Come discernere le vere dalle false apparizioni

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Redazione

.

Dopo la pubblicazione del carteggio tra il defunto amico don Mario Faggi e S. E. Mons Pavao Zanic, Arcivescovo di Mostar, a cura di Pucci Cipriani (Riscossa Cristiana del 27 giugno) e gli articoli “Le false apparizioni di Medjugorje, di Pucci Cipriani, pubblicato mercoledì 1° luglio, eMedjugorje. La parola a Mons. Pavao Zanic e a Mons. Ratko Peric”, pubblicato ieri, proponiamo oggi ai nostri lettori un estratto “Come discernere le vere dalle false apparizioni”, dal libro «Delle apparizioni in generale e di Medjugorje in particolare», a cura di Antonio Casazza.

Questo saggio fornisce criteri di valutazione estremamente importanti per affrontare la difficile tematica suscitata da fenomeni come quello di Medjugorje . Ringraziamo i numerosi lettori che hanno fin qui dato un prezioso contributo con i loro commenti.

.

zzzzttl

a cura di Action Familiale et Scolaire 1

.

zzzzingnn

.

– Premessa

Il continuo parlare che i media fanno di certe apparizioni rende utile il richiamo di alcuni testi classici sul discernimento dei veri e dei falsi miracoli. Come semplici laici, possiamo trovarci a dover operare questo discernimento in attesa che le autorità della Chiesa si siano pronunciate.

I

ATTEGGIAMENTO GENERALE A RIGUARDO DELLE

VISIONI E DELLE RIVELAZIONI PRIVATE

.

– Né disprezzoné rigetto sistematico

Che si noti l’avvertimento che Padre Louis de Blois (1506-1566) pone all’inizio del suo Collier spirituel«Il lettore dev’essere avvertito di non seguire la decisione perversa di certi uomini che, trattando con disprezzo le visioni e le rivelazioni divine come vani sogni, si mostrano poco umili e poco spirituali. Ci si deve guardare, infatti, dal ridurre a pochi casi queste rivelazioni divine che diffondono sulla Chiesa di Dio chiarezze così stupefacenti» 2.

– Non credere facilmente a cose insolite e straordinarie

«Non voglio dire, tuttavia, che il direttore spirituale debba credere con facilità a cose insolite e straordinarie; l’avverto piuttosto di essere circospetto e cauto prima di prestarvi fede, e voglio che si tenga sempre indietro di un passo, perché c’è grande pericolo di ingannidi illusioni e talvolta ancora di simulazioni e di ipocrisie, specialmente quando si tratta di visioni, di rivelazioni e di discorsi che sono le cose che più si prestano alle frodi dei nostri nemici. Gli dico soltanto di procedere con una prudenza divina, non umana; che non sia incredulo; che non si appoggi su massime mal fondate e che non cerchi la reputazione di uomo avveduto; ma che, seguendo i più saggi consigli, esamini diligentementese le cose sono conformi o meno alle regole derivanti dalla Sacra Scritturadalla santa Chiesa cattolica e dai SantiCon laiuto di questa lucepotrà pronunciarsi non in modo evidente (perché è impossibile avere levidenza in tali cose), ma in modo prudente sulla rettitudine o sulla falsità degli spiriti che vuole governare. D’altronde, che rimanga sempre persuaso che se lo spirito che giudica o qualsiasi altro individuo non sono buoni, non ne manca che ce ne siano altri nella santa Chiesa che lo sono. Perché, come dice il dottore angelico, e come lo provano le Scritture, sono state trovate in ogni tempo delle anime scelte che hanno avuto lo spirito di rivelazione, non per introdurre nuove dottrine nella Chiesa, ma per dare una buona direzione alle azioni dei fedeli 3. Si può dire la stessa cosa di tutte le altre grazie soprannaturali. Dunque, che il direttore delle anime sia prudente. Solo allora sarà direttore e non distruttore delle anime» 4.

