Cosa accade veramente in Ucraina. Realismo e senso delle proporzioni vs propaganda occidentalista

Dal sito Saker Italia, riprendiamo questo articolo datato mercoledì 5 ottobre 2022. Si tratta di una interessante analisi che aiuta a comprendere cosa sta accadendo veramente in Ucraina al di là di quanto dice la propaganda occidentalista. Giusto per capire che è sempre possibile ragionare con la propria testa e trovare fonti che aiutano a farlo. A volte basta poco: anche solo dare uno sguardo a una cartina geografica, come quella che si trova al termine dell’articolo.

*** *** ***

Ho avuto ottimi insegnanti di filosofia (forse anche i migliori in vita). E mi hanno insegnato che l’abilità umana più importante, quella che determina anche la sopravvivenza, il benessere e il posto di una persona in una gerarchia (e non esiste una società senza gerarchie, si può diventare isterici cercando di dimostrare che non è vero), è la capacità di distinguere l’importante dal non importante.

Scala, grandezza, grado d’influenza su ciò che sta accadendo. Quello che in filosofia è chiamato pensiero categorico (da “categoria” piuttosto che “categoricamente”).

Per esempio, la principale lamentela di Andrei Martyanov nei confronti di Rybar è che non mette la scala sulle sue mappe. Il risultato è una manipolazione scadente. Infatti, troppo spesso le battaglie locali, a causa di un eccessivo zoom in scala, sono spacciate per battaglie quasi epiche, al livello di Stalingrado.

Anche i batteri, se osservati al microscopio, sembrano enormi. Ma in realtà non c’è stato, e molto probabilmente non ci sarà, nulla di paragonabile a Stalingrado o a Kursk Bulge.

Infatti, al culmine di Stalingrado (autunno 1942) il Terzo Reich aveva quasi un milione di soldati e le sue perdite totali durante tutte le battaglie superavano il milione e mezzo. Per non parlare delle “sciocchezze” come i 1.200 aerei della Luftwaffe presenti in quest’area all’inizio della battaglia. Il Grasso Reich [da Saloreich, la parola usata in Russia per indicare l’Ucraina del dopo Maidan] non ha nulla del genere, né può averlo.

È per la misera “Ucraina” che si sta svolgendo la “guerra totale”, il Ragnarök e l’Armageddon, perché alla fine di tutto ciò, semplicemente, non ci sarà più. Ma per la Russia (con le sue dimensioni, la sua storia e le sue capacità), si tratta di una normale operazione di confine. Una parte di un confronto più ampio.

Ho detto molte volte e lo ripeterò ancora: non siamo in guerra con l’Ucraina e non per l’Ucraina. Stiamo sfidando il sistema mondiale imperialista, e lottiamo per una sua radicale ristrutturazione su basi più giuste.

Sia la Siria che l’Ucraina, e una serie di altri punti caldi (compresi quelli che non l’hanno innescata), sono solo episodi di questo confronto.

Tuttavia, anche in questi episodi ci sono momenti significativi. L’aggiunta di quattro regioni alla Russia è uno di questi momenti significativi. Il significato di questo evento è geopolitico.

La Russia ha guadagnato quattro regioni. La Russia ha guadagnato diversi milioni di nuovi cittadini. Il Mare d’Azov è diventato un mare interno della Russia. La Russia ha ottenuto un corridoio terrestre verso la Crimea.

È significativo? Altroché!

In preda ad una crisi isterica, Zelensky ha firmato su un comodino spelacchiato un appello per far entrare rapidamente i resti della Rovinucraina nella NATO. E la NATO ha immediatamente respinto quest’appello. E nella persona di Stoltenberg (Segretario Generale della NATO), e nella persona di Baerbock (Ministro degli Esteri tedesco), e nella persona di Sullivan (Consigliere per la Sicurezza Nazionale di Biden).

Ha importanza? Certamente!La risoluzione americana alle Nazioni Unite che condanna i referendum non è stata sostenuta da Cina, India, Brasile e dalla stragrande maggioranza della popolazione mondiale.

Ha importanza? È importante!

