Cattolici, attenzione, non pregate troppo…  –  di Giovanni Lugaresi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Vicenda dei Francescani dell’Immacolata, dichiarazioni del segretario della Cei monsignor Galantino, ed altri “casi” che potremmo citare… “in materia”. Che cosa hanno in comune, principalmente?

Una enorme, pesante, (forse) inimmaginabile caratteristica: sembra che la preghiera per certi cattolici sia diventata un optional, che se ne possa fare a meno, che sia inopportuna in certi casi, che se troppo “praticata” non vada proprio bene, e questo riferimento (per chi prega troppo) è specificamente rivolto ai buoni francescani dell’Immacolata, castigati in maniera tale da far pensare alla persecuzione subìta da padre Pio (oggi santo) da Pietrelcina.

di Giovanni Lugaresi

.

zzprghrGià, perché oggi, che ne è stata riconosciuta e proclamata la santità, in molti e proprio all’interno delle mura vaticane, devono aver dimenticato che nei suoi confronti proprio di persecuzione si trattò, persecuzione alla quale non fu estraneo, a quanto si è saputo, anche il “papa buono” per antonomasia, Giovanni XXIII fresco fresco di canonizzazione – però,  poteva non sapere?, vien da osservare.

Ma lasciamo stare padre Pio, eroico cappuccino contro il quale si accanì il francescano padre Agostino Gemelli, mentre un altro cappuccino, padre Volpi si sta accanendo contro i francescani dell’Immacolata…

E torniamo alla preghiera. Tutti i santi erano uomini di preghiera, tutti i formatori di coscienze cristiane invitavano alla preghiera. Vengono in mente, come “vicini di casa”, il ravennate don Angelo Lolli, fondatore dell’Opera Santa Teresa del Bambino Gesù, e il riminese don Oreste Benzi, morti in odore di santità.

 Nello specifico di don Benzi, poi, che aiutava e salvava le prostitute dallo schiavismo, si sa che era contrarissimo all’aborto e che, anche in questo àmbito,  contro questa “piaga”, contro questo crimine,  venivano recitati i suoi rosari.

Forse monsignor segretario della Cei non ce l’ha presente, quando si parla di aborto, come non ha presente che contrari all’aborto medesimo – a suo tempo – si dichiararono pubblicamente personaggi laicissimi come Pier Paolo Pasolini e Norberto Bobbio, nientemeno! – per non parlare di quell’icona dei cattolici di sinistra a nome Giorgio La Pira… e qui facciamo punto.

E allora, vescovo Galantino, perché snobbare (se non irridere),  quel gruppo di cattolici che recitava il rosario davanti a strutture che praticano l’aborto?

Noi, semplici e umili cattolici, non ci troviamo niente di disdicevole, e come cittadini italiani che credono nella democrazia, ugualmente siamo per quella libertà di espressione che, nel caso di questi offesi dal presule, è puramente pacifica…

E allora? Ci viene da pensare (male!!!) che monsignor segretario della Cei appartenga a quella categoria di sacerdoti da noi da tempo individuata: quelli cioè che hanno abbandonato le due P (preghiera, penitenza) per sostituirle con le due V (vanità, venalità). E che Dio ci perdoni, se così non è nel caso di monsignor Galantino!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

4 commenti su “Cattolici, attenzione, non pregate troppo…  –  di Giovanni Lugaresi”

  1. Circa un anno fa Galantino disse la seguente frase:
    “Ma cosa volete che se ne faccia oggi il nostro mondo di una Chiesa impegnata a difendere le proprie posizioni (qualche volta dei veri e propri privilegi) in un mondo che pullula di gente che già fa questo in nome della politica e che, per fortuna, qualche volta viene smascherata ed esposta al ridicolo?”
    Chiunque parli in questo modo, ha perso la Fede, non c’è neppure bisogno di commentare i vari singoli punti di questo sproloquio, a Galantino non interessa la preghiera e neppure guidare le anime verso il Paradiso per il semplice fatto che lui al Paradiso e all’utilità della preghiera non crede.
    A galantino interessano gli applausi del mondo e (forse) fare una rapida carriera; chissà se è merito del “discorso” sopracitato la sua promozione a segretario generale della Cei, ma sembra che lui ritenga di sì, visto che ora si sta comportando in modo analogo: forse aspira a diventare al più presto cardinale!

  2. Dante Pastorelli

    E un optional per Galantino e compagni son anche la prudenza e il silenzio. Ma con la prudenza e il silenzio non si finisce sulla stampa.

  3. Carla D'Agostino Ungaretti

    Sono profondamente triste e scoraggiata. L’eterogenesi dei fini si sta veramente verificando se perfino un uomo che dovrebbe appartenere in primis a Dio ridicolizza quelli che pregano. Ed è stato il Papa a metterlo al posto che ocupa? Che dire? L’assedio del demonio si fa sempre più stringente in questo mondo in cui non ci si capisce più niente.

  4. Nei messaggi, nel mondo, di Gesù e della Vergine Maria, nostra Madre, dicono che l’anticristo presiederà il trono di S.Pietro, ma che subito arriverà Gesù Cristo con la seconda venuta e il demonio non prevarrà…..crediamo, meditiamo, preghiamooooooooo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su