Cagliari: laboratori “gender” per bambini dai 4 agli 11 anni  –  di Rodolfo de Mattei

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Rodolfo de Mattei

.

zzzzcglr

.

Normalizzare l’amore omosessuale tra i giovanissimi cagliaritani. E’ questo l’obiettivo dell’incontro dal titolo, Le lesbiche si raccontano. Is lèsbicas contende·sipatrocinato gratuitamente dal Comune di Cagliari, con il sostegno della Commissione Pari Opportunità, che si svolgerà a Cagliari dal 11 al 13 marzo 2016 L’evento, organizzato dall’Associazione Culturale ARC, la neonata Associazione Universitaria Sardegna Queer e il Circolo ARCinema F.I.C.C. è in programma nell’ambito del VII Congresso Nazionale di ArciLesbica che si terrà questo weekend, per la prima volta in Sardegna.

L’iniziativa, che prevede un calendario ricco di appuntamenti, tutti volti a rappresentare la presunta normalità dell’amore tra persone dello stesso sesso, sta suscitando dure polemiche, in particolare per il fatto che la manifestazione avrà in programma due laboratori appositamente dedicati ai bambini dai 4 agli 11 anni ! Questi gli appuntamenti dedicati ai più piccoli, previsti per la domenica mattina del 13 marzo: dalle ore 10 alle 12, laboratorio per bambine e bambini (4/8 anni) a cura di Famiglie Arcobaleno, in collaborazione con le psicologhe di Psynerghia; dalle ore 10 alle 11, laboratorio per bambine e bambini (7/11 anni) a cura di Città del Sole Cagliari.

Salvatore Deidda (Fratelli d’Italia), ha denunciato l’inaccettabile indottrinamento gender nei confronti dei bambini, dichiarando:

“Non ho veramente parole per giudicare dei laboratori che coinvolgono bambini tra i 4 e i 11 anni in cui si devono travestire, magari i maschietti da principesse e le femminucce da principi azzurri. (…) La speranza è che il comune non fosse informato sui contenuti del festival delle lesbiche. (…)”.

Gli organizzatori dell’evento hanno prontamente replicato, sottolineando la bontà e i fini dell’iniziativa:

“Lo scopo dell’Associazione è quello di prevenire fin dall’infanzia omofobia, misoginia e bullismo, che in genere si manifestano durante l’adolescenza per la paura del diverso. In particolare il laboratorio vuole stimolare la riflessione nei bambini sul fatto che non esistono professioni riservate agli uomini o alle donne, ma che tutti i bambini possono aspirare a diventare quello che vogliono”.

Come da copione i promotori del gender diktat giustificano i propri programmi ideologici attraversi vocaboli ambigui e buonisti, strumentali al proprio piano sovversivo. Il comune di Cagliari, dando il proprio patrocinio all’iniziativa, mette il cappello su una manifestazione che viola, irreparabilmente, l’infanzia dei bambini, innocenti vittime del lavaggio del cervello genderista.

.

fonte: Famiglia Domani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

7 commenti su “Cagliari: laboratori “gender” per bambini dai 4 agli 11 anni  –  di Rodolfo de Mattei”

  1. Non so se riuscirò a continuare a leggere gli articoli sul gender…
    Tanto più che unisco sempre più spesso queste definizioni:
    “gender – vescovo di roma”.
    E il disgusto aumenta……

  2. Anni fa, ho assistito ad una trasmissione televisiva dove il famoso etologista Conrad Lorenz narrava gli esiti di un suo esperimento condotto su una tribù di uccelli, noti per la loro particolare rigida monogamia: ebbene, divisi in due gruppi, uno all’esterno di una voliera, dove necessitavano di adoperarsi per procurarsi il cibo e il nido: mantenevano i loro “costumi”, diremmo morigerati; un altro gruppo, invece, all’interno di una voliera, provvisti di ogni loro necessità, hanno “degradato” le loro abitudini “tradendo” i loro compagni, fino ad accoppiarsi maschi con maschi e femmine con femmine.

  3. “famiglie arcobaleno”??? MA QUALI FAMIGLIE!!! Famiglia è un termine sacro! Questi luridi schifosi perversi, che traviano e rovinano i bambini già dai 4 anni, bruceranno all’inferno insieme a coloro che colpevolmente tacciono e tollerano, o addirittura appoggiano e sostengono! GRIDIAMO DAI TETTI IL NOSTRO DISGUSTO PER QUESTE INIZIATIVE DELITTUOSE!!!

  4. Il mondo s’è davvero capovolto. Fino a pochi decenni or sono gli organizzatori di tale mostruoso evento avrebbero rischiato una condanna per oscenità o addirittura per corruzione di minorenni

  5. Maria Teresa

    Dopo questo articolo mi è sorta la curiosità di sapere chi è il sindaco di Cagliari, così tanto per vedere il gruppo politico di appartenenza. Indovinate un po’ …..
    Siamo governati da pazzi depravati.

    1. Anche a me, cara Maria Teresa… lo dico io: è il solito COMUNISTA (toh, guardacaso di SEL!!!) “figlio d’arte”: suo padre è un ex dirigente comunista, amico di Napolitano! Chi l’avrebbe mai detto… Non si smentiscono mai!

    2. Cara Maria Teresa, da un comunista come Zedda, di sel, non ci si può aspettare altro che una totale connivenza con questi abomini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su