II

IL BENE CHE SI FÀ

NON È UN ARGOMENTO DECISIVO

 

«Si fà tanto bene a…; le persone si convertono, si confessano, recitano la corona, ne ritornano con una pietà più viva… Dunque, le apparizioni che avvengono in quel luogo sono autentiche». Argomento frequentemente sentito. È necessariamente convincente? Assolutamente no, se si tiene conto delle seguenti osservazioni sul modo in cui il demonio sa trarre profitto dal bene e tentare sotto apparenze di bene.

– Lo spirito cattivo può servirsi di una persona che fà del bene

Ci sono delle persone cui il demonio non impedisce di fare il bene, perché il bene che fanno gli serve per ingannarli 5.

– Linclinazione al bene può venire dallo spirito cattivo

È ciò che abitualmente si chiama tentazione sotto apparenza di bene. Ecco la presentazione che ne fà Padre Giovanni Battista Scaramelli s.j.: «Sant’Ignazio insegna che il demonio trasformato in angelo buono suole assecondare i devoti desideri delle anime sante e di approvarne l’esecuzione, ma con lintenzione di trascinarli in seguito ai suoi fini perversi 6. Suarez ne fornisce la ragione intrinseca che espone così: è evidente che l’impulso verso un cosa intrinsecamente peccaminosa viene dal demonio e non può venire da Dio; ma se la cosa è in sé stessa onesta e virtuosa, non bisogna necessariamente concludere che sia ispirata da Dio, potendo essere stata suggerita dal suo nemico. La ragione è chiara: il male non può mai diventare bene, ma il bene può diventare male se tende ad un fine cattivo. Dunque, sebbene l’inclinazione al male non possa provenire dallo spirito buono, linclinazione al bene può venire dallo spirito cattivo che ci spinge al bene con un fine perverso: “Se si tratta di un peccato, è evidente che esso ha per causa il demonio e non lo spirito buono: se si tratta di un’azione onesta, non si deve concludere necessariamente che venga di quest’ultimo. Al contrario, può divenire evidente che essa è stata suggerita dallo spirito cattivo piuttosto che da quello buono» 7. Ecco il testo di SantIgnazio di Loyola (1491-1556) al quale fà allusione Padre Scaramelli:

  • «332. 4ª regola: É proprio dell’angelo malvagio, quando si trasforma in angelo di luce, entrare nei sentimenti dell’anima devota e finire con ispirarle i proprî.Così incomincia con insinuare a questanima buoni e santi pensieri, conformi alle sue disposizioni virtuose, ma poia poco a poco, cerca di trarre lanima ai suoi inganni occulti e di farla consentire alle sue perverse intenzioni».
  • «333. 5ª regola: Dobbiamo fare molta attenzione al corso dei nostri pensieri. Se nei pensieri tutto è buono (il principio, il mezzo e la fine) e se tutto è orientato verso il bene, questo è un segno dell’angelo buono. Può darsi invece chenel corso dei pensieri si presenti qualcosa cattiva o distrattiva o meno buona di quella che lanima prima si era proposta di fareoppure qualcosa che indebolisce lanima, la rende inquieta, la mette in agitazione e le toglie la pace, la tranquillità e la calma che aveva prima: questo allora è un chiaro segno che quei pensieri provengono dallo spirito cattivo, nemico del nostro bene e della nostra salvezza eterna» 8.

.

zzzzscrmlyl.

III

REGOLE PIÙ PRECISE DI DISCERNIMENTO

 .

Il Dictionnaire de théologie catholique di Jean-Michel-Alfred Vacant (1852-1901) indica che «è mediante l’insieme delle circostanze che condizionano il miracolo che si potrà discernere la sua origine reale e classificarlo come soprannaturale divino o come preternaturale diabolico» 9.

