Da chiesa a sinagoga. A Palermo l’ennesima resa incondizionata – di Cristiano Lugli

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Il vescovo di Palermo, Mons. Lorefice, ha ceduto in comodato l’antico Oratorio di Santa Maria del sabato all’Unione delle comunità ebraiche italiane, che ne faranno un “luogo di studio e di culto”.

di Cristiano Lugli

..

Il sincretismo rampante che da quasi sessant’anni spopola in Roma, definito dal documento conciliare Nostra ætate e confermato con gli incontri “ecumenici” di Assisi – dal 1986 fino ad ora e senza eccezioni – oggi fa un ulteriore e siginificativo passo avanti.

Come mi insegnava un bravo sacerdote con una metafora – che potrebbe forse risultare un po’ cruda a chi è debole di stomaco – la situazione attuale è simile ad un corpo morto il quale, appena morto, risulta ancora totalmente intatto, composto nella bellezza che lo ha distinto in vita, quasi occupato a dormire; man mano che il tempo passa però, il corpo (non più intatto) perde il vigore e la bellezza, lasciando spazio alla decomposizione organica che ne consegue.

L’odierna situazione non dà spazio ad interpretazioni diverse, purtroppo.

Ma tutto questo, per arrivare a parlare di cosa? Del trionfo sincretista celebrato a Palermo, con imprimatur di Mons. Corrado Lorefice, arcivescovo della città siciliana.

La bella novità riguarda i “fratelli maggiori” ebrei, che a più di cinquecento anni dall’espulsione decretata dagli spagnoli torneranno ad avere una sinagoga nel capoluogo di Sicilia.

Il luogo di culto tanto amato dai “dialogatori” del nouvelle ecumenisme avrà sede non in un edificio nuovo o vomunque precedentemente laico ma in un oratorio cattolico, precisamente nell’Oratorio di Santa Maria del Sabato, una piccola chiesa da tempo inutilizzata, divenuta dimora “del ragno e della lucertola”, situato proprio nella zona dove un tempo si trovavano gli antichi quartieri ebraici della Guzzetta e della Meschita.

Il vescovo Lorefice (che certamente non ignora che i “fratelli maggiori” definiscono i cristiani “goyim” maiali, o bestiame in senso lato), visti i presupposti che tanto ci accomunano (!) agli ebrei, ha deciso di accogliere una richiesta di un luogo di studio e di “culto” per l’intera comunità ebraica di Palermo, suggerita da Evelyne Aouate, presidente dell’Istituto Siciliano di Studi Ebraici e ha ceduto in comodato l’Oratorio alla comunità ebraica.

La data scelta per dare l’annuncio ufficiale è proprio oggi, così da rimarcare – per non farsi mancare nulla – l’anniversario del decreto datato 12 gennaio 1493, con cui gli spagnoli applicarono anche in Sicilia il provvedimento con il quale Isabella di Castiglia e Fernando d’Aragona, solo un anno prima, avevano ordinato l’espulsione degli ebrei dai loro possedimenti.

L’importante notizia sarebbe dovuta rimanere riservata proprio fino ad oggi, però le comunità ebraiche nazionali (e si può immaginare pure sovranazionali) non sono riuscite a mantenere nascosto l’entusiasmo per aver “acquisito” un luogo di culto cattolico, cosicché la Jewish Telegraphic Agency, una delle maggiori agenzie di informazione del mondo ebraico, ne ha prontamente dato notizia due giorni fa.

Per l’inaugurazione odierna non sarà tuttavia presente l’arcivescovo di Palermo, per un viaggio già programmato a Gerusalemme, dove si recherà ovviamente in visita al muro del Pianto, insieme a una piccola delegazione proveniente dalla Sicilia.

I festeggiamenti a Palermo avranno comunque luogo senza di lui, nella sede dell’Archivio Storico Comunale, poco lontano dalla chiesa in questione; proprio qui si terrà una cerimonia pubblica sulla storia dell’esilio degli ebrei siciliani, alla presenza del vicario episcopale monsignor Raffaele Mangano, della storica Serena Di Nepi e di Pierpaolo Pinhas Punturello, rappresentante per l’Italia dell’associazione ebraica Shavei Israel.

Per quanto riguarda la “cessione” della piccola e storica chiesetta, tutto è stato fatto per bene, visto che l’Oratorio di Santa Maria del Sabato sarà ceduto in comodato d’uso all’Unione della Comunità ebraiche italiane, in attesa che a Palermo si costituisca una vera e propria comunità ebraica, ad oggi non ancora consolidatasi in città.