Eppoi, il discorso di Putin che contesta il sistema neocoloniale dell’Occidente è stato definito da analisti e giornalisti stranieri “uno degli eventi più importanti (fino a questo punto, diamine, la fine del secolo è ancora lontana) del XXI secolo”.

Inoltre, in Africa, la Francia ha perso un’altra delle sue colonie (ora ha solo il Niger, l’ultima rimastale).

È significativo? Lo è certamente!

Ma voi ignorate tutto ciò, perché “Liiiiiiiiiiimaaaaaaaaaaaan!”.

Con una corrispondente aggiunta di “È tutto finito! Sparate allo Stato Maggiore! Tradimento! Venduti al Maidan!”.

In realtà, per questo tentativo di nascondere l’enorme vittoria della Russia con una piccola ritirata, nelle ultime due settimane i dintorni di Liman sono stati corposamente coltivati dagli ucraini. Una guerra di pubbliche relazioni.

A sentire certe persone, anche se gli si desse la possibilità di andare a letto con Cindy Crawford (o con chi è la top model di questi tempi? Non lo so), direbbero “Perché non con Sharon Stone?”.

Un sostenitore dell’annessione delle regioni mi ha detto: “E allora? Quattro piccoli moncherini. Ma rinunciare a Liman è un disastro”.

Un momento, “quattro moncherini” con una superficie totale pari alla metà del Regno Unito.

Un momento, “quattro moncherini” con una popolazione superiore a quella di tutti e tre gli Stati Baltici più la Georgia messi insieme.

Ma nulla di tutto ciò ha importanza!

Ed ecco la città di Liman, con la sua popolazione prebellica di 20.000 abitanti (che probabilmente sarà ripresa tra una settimana), che è una tragedia di proporzioni universali.

Davvero?

120 mila chilometri quadrati non sono nulla. 20 chilometri quadrati sono importanti. Non ti ingannare, Kutuzov [in italiano]!

Non un solo pozzo nero della propaganda occidentale, neanche quelli al livello del Daily Mail o della CNN, ha pensato di scrivere qualcosa come “L’Ucraina ha preso Liman, ora la Russia è definitivamente fregata”.

Ma i blogger “patriottici” russi sono due su tre. Ora ci ritireremo sicuramente sui Monti Urali!

Quello che non riesco a capire è: sono davvero dalla nostra parte? Fanno il tifo per la Russia? O per la “Bella Russia del futuro”, che ha una bandiera [in italiano] bianco-azzurro-bianca?

Ci sono quattro Belgio annessi e vanno in giro con una lente d’ingrandimento gigante e “Cuc-cio-li!!!!!”. Cioè “Liiiiiiiiiiimaaaaaaaaaaaan!”.

Che ne dite di mettere in un autobus tutti i preoccupati per Liman, che fanno la voce grossa, e di mandarli a riconquistarla? Beh, lei è più importante dei referendum! È necessario riprenderla con urgenza, altrimenti domani gli ucraini sbarcheranno a Yeburg e Novosibirsk!

Oppure no?

Cittadini!

Rispettate l’igiene delle informazioni! Non leggete gli esperti anonimi di Telegram. E filtrate anche quelli non anonimi.

Non capisco affatto gli attacchi a Lapin. Liman era sorvegliata dai cosacchi della milizia della LNR, e per qualche motivo la colpa è di un generale dell’esercito russo.

Dov’è la logica? Non è chiaro.

Oppure alcuni danno il merito a loro per l’offensiva, ma incolpano lo Stato Maggiore per i problemi? Proprio come i liberali e gli antisovietici con le loro storie di “abbiamo vinto nonostante Stalin”. No, ragazzi, non funziona così!.

A proposito, il colpo di Stato antifrancese in Burkina Faso, un paese con 20 milioni di abitanti. Oro, rame, nichel, zinco, titanio.

Iiiiiigooooooor! Cioè Leeeeeeeeaaaaaaaan!.

P.S. Quasi dimenticavo. Solo per chiarezza e comprensione della scala.

Mappa con i nuovi territori della Russia (dipinta con il mio piede sinistro, non c’è precisione). Punto rosso – Liman:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su