Egli cita a sostegno di questa regola, due testi: uno del San Tommaso d’Aquino (1225-1274), l’altro di Papa Benedetto XIV (1675-1758). «I prodigi compiuti dai buoni si distinguono dei prodigi compiuti dai cattivi almeno in tre modi: primariamente, per l’efficacia della virtù operante, perché spesso i buoni spiriti ricevono da Dio un sovrappiù di potere per compiere dei miracoli, superando in realtà il loro potere naturale; così, un angelo potrà, per virtù divina, risuscitare un morto, cosa che non potrà mai il demonio che tutt’al più può dare ad un corpo, e per un tempo assai breve, l’apparenza della vita. Secondariamente, per l’utilità dei miracoli: i prodigi compiuti dai buoni possono portare solamente del bene a quelli che ne beneficiano: tali sono le guarigioni di malati. I prodigi dei cattivi sono macchiati da nocività o da vanità: ad esempio, si tratta di volare nell’aria o di colpire di impotenza le membra umane. E infine una terza differenza è segnata dal fine al quale sono ordinati questi prodigi: i miracoli dei buoni mirano all’edificazione della fede e dei buoni costumi; al contrario, i prodigi dei cattivi cercano di nuocere alla fede e ai costumi. E, per di più, i buoni operano i miracoli invocando con pietà e rispetto il nome di Dio; i cattivi adoperano dei procedimenti fanatici…» 10.

Papa Benedetto XIV, spiega il Dictionnaire de théologie catholique, dichiara che i falsi miracoli devono essere riconosciuti per «efficacia, utilitate, modo, fine, persona et occasione» 11. Ed ecco il principale passaggio del commento che aggiunge il suddetto testo 12: «Così, nel fine, nell’agente, nei mezzi, nelle condizioni e negli effetti del fenomeno straordinario compiuto non si incontra nulla di frivolo, di ridicolo, di sconveniente, di vergognoso, di violento, di ateo, di orgoglioso, di menzognero o di difettoso a qualunque titolo che sia; se, al contrario, è adatto, serio, portante alla pietà, alla religione e alla santità non c’è alcuno dubbio: questo preternaturale non è un preternaturale diabolico. Se tutti questi segni esistono simultaneamente nel prodigio, si potrà con una certezza morale ritenerlo un prodigio divino. Diciamo, con P. de Poulpiquet: se tutti questi segni… simultaneamente; perché in questo caso si deve applicare più che mai il principio “bonum ex integra causa, malum ex quocumque defectu” (“Il bene risulta dalla totalità dei requisiti richiesti; la mancanza anche di uno solo basta a compromettere il tutto”)» 13.

zzzztmmsbndtt

.

IV

UN TESTO SULLA SANTA VERGINE

DI SAN BERNARDINO DI SIENA

 .

Il seguente testo è tratto dal Nono sermone sulla Visitazione di San Bernardino da Siena (1380-1444), sermone citato nell’ufficio della festa del Cuore Immacolato di Maria (22 agosto) del breviario preconciliare (1961). «Così, dal profondo di questo cuore, come se provenissero da un braciere di ardore divino, la Vergine felice fece sgorgare parole eccellenti, ossia piene della carità più ardente. Come da un vaso ripieno del vino migliore può sgorgare solamente il vino migliore, come da un braciere ardente può uscire solamente la fiamma più viva, così dalla Madre di Cristo può provenire solamente una parola di grande amore e di supremo ardore per Dio. Questa Madre e Maestra piena di saggezza è una donna di poche parole; ma le sue parole sono solide e piene di senso. La Scrittura ci riporta solamente sette parole dette dalla Madre benedetta di Cristo; esse sono meraviglie di saggezza e di forza; attraverso di esse viene mostrata in modo mistico la grazia settiforme di cui era ripiena. Essa parlò solamente due volte con l’angelo; due volte anche con Elisabetta; due volte con suo Figlio, una volta al Tempio e una volta alle nozze; una volta con i servitori. E ogni volta pronunciò solamente poche parole. Ma quando prese la parola per lodare Dio e rendergli grazia, quando disse “la mia anima magnifica il Signore” parlò con abbondanza. Questo perché Ella si rivolse non all’uomo, ma a Dio» 14.

.

NOTE

.

1 – Traduzione di un estratto (pagg. 1-5) dell’opera Des Apparitions en général et de Medjugorje en particulier («Delle apparizioni in generale e di Medjugorje in particolare»), a cura di Antonio Casazza.