La “parola diocesana” su questo fatto è stata lasciata a don Pietro Magro, già Direttore dell’Ufficio per la pastorale dell’Ecumenismo e del dialogo interreligioso (e chi meglio di lui, dunque), che ha però voluto sottolineare come questa decisione sia partita prima ancora dal Vescovo:

«È stato un gesto voluto personalmente dall’arcivescovo Lorefice. Il senso vuole essere proprio quello di ridare una casa agli ebrei che da qui vennero espulsi. E si inserisce nel cammino più ampio di dialogo e amicizia che a Palermo vede una grande sintonia tra la comunità cattolica e le altre comunità religiose».

Nel complesso in cui è situato l’Oratorio, ricordiamolo, ora “in comodato d’uso agli ebrei”, fino al 1493 sorgeva invece una sinagoga, che dopo i decreti sopra menzionati lasciò il posto alla fede cattolica, in Roma (un tempo) solennemente rappresentata.

Don Pietro Magro ha tenuto a sottolineare che il nome dell’Oratorio rimanda all’ebraismo:

«Il riferimento al sabato nel nome è dovuto al fatto che i confratelli di quell’oratorio raccoglievano di sabato le offerte per la confraternita. Non c’è dunque un legame diretto con la presenza ebraica precedente. Ma è ugualmente bello che nella sua storia questo luogo abbia mantenuto un nome che evoca lo shabbat».

Volentieri ricordiamo agli instancabili sostenitori del dialogo ciò che pensano i “fratelli maggiori” di noi cristiani cattolici, ma prima ancora quel che pensano di Nostro Signore Gesù Cristo e della Santa Vergine, come riportato nel Talmud, che forse dovrebbero avere la decenza di leggersi. Qui è scritto che Gesù era un bastardo e figlio di una donna impura (Trattato Kallah 1 b (18 b)). Che aveva in sé l’anima di Esaù ed era stolto, prestigiatore, seduttore e idolatra. Ancora vien detto nel Talmud che fu crocifisso e sepolto nell’inferno, divenendo l’idolo dei cristiani. Nel Sanhedrin 67 a, si legge che Gesù era figlio di una meretrice, che fu crocifisso la sera di Pasqua, che sua madre fu la prostituta Maria Maddalena. La Madonna è chiamata meretrix o «Stada» poiché secondo i perfidi giudei aveva tradito il marito con adulterio. 

Ancora nello Schabbath 104 b, Gesù è chiamato stolto e demente, prestigiatore, mago. Lo Zohar 282 b dice che Gesù morì come una bestia e fu sepolto tra le bestie. Nello Iore Dea 150, 3. Hagah e 141, 1 Hagah si parla del disprezzo da portare alla Croce, che «dev’essere ritenuta come un idolo e non è lecito usarne prima di distruggerla». Nell’Abhoda Zarah 6 a. Toseph si afferma che il cristiano è chiunque «segue l’errore di colui che comandò di santificare il primo giorno dopo il Sabato».

È davvero penoso (e ce ne scusiamo con i lettori) riportare queste cose, peraltro scritte e mai mutate dagli stessi a cui oggi vengono date chiese, in nome del “dialogo” e della “pace”; tuttavia, nel caso in cui non fosse ancora sufficiente quanto riportato dal libro del Talmud, rimandiamo Lorefice &Co. agli approfonditi studi riportati qui http://www.crisinellachiesa.it/articoli/giudaismo/cristo_e_i_cristiani_nel_talmud/cristo_e_i_cristiani_nel_talmud.htm  ad opera del fine teologo Mons. Justinas Bonaventura Pranaitis, profondo conoscitore della storia e del linguaggio ebraico.

In conclusione, ciò che è certo è il messaggio, forte e chiaro: non c’è più posto per i cattolici nelle chiese e del resto pare proprio non esserci più posto per il Cattolicesimo nella Chiesa. Il tutto ha una sua logica nei progetti di questa nefanda neo-chiesa che si adopera per sgretolare le fondamenta della Verità dall’interno, costituendosi e manifestandosi in un modo ingannevole tipico di Satana, scimmiottando e tentando di deridere la Sposa di Cristo. Il tutto con il beneplacito di coloro che dovrebbero spendere tutto per difenderla, perfino il sangue rappresentato dal color porpora che, quando capita, indossano.

