I catto-normalizzatori. Tradizionalisti non vedenti la babilonia teologica – di Piero Vassallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

I sogni luterani dei teologi europei abbacinati dalla teologia di Vito Mancuso e del card. Martini, ultimamente sono frenati dal cuore dell’Africa cattolica, che si dimostra refrattaria a quel vizio contro natura, il cui nome fiammeggia nel labaro della teologia affumicata.

di Piero Vassallo

.

zzsynode-afriqueTra festosi squilli, fruscii acrobatici, finte frenate, pie reticenze e censurati sospiri, è approdato alla conclusione vaga ed elusiva il sinodo intitolato all’accarezzamento incauto e scivoloso di morbide e acritiche opinioni su divorzio, matrimoni irregolari e sodomitiche convivenze.

La sodomia, argomento scabroso, che, in tempi migliori, induceva al cauto silenzio, purtroppo non spaventa i sostenitori dell’aggiornamento della morale cattolica, trattenuti solamente dal timore della risoluta e inflessibile dissidenza africana.

In conclusione una permissione declinata sul pentagramma clericale del dire e non dire: “Le persone omosessuali hanno doti e qualità da offrire alla comunità cristiana”.

Impavidi e avventurosi teologi da palcoscenico, quasi rispondendo all’imperioso comando “vieni avanti modernizzatore!”, in equilibrio tra il dire il non dire, alludono all’esistenza di un bene nascosto nel Vizio ultramoderno, che è praticato e venerato dai malthusiani, esecutori della danza oscena e macabra concepita dai francofortesi e dai californiani.

La virtù si ritira nel ritrovo degli omosessuali? Il neo-modernismo cadrà ginocchioni davanti a un vespasiano iniziatico? Certo è che il delirio teologico avanza sotto il labaro raggiante, su cui fiammeggiano le parole oscure e bifide del vizio, che squilla sotto l’ala della thanatofilia onusiana.

Il sedevacantismo costituisce una tentazione quasi irresistibile. Se non che il papa regnante è soltanto il vicario di Gesù Cristo, che è il vero Capo della Chiesa cattolica indefettibile.

Quasi preda di un giro vizioso, infatti, il vescovo di Roma, Bergoglio, è incatenato all’impotenza dei teologi avanguardisti, i quali, per attuare il desiderato rinnovamento, sono obbligati a disconoscere la tradizione, ad aggirare il dogma e, in ultima analisi, ad appoggiare le loro avventurose tesi sull’autorità che compete ai rumorosi. applauditi ma anodini opinionisti.

Il desiderio di associare la fede agli errori della languente modernità (un intrepido porporato ha addirittura proposto una teologia aggiornata dalla sorpassata e consunta filosofia di Hegel e Schelling) di conseguenza rimane aggrappato alla chiacchiera della sacrestia desautorata.

 Inoltre, la corsa lungo la discesa in direzione della fede modernizzata è grazie a Dio frenata dai vescovi africani, che si oppongono coraggiosamente all’avventizia urlante opinione dei vescovi libertini di Germania.

 La chiacchiera mondana degli opinionisti illuminati dal Vaticano II turba e sconcerta i fedeli refrattari e tuttavia non compromette la fede nutrita e animata dalla conoscenza dell’unica e immutabile verità.

 Il rifugio della fede intransigente in Africa è un segnale della crisi mortale in atto nell’Europa cristiana e una previsione dello sfacelo cui è destinato il vecchio continente, non la Chiesa cattolica.

 La fede degli europei è sotto schiaffo nelle diocesi, nelle quali la furberia del clero modernizzante e/o normalizzante convince fedeli arrendevoli perché impreparati a disobbedire ai suggerimenti, che sono diffusi dall’avventizia teologia messa in circolo dal concilio rahneriano Vaticano II.

 Lo schiaffo degli innovatori, purtroppo, colpisce anche la robusta guancia di autorevoli e pii teologi, ad esempio il veronese monsignor Gino Oliosi, secondo cui le riforme pastorali e liturgiche attuate da San Pio X “sarebbero state riprese ed estese alla metà del secolo da Pio XII e avrebbero dato i frutti migliori nel Concilio Vaticano II”  [1]. Mah.

