Centri sociali: il nocciolo della questione – di Alfonso Indelicato

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Alfonso Indelicato  (*)

.

Utilizzo il titolo di un noto romanzo di Graham Greene affinché mi guidi e mi incoraggi ad andare al fondo di questo tema oggi al (dis)onore delle cronache. Mi chiedo cioè come si possa essere come sono i membri dei centri sociali che a Macerata, a Piacenza, e in scala minore a Saronno, nonché poc’anzi a Livorno, hanno compiuto le gesta ben note. Beninteso non intendo qui stigmatizzare questi giovani e meno giovani, non mi interessa la geremiade “come si fa ad essere così”. Mi interessa invece capire alla lettera “come si possa essere”, cioè quale tipo di mondo interiore essi posseggano, e come ci sono arrivati. Che cosa spinge delle persone a insultare gli assassinati nelle foibe, ad aggredire cento contro uno un carabiniere, a  tracciare delle bestemmie sui muri del Santuario? Insomma a violare ogni principio di umana pietà, di cavalleria, di rispetto, di ciò che rende la vita una cosa degna?

In genere si parla di “vuoto di valori” ma non credo che con questa frase stereotipata la questione sia  risolta. Nel senso che chi la adopera di solito mette l’accento sul concetto di “valori” (che non ci sono più) laddove si dovrebbe metterlo sul concetto di “vuoto”.

Noi nati nel dopoguerra abbiamo avuto modo di seguire che cosa, nel tempo, opera la distruzione. Comunismo (nelle varie versioni russa, cinese, sudamericana, leninista, trotzkista e quant’altro) e Liberalismo (con il suo figlio minore il radicalismo) hanno funzionato come le due ganasce di una stessa tenaglia. Ora ce ne accorgiamo, ora lo comprendiamo: lo scopo non era quello di costruire la società degli eguali, né quello di fornire all’individuo un sempre più ampio ventaglio di diritti e prerogative. Era quello di fare il deserto nella mente e nel cuore dell’umano. La ganascia sinistra ha operato convincendo della radice economicistica di tutte le cose, e così ha introdotto i germi della volgarità, dell’invidia, della discordia sociale, il gusto della sedizione e l’insofferenza per l’autorità , nonché relegato la Patria nel solaio delle cose imbarazzanti e ridicole. La ganascia destra ha fatto dell’uomo (non il genere ma l’individuo, il singolo) un “essere desiderante” (desidera abortire, cambiare moglie o marito, unirsi a persona del suo stesso sesso, cambiare sesso, affittare uteri, farsi collocare un utero al di sopra del pene, inserire il gatto nello stato di famiglia). Così facendo, nell’uomo è rimasto un deserto, un deserto da riempire con false esigenze, futilità, frantumi di ideologie senza fondamento, mode importate, lunghe vacanze, canzoni senza musica dai testi asintattici, violenza cieca e istintuale. E, a riempire gli interstizi e i più ampi spazi fra tutte queste cose, un mare di droga. Quando ci si allontana dalla Tradizione tutto affonda. All’inizio lentamente, poi, man mano ci si avvicina alla meta, con velocità maggiore.

Ci si potrebbe anche chiedere chi avrebbe dovuto opporsi a tutto questo, e non l’ha fatto: quante pavidità e quanti tradimenti  hanno spianato la strada a coloro che preparavano il mondo nuovo. Ma è questione  meritevole di un ragionamento a parte, e quindi mi limito qui a questo cenno.

Tornano al punto di partenza, viene in mente un personaggio dei “Demoni” di Dostojevskij: Stavrogin, il quale a un certo punto dichiara: “Formulai per la prima volta in vita mia questo severo pensiero dentro di me: che non conosco e non sento né il male né il  bene, e che non solo  ne ho perduto il senso, ma so che il male e il bene in realtà non esistono nemmeno”. Ecco il punto: fattosi il deserto dentro di loro, sono tanti piccoli chiassosi Stavrogin, nel senso che non hanno del personaggio la cupa grandezza.

La tradizione si può, anzi si deve, adattare al tempo che cambia nei suoi aspetti formali, ma non nella sostanza: se ne perdi un pezzo se ne va via tutta, un poco alla volta.  E se togli la Tradizione, se togli dall’uomo sentimenti di identità e appartenenza – appartenenza a Cristo, alla Patria, alla famiglia – non è che rimanga un essere più libero, adulto e creativo:semplicemente non rimane niente.