Un nuovo scempio è stato compiuto; ancor meglio potremmo parlare di profanazione del Tempio di Dio, ceduto a coloro che quel Dio, l’unico Dio, ancora non l’hanno riconosciuto, né mostrano di pensare diversamente dal loro antenato, Caifa.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

12 commenti su “Da chiesa a sinagoga. A Palermo l’ennesima resa incondizionata – di Cristiano Lugli”

  1. Questo è IL punto. Siamo debitori agli Ebrei, o loro sono segnati da una straordinaria, non umanamente spiegabile avversione a Cristo?
    Dio ha fatto bene o male a incarnarSi?

    La risposta è lampante. La volontà del “Clero più avveduto” di radere al suolo la Chiesa negando l’evidenza, anche.

    1. Carla D'Agostino Ungaretti

      Alla domanda del monaco Bosone “Cur Deus homo?” S. Anselmo d’Aosta rispose che l’Incarnazione era “necessaria” per liberare l’umanità dal peccato originale. Tuttavia resta il mistero (tale anche per S. Paolo) del mancato riconoscimento del Messia in Gesù da parte degli Ebrei, che sarà svelato solo alla fine dei tempi. Nel frattempo, però, resta anche il dolore e il disagio che proviamo noi cristiani nel sapere Cristo trattato così sia dagli ebrei che dal musulmani. Ma Gesù lo aveva previsto e ha assicurato la salvezza solo a coloro che, nella loro libertà, lo avrebbero riconosciuto.e professato come il Cristo. Tutto il resto è mistero. Ma resta anche la confusione che regna oggi nella Chiesa che sembra addirittura fomentarla per accattivarsi il “mondo”, smentendo quello che ha detto Gesù a questo proposito. Alle anime semplici come me non rimane che rimanere abbarbicate alla Parola quale è stata trasmessa e meditata da 2000 anni nella certezza, avvalorata dalla Madonna a Fatima che non riuscirà questa generazione perversa a distruggerla. Laudetur Jesus Christus. .

      1. Ovviamene, cara dottoressa, quando lei dice “non riuscirà questa generazione perversa a distruggerla” vi include anche il clero modernista, vero ?, questo perché è proprio da lì che è venuto l’assalto alla diligenza, cioè alla barca di Pietro. La malvagità, il progetto diabolico, il “dolo” è venuto proprio da loro, da modernisti, dai massoni infiltratisi nel clero, dai loro intrighi e complotti e poi dalla loro rivoluzione. Sto leggendo i libri di Mons. Léfèbvre, uno più bello dell’altro, e ieri sera leggevo “Lettera aperta ai cattolici perplessi”, il passo dove il Mons.re parla dell’inizio del Concilio, d come i cardinali progressisti “delle rive del Reno”, riuscirono a convincere G XXIII ad accantonare tutti i 72 schemi preparatori sui quali doveva svolgersi il dibattito conciliare (erano schemi orotodossi, con pochissime concessioni alla modernità). dopo di che misero l’uomo al posto di Dio, al centro della discussione, e crearono la Chiesa 2.0, dedita al “culto dell’uomo”, scegliendo il “non serviamo” luciferino.

  2. Stefano Mulliri

    Grazie di cuore dottor Lugli, finalmente qualcuno che dice le cose come stanno in verita’, francamente non so’ piu’ cosa dire quando sento che costoro sarebbero nostri fratelli maggiori ma di che’,anche io sono al corrente di tutti gli eloggi che si fanno di Nostro Signore e della Sua Santissima Madre nei testi sacri di quei razza di vipere. Ma a questo punto penso che le stesse cose le pensi anche monsignore, e tutti coloro i quali pensano di avere qualcosa in comune con gli ebrei post bibblici.
    Che Dio abbia pieta’.

  3. Questa è la dimostrazione della totale crisi imperante e, fatto importante e interessante, è una crisi che nasce dall’alto. Per secoli la Chiesa ha fatto propria l’elezione definitiva: il corpo mistico di Cristo come il vero Israele. D’altronde, non dovremmo nemmeno meravigliarci a fronte del fatto che proprio nel CV-II l’influenza dei ‘fratelli maggiori’ è stata determinante per il parto dei documenti. Se il clero è allo sbando, dall’altra parte proseguono con tenacia secolare, ma è solo un’illusione: non riusciranno mai a prendere le Chiavi!

  4. L’uso di una chiesa per una destinazione estranea a celebrazioni coerenti con le prescrizioni liturgiche costituisce una violazione canonica. Ma rischia, in prospettiva cristiana, di cancellare per sovrapposizione il carattere di spazio non soltanto fisico bensì dell’immaginario spirituale. La concessione di locali diversi per originaria funzione avrebbe consentito un meritorio gesto di avvicinamento tra le comunità, evitando insieme i rischi succitati.

