! Il partito radicale, con un’improntitudine e un opportunismo veramente diabolici, arriva a sfruttare perfino le parole di Gesù (Mt 25, 35) – proprio loro che, per bocca di Emma Bonino, ritengono superata l’esperienza cristiana – per accattivarsi la simpatia dei cattolici più sprovveduti e dare luogo a quella teologia politica che provoca confusione e smarrimento nella fede. Niente di simile si era mai verificato con i precedenti Pontefici, possibile che tutto ciò si scateni ora con Francesco? Anche io sono, come l’amica Maria, sempre più sgomenta e incredula e mi sembra che perfino i sacerdoti, a cominciare da quelli della mia parrocchia, siano profondamente fuorviati.

  4. Bergoglio non e’ il mio papa e respingo al mittente ogni suo discorso. Non e’ possibile nessun dialogo con questa chiesa ne’ tantomeno scendere a compromessi. Non solo lo ritengo falso ma anche ripugnante nei modi e nella ostentazione quasi dogmatica di ritenere sempre e comunque la ragione dalla sua parte. Spero che prima o poi si levi qualche voce dissonante dal becero asservimento al Bergoglio pensiero. Mi piacerebbe, e concludo, che in Europa si tornasse al principio del ” cuius regio eius religio” dove una parte di Europa possa rifiutare i “valori universalmente accettati”, cioe’ l’attuale dittatura’ di accoglienza, convivenza, tolleranza ecc, che hanno come unico scopo quello di sopprimere il dissenso e la liberta’ di pensiero.

  5. Finalmente i radicali hanno trovato il loro nuovo leader. Chissà se sarà all’altezza del “beato” Marco Pannella?

  6. Caro Deotto, posso dirglielo? Non ne posso più. Non ne voglio più sapere. Voglio occuparmi d’altro: seguire Nostro Signore nella vita quotidiana cercando di santificarmi (per quel poco che posso) e ristorarmi con buone letture, siano esse spirituali o no. Così adesso vado a leggere l’articolo di Gnocchi.
    Lascio solo il link di questo:
    http://chiesaepostconcilio.blogspot.it/2017/06/limbecille-globale-e-al-potere-marcello.html vado a leggere l’articolo di Gnocchi.
    E auguro buona estate a tutti:
    a casa, al mare o ai monti possiate ristorate gli occhi e la mente con la natura, piccola o grande, che vi circonda, segno della grandezza e bellezza del Creatore;
    nella preghiera e nella lettura spirituale possiate gustare la dolcezza e la pace del Signore;
    possiate vivere accanto a Maria, la discepola perfetta del Signore, nostra madre, sorella e guida;
    nella gioia come nel dolore sempre forti e pronti, che in Dio niente ci manca.

  7. “Signor Jorge Mario,
    grazie, di cuore. Sempre più chiaramente mi fa capire dove sta andando, e da quale parte invece devo stare. Grazie. Mi spiace per le anime che nel frattempo si perderanno correndo dietro, o davanti, a lei: voglia Iddio che la mia non sia fra quelle. Comunque, ripeto, grazie.”
    Amaramente ironico… ma neanche troppo.

  8. Piero Vassallo

    abbagliati dalla suggestione buonista importiamo islamici ovvero nemici dichiarati della nostra religione, della nostra storia e della nostra cultura

  9. Mi prude la lingua per la voglia di turpiloquio.
    Offro al Cielo in penitenza dei miei numerosi peccati.
    Signore, liberaci da questo impostore.

  10. QUANDO NEGLI ANNI CINQUANTA DEL SECOLO scorso gli argentini di origine italiana tornavano in Italia avevano la “puzzetta sotto il naso” nei confronti degli italiani. Noi eravamo appena usciti dalla guerra e l’Italia era disastrata e misera, loro invece in quegli anni di governo Peron erano in pieno boom per merito delle loro esportazioni alimentari verso l’Europa.
    Erano certi che l’Argentina sarebbe diventata ricca quanto l’America del Nord e l’Europa ed in particolare l’Italia non si sarebbero facilmente risollevate. E’ successo giusto il contrario e da qui è nato un sentimento di invidia e di amore/odio nei nostri confronti.
    A mio avviso Bergoglio soffre di questo, non ci ama, accusa l’Italia di aver costruito del lager per gli immigrati, quando da tre/quattro anni ne accogliamo quasi duecentomila l’anno, cosa che non fa nessun paese europeo. Parlare sempre di immigrazione selvaggia (anche il giorno del Corpus Domini) denota un disegno oserei dire diabolico di affondare l’Italia per farla regredire al livello dell’Argentina e anche peggio.

