CRISI DI GOVERNO E CRISI ECONOMICA. CE NE PARLANO IDA MAGLI E ENNIO DORIS

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Il processo di beatificazione del prof. Mario Monti è già iniziato. La stampa allineata, quella stampa di sinistra che rappresenta l’altoparlante delle elites finanziarie e politiche, detentrici assolute delle verità assolute, ci sta stucchevolmente informando sulle virtù morali, professionali, civiche, umane, eccetera del presidente incaricato. Nel frattempo si è già provveduto a organizzare la “spontanea” gioia popolare, che si è tradotta nel vergognoso spettacolo di qualche centinaio di sciamannati, pagati e inquadrati per lanciare monetine e insulti a Berlusconi.

In attesa di leggere come Mario Monti, con un tocco della mano, abbia ridato la vista a un cieco, l’udito a un sordo e magari la regolare peristalsi a un colitico, proponiamo ai nostri lettori due istruttive pagine: un articolo di Ida Magli, giornalista fuori dal coro, e un’intervista che Ennio Doris, presidente di Banca Mediolanum, ha rilasciato a “Tempi”. Doris non è senatore a vita, ma conosce il suo mestiere.

E prima di passare la parola a Ida Magli e a Ennio Doris, ci sembra giusto esprimere a Silvio Berlusconi l’apprezzamento per la dignità con cui ha saputo farsi da parte. Sia chiaro: non siamo assolutamente d’accordo con la scelta sua e del PdL di dare appoggio, seppur condizionato, al tentativo di Monti. Continuiamo a parlare di colpo di Stato, perchè  il potere è stato strappato ai legittimi rappresentanti del popolo italiano. Il futuro è carico di nubi di tempesta. Ma Berlusconi, spesso indicato dai bigotti di sinistra, peraltro difensori accaniti di ogni perversione, come uomo sguaiato, libertino, buffone, ha saputo, col suo discorso televisivo di commiato, dare un esempio di stile e dignità, davvero raro in questo Paese in cui per trenta denari si fanno molti acquisti. Provino a riflettere quanti, anche tra i cattolici, sono stati lesti nell’abbandonare la nave in tempesta.

PD

—————————————————————–

 

NO! QUESTO NO!

di Ida Magli  – dal sito Italiani Liberi

 

monti

ha già l’aureola?

 

No, Signor Napolitano, non sopporteremo una simile nauseante “furbata”. Creare all’improvviso un senatore a vita per far credere che si tratti di un politico e fingere così che l’Italia non si sia consegnata nelle mani dei banchieri, è un sotterfugio intollerabile. Quale disprezzo per i poveri Italiani! Quale disprezzo per la Repubblica e per la politica! Abbiamo, dunque, così la misura della spaventosa miseria civile e morale dei nostri “rappresentanti”. La Bibbia afferma che “Dio vomita gli ipocriti”. Sono certa che non ha mai vomitato tanto.

Senatore a vita il signor Mario Monti? Un cittadino benemerito della Repubblica e di specchiati costumi? Forse non tutti i cittadini lo sanno o se lo ricordano (e su questa ignoranza ha contato, oltre che sul complice silenzio dei politici e dei giornalisti, Giorgio Napolitano nel nominarlo) che Mario Monti è stato costretto, nella sua qualità di Commissario europeo sotto la presidenza Santer, a dare le dimissioni “per l’accertata responsabilità collegiale dei Commissari nei casi di frode, cattiva gestione e nepotismo” messi in luce dal Collegio di periti nominato appositamente dal Parlamento Europeo. La Relazione fatta da questi Saggi al Parlamento, nonostante la prudenza del linguaggio ufficiale, fa paura. Si parla infatti dell’assoluta mancanza di controllo nella “rete di favoritismi nell’amministrazione”, di “ausiliari esterni” e di “agenti temporanei”, di “minibilanci espressamente vietati dalle procedure amministrative”, di “numerosissimi esterni fuori bilancio, ben noti all’interno della Commissione con il soprannome di sottomarini”, che operano con “contratti fittizi”, dietro “raccomandazioni e favoritismi”; di abusi che hanno comportato, con il sistema dei “sottomarini” l’erogazione non controllata di oltre 7.000 miliardi nell’ambito dell’Ufficio Europeo per gli Aiuti umanitari d’Emergenza (miliardi usciti dalle nostre tasche, naturalmente, e che dovevano andare, ma non ci sono arrivati se non in minima parte, ai bambini della Bosnia, del Ruanda morenti di fame). Evidentemente Mario Monti è inamovibile, o meglio può perdere un posto soltanto per guadagnarne uno migliore. Nel 1999, al momento di una caduta così ignominiosa, ha provveduto la successiva Commissione, con presidente Romano Prodi, a riconsegnargli il posto di Commissario. Cose che succedono soltanto nell’onestissimo ambito delle nostre istituzioni politiche. I semplici cittadini vanno sotto processo per gli ammanchi, o come minimo perdono l’incarico.

Perché mai, dunque, dunque, dovremmo affidare a questo signore i nostri ultimi beni? In omaggio, forse, al truffaldino sotterfugio inaugurato dalla Presidenza della Repubblica? I politici che lo voteranno come capo del governo sappiano che, visto che non possediamo nessun altro potere, annoteremo ogni loro “Sì” per cancellare per sempre il loro nome da qualsiasi futura elezione.

 

——————————————————————————–

 

INTERVISTA A ENNIO DORIS, PRESIDENTE DI BANCA MEDIOLANUM

rilasciata a “Tempi”

doris

 

Presidente, il nostro sistema finanziario deve vergognarsi rispetto alla Francia e alla Germania?

