Cristiani perseguitati in Puglia: “Ci nascondiamo per pregare” – di Luca Romano

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Perseguitati e costretti a pregare nel silenzio, senza farsi vedere dai musulmani. La triste storia di 300 cristiani in Puglia  

di Luca Romano

.

Perseguitati e costretti a pregare nel silenzio, senza farsi vedere dai musulmani.

z.Crx

.

La storia che emerge dalle bidonville dei lavoratori stagionali nei campi di pomodoro in Puglia fa riflettere. Protagonisti della vicenda circa 300 immigrati africani di fede cristiana. “Abbiamo paura, sì. Da due anni la domenica preghiamo tra di noi senza farci vedere”, raccontano in un’inchiesta de L’Espresso anticipata da Repubblica,. Una situazione paradossale che a quanto pare va avanti da tempo. Un nigeriano che ha rimediato una croce con dei legnetti racconta: “L’abbiamo fatta con i resti della baracca della fedele che ogni domenica ospitava la messa. La baracca l’hanno bruciata una notte di due anni fa. Poi qualcuno ci ha fatto capire che, se non volevamo altri incendi, non dovevamo pregare davanti ai musulmani. Anzi non dovevamo proprio farci vedere. Noi siamo una minoranza. Trecento contro duemila, troppo pochi. Così per paura abbiamo dovuto rinunciare alla messa. Solo a Pasqua abbiamo chiesto che venisse un prete. Almeno a Pasqua. Per il resto, preghiamo di nascosto. Loro hanno 3 moschee qui. Ma nessuna baracca può essere usata come chiesa”. Ma chi perseguita questi cristiani che vogliono pregare? A quanto pare sarebbero alcune “spie di caporali” di fede musulmana. “Africani anche loro, che per ora non hanno dichiarato la loro vicinanza a Boko Haram o Isis”. “Oggi ci dicono che non vogliono vedere croci o immagini di Gesù. Papa Francesco dovrebbe venire qui e scoprire con quanta fatica viviamo”.

CRISTIANI SOTTO TIRO: SOSTIENI IL REPORTAGE
Vogliamo continuare a raccontare con gli Occhi della guerra le drammatiche storie dei cristiani sotto attacco nel mondo. In Africa e nel Medio Oriente, ma anche nelle nostre città e ovunque i cristiani siano un bersaglio. Abbiamo bisogno anche di te.

www.occhidellaguerra.it/projects/cristiani-sotto-tiro/
www.gliocchidellaguerra.it

.

fonte: Il Giornale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

20 commenti su “Cristiani perseguitati in Puglia: “Ci nascondiamo per pregare” – di Luca Romano”

  1. È esattamente quello che succede quando i musulmani diventano maggioranza. Impediamoglielo e difendiamo i nostri correligionari.

  2. Antonella LIgnani

    Anche oggi ci sono le catacombe. Speriamo che qualche movimento ecclesiale, tanto dialogante con tutte le religioni, si muova in loro soccorso.

  3. Perchè meravigliarsi? Sono oramai padroni del territorio e appoggiati da buona parte della politica, per non dire dal clero, dai cattolaici e dai mangiapreti. Dov’è l’Italia cattolica? Non esiste più. Questo paese ha voltato le spalle a Dio.

    1. jb Mirabile-caruso

      Maria Teresa: “Dov’è l’Italia cattolica? Non esiste più.
      ……………………Questo paese ha voltato le spalle a Dio”………….

      È da mezzo secolo, signora Maria Teresa, che la massoneria giudaica conduce un massivo attacco mediatico di scristinazzione, in Italia e dovunque in Occidente. Ciò che noi non abbiamo ancora compreso con la dovuta chiarezza è che la manipolazione delle menti a livello di massa è diventata una scienza: si può graduamente sostituire, cioè, il pensiero di una intera Nazione con uno nuovo che sia addirittura l’antitesi del primo, spacciandolo pure come “progresso”. I due soli ingredienti che occorrono sono ‘tempo’ e ‘capacità mediatica’, entrambi pienamente disponibili ai massoni Ebrei che posseggono quasi la totalità delle televisioni e dei giornali.

      Questo nuovo stato di cose obbliga a due riflessioni: 1. La Democrazia, di fatto, non esiste più in quanto il pensiero dei Cittadini è letteralmente ‘confezionato’ dalla èlite manipolatrice; segue…

      1. jb Mirabile-caruso

        Sèguito: e 2. Non c’è più partita tra la Chiesa e la massoneria, per mancanza di capacità mediatica da parte della prima. È mio pensiero personale che, in queste condizioni, la Chiesa dovrebbe reagire frontalmente esplicitando l’identità dell’avversario che ama agire sotto mentite spoglie. Ha scelto, invece, l’esatto contrario: la rinuncia al confronto e, addirittura, l’adesione al nuovo pensiero dettato dalla massoneria! Cosicché i nuovi Cristiani mentalmente-trattati rimangono nel buio più assoluto di essere vittime di un diabolico attacco da parte della chiesa di satana!

        Incredibile ma vero!!!