 In sintonia con mons. Oliosi, Pier Luigi Bondioni afferma che “la Chiesa di oggi e di domani non potrà mai dimenticare il suo [di San Pio X] lavoro e le intuizioni che hanno anticipato i tempi e preparato il terreno al Concilio Vaticano II. Motivo in più per non permettere al tempo di depositarsi nella dimenticanza di quanto fatto nel suo pontificato“. Naturalmente l’autore di un tale giudizio non fa cenno alla condanna del modernismo formulata dall’anticipatore San Pio X.

 L’acrobatica associazione della teologia conciliare alla teologia di San Pio X è un segnale lanciato da una fra le tante emittenti confusionarie, che affollano e tormentano l’ambiente cattolico dopo il Vaticano II.

 Nell’angosciante baraonda, tuttavia, si può leggere la consapevolezza che la Chiesa cattolica  sopravviverà alla tentata modernizzazione conservando la fedeltà alla tradizione, da cui riceve la ragion d’essere. Il futurismo teologizzante deprime le anime e svuota le chiese, onde la flessione del partito dei modernizzanti, costretti ad assestare un colpo eterodosso al cerchio e un colpo normalizzatore alla botte.

 In definitiva: una Chiesa totalmente appiattita sulla teologia esangue dei modernizzanti affonderebbe nel gorgo del delirio germanico, nel quale sguazzano i vescovi abbagliati dai macroscopici e cadaverici errori di Hegel e Schelling.

 I sogni luterani dei teologi europei abbacinati dalla teologia di Vito Mancuso e del card. Martini, ultimamente sono frenati dal cuore dell’Africa cattolica, che si dimostra refrattaria a quel vizio contro natura, il cui nome fiammeggia nel labaro della teologia affumicata.

.

[1] Cfr. la introduzione al saggio di Pier Luigi Bondioni, San Pio X Profeta riformatore, Fede & Cultura, Verona 2012.

.

fonte: blog dell’Autore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

3 commenti su “I catto-normalizzatori. Tradizionalisti non vedenti la babilonia teologica – di Piero Vassallo”

  1. “Fedeli arrendevoli perché impreparati…”: ignavi, accidiosi, dimentichi e COLPEVOLMENTE ignoranti nella Verità della Fede.

    “Se non che il papa regnante è soltanto il vicario di Gesù Cristo, che è il vero Capo della Chiesa cattolica indefettibile.”: sursum corda! Domenica è l’ultima, di questo ventoso ottobre: è CRISTO RE!

  2. “Le persone omosessuali hanno doti e qualità da offrire alla comunità cristiana”. Ecco una frase emblematica della grande confusionaria teologia modernista, che sta disorientando i fedeli. Se Pio X è stato eletto all’onore degli altari, Lui che condannò gli errori del modernismo, come si fa ha sostenere che gli omosessuali possono arricchire la comunità cristiana? Ma San Paolo non era assistito dallo Spirito Santo e parlava tramite di Esso? (Non illudetevi, voi sodomiti, effemminati….ecc.). Nessuno vuole il male delle persone omosessuali ma, ovviamente, bisogna affermare, innanzi tutto, che il loro peccato è gravissimo e dovrebbero rinunciare alle loro tendenze e non deve essere la Chiesa ad incoraggiarli. Inoltre, molti di loro (ma questo oggi non si può più affermare, pena minacce pesantissime) possono uscire dal loro stato innaturale, come è dimostrato da alcuni psichiatri che, solo su richiesta di alcuni di loro, li hanno guariti (anche questo non si può affermare, pena…

    1. E’ vero, questo non si può dire perché altrimenti cadrebbe l’assioma della loro normalità. Bisogna porre mente al fatto che tutti sono stati sedotti da piccoli da qualche adulto (questo vale ovviamente anche per altre perversioni e deviazioni) e che pertanto solo attente cure psicologiche e una retta educazione possono interrompere questa tragica catena. Non sono un’esperta della materia, ma intuisco che è così: il disastro è rinunciare ad educare e considerare tutto normale e naturale..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su