.

(*) Consigliere comunale a Saronno

.

Il video dell’aggressione del carabiniere a Piacenza

(da La Nazione)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

9 commenti su “Centri sociali: il nocciolo della questione – di Alfonso Indelicato”

  1. I figli, gli allievi, i compagni, gli adulti li hanno legati a loro stessi screditando tutti gli altri; hanno chiuso gli occhi sulla droga perchè la usavano o l’avevano usata anche loro; hanno tolto loro ogni valore, coltivando l’unico condiviso, la superbia, il disprezzo, lo sdegno; uomini di serie A e di serie B senza neanche esplicitarlo; con la certezza di essere nati senza peccato originale, buoni. Vitali, buoni e con la costituzione più bella del mondo.
    Oggi un ragazzino di undici anni ha preso a schiaffi l’insegnante perchè era stato sgridato. Insegnante, appartiene agli esseri umani di serie B, in questa gerarchia ribaltata. I centri sociali dovrebbero essere sorvegliati e piano piano svuotati.Ma hanno fatto scuola e ora negli oratori gira la droga ed anche un voler bruciare la giovinezza per aver l’impressione di viverla veramente. La profonda crisi della chiesa ha stravolto ogni campo del vivere, sia sacro che civile. Un danno immenso. E non lo capisce.

  2. La ganascia sinistra (marxismo) e la ganascia destra (liberalismo-radicalismo): un buon modo di sintetizzare la nostra oppressione odierna.

  3. Francesco Retolatto

    Quale universo interiore hanno dentro?
    Hanno scelto,chi piu chi meno consapevolmente il Demonio.
    E questo è quello che li agita

    1. Hector Hammond

      Si , ha ragionissima .Glielo dico da emiliano per esperienza personale , i peppone di guareschi non sono mai esisti se non nei suoi romanzi.
      La sinistra ,dal centro sociale al piddino, non ha mai partorito che servi del demonio per quello che io giudico.

  4. Negli anni settanta avevamo le formazioni extraparlamentari della sinistra (Lotta continua, Potere operaio, Servire il popolo, Democrazia proletaria, Lotta comunista ecc…) che facevano più o meno le stesse cose che fanno oggi i compagni dei centri sociali: scontri con la polizia, pestaggi di presunti fascisti, assalti a sedi politiche non di sinistra… Quelli di oggi sono i degni eredi di quelle organizzazioni di allora, da cui poi sono derivate anche le brigate rosse. Quando Salvini e Meloni saranno al governo, questi teppisti rossi avranno finito di prosperare…le loro sedi saranno chiuse definitivamente e i compagni iene finiranno nelle miniere di Carbonia!

  5. La speranza è riconducibile all’unica condizione veniente: il crollo dell’impalcatura ideologica perseguita e ottenuta con sagace determinazione nel 1789. Se è vero che tale impalcatura sta scricchiolando e che, per usare la definizione di Del Noce, il “totalitarismo della dissoluzione” comincia a mostrare crepe procurate dal necessario ritorno al reale, dalla duttilità naturale che si impone al netto di ogni incrostatura ideologica, possiamo leggere questi accadimenti come il rantolo finale di uno stato di cose che sta per esplodere. Non è un caso, indipendentemente dai giudizi morali che possono essere appiccicati ai soggetti, che la crisi cresce a fronte di un Putin e un Trump, i quali rappresentano la punta naturale dell’anti-ideologismo.

  6. Parafrasando un detto francese, vorrei dire: “cherchez l’argent” (quello era riferito alla donna 🙂 ).

    Per (tentare di) porre fine all’incontrollata violenza dei cosiddetti “centri sociali” basterà interrogarsi su chi li finanzia e, quindi, inquisirli.
    A Macerata, come a Piacenza, erano pochi quelli del luogo: la maggior parte di quell’orda di delinquenti era composta da forestieri o, addirittura, da stranieri.
    Chi ha pagato loro il viaggio e la diaria? Chi paga i “Black bloc”?

  7. Ben detto Alfonso! un’analisi lucida e corrispondente al vero, ho 64 anni e sottoscrivo tutto: il “nulla” avanza e si mangia il residuo di umanità, di
    spiritualità, di netta distinzione tra bene e male che ancora resiste!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su