  11. E che dire Direttore? Se il nostro amato vescovo di Roma avesse impegnato un centesimo della determinazione che mette per i migranti a favore delle vittime di aborto e eutanasia (altre grandi battaglie radicali) a quest’ora la legge sull’aborto avrebbe potuto essere seriamente messa in discussione invece di essere il tabù intoccabile. E proprio oggi ho sentito la notizia che qualche corte di nonsocosa ha condannato la regione Lombardia a risarcire il genitore di Englaro totmilaeuro per aver impedito alla figlia di morire in regione. Signor vescovo niente da dichiarare?

  12. Io mi domando: dove sta l’origine di questa furiosa, incontenibile, voglia d’autodistruzione? in quali sensi di colpa o brame di favorire il male? Ci vogliono annientare i potentati mondani, sulla base dei loro folli progetti egemonici. Ma perché la Chiesa (chiesa) cede in questo modo, così di schianto, si direbbe perfino con una gioia di assecondare le manovre nemiche? Quelli vogliono creare il Mondo Nuovo, previa cancellazione del vecchio attraverso i flussi migratori. Ma immigrazione incontrollata, così come sta avvenendo, vuol dire con tutta evidenza alta probabilità di guerra civile già nei prossimi anni. Ma cosa vogliono, questi relitti di uomini di Chiesa? Che Roma Milano Bologna Napoli si trasformino in delle Beirut, dove non puoi uscir di casa perché ci sono i cecchini sui tetti e le autobombe in strada? Ma non hanno un briciolo di freno morale, questi pastori pervertiti, davanti alla prospettiva di lasciare ai nostri figli una catastrofe di questo genere?

  13. Poi si stupiscono se cala di netto l’8×1000…….e se le Chiese sono sempre più vuote…..Una cosa comunque mi ha colpito. Leggo ormai da parecchi anni i commenti dei lettori ai vari articoli giornalistici su Il Giornale ( di Berlusconi) versione Internet. Ed il numero dei lettori atei,non credenti ed agnostici che danno addosso a Papa Francesco( per mancata difesa del matrimonio naturale ed adozioni e campagne pro INVASIONE Italia e difesa dell’Islam a tutti i costi ecc) e rimpiangono Papa Giovanni Paolo II e Papa Benedetto XVI è impressionante. Ciò vuol dire che il buonsenso e la legge morale naturale non sono ancora spenti nel cuore dell’uomo. Al contempo è impressionante vedere i commenti positivi su Papa Bergoglio di tutti i CATTOCOMUNISTI che fino all’altro giorno davano addosso a GP II e Papa Ratzinger…….Beati voi quando vi perseguiteranno e diranno male di voi. La cosa agghiacciante e significativa è che questo Papa è adorato dal Mondo….Prima all’ inizio avevo dei dubbi, adesso non più…Comunque sin dal primo ” Buonasera” e ” Buon appetito” le cose non mi tornavano…adesso sì.

  14. Niente da ridire con “Ero straniero…”.

    Ma il vangelo non dice: “Eravamo stranieri, eravamo tanti, quinti, sesti, settimi e ottavi figli di famiglie numerose e non solo ci avete accolti, ma ci avete dato il posto dei vostri figli unigeniti annichiliti dalla vostra stupidità e dalla vostra vigliaccheria!”

