Corpus Domini vietato al candidato Psoe per una poltrona

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zzzzToledoCon buona pace dei tanto declamati diritti dell’uomo e dei decantati diritti civili, la Spagna si rivela – purtroppo – l’ennesimo laboratorio per capire cosa significhi, in politica, abbracciare la fallimentare logica del compromesso. In nome dell’indipendenza laicista, si è giunti alla caccia alle streghe più becera, demagogica, crudele: secondo quanto riportato dal quotidiano El Confidencial, probabilmente lo scorso 4 giugno è stata l’ultima commemorazione del Corpus Domini – che, a Toledo, si tiene da quasi 800 anni -, cui abbia potuto partecipare il sindaco, Emiliano García-Page, con tanto di insegne. Perché? Semplice, perché lui è candidato del Partito Socialista Operaio Spagnolo alla presidenza del governo della comunità di Castilla la Mancha.

Ad impedirgli di partecipare al prossimo Corpus Domini ed ai successivi, d’ora in poi, sarà il patto di ferro elettorale stretto col gruppo di ultrasinistra Podemos, il cui appoggio vien ritenuto fondamentale per la vittoria alle urne. Non a caso, nel proprio programma, Podemos prevede «il divieto per le autorità pubbliche o per i loro funzionari di partecipare, in quanto tali, ad atti di carattere confessionale». E lui dovrà chinarsi a tale diktat liberticida, oltre a far proprio buona parte del programma di estrema sinistra, se vorrà restare in sella.

All’interessato, il messaggio, è già giunto forte e chiaro: la «laicità» (ovvero il laicismo secolarizzato) dovrà essere uno dei suoi tratti distintivi caratteristici. Non a caso il punto n. 52 del programma elettorale di Podemos prevede anche «l’eliminazione di qualunque simbolo religioso negli atti ufficiali della Giunta della Comunità [il governo della regione autonoma-NdR], così come da tutti i luoghi e gli edifici pubblici». Non solo. Si chiede anche la «soppressione di qualunque onore civile o pubblico omaggio venga reso dalla Giunta ad immagini religiose, devozioni, santi od a qualunque altro simbolo confessionale».

E’ ovvio come tali condizioni assolutamente capestro vanifichino l’utilità di un accordo pre-elettorale. Se governare significa cedere al ricatto ideologico, tanto meglio sarebbe non entrar nemmeno nell’agone e non cedere al compromesso, svendendo l’anima in cambio di una poltrona. Il candidato capace di rifiutare tale perversa logica sarebbe senz’altro apprezzato dagli elettori più di chi le accetti.

.

fronte: NoCristianofobia 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

5 commenti su “Corpus Domini vietato al candidato Psoe per una poltrona”

  1. E questa non è discriminazione? Solo per i nuovi intoccabili vige la regola che non si può proibire niente e che tutto è concesso? Quanta ipocrisia in questi laicisti…

    1. Più che discriminazione mi sembra un’operazione satanica.
      Ormai questo termine, o questo nome, mi viene sempre più spesso a mente.
      Che altra spiegazione ci può essere?
      E mi viene spesso in mente anche il santo nome di Lepanto….

  2. Non bisogna dimenticare che l’esempio questi sognori l’hanno ricevuto dall’alto: salendo al trono, il nuovo re di Spagna Filippo VI ha fatto rimuovere il crocifisso dai simboli della cerimonia di intronizzazione, non ha giurato sul Vangelo ma sulla costituzione, non ha fatto celebrare la messa dello Spirito Santo …
    E più in alto ancora: sbaglio, o qualche attempato prelato ha artatamente nascosto la propria croce pettorale durante la visita in qualche moschea?
    E con questi esempi ci meravigliamo del sindaco e della giunta di Toledo?

    1. Grazie Lotario per averci ricordato del comportamento vergognoso di Filippo Vl che già come principe non presagiva nulla di buono.

  3. Massimo Emiliani

    Parole di verità, cara Signora Paola B. Ci siamo arrivati: siamo al bivio. O di là, o di qua. E sarà sempre più difficile professare la nostra fede cristiana perché l’orda demoniaca scatenata da Satana (comprendente islam, terrorismo, massoneria mondiale, banche, potentati economici, industria delle armi, gestori della immigrazione folle, etc.) ha chiaro il suo nemico: la Chiesa Cattolica ed il suo Re supremo Gesù Cristo. Come a Lepanto. Chi avrà coraggio e forza, manterrà la fede, ma temo sarà necessario pagare un elevato prezzo di sangue. Che Dio ci assista e la Madonna ci protegga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su