Contro l’Occidente è scattata l’ “offensiva globale” – di Mauro Faverzani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Mauro Faverzani

.

zzcptrrstIl caso dell’ostaggio francese è solo l’ultimo in ordine di tempo. Ma la nuova offensiva scatenata dall’islam militante è ormai globale. Questo è certo e conclamato.

Lo conferma a chiare lettere l’appello – non a caso multilingue – lanciato a tutti i musulmani del mondo, in particolare a quelli residenti in Occidente, dal portavoce dello “Stato islamico”, Abu Muhamad al Adnani, che non ha certo usato mezzi termini: «Conquisteremo Roma, spezzeremo le sue croci, faremo schiave le sue donne col permesso di Allah, l’Eccelso», ha dichiarato, incitando a sterminare gli “infedeli” ovunque si trovino: «Piazzate l’esplosivo sulle loro strade. Attaccate le loro basi, fate irruzione nelle loro case. Troncare loro la testa. Che non si sentano sicuri da nessuna parte! Se non potete trovare l’esplosivo o le munizioni, isolate gli Americani infedeli, i Francesi infedeli o non importa quale altro loro alleato: spaccate loro il cranio a colpi di pietra, uccideteli con un coltello, travolgeteli con le vostre auto, gettateli nel vuoto, soffocateli oppure avvelenateli».

È evidente come ci si trovi di fronte ad un inquietante cambio di strategia. Mentre al-Qaeda conduceva guerre sostanzialmente territoriali e mancava di uno sguardo universale, ora l’Isis e le altre sigle islamiche con gli annessi “califfati”, riunitisi in una sorta di network del terrore, ritengono che siano maturi i tempi per imporre ovunque la loro legge, la sharia.

Lo ha confermato al settimanale “L’Express” Mathieu Guidère, docente d’islamologia presso l’Università di Tolosa ed esperto di geopolitica e di terrorismo islamico, per il quale la coalizione guidata dagli Usa avrebbe prodotto due conseguenze: «Riunificare gli jihadisti, finora divisi ed in concorrenza gli uni con gli altri, nonché indebolire la prospettiva localistica, rafforzando invece la vocazione internazionale dello jihadismo». Molto chiaro. In realtà, occorre – e con urgenza – aprire gli occhi: non più solo in Iraq, Siria e Nigeria, ove la questione è già tragicamente evidente. Anche oltre.

Nelle Filippine, dopo 40 anni di scontri, i musulmani stanno ottenendo per quieto vivere l’autogoverno dell’intera area meridionale. In Spagna i partiti catalani sono pronti a svendere la loro regione all’islam in cambio di un voto per l’autonomia. In Sudan si vuole azzerare la presenza cristiana, bombardando chiese, arrestando, aggredendo e violentando. L’Isis giunge a minacciare di morte i dipendenti di Twitter per aver chiuso gli account più deliranti.

Il Qatar in Francia è ormai in grado d’influenzare pesantemente la politica, l’economia, la società e la cultura, mentre in Italia, in Sicilia in particolare, sta aprendo moschee e centri islamici a più non posso, investendovi milioni e milioni di euro, acquista Valentino, l’Ospedale di Olbia, alberghi di lusso ed investe nella nostra finanza.

Com’è ancora possibile non scorgere in tutto questo una strategia complessiva, globale?
Quanto all’islam “moderato”, questa è ormai soltanto la favola bella per spiriti ingenui. Ma le cronache dicono un’altra cosa. V’è un caso emblematico: quello di Turchia e Marocco. Il primo rappresenta l’islam tollerante e moderno per eccellenza, un connubio possibile tra Corano, democrazia e liberalismo economico; il secondo ne vuole essere l’illustre discepolo, vuole riproporne la ricetta nel Maghreb.

Ma è proprio così? Guardiamo alla “laica” Turchia: qui i beni della Chiesa Cattolica e di quella ortodossa vengono spogliati ed i templi trasformati in moschee, stalle, musei, caserme o abitazioni private. Qualche esempio? Le terre del monastero di Mor Gabriel (IV secolo) sono state confiscate, mentre viene assolutamente negata la riapertura del seminario ortodosso di Halki. Non solo: la Turchia è il ricettacolo naturale dei temibili Fratelli Musulmaniespulsi altrove, in tutte le scuole di ogni ordine e grado Corano e lingua araba sono obbligatori ed in classe ci si sta col velo.