    Non lo dice, mi sembra, cosicché non possiamo sperare in alcun premio…

    1. Come, Michele, niente da ridire, sull’ “ero straniero,” ? Da nessuna parte troviamo che quello “straniero” si riferisce alla gentaglia ( “pessimae gentes”, Ez,7) che accompagniamo trombe spiegate ad invadere la nostra terra, quella un tempo chiamata, fatta chiamare, “sacro suolo della patria”. Andiamo a consultare il luogo da cui è tratta l’espressione, il Vangelo:
      “Signore, quando mai ti abbiamo visto straniero e ti abbiamo accolto?” “Ogni volta che avrete fatto questo a uno di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me.” (Mat 25). Ma i “fratelli” di Gesù chi sono? Quelli che “fanno la volontà” del Padre suo (Mc.3). E chi fa la volontà del Padre Celeste? Quelli che “credono” nel Figlio suo, (Gv6). Che rapporto c’è tra l’ “ero straniero” radical bergogliasco e quello evangelico? E poi guarda caso, qui c’erano e i registratori e loro, i nostri campioni, nemmeno sanno ascoltare il registratore…

      E poi quando mai il Vangelo, da questa feccia umana invertita, viene preso in considerazione – all’infuori dei casi in cui si presta, fuori contesto, ad essere…

      1. Caro Bruno,

        la mia era una battuta basata sul fatto che se si trattasse di uno, da solo, sarebbe giusto accoglierlo; che se ne debbano accogliere tanti, come ci stanno imponendo di fare, non è scritto in nessun testo sacro ed è contro ogni legge naturale!

        Quello che stiamo facendo noi, totalmente passivi, istupiditi dai media pro-schiavismo, è tristemente ridicolo. Per non parlare della parte “liberale” della gerarchia ecclesiastica: puro tradimento.

        Per quanto riguarda le scritture, con particolare riferimento a S. Tommaso:

        Nelle scritture, in greco ed in latino,
        per quanto a molti possa suonar strano,
        “il prossimo” significa “il vicino”
        e non “chi sbarca in massa da lontano”.

        Ma il grande capitale, il Vaticano
        ed altri adoratori del quattrino,
        sanno che, misti, l’afro e il magrebino
        rendono più del querulo italiano.

        E allora usano quel motto istesso
        in accezione alquanto differente:
        il prossimo è “colui che viene appresso”!

        Nella sostituzione permanente
        che vuol lo schiavo là dov’era il fesso,
        del qual (si spera!) non rimarrà niente.

      2. Anche quanto segue è attinente. Dedicato a tutti quelli che, preso atto del mio sconcerto per quanto sta accadendo, cessano di vedermi.

        Visiera bassa sull’occhio profondo.
        l’uomo della sinistra non mi vede;
        un’altra levatura, un’altra fede:
        lui è la sommità, io sono il fondo.

        Io pregai per trent’anni Iddio giocondo
        che facesse la grazia d’un erede;
        lui, casa e terra, se ce le ha, le cede
        a chi giunge dal terzo e quarto mondo.

        E così crede di far cosa buona,
        conforme alle parole del gigione
        che, più sporca la fai, più ti perdona;

        dietro il pupazzo, non vede il padrone
        nemico d’ogni libera persona,
        che vuole schiavi, dentro una prigione.

          1. Grazie Bruno!

            Complimenti a te per gli ultimi due commenti (più in basso), veramente interessanti.

  15. A parte Gesu’ Cristo, i miei riferimenti sono San Daniele Comboni e Marcello Candia, da me personalmente conosciuto a Macapa’; mai avrebbero approvato lo scempio che si sta compiendo sotto i nostri occhi.In mezzo alla foresta amazzonica Marcello Candia non ha dimenticato i diritti di Dio procurando che la cappella dell’ospedale alloggiasse in maniera convenientissima il SS. Sacramento e contemporaneamente prestando ai poveri le cure in corsie adeguate alla dignita’ di ogni creatura di Dio. In ogni caso, io credo che ci meritiamo quello che sta accadendo: ho letto da qualche parte che nell’area campana tanti cristiani abbracciano l’islam in cambio di aiuti alimentari.

  16. Annarosa Berselli

    Il mio povero zio è emigrato in Canada dopo la guerra, ma non è ststo abbandonato sulla riva del fiume s. Lorenzo,
    bensì aveva già un lavoro ed un alloggio, ottenuto tramite i sodlati canadesi che lui aveva conosciuto durante la guerra,
    mentre risalivano la penisola….che abisso con l’emigrazione di oggi!