  5. Umberto Bonvicini

    Dal sito http://consulenzaebraica.forumfree.it/?t=49638603
    Ecco un elenco delle frasi tratte dal Talmud, uno dei testi sacri dell’Ebraismo che molti israeliani studiano nelle Yeshiva (scuole talmudiche).
    Se quanto riportato in traduzione attribuito al Talmud corrisponde al vero, ove:
    1) I “gentili” (o Goym) sono i “non ebrei”, definiti anche come “animali parlanti”:
    “Quando un ebreo ha un Gentile nelle sue mani, un altro ebreo può andare dallo stesso Gentile, prestargli denaro e truffarlo in sua vece, così da rovinare il Gentile. Poichè la proprietà di un Gentile, secondo la nostra legge, non appartiene a nessuno, e il primo ebreo che passa ha pieno diritto di prendersela. (Schuican Amen, Choschem Hamischpath, 156).”;
    2) “Non è permesso derubare un fratello, ma è permesso derubare un non ebreo, poichè sta scritto (Levitico XDC, 13) “Non deruberai il tuo vicino”. [Ma queste parole, dette da Jahvè, non si applicano a un Goy che non è tuo fratello. (BabaMezia, 6 la)]; SPERO TANTO che il mio amico Freddy, compagno di scuola a Bs. As. nato a Quito nel 1942 non sia…

  6. Luca Checcucci

    Tutta colpa del relativismo, che tanto denunciava B. XVI. Se esistono più verità, hanno ragione di esercitare il proprio credo anche, ebrei, musulmani, buddisti, satanisti e chi più ne ha più ne metta. Se la Verità è una, tutte le altre sono fasulle. Ed allora delle due l’ una. O ci fidiamo di Gesù che ha detto “Io sono la Verità”, ed allora non ci comportiamo da cristiani se permettiamo, o addirittura facilitiamo, come nella fattispecie, l’esercizio di una fede evidentemente errata, oppure non gli crediamo, ed allora non siamo cristiani davvero. In due parole “l’ecumenismo è una str…..a”.

    1. Cristiano Lugli

      Caro Checcucci,
      Quanto dice è vero! Tuttavia quel relativismo che BXVI “denunziò” era lo stesso che già si era insidiato nel Concilio, ergo ben conosciuto da Ratzinger. Se c’è uno che ha sempre avuto una chiara visione di quanto stava accadendo – per il semplice fatto che ne fu motore operante – quello è Benedetto XVI. Se Nostra ætate è giusta ma andava solo ben interpretata, così come pensa il conservatorismo di ala ratzingeriana, allora veramente tutto è relativo. Ecco perché lui del relativismo è stato portavoce primario, approvando e collaborando al CVII.
      Un cordiale saluto

  7. Pensare invece di cedere in comodato d’uso l’Oratorio a prelati della F.tà S. Pio X ? Fantascenza, lo so. Analogamente nei dintorni di Milano l’Abbazia di Mirasole (http://www.vita.it/it/article/2016/05/24/il-futuro-di-mirasole-labbazia-della-solidarieta/139526/http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/15_settembre_12/mirasole-frati-lasciano-l-abbazia-siamo-rimasti-troppo-pochi-6008961a-5947-11e5-bbb0-00ab110201c3.shtml) si è trasformata in un centro “welfare” gestito da associazioni no-profit a seguito della rinuncia, dopo appena tre anni, al comodato d’uso da parte del’ordine dei premostratensi ed il disinteresse mostrato da tutti gli altri ordini religiosi interpellati sulla possibilità di subentrarvi…

  8. La cosa che suona ancor più ingiuriosa per l’aver destinato un oratorio ad un culto acattolico, è che è intitolato a Santa Maria in Sabbato, giorno dedicato dai cattolici alla Vergine, e al tempo stesso giorno sacro alla Sinagoga. Chissà le risate di scherno che si faranno gli ebrei panormitani?

    Avete il novo e ‘l vecchio Testamento,
    e ‘l pastor de la Chiesa che vi guida;
    questo vi basti a vostro salvamento.

    Se mala cupidigia altro vi grida,
    uomini siate, e non pecore matte,
    sì che ‘l Giudeo di voi tra voi non rida!

    Dante, Paradiso, V, 76-81

  9. Scusate, ma non vedo lo scandalo. Nella Nostra (mala) Aetate non c’è forse scritto che per Israele ci sono speciali doni di Dio verso quest’ultimo? Non è forse vero che in grazia dei padri sono comunque carissimi a Dio? Ed allora? Chi è causa del suo mal che pianga su se stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su