Ed ora verifichiamo la situazione in Marocco: qui, negli anni, centinaia di cristiani stranieri, spogliati dei propri beni e lasciati con i soli effetti personali, sono già stati espulsi come «indesiderabili» per «proselitismo», tanto da indurre l’associazione Porte Aperte a parlare di una vera e propria «epurazione religiosa». Non solo: pochi giorni fa un giovane magrebino, convertitosi al Cristianesimo, è stato condannato a 30 mesi di carcere duro ed i suoi familiari sono stati emarginati.

D’altra parte, Amine Nadji, imam a Toul e Nancy, presidente del Consiglio Regionale del Culto Musulmano – spiega: «Criticare le leggi islamiche liberticide in Marocco sarebbe come criticare il Marocco stesso». Chiaro. A fronte di tutto ciò, il dubbio che l’Occidente e gli Stati Uniti in particolare, ancora una volta, stiano tentando un rimedio peggiore del male, è tutt’altro che infondato: contrastare il pericolo rappresentato dal sedicente “Stato islamico” foraggiando chi, come l’Arabia Saudita, il Qatar e la Turchia, ha finora cullato i non meno temibili Fratelli Musulmani, inviando peraltro in Siria nuovi terroristi, significa davvero far da levatrici a chi domani volgerà contro di noi le stesse nostre armi.

In tal senso i 500 milioni di dollari concessi da Obama ai “ribelli” siriani solo per il fatto di dichiararsi anti-Isis espongono ad un rischio altissimo, lo stesso in cui già si è caduti in Iraq ed in Libia. La Storia e la cronaca – ahimé – più recente sono lì a dimostrarlo. Ciò che più spaventa, in questo drammatico scenario internazionale, è l’ignavia di un Occidente ormai privo di valori, di identità, di spina dorsale, totalmente apatico, indifferente a tutto, insofferente a tutto, incapace di un’analisi obiettiva della situazione ed ormai schiavo delle proprie ideologie, delle proprie perversioni, del proprio laicismo, in ultima istanza del proprio nulla.

È questo il pericolo maggiore: vi sono le condizioni ideali per un’invasione, più o meno cruenta. Invasione di cui, oggi, probabilmente l’Occidente non si renderebbe conto, se non troppo tardi. E questo, l’islam, lo ha capito bene. Purtroppo.

.

fonte: Corrispondenza Romana

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

11 commenti su “Contro l’Occidente è scattata l’ “offensiva globale” – di Mauro Faverzani”

  1. la chiesa dovrebbe disconoscere la “nostra aetate”.fumo di satana che ha permesso di non capire che non si può dare spazio,vedi le varie moschee,ai nemici di Cristo!

  2. È vero che l’Islam in quanto tale ha in sé la spinta a “ripulire il mondo dagli Infedeli”, e in particolare a mettere i Cristiani in condizione di sottomissione, “tutelati” dal superiore Potere dei “Credenti”.

    Tuttavia la questione dell’oggi è: come, sotto quale regia e in quale contesto globale si sta attuando il passaggio da una situazione di “curiosità per amanti della storia” (coloro che si chiedono, ad esempio, perché sul Mediterraneo non esistano dei Lungomare costruiti prima del 1800) ad una di “tensione psicologica, martellamento mediatico, sradicamento delle Cristianità più vicine all’ambiente storico di Cristo? “. Cui prodest ?
    Come avviene il salto dallo smantellamento degli Stati Arabi al rispolverare le aggressioni all’Europa di oltre 1000 anni fa ?
    O chi ha inventato il concetto ” l’Islam è la sola religione adatta all’Africa Nera”: quella stessa Africa Nera che è stata oggetto per oltre 1000 anni delle razzie dei mercanti di schiavi musulmani ?

    1. (???) Ma quale “tutela”?! Sono più di 100 i versetti del Corano che incitano ad uccidere, strangolare, sgozzare i Cristiani e tutti gli “infedeli”!!

    2. Caro Raffaele, ha fatto un’ottima domanda!
      Credo che si stia svolgendo tutto sotto una duplice regia: MASSONI e LAICISTI, i quali vogliono usare l’islam come un’arma contro la Chiesa per poi rimetterlo al guinzaglio una volta che, ANCHE grazie a lui, la Chiesa sarà distrutta!
      Ora la domanda da farsi è la seguente: dopo aver appoggiato e potenziato a dismisura un tale mostro, riusciranno a liberarsene o ne resteranno travolti loro stessi?

