Contra nequitiam. Avvenire e le “riparazioni preventive”- di Marco Manfredini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Il solito Luciano Moia in un recente editoriale di Sovvertire spiega che i vescovi si dissociano dalle preghiere di riparazione al Summer Pride perché la preghiera “non può mai essere contro“[1].

Possiamo vedere in due modi la tesi principale dell’articolo, e in entrambi i casi risulta che il giornalista e i suoi amici Vescovi l’hanno fatta… beh, hanno mancato l’obiettivo.

Primo. Quei coraggiosi cristiani che hanno organizzato anche quest’anno la processione di riparazione pubblica non l’hanno fatto contro qualcuno, ma in riparazione di qualcosa. In riparazione alla grave offesa procurata a Dio da parte di chi rivendica il diritto di sodomia, ovvero il diritto di usare contro natura il proprio e l’altrui corpo (ecco chi è che opera “contro“).

Non credete in Dio? Potete tranquillamente vedere il Pride come un’opera di sovvertimento della fisiologia, della famiglia, del diritto, della scienza, della ragione, della civiltà. Uno scandalo verso la società, una prepotenza contro i più piccoli. Da qualunque parte la si giri, la vera cosa “contro“ è questa.

Secondo. Siamo cosi sicuri che la preghiera debba essere sempre a favore, e non si possa pregare “contro“? Contro qualcuno, per danneggiarlo, sicuramente no; ma contro qualcosa di oggettivamente malvagio sicuramente sì.

Se ad esempio preghiamo in favore della famiglia, lo facciamo inevitabilmente contro “le famiglie“, in quanto assembramenti innaturali e alla fine dannose per l’uomo stesso.

Se preghiamo a favore della vita, lo facciamo contro la morte (aborto, eutanasia, fivet, eccetera). A favore della fede, contro la mancanza di fede diffusa. A favore dei bambini, contro gli “omogenitori“ e tutti gli altri tipi di sfruttamento. A favore del decoro, contro gli spettacoli osceni. A favore della dignità, contro ogni esibizionismo e di nuovo sfruttamento. A favore della donna, contro il femminismo (il divorzio, la locazione uterina, eccetera). Ci siamo intesi.

La verità è contraria alla menzogna. Non è possibile essere a favore di una cosa senza essere contrari al suo opposto, eppure è ciò che vogliono farci credere questi vescovi-funamboli: non sono contrari alle processioni, ma non vi presenziano perché sono anche un po’ favorevoli ai pride.

D’altronde non ci rivolgiamo a San Michele Arcangelo pregando “CONTRA nequitiam et insidias diaboli esto praesidium“? Più “nequitiam” di questa…

Ma c’è dell’altro.

Pregiudizi. Più volte si fa riferimento a una presunta “riparazione preventiva”, insinuando un che di pregiudiziale. Ma di preventivo non c’è nulla.

Come se i cristiani avessero intenzione di fare un processo alle intenzioni, malpensanti, maliziosi e in mala fede. Ma stiamo scherzando? I militanti del pride sono un’offesa a tutte le cose che abbiamo elencato prima già con la loro condotta di vita (pubblicamente ostentata), con la loro ideologia (pubblicamente propagandata), con la loro intolleranza (verso chi si oppone). La manifestazione del 28 sarà il culmine di questa nequitia, e la preghiera in riparazione le sarà contemporanea.

Non c’è alcun giudizio preventivo sulle coscienze, sia perché non spetta agli uomini giudicare la coscienza di altri uomini, sia perché il giudizio che c’è è consuntivo, cioè a danno conclamato, con la prova provata di anni e anni di pubbliche vergogne (molte delle quali già ottenute sotto forma di leggi ingiuste).

O forse l’episcopato di Moia confida che il Summer Pride si risolverà in una sfilata sobria e morigerata di gente che, all’insegna della castità, farà penitenza e chiederà ammenda per le folli rivendicazioni con cui ci hanno molestati per anni fino al giorno prima?

Aperture. I vescovi del Molise, in vista del Gay Pride di Campobasso che si terrà sempre il 28 luglio, diffondono un comunicato in cui salutano “con cordialità” coloro i quali prenderanno parte ad una manifestazione “di apertura e di verifica”[2]. Di aperture ve ne saranno certamente, ma non credo nel senso che intenda l’episcopato molisano.

Ci si chiede se si possa ancora salvare qualcosa di un clero che pensa “che anche questo evento sarà un’occasione di reale confronto, culturale e sociale”.

Padre di tutti. “Il vescovo è padre di tutti”, per cui secondo Avvenire non può pregare per i suoi figli che sbagliano. Bel modo di essere padre.

Un buon padre che avesse un figlio tossicomane il quale rivendica pubblicamente il diritto universale di strafarsi con fumi, polveri, acidi, o altre sostanze, non solo pregherebbe per il suo ravvedimento, ma all’occasione sarebbe legittimato dalla sua autorità a fornire due bei ceffoni ben assestati per aiutarlo a rinsavire.

Quasi quasi. Secondo l’articolo le iniziative in riparazione sarebbero “quasi sempre decise con buone intenzione”. Il vescovo di Rimini disapprova “le istanze socio politiche che quasi sempre emergono” nei pride. Che dire: a me pare che Avvenire a volte sia un quotidiano quasi cattolico, ma probabilmente è un’impressione errata. Il quasi è viziato da troppo ottimismo.

Gioia. La tragicommedia raggiunge l’apice, quando l’articolista concede che la preghiera per gli omosessuali ci può anche stare, ma a patto che sia “umile, sorridente, aperta, gioiosa” per “comprendere i loro punti di vista”.