  17. Gli unici veri stranieri in Italia siamo noi Italiani che oramai serviamo solo a pagar tasse.
    Spero che qualche “amico”islamico di bergoglio prima o poi distrugga e abbatta le mura leonine, cosi forse questi prelati da strapazzo, codardi e ipocriti finalmente proveranno cosa significa abitare in case in balia di delinquenti che arrivano grazie a loro da ogni parte del mondo.
    E pensare che questa chiesa conciliare é sopravissuta grazie agli italiani che ingenuamente (purtroppo) l’hanno finanziata.
    Da parte mia mai più un centesimo.
    Che falliscano e vadano a lavorare in miniera.

  18. Stefano Mulliri

    Credo che ci sia poco da aggiungere ai commenti che hanno già scritto. Però mi allaccio volentieri al commento di bbruno, e devo dire che sono stanco anche io di questa sovrapposizione che si continua a fare delle parole di Cristo ,aggiustate per ogni occasione in cui si voglia fare un cenno di intesa ai: compagni di partito del “Bergoglio” questo continuo abuso che come ha ben commentato monsignor Livi, genera solo un allontanamento dal Vangelo e quindi la conseguente perdita della fede, io purtroppo ne sto facendo una amara esperienza, con persone a me care, che se al tempo di Benedetto XVI stavano facendo dei significativi passi in avanti verso la riconquista della fede, ora con questo losco individuo hanno perso quasi ogni speranza.

    1. certo, ce lo auguriamo, Franco, per quelle mura che furono erette per proteggere il colle vaticano da un altro sacco di Roma come quello perpetrato dagli islanmici pochi anni prima, nel 846. Ora questa gente sono amici e fratelli e tutta preghiera e pace e quindi a che servono quelle mura? Lo dimostri il Piazzista che vi sta annidato dentro con le sue guardie, faccia vedere le sue convinzioni, quelle che vuole diventino le nostre, e lui si metta allo scoperto, con i nuovi amici suoi e fratelli a bivaccare sotto le sue finestre (queste lasciamogliele….)i

  19. Bergoglio è completamente andato, fuso (non che sia privo dell’uso della ragione, ma è stato accecato dall’eresia e dalla peggiori ideologie): non ha più niente di cattolico, a parte rare eccezioni.
    Comunione agli adulteri; elogi alla bonino; assunzione di anti-life e pro contraccezione alla pontificia accademia per la (vita?); ecumenismo eretico e blasfemo; silenzio assoluto su Charlie Gard e su Planned Parenthood che vende pezzi di bambini abortiti (prelevati quando i bambini sono ancora vivi e senza anestesia); bestemmie ai Santi, alla Madonna, a Gesù, alla Santissima Trinità; osceno questionario per il sinodo (conciliabolo) del 2018 per le “vocazioni”, il cui messaggio è: non vogliamo preti che combattano l’aborto; voglia di cambiare l’IMMUTABILE e INFALLIBILE dottrina sulla contraccezione, con tanto di pronunciamenti aerei in tal senso, ecc.

    Ora ci viene a parlare di Santi e deliquenti: per quell’eretico biancovestito il peccato è solo trasgredire le leggi umane (oltre a non assecondare i suoi capricci neo-modernistici e ad amare la dottrina cattolica).

  20. Sono d’accordo con Claudia.
    Tutta questa tristezza “in casa” rischia di deprimerci, se non la veicoliamo come solo i cattolici sanno dover fare.
    Viviamo nella Presenza, nel portare a Dio ogni atto del nostro quotidiano con le intenzioni che il nostro sentire ci propone.
    Ognuno di noi sta vivendo uno schiaffo, Gesù se li sta prendendo tutti.
    Ogni schiaffo preso da noi sia coperto da una sofferenza/umiliazione/mortificazione accettata con gioia per Lui.
    E Dio ci doni lo sguardo e la fermezza di Eliseo (2Re 6,17).
    Ad ognuno il proprio posto di combattimento, lietamente e coraggiosamente.
    Noi siamo nella “trincea” del mondo, i combattenti nelle pieghe della società civile.
    Ma noi siamo carne che porta lo Spirito.
    Forza ragazzi: incazzati contro gli spiriti di perdizione e certi della vittoria finale.
    Gesù vince. Gesù regna. Gesù impera.