  3. La cosiddetta coalizione Occidentale (in realtà un vero comitato d’affari …. loschi ovviamente) agisce secondo lo schema manipolatorio “problema-reazione-soluzione” ormai da decenni, se necessario ai loro scopi porteranno i fanatici dell’Islam, armati di tutto punto, fin sulla soglia delle nostre case ……. il nostro terrore farà il resto e ben presto saremo privi dei più elementari diritti in nome di una maggiore sicurezza ……. che Dio e la Santissima Vergine Maria ci proteggano da questi progetti ispirati dal Maligno!

  4. Invasione di cui, oggi, probabilmente l’Occidente non si renderebbe conto, se non troppo tardi. E questo, l’islam, lo ha capito bene. Purtroppo.
    Nel nostro inconscio tentiamo un po’ tutti ovviamente di rimuovere l’ipotesi dell’islamizzazione dell’ Europa, per non star male. Ma qui si tratta di conclusioni logiche che discendono dai fatti dei quali l’articolo fa cenno. Menti lucide e colte avevano già da tempo prospettato questo scenario (vd. Fallaci) , ed hanno subito il nostro disprezzo. Quando perciò ci sveglieremo sarà troppo tardi. Speriamo che il buon Dio ci assista ed abbrevi le nostre sofferenze. Preghiamo per la Pace, quella vera che discende dalla conversione dei nostri cuori, non credo che si possa far altro.

  5. caro massimo, non bisogna “disturbare” le gerarchie ecclesiastiche, perchè sono molto impegnate a discutere sui nuovi assetti famigliari e sulla comunione ai risposati!

  6. BASTA! Se vogliamo andare avanti con ‘autoflagellazione, facciamo pure. Continuiamo a trovare, con giri e rigiri, qualcosa a cui aggrapparci purché alla fine possiamo dire: “È tutta colpa nostra”! Siamo noi che sbagliamo. Noi non accogliamo i profughi. Noi abbiamo fatto le crociate. Noi abbiamo spolpato il terzo mondo ecc.ecc. Basta! Il nostro grosso crasso errore è non aver più valori da difendere, né un’etica, né una fede. Tutto a remengo. Ed è quello e solo per quello che ora siamo prede belle vive e tenere, come polli in batteria. Questo è tutto. Errori storici, veri, ipotetici, provati e non, non bastano a spiegare niente. Siamo alla frutta della fede. Abbiamo ripudiato le radici cristiane dell’Europa, abbiamo mercificato tutto. Abbiamo seminato vento, ora raccogliamo tempesta. Si arrivellino pure i cervelloni del palazzo di vetro, della Casa Bianca. Senza Dio non si va da nessuna parte. Satana l’ha ben capito e ora muove il grosso delle truppe contro quest’odiato popolo…

  7. Nonostante sia evidente a chiunque abbia un po’ di obiettività, che l’islam è indirizzato allo scontro con il resto del mondo, sono convinto che vi sia qualcosa di molto più pericoloso per il genere umano. Il relativismo eretto a concezione della realtà e il mondialismo come sistema di potere oscuro e globale, sono i due elementi che distruggeranno l’uomo. La Chiesa, che è stata sempre baluardo contro queste sciagure, sta oggi sgretolandosi nella sua manifestazione umana, adottando addirittura idee e prassi proprie dei suoi antichi nemici. Il genere umano, orfano dell’idea di dio e in particolare della fede nel Dio vero, sta diventando una massa di schiavi al servizio di pochi potentati globali. L’islam e le sue frange più fanatiche e violente sono un loro strumento, come le bombe lo sono quando c’è chi vuole approfittare dell’instabilità e del panico generale.

  8. Se, come cristiani, abbiamo il dovere di amare persino i nemici, e pregare per chi ci fa del male, non possiamo prò permetterci l’ignoranza storica sul loro fondatore, che iniziò la sua missione con le guerre di cobquista per Allah. Per questo l’islam è irreformabile, pena l’abiura del Profeta Maometto e quindi eella religione stessa. È Gesù l’unico SALVATORE!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su