Le banche francesi e tedesche sono piene di titoli greci: i francesi ne detengono per 56 miliardi mentre in Germania per 40 miliardi. Le nostre banche ne hanno 4 miliardi. Il problema è che, con le nuove regole previste dall’Authority bancaria europea, i buoni del tesoro emessi dalla Grecia dovranno subire una svalutazione del 50 per cento se non maggiore. Quindi le banche francesi dovrebbero subire una diminuzione dei loro ratio (indici patrimoniali).

 

Come si stanno muovendo Merkel e Sarkozy?

Ci sono stati una serie di incontri bilaterali tra i due capi di stato. I francesi, per salvare le loro banche, volevano far intervenire direttamente il Fondo salva-Stati, ma il cancelliere tedesco si è opposto. Questo perché il fondo serve per salvare i paesi in difficoltà, mentre a ogni singolo paese tocca preoccuparsi delle proprie banche domestiche. Se la Francia si fosse mossa in questa direzione avrebbe visto abbassarsi il suo rating, che ad oggi continua a essere una tripla A.

E quindi? Cosa hanno inventato?

L’autorità bancaria europea ha deciso di calcolare il peso dei titoli di stato nel bilancio delle banche non più al valore storico, ma al valore di mercato (mark to market). La conseguenza è che i titoli emessi dalla Germania e dalla Francia in questo momento in cui la loro domanda è molto alta, vengono contabilizzati con dei valori superiori rispetto al loro prezzo di realizzo alla scadenza. Questa è una sopravvalutazione assolutamente fittizia, ma grazie a questo scherzo le banche tedesche e francesi possono compensare i minusvalori generati dai titoli greci presenti nei loro portafogli. La conseguenza è che alle banche di Francia e Germania è stato richiesto di ricapitalizzarsi per 9 miliardi di euro l’una e per 5 miliardi l’altra.

E l’Italia?

All’Italia invece è accaduto l’opposto. In questa tempesta i titoli italiani hanno perso valore. Anche questo però è fittizio perché i nostri titoli verrano rimborsati come gli altri, alla pari. In sostanza le banche franco tedesche registrano dei capital gain che svaniranno così come svaniranno le perdite fittizie dei Btp. Il punto dolente è che le banche italiane dovranno aumentare i propri capitali per 14 miliardi: più della somme richieste a Francia e Germania, che hanno invece problemi maggiori rispetto al nostro sistema bancario.

Si può dire che i titoli cosiddetti tossici siano diventati i Btp?

Paradossalmente è così, anche se in realtà non lo sono. Questo è un altro elemento atipico. I veri titoli tossici non sono presenti nel territorio italiano, ma lo sono in Francia e in Germania. Questo è assurdo, perché ciò che determina la bontà di un titolo è la sua liquidabilità, cioè la capacità di essere venduto nel mercato. Un titolo di stato ha una vendibilità immediata, mentre i veri titoli tossici sono illiquidi: nessuno li vuole.

Alla fine quali saranno gli effetti?

Che le banche italiane si guarderanno bene dal comprare titoli di stato italiani.

 

E chi li compra allora?

Questo è il punto. Quanto sta avvenendo è un vero e proprio attacco all’Italia attraverso un regolamento assurdo che favorisce taluni per penalizzare altri.

Le regole create negli ultimi quindici anni hanno creato degli effetti opposti alle intenzioni.

In che senso?

Le faccio un esempio. In questi giorni è stata salvata dal default la banca belga Dexia che vantava degli indici patrimoniali superiori alla media. Il punto nodale, come detto prima, è rappresentato dal fatto che Dexia deteneva parecchi titoli non liquidi nel proprio portafoglio. Questo è il vero problema. Quindi le banche italiane, che sono state le più prudenti poiché non hanno investito in titoli tossici e non hanno dovuto essere salvate da terzi, sono quelle che pagano di più. Direi che non è per nulla corretto.

 

Come spiega l’attacco all’Italia nei mercati finanziari e soprattutto qual è il modo per venirne fuori?

L’attacco al debito sovrano italiano è in realtà un attacco all’Euro. In Europa, sono i singoli Stati che emettono il debito, ma le banche centrali nazionali non ne sono più i prestatori d’ultima istanza perché hanno trasferito le funzioni a loro tipiche alla Bce, la quale si muove con difficoltà per comprare i debiti di singoli stati. Faccio un esempio per chiarire questo punto. La Francia vanta rispetto agli Stati Uniti dei fondamentali migliori. Perché il debito d’oltralpe deve costare 1,5 per cento in più del debito emesso dalla Federal Reserve? La risposta è molto semplice: la Fed, al fine di tenere basso il valore dei tassi, ha comprato sul mercato valori ingenti di titoli americani. Per la Francia, la Bce non fa la stessa cosa.

Perché?

La Germania che gode dei tassi al due per cento, non vuole concorrenza. Ergo alla Francia manca l’acquirente di debito d’ultima istanza.

Quindi, come abbiamo sentito nei giorni scorsi, non c’è futuro per l’Euro?

Ci vuole un governo centrale, una guida. Dobbiamo dire che il re è nudo.

L’Euro così costituito è un errore, le singole macchine viaggiano senza la ruota di scorta, gli Stati mancano del fornitore del credito di ultima istanza. Aveva ragione Tremonti quando caldeggiava l’introduzione dell’Eurobond.

Data questa situazione, quali possibili scenari si prospettano?

Il primo è più drammatico per le conseguenze che genererebbe: si scioglie l’Euro.

Una seconda ipotesi, a mio avviso irrealizzabile, riguarda la creazione di un governo centrale europeo. Non ci credo perché i tedeschi e i francesi non rinunceranno mai alla loro indipendenza. Una terza ipotesi è rappresentata dalla germanizzazione dei paesi mediterranei. I benefici andranno a loro e noi saremo cornuti e mazziati. Anzi lo siamo già.

 

 


Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su