2 – Cfr. P. L. de Blois, Monil. spirit. orienn. De Blois era un benedettino del XVI secolo che è stato dichiarato venerabile dalla Chiesa. Vedi anche Padre Giovanni Battista Scaramelli s.j., Il discernimento degli spiriti«Padre Giovanni Battista Scaramelli, scrittore ascetico, nato a Roma nel 1688, esercitò per trent’anni il ministero apostolico e mostrò un grande zelo e una profonda conoscenza delle vie interiori. Le opere che ha composto sulla perfezione cristiana godono di una meritata stima. Questo santo religioso morì a Macerata l’11 giugno 1752» (cfr. Bibliothèque des écrivains de la Compagnie de Jésus).

3 – Cfr. San Tommaso d’Aquino, Somma teologica, 2º, 2, quest. 174, art. 6, ad. 3.

4 – Cfr. P. G.-B. Scaramelli s.j., op. cit.

5 – Cfr. La doctrine du Père Lallemant («La dottrina di Padre Lallemant», pag. 240, Collezione Christus, Desclée de Brouwer. Padre Louis Lallemant (1588-1635) è stato un gesuita francese che non ha pubblicato nulla, ma i cui insegnamenti furono raccolti da due dei suoi discepoli: Padre Surin e Padre Rigoleuc.

6 – Cfr. Sant’Ignazio di Loyola, Esercizi spirituali, 4ª regola per il discernimento degli spiriti (2ª settimana).

7 – Cfr. P. G.-B. Scaramelli s.j., op. cit.

8 – Cfr. Sant’Ignazio di Loyola, Esercizi spirituali, 4ª e 5ª regola per il discernimento degli spiriti (2ª settimana).

9 – Cfr. J.-M.-A. VacantDictionnaire de théologie catholique, voce «Miracolo», colonna 1844.

10 – Cfr. San Tommaso d’Aquino, Somma teologica, In IIª Sent., dist. VII, q. III, a. 1, ad 2ª.

11 – Cfr. Benedetto XVI, De beatificationis servorum Dei, 1. IV, C. VII, n. 14-22.

12 – Cfr. J.-M.-A. Vacantop. cit., colonne 1846-1847.

13 – Ibid., pag. 116.

14 – Ecco il testo latino di questo passaggio dell’antico breviario: «De hoc igitur Corde quasi de formate divini ardoris Virgo becta protulit verba bona, id est, verba ardentissimæ caritatis. Sicut enim a vase summo et optimo vina pleno non potest exire nisi optimum vinum ; aut sicut a fornace summi ardoris non egreditur nis incendium fervens; sic quippe a Christi Matre exire non potuit verbum, nisi summi summeque divini amoris atque ardoris. Sapientis quoque dominæ et matronæ est pauea verba, solida tamen atque sententiosa habere; proinde septem verba tantum mirae sententiae et virtutis a Christi benedictissima Matre leguntur dicta, ut mystice ostendatur ipsam fuisse plenam gratia septiformi Cum Angelo bis tantummodo est locuta. Cum Elizabeth bis etiam. Cum Filio etiam bis, semel in templo, secundo in nuptiis. Cum ministres semel. Et in his ommnibus semper valde parum locuta est; excepta quod in laude Dei et gratiarum actione se amplius dilatavit, scilicet, quum ait: Magnificat anima mea Dominum. Ubi non cum homine, sed cum Deo locuta fuit».

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

14 commenti su “Come discernere le vere dalle false apparizioni”

  1. Caro dr. Cipriani una volta a una conferenza organizzata da Comunione Tradizionale le lasciai un testo molto importante su Fatima scritto dal dr. Paolini. Ad alcuni veggenti di Medjugorje la Madonna ha lasciato dieci segreti che. a mio modestissimo modo di vedere, sono l’esatto compimento delle tribolazioni previste a Fatima dalla Vergine Santissima se l’umanità non si fosse pentita: la parte non resa pubblica del segreto che riguarda oltre a immani tragedie materiali di contro una gravissima crisi della Chiesa, una crisi senza precedenti. L’unica cosa infatti che si può sapere su questi segreti è solo che riguardano l’umanità e la chiesa Cattolica. La Madonna dovrebbe renderli noti a tutti quando Ella vorrà. Ci vuole prudenza a parlare di questo tema.