    1. Il primo maggio a Merate sono stata quasi dirimpettaia durante il pranzo di una Loredana che aveva tutto l’ardire che traspare da questo scritto. Scritto che, ovviamente, condivido. Se è lei, cari saluti.

      1. Bello reincontrarci, Tonietta.
        Giornata di grazia scrosciante, quel dì…. come ogni giorno, d’altronde, ad avere lo sguardo giusto.
        “….. Risposi che mi studiavo di vedere bella la volontà di Dio…” (Maria Costanza Zauli)

  21. Gli accadimenti hanno sempre origini lontane e se già Bonino era stata accolta in vaticano con tutti gli onori perché è una di quelli che piacciono così tanto all’argentino, così come gli piacciono i crocifissi incastonati fra falce e martello, o i preti di strada che anziché odorare di Vangelo odorano delle pecore che non guidano, ma accompagnano, o quelli tutti arcobaleno che improntano gaycerimonie nelle loro parrocchie; e soprattutto quelli che non contenti di aver fatto imbrattare oscenamente e sacrilegamente le cattedrali delle loro diocesi, si mettono a glorificare Pannella per la spiritualità che dovrebbe esserci di insegnamento, di che meravigliarci di fronte a un ‘semplice’ apprezzamento per la campagna “Ero straniero…”? “Ero straniero” hanno osato intitolare questi ipocriti e menzogneri come il demonio, ricorrendo alle parole di quel Gesù che odiano e di cui si fanno beffe. Piace l’accoglienza a Bergoglio, ma gli piace a metà, se se ne infischia dei bambini non nati e non accolti, ma massacrati nel seno materno dalla sua beniamina che egli tanto ama. Che Dio gliene renda merito.

  22. Grazie, carissimo Francesco
    Con le tue parole e le tue azioni provochi in me e nei miei cari delle tremende sofferenze: mai avrei immaginato nei miei 77 anni di vita di dovermi confrontare con un papa eretico. Sappiamo però che può essere martirio anche la sofferenza spirituale, e sovente più grande di quello materiale. A questo punto, lo vogliamo offrire in riparazione di tutte le offese arrecate al Sacro Cuore di Gesù e di Maria da te e dai tuoi seguaci, vescovi e cardinali, che ti appoggiano e hanno come scopo la distruzione della Chiesa. In attesa del probabile martirio materiale, offriamo questo martirio spirituale per la conversione dei peccatori e per aiutare i fedeli che ancora rimangono a non cadere nella trappola della nuova chiesa universale che vuoi instaurare insieme ai tuoi complici massoni. (A proposito … dove sono i vescovi italiani?) Prego il Signore per te e tutte le tue vittime presenti e future.
    Anselmo

  23. normanno Malaguti

    MONS, LIVI HA PERFETTAMENTE RAGIONE IN TUTTO!
    NULLA DA ECCEPIRE, EGLI CAMMINA COME, IL CARD ROBERT SARA’, COL COMMENTO DI RATZINGER E CON LUI.

  24. Er gelataro de Santa Marta, calato nel suo ruolo , artigianalmente tetragono, continua a spatolare coni rutilanti e variegati. Talora, possono provocare conati.
    Ho spesso letto, vorrei fosse un’imprecisione/manipolazione giornalistica, che sua cremeria, romba che “siamotuttifiglidiDio”. La teologia, non so se ancora valida ed in uso, magari nei seminari, distingueva tra ” creatura” e “figlio”. Mi viene qualche dubbio sulla professionalità dell’artigiano del gelato. Mi spiego: se vado da un luminare della clinica e mi sento dire che la sinovia è uno sfintere, beh, penso che tanto luminare non sia, oppure, ingravescente aetate, ahimè……….
    “Chi agisce con approssimazione si abitua anche a parlare con approssimazione e il parlare grossolano, impreciso e sciatto coinvolge in questa indeterminatezza anche il pensiero [… ] Il pensiero è un dono di Dio ed esige che si abbia cura di sé. Essere precisi e chiari nei propri pensieri è il pegno della libertà spirituale”. padre Pavel Florenskij (martire) .
    Tirem innanz, tanto non ce la faranno .