  4. Non credo che il papa creda nel dialogo, credo che sia meno ignorante di quello che si crede, e sappia benissimo come lo sappiamo noi, cosa sono gli islamici. Solo che smettendo di servire il buon Dio si fa servitore del Demonio. Visto che non è lecito ad un Papa non sapere la storia della Chiesa, i suoi insegnamenti e ciò che Gesù vuole, nè sapere cosa pensano le false religioni, bisogna rendersi conto che ciò che il Papa fa lo fa in piena consapevolezza, sempre se non è interdetto e dunque è incapace di intendere e volere. In ogni caso se un Papa è incapace di intendere e volere, o se non è all’altezza del suo mandato, perchè non ha studiato e non sa cosa sia la Chiesa cattolica, e cosa comanda Dio, in entrambi i casi deve essere dimesso, perchè non adeguato al compito.

    1. si etiam omnes

      ma certo che è perfettamente lucido e consapevole di quel che dice e fa, ed è proprio questo l’aspetto più osceno di quanto stiamo vivendo.

      1. lorena meneguzzi

        Credo che sia solo un “prete di campagna”, come diceva Annarita non è all’altezza. Un bonaccione. Inadatto a fare il papa.

  5. l’invasione programmata inizia a rivelare i frutti nella totale indifferenza del governo laico!non mi piace l’immagine di Gesù di Medjugorje fatta da un artista ateoinfatti lo rappresenta risorto ma sostanzialmente morto….invece è vivo…vivo e poveri noi quando dovremmo rendere conto dell’operato!

  6. La top ten degli orrori. Il “dialogo” in circostanze così gravi a cosa servirebbe? A sorseggiare una tazza di the in un lager? Se i fatti saranno accertati, queste persone sono vittime di una persecuzione e in quanto tali hanno diritto ad avere giustizia. I mostri estremisti dovrebbero essere espulsi.

  7. Ci siamo arrivati! Cristiani perseguitati in terra cattolica, terra di Roma, patria della cristianità. Ma come stupirsene? Lo pseudo capo della chiesa ex cattolica, quel tal signor OMISSIS, invece di difendere per primo a spada tratta i cristiani, iniziò la sua bella opera proprio incoraggiando l’arrembaggio degli islamici (Il disgustoso teatro di Lampedusa), proseguì portandoli attivamente qui a gruppetti “perchè hanno le carte in regola” (parole, mi pare, sue), e non perde occasione per inchinarsi ai loro piedi: ed ecco cosa fanno loro appena diventano più forti; per ora localmente qui e là, ma fra un po’ (questione di tempo) diffusamente e generalmente. Complimenti al grande dialogatore interreligioso, che ha capito tutto su come “integrarli”. Ammesso e non concesso che non siano proprio tutti uguali, rimane che la “stoffa” islamica di base è sempre quella. La guerra di religione l’abbiamo, eccome, e in casa nostra: preghiamo Iddio che ci dia coraggio e forza per combatterla a gloria di…

  8. Con il ‘non governo’ che ci ritroviamo, anzi no! col governo dei nostri avversari che ci siamo lasciati imporre dall’Unione Europea fellona, non abbiamo spazi di manovra.
    Il grido Di Piero Vassallo, benchè trovi piena consapevolezza nei nostri cuori, echeggia nell’impotenza, tanto più grave se guardiamo all’apostata, sincretista che manovra dietro le Mura Leonine e che neutralizza, o ignora, le spasmodiche invocazioni, colme di dolore,riprendiamo ad alzare la voce da noi, figli di Colui che ha versato tutto il Suo Sangue per noi.
    Ora ricominciamo, senza stancarci mai, a supplicare a nostra volta verso di Lui, finchè abbiamo un alito di respiro: “Signore Vieni a salvarci, o Dio vieni presto in nostro aiuto!”.

  9. Oggi gli immigrati cristiani, domani tocca a noi. Signore e signori, e’ cominciato l’ultimo atto della commedia “Noi dialoghiamo e voi morite”.

  10. E’ molto amaro e difficile leggere questo articolo per una persona democratica e di fede cristiana. Credo solo nella preghiera e nell’esercizio della carità.

  11. Dr. Vassallo, ma quali attributi dovrebbe mostrare quel vile coniglio di Alfano?!
    Non l’ha notato come si barcamena con i nemici di Dio,per non perdere ” il posto”…
    Che poi,riflettendoci…,alfano non è poi così distante dai nemici di Cristo,basti vedere come si è comportato con le legge sui froci!!!!

  12. Fa tanto pena constatare la rinucnia dei cristiani alla battaglia che loro compete per amore e per dovere: testimoniare Cristo, difendere chi lo testimoniam non sognare paradisi egualitari che non esistono. Dobbiamo far sentire alta la nostra voce finchè siamo in tempo. E’ chiarissima l’invasione dell’islam in Europa e la sua pretesa pazzoide d’essere l’unica religione vera. E’ una supersitzione ottusa e crudele nel suo intimo, genera solo sudditanza, paura e violenza. Perchè non dire questto? Perchè non leggere la storia e non voler imaparare da questa? Solo quando tutto l’Islam (grazie a Dio questa religione non è proprpio monolitica e poi vive in paesi diversi, non ha un rappresentante) riconoscerà la distizione evangelica tra Cesare e Dio, potremo avere un pò di pace. E’ questione di cultlura, di aiutarli ad usare la ragione e smonatre il fanatismo in cui sono stati costruiti. Forse l’incontro con l’occidente sta sgretolando anche loro, auguriamocelo. Ma il dramma più grave è la mancanza di…

  13. Roberto, la massoneria è una creazione e strumento degli ebrei e si è infiltrata da decenni in Vaticano, imponendo il concilio ecumenico e la ‘nostra aetate’. E’ giusto definirla tale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su