  2. Articolo molto esauriente e interessante.
    Ma queste ottime regole di discernimento, mi sembra siano da osservare da
    parte della Chiesa, non dal popolo, popolo che è sempre stato “credulone”:
    basta che senta parlare di apparizioni e messaggi per accorrere subito sul
    luogo.
    Io sono sempre stata abbastanza diffidente, però come ho già scritto, per
    quanto riguarda Medjugorje (dato che il dibattito ora riguarda queste
    apparizioni) posso arrivare a credere alle apparizioni iniziali, a “piccole”
    profezie avverate, ma assolutamente non al seguito, e questo per motivi
    concreti, che sono stati riportati da Pucci Cipriani e da vari lettori.
    Però bisogna anche tener conto che i commenti che fin dall’inizio sono
    stati fatti su Riscossa Cristiana sono divisi circa a metà fra il no e il sì.
    Aspettiamo cosa decide la Chiesa, perché non dipende solo dal vescovo
    di roma, ma c’è stata una Commissione.

    1. Il problema qui è che c’è già stata la decisione della Chiesa. Spetta infatti al vescovo diocesano dare un giudizio sull’autenticità delle apparizioni e i due vescovi che si sono succeduti sono stati chiari; il primo inizialmente era ben disposto, ma in seguito agli incontri con i presunti veggenti ha maturato i suoi dubbi.
      E il giudizio che si può formulare è solo di due tipi: CONSTA o NON CONSTA. Non è prevista una terza formula, consta de non, come molti fautori di Med hanno voluto far credere.
      Quindi, i vescovi competenti si sono pronunciati, non sono stati ubbiditi, non si è intervenuto subito, fino ad arrivare al fenomeno che conosciamo e alla necessità di un intervento da Roma.
      Come finirà? Mah. Certi interventi venuti dall’alto fanno pensare a un no. Io, che non credo all’autenticità di Med, non ne sarei tuttavia contenta: sarebbe un no detto da una gerarchia che non crede alla veridicità di tutti i racconti del Vangelo, sprezzante del bisogno dell’uomo di avere dei segni, ecc. Un…

  3. Annarosa Berselli

    Se non ricordo male, anni fa don Luigi Villa, nel suo giornale Chiesa Viva, affermava che a Medjugorje non appariva la BV, ma il suo Nemico eterno,
    al quale Lei ha schiacciato la testa…

  4. Come la mettiamo con quanto credeva papa Giovanni Paolo II? Era forse un “povero cristiano” che si lasciava ingannare dal demonio? Sono stato a Medjugorie ed ho studiato non i pellegrini, ma la gente del paese, a partire dai giovani e dai bambini … e ne sono rimasto ammirato. Fosse così la nostra infanzia e la nostra gioventù … E se poi decidessero che è tutto una bufala, pazienza, le migliaia di convertiti non penso che perderebbero la fede conquistata.

  5. Cara Paola B, pensiamo al detto voce di popolo voce di Di. Per quanto riguarda le apparizioni di Medjiugorie mi ha sempre colpito il fatto che i veggenti sono rimasti sempre umili e ubbidienti al volere della Madonna,prendendo queste virtù da lei stessa.

  6. DAI FRUTTI, LI RICONOSCERETE……
    se i frutti sono migliaia di conversioni, centinaia di vocazioni sacerdotali, meravigliose comunità religiose, beh, non mi sembrano frutti da scartare, considerando decenni di chiese vuote e seminari deserti.
    Dove c’è la Madonna, c’è sempre, pure, il diavolo.