    G. Vigni

  25. Antonio Radeghieri

    ERO STRANIERO
    Vivevo in una terra calda, ospitale,
    non mi mancava nulla, abitavo al sicuro, il cibo non mancava, mi sentivo custodito, amato,
    ancora poco, però,
    è sarei dovuto andare via, emigrare, e,siccome il tempo supera lo spazio, quello spazio andava lasciato, che tristezza!
    C’erano acque da superare per giungere in una nuova casa dove speravo di essere accolto, ero straniero.
    Ma un giorno, prima della partenza, percepiti un brivido inquietante ed un rumore mai sentito prima..
    Mi sentii squarciare come da un freddo metallo, fare a pezzi, l’ultimo ricordo che ho di me è dentro un cestino, che con gli ultimi barlumi di coscienza osservavo mia madre brindare coi medici festeggiando il suo diritto a non accogliermi.
    SONO STRANIERO

  26. e poi dove mai si trova nella storia di Israele, nella mentalità ebraica vetero-testamenraria, l’idea della bellezza del miscugliamento delle genti, anzi l’idea addirittura del rimpiazzo di un popolo da parte di altri popoli nel suo stesso territorio, se Israele stesso si è costituito, come patria nazione e regno, eliminando con le armi gli altri popoli dominanti su quello stesso territorio? Certo, c’erano stranieri accolti nel suo seno, chiamati ‘proseliti’, ma questi erano della stessa fede nel Dio di Israele, e tenuti alle stesse regole del culto nel tempio, pur non essendo circoncisi. Altro che fenomeno di multireligioni, ognuno col suo dio in tasca nella terra del Dio di Israele, un Dio tremendamente “geloso”.!!!.. Ma fino a quando questo ‘elemento’ straniera’ non minacciò l’integrità -l’identità- del popolo eletto: che allora fu decisa l’espulsione di TUTTI gli ‘stranieri’da Israele -2 Esd13. Mai letto???
    E ‘sto ‘papa’ di …s’appella alla Bibbia, per la sua politica mundialista e anticristiana! Certo, con quella compagnia, si qualifica tutto!

  27. E poi per tutti quelli che , nuovi Pinocchi, si fanno imbambolare dalle prediche dei Gatti e
    delle Volpi – quella biancosvestita è la peggiore di tutte (guardatene la foto qui), devono sapere con che razza di Truffatori hanno a che fare. La Bibbia non fu scritta in italiano o francese o tedesco o inglese… Chiaro. Poi: quando queste lingue dicono ‘straniero’, i testi originali distinguono, quello ebraico, ‘ger’, per indicare lo straniero venuto a stanziarsi nel territorio (‘proselitos’, nei LXX ), per distinguerlo da chi è nativo, “ezrah”, come pure da “nokhri”, che è lo ‘straniero o forestiero di passaggio nel territorio.
    Nel testo greco di Matteo, ‘ero straniero’, abbiamo: ‘xenos’, che la Vulgata traduce con ‘hospes’ , ed indica una situazione di emergenza che nessuno si sognerebbe mai di non fare oggetto della propria attenzione…Per i Greci il dovere dell’ospitalità era sacro… (cf Edipo a Colono). Senza dimenticare,poi, e qui è essenziale, che qui Gesù questa attenzione la chiede per i suoi discepoli ( ‘discepoli’, chiaro?) e la reputa come rivolta…

  28. Alberto Giovanardi

    La misura è colma! Ma cosa aspettano i quattro cardinali (più due in incognito) a passare dai “dubia” alla “correctio”? Non si rendono conto che Bergoglio li sta menando per il naso? ( scrivo “naso” ma penso ad un termine vietato dalla decenza ).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su