Colpo di scena. O forse no

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

A sorpresa, siamo d’accordo. Nella Fratelli tutti, vengono stigmatizzati il “nazionalismo chiuso” e l’“insano populismo” (citato anche come “populismo irresponsabile”). Su questo siamo perfettamente in linea, infatti sosteniamo da tempo e senza remore un “nazionalismo aperto” assieme ad un “sano e responsabile populismo”. Un minimo di spiegazione.

Nazionalismo come difesa e salvaguardia primaria del bene degli stati nazione da parte dei propri governanti, in particolare nei confronti di quelle istituzioni sovranazionali che ne ostacolano l’ottenimento (tipicamente, nel nostro caso, l’UE). Aperto nel senso di disponibile ad accogliere ciò che di buono può venire dall’esterno, ma assolutamente impermeabile ad oggettivi elementi di nocività.

Populismo come fiero perseguimento degli interessi primari del proprio popolo, senza il quale è del tutto illusorio pensare di poter ottenere il bene generico dell’umanità intera. Il populismo è sano e responsabile quando scevro da retropensieri pauperistici, vetero-marxisti o latino-americaneggianti, ma fondato su un realistico pragmatismo che spinge ad agire chi governa con la “diligenza del buon padre di famiglia”, senza il timore di indisporre i centri di potere visibili ma soprattutto quelli occulti, dispiegando un’invidiabile imperturbabilità di fronte alle pressioni contrarie interne ed internazionali (tipicamente, nel nostro caso, “i mercati”). Un sano e responsabile populismo, pur non cercando lo scontro sociale, rifugge decisamente il moderatismo, se fosse in preda del quale verrebbe immediatamente sterilizzato in un deprimente e anacronistico popolarismo di tipo bartolomeosorgiano.

A pensarci bene non sono sicuro che l’enciclica intendesse esattamente questo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

2 commenti su “Colpo di scena. O forse no”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su