    1. “Delle migliaia di conversioni, centinai di vocazioni sacerdotali, meravigliose comunità religiose” abbiamo moltissima propaganda, ma poche sono le prove. E specificatamente per le “centinai di vocazioni sacerdotali” abbiamo testimonianze di buoni propositi d’alcune persone ma nessuna prova che siano entrati in seminario e poi proseguito fino al sacerdozio. Se ci fossero stati così tante vocazioni sacerdotali certamente non ci sarebbe una così allarmante penuria di sacerdoti in Italia ed altrove.

      1. io ne ho conosciuti due, e sono diventati sacerdoti e ora sono attivi nelle loro parrocchie…
        partecipare alle loro celebrazioni è una gioia…
        le Adorazioni specialmente, preghiera che dai tanti sacerdoti che conosco è quasi dimenticata,
        oppure… celebrata con tanta superficialità e freddezza.

  7. Sono d’accordo su tutti i commenti, però dico ad Anselmo che non ricordo il
    parere positivo di Giovanni Paolo II: scrisse qualcosa o disse?
    Inoltre bisogna tenere presente che anche il Papa sbaglia, come disse il
    carissimo Benedetto XVI.
    … e come dimostra in continuazione il vdr…..

  8. Federico Fontanini

    Concordo con Adriana. Né Medjugorie, né Rinnovamento carismatico, né la presenza di altri movimenti pur molto in crescita hanno al momento prodotto un evidente incremento delle vocazioni. I sacerdoti restano pochi e anche i religiosi. Nelle chiese in generale i ragazzi dai 14 anni in su sono poco presenti. Per le vocazioni sacerdotali è importante la presenza di sacerdoti veramente convinti, che credano e celebrino con fede la Messa. Conosco qualche esempio come purtroppo ne conosco altri che sono andati tante volte a Medjugorie ma che non portano frutti visibili (almeno a mio modesto parere)

  9. Normanno Malaguti

    ANDATE A PANTANO DI CIVITAVECCHIA, DALLA FAMIGLIA DE GREGORI, CHE CUSTODISCE COPIA DELLA STATUETTA DELLA MADONNINA DI MEDJUGORIE LORO DONATA DA SAN GIOVANNI PAOLO II, MEDIANTE IL CARD DESKUR, E DAL PAPA STESSO VENERATA.
    LEGGETE IN PROPOSITO IL BELLISSIMO E DOCUMENTATISSIMO LIBRO DEL DOTT. CANIATO VICE DIRETTORE DELLE EDIZIONI ARES.
    FATE COME SAN TOMMASO GUARDATE, TOCCATE, INDI CREDETE!

    1. Non capisco: Dobbiamo andare dal Sig. Gregori per farci dire (come ha già dichiarato) che lui non crede a Medjugorie? Per quanto Giovanni paolo ll: purtroppo molto, molto spesso ha fatto dichiarazioni e “confidenze” che sono state poi smentite dai fatti. Basta rileggere i suoi discorsi ed interviste. E’ comunque un difettuccio di tutti i papi conciliari (compreso Giovanni XXlll) ma più evidente in Wojtyla perchè ha regnato molto più degli altri .

  10. A Medjugorje ho imparato a recitare il Rosario ogni giorno, a partecipare quotidianamente alla Santa Messa, a leggere e meditare la Parola del giorno, a fare il digiuno per la salvezza delle anime. A Medjugorje ho visto miei amici convertirsi e intraprendere un serio e disciplinato cammino cristiano che continua dopo anni. A Medjugorje ho visto anche guarigioni fisiche, ma sopratutto spirituali, compresa la mia. Può bastare?? Certo che, se Medjugorje è opera del maligno, non ha fatto un gran lavoro e un gran favore a se stesso!!! Non mi stupisce che il vescovo di Roma e altri prelati come lui non credano a queste apparizioni….i modernisti non credono a nessuna apparizione in realtà, perchè il loro spirito è ateo. I cristiani autentici peccano invece a volte di diffidenza e prudenza eccessiva, magari per fastidio nei confronti dei soliti esaltati che pullulano nei luoghi di apparizioni, così come in tutta la Chiesa, alla ricerca di emozioni forti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su