A comprendere i loro punti di vista ci ha insegnato la Chiesa, perlomeno fino a qualche anno o decennio fa. Su cosa ci sia da sorridere e gioire quando dei fratelli, persone come noi, si rotolano nella melma del male fisico e morale, francamente non si capisce.

Una processione di riparazione contro il pubblico peccato di sodomia, di questi tempi è la cosa più pastorale e caritatevole che un cristiano possa fare, per cui cari amici, sabato prossimo tutti a Rimini!

 


[1]  https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/mai-la-preghiera-pu-essere-contro

[2]https://www.agensir.it/quotidiano/2018/7/19/gay-pride-a-campobasso-vescovi-del-molise-cinque-punti-che-raccolgono-il-cuore-della-nostra-terra/

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

17 commenti su “Contra nequitiam. Avvenire e le “riparazioni preventive”- di Marco Manfredini”

  1. antonio corso

    un aspetto dell’omosessualita’ che deve essere detto e’ che ormai sono una mafia e si aiutano l’un l’altro. Nel mio settore, l’archeologia classica, non vai da nessuna parte se non sei dei loro

  2. Carla D'Agostino Ungaretti

    Mi viene in mente, per associazione di idee, la Professione di Fede di S. Pietro Canisio, nel punto in cui egli professa il suo odio per la dottrina luterana. Più “contro” di così …

    1. ed è un dottore della Chiesa : questi vescovi qui, al confronto, non meritano nemmeno il titolo di infermieri avventizi in prova ! la Chiesa attuale è falsa come una moneta da 3 euro ! non seguitela, non ascoltatela, non datele alcun credito (dal falso papa in giù fino all’ultimo curatino di campagna). O sono massoni o ubbidiscono pedissequamente loro, fregandosene altamente di Cristo e della sua legge; Vogliono sottometterci e farci sprofondare sempre più nel peccato, farci diventare tutti froci e farci morire impenitenti, tutti luterani e convincerci che le buone opere non servono alla salvezza, farci credere che inginocchiasdi dinanzi al Sacro Cuore o alla dea Kalì sia la stessa cosa, produca gli stessi effetti (parole di un editorialista di una rivista missionaria). Figli del diavolo, tutti quanti !

  3. Se i vescovi, cui appartiene il giornale, non intervengono… approvano. Questo dà la misura della corruzione cui è giunto questo clero traditore, senza più un solo grammo di Fede. Una corruzione che è anche morale. Se sono ormai manifestamente apostati, perché non lo dichiarano? Perché mentono, dicendosi cattolici, in modo così svergognato?

    1. Non è questione di fede…. il problema è che, a cominciare dai vescovi – cioè il lato più intellettuale e per molti versi meno cattolico della chiesa – e per finire al parroco di campagna, si è instaurata una globalizzazione delle ideologie dove anche la chiesa deve entrare (sotto anche le direttive bergogliane) direttamente o indirettamente, a costo di porsi in una netta contraddizione con alcuni principi fondamentali della teologia cattolica. Temono di dire qualcosa che va contro il pensiero unico, e su tutto. Quindi, o tacciono (per non scalfire la suscettibilità di molti) o intervengono e parlano per finanche contraddire la teologia.

    2. Perché obbediscono a Satana, che ordina loro di portargli quante più anime possibile, poi andranno a fargli compagnia per lì’eternita !

      1. Non obbediscono a Satana, vogliono entrare solo nel pensiero unico buonista del nuovo millennio; vogliono che la chiesa si avvicini all’ambientalismo, alla globalizzazione, a tutte le altre religioni, ai migranti, ai giovani, a tutto ciò che ora va di moda. Insomma un mega polpettone ideologico farcito di falsa bontà. Senza capire, però, che così continuando Bergoglio e compagnia si avvicina a ben poca gente. Chi è ateo continua ad esserlo e molti che sono cattolici non lo sono più o cambiano (giustamente) religione. Esistono statistiche in proposito che confermano ciò che dico.

        1. ma che cosa sono l’ambientalismo, l’ecologismo, l’immanenza e l’antropocentrismo (per non parlare del cattocomunismo e dell’ecumenismo suicida calabraghista) se non farina del diavolo, inganni satanici del serpente infernale? chi propugna ostinatamente e pervicacemente queste tematiche, tacendo sulla vera legge di Dio e sulla necessità di osservarla, chi sta realmente servendo? Cristo o Belial ? dire poi che si aprono al mondo (il fasullo aggiornamento roncalliano), non è come dire che servono il principe di questo mondo ? non lo ha detto NSGC che quando il mondo ti plaude sei sulla strada sbagliata? che sei su quella giusta quando il mondo ti odia ? semplici riflessioni, caro fratello in Cristo, semplici riflessioni; buona giornata, in corde Jesu et Mariae

  4. Consiglio al buon Moia di recitare, per sè e per i suoi siperiori, una giaculatoria al giorno a quel poveretto di san Giovanni Battista “il più grande fra i nati di donna” (parole di Gesù) che non temette di farsi staccare la testa per comando di Erode e dei suoi vizi.

  5. Se i vescovi sono contro la riparazione, si vede che sono contro Dio, in quanto l’atto di riparazione è un atto d’amore verso Gesù crocifisso e coperto di piaghe a causa anche di questi peccati attuali. Non hanno pietà di Gesù, per non essere ” contro” a chi l’offende spesso con malizia, basta guardare le tante immagini dove si dissacra il crocifisso e la Chiesa. Bisognerà iniziare a riparare, per la codardia dei prelati e la loro miseria.

  6. antonio ascione

    il destino vuole che sabato devo andare a Termoli ospite di mia figlia.Andrei a Messa in Cattedrale a dirgliene quattro al vescovo diTermoli-Larino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su