CELIBATO SACERDOTALE DA ROTTAMARE. O NO? – di Lorenzo Bertocchi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

E-mailStampaPDF

di Lorenzo Bertocchi

fonte: Libertà e Persona

 

ordinazioni_sacerdotali

 

Mons. Piero Parolin, neo Segretario di Stato Vaticano, intervistato dal quotidiano di Caracas El Universal, si dice cosciente di partecipare “ad un’opera di rinnovamento che (il Papa) vuole fare nella Chiesa Cattolica”.

Tra le altre cose il prelato riflette sul fatto che il celibato sacerdotale non è una “definizione di fede”e, quindi “si può pensare a qualche modifica”. Nulla di nuovo sotto il sole, né di scandaloso, sono secoli che si discute di questa legge ecclesiale, ma, come molti lettori sapranno, questa volontà di cambiamento è stata espressa particolarmente negli ultimi 40-50 anni.

Per farsi un’idea si possono leggere le opere di Hans Kung, per citare un teologo dissidente di un certo spessore, ma si potrebbero ricordare le aperture del domenicano olandese Schillebeeckxv, del gesuita Rahner, giù, giù fino all’odierno Vito Mancuso. Anche il Card. Martini aveva in più occasioni proposto un ripensamento dell’obbligo di celibato dei sacerdoti.

Al di là delle varie posizioni in campo colpisce che specialmente in questi ultimi 40-50 anni il tema è diventato una specie di cavallo di battaglia, soprattutto per cercare di arginare la terribile emorragia di vocazioni e gli abbandoni del sacerdozio. Infatti, anche Mons. Parolin ha spiegato che questa potrebbe essere una soluzione alla scarsità del clero.

E’ innegabile che il crollo dei costumi verificatosi negli ultimi decenni ha rappresentato una variabile non indipendente rispetto alla tenuta di questa legge ecclesiale e al calo del numero di sacerdoti. Qui però viene da domandarsi se sia la legge a doversi adattare al vento di cambiamento o, piuttosto, è la tempesta che deve essere sedata.

Secondo Paolo VI, e siamo nel 1967, “la causa della rarefazione delle vocazioni sacerdotali va ricercata altrove, principalmente, per esempio, nella perdita o nella attenuazione del senso di Dio e del sacro negli individui e nelle famiglie, della stima per la Chiesa come istituzione di salvezza, mediante la fede ed i sacramenti, per cui il problema deve essere studiato nella sua vera radice”. Mi pare che qui ci sia già una risposta decisiva: il problema non è la legge del celibato ecclesiale, ma l’apostasia della fede.

Il principio del celibato sacerdotale deve essere ricercato nell’idea di purezza, quella purezza che se non si fonda in una fede salda si sbanda con grande facilità. E’ una esperienza che, in altro senso, possono fare anche gli sposati: come restare fedeli al proprio marito o alla propria moglie se non si crede fermamente nella bontà del matrimonio? Come fare se non si ha un controllo superiore sui propri istinti? Operazione, oggi più che mai, veramente ardua, visto che le distrazioni sempre più facili e frequenti. Insomma, purezza, celibato e castità, sono valori in disarmo su tutta la linea.

Ma qui torna la domanda di prima: sono i valori che devono essere abbandonati, oppure è la prassi attuale che non li rispetta?

Per tornare alla questione del celibato ecclesiastico giova ricordare che l’attuale prefetto della Congregazione del Clero, il Card. Piacenza, ha scritto che “alla luce del magistero pontificio bisogna anche superare la riduzione, in taluni ambienti molto diffusa, del celibato a mera legge ecclesiastica”. Tra i vari interventi dei Papi appare particolarmente significativo quello di Giovanni Paolo II, il quale, in un esortazione post-sinodale del 1992, scriveva parole inequivocabili: “Il Sinodo non vuole lasciare nessun dubbio nella mente di tutti sulla ferma volontà della Chiesa di mantenere la legge che esige il celibato liberamente scelto e perpetuo per i candidati all’ordinazione sacerdotale nel rito latino”.

Il celibato è certamente un grande segno di radicalismo evangelico, di quella fede oggi allo sbando, come ricordava Paolo VI; segno di un Regno che non è di questo mondo, il quale, invece, appare ormai piegato alle logiche della carne. Facciamo nostra una domanda che si pone il Card. Piacenza: Una comunità che non avesse in grande stima il celibato, quale attesa del Regno o quale tensione eucaristica potrebbe vivere?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su