Dal genere parlamentare al genere “cattolico”  –  di Patrizia Fermani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Come si dà dignità ideale a pure scempiaggini. Le acrobazie a cui assistiamo, sulla stampa “ufficiale” cattolica, per contrabbandare l’armoniosa intesa chiesa-società sull’educazione unica, statale e indiscutibile, necessaria nella costruzione del mondo nuovo unificato e pacificato. L’istruttiva lettura dei due fronti distinti su cui è stato attaccato Don Giovanni Ferrara.

di Patrizia Fermani

.

zzzzimbrglAd una settimana dall’attacco sferrato mediaticamente contro Don Giovanni Ferrara, reo di avere ideato una scuola “parentale” per  sottrarre i bambini al  piano di  indottrinamento totalitario, possiamo dire che la vicenda si inserisce in modo esemplare in tutto un quadro d’insieme:  una  politica al servizio dei  poteri sovranazionali  che mirano ad omologare ogni identità culturale in un unico  arbitrario canone etico, una Chiesa che sembra avere rinunciato alla propria missione salvifica per adeguarsi alle direttive della prima.  In mezzo  chi tenta di  sfuggire ad una morsa che sembra non avere precedenti nella storia.

Come è noto l’idea della scuola parentale si è fatta strada  fra molti genitori e no, man mano che sono venuti alla luce  i documenti dell’OMS e la congerie di raccomandazioni, risoluzioni, delibere dei vari organismi sovranazionali volti tutti  ad imporre gli ormai  ben noti “canoni educativi “ in materia sessuale e di etica famigliare. Mentre cresce all’esterno la pressione del ricatto internazionale sul governo, e all’interno quella delle varie associazioni  interessate alla realizzazione del piano eversivo,  munite di un sorprendente quanto illegittimo potere contrattuale, partono  proditoriamente e in sordina “sperimentazioni” educative ai danni dei bambini e adolescenti. Finché  viene varata la legge sul femminicidio, che dando  esecuzione agli accordi di Istanbul  sulla  violenza e le discriminazioni ai danni delle  donne,  parte dal presupposto che il fenomeno sia anche in Italia  di entità tale  da richiedere addirittura una riforma ad hoc del  codice penale.

La sproporzione  tra la realtà delle cose e la cura adottata anche per l’Italia, la dice lunga sulla  matrice ideologica della legge e soprattutto sulla sua funzione effettiva, che è quella di aprire la strada alla nuova rivoluzione culturale. Infatti, poiché evidentemente la sanzione penale aggravata non basta a frenare tali violenze, la legge si propone di lavorare sulla “cultura”, e, fra altre amenità, oltre a misure di prevenzione e rieducazione speciale (compreso il  braccialetto da mettere al violento di turno), la legge prevede all’art.5c.2, anche un piano di massima di  prevenzione generale in via educativa di cui vengono tracciate le linee guida.  Gli viene dato il nome di “Piano d’azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere”. Se si tratta  di formare le coscienze contro  la violenza sessuale, la educazione a fini preventivi, guarda caso, si allarga proprio ad abbracciare il tema del genere. Ed è evidente che  per questa via, mentre si punta  proprio alla valorizzazione del concetto di genere e alla decostruzione dei modelli etici naturali e famigliari, è stato trovato un modo obliquo per dare al tutto  una consacrazione giuridica.

Intanto, dato per nulla trascurabile,  a vegliare sulla nuova etica di stato, all’art.7 bis compare anche l’occhio vigile della invisibile polizia internazionale di cui ci siamo dotati, nell’ignoranza generale e nel silenzio mediatico, con il trattato di Velsen. E su questo varrà la pena di tornare con un articolo a parte.

Il “Piano di azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere”, elaborato definitivamente nel dettaglio, il sette maggio scorso è stato presentato alla Camera per l’approvazione. Con esso l’indottrinamento alla ideologia del genere e a tutte le sue appendici diventa obbligatorio, anche se ben mescolato o in forma defilata rispetto alla  sbandierata lotta contro la violenza sulle donne e annessa discriminazione.  Ma il fatto a dir poco desolante è che questo piano, inserito formalmente all’interno  di una legge che punisce comportamenti antisociali, attraverso il gioco del rinvio diventa parte  integrante dei  provvedimenti sulla scuola, e il suo contenuto è promosso a  materia di insegnamento curricolare. Infatti dopo le direttive Fornero che gli hanno aperto la strada e dopo la legge Carrozza, la “buona scuola” di Renzi lo fa proprio. La cronaca dice che tre giorni dopo la manifestazione romana  indetta proprio contro l’introduzione di questo indottrinamento  aberrante  nei programmi scolastici, viene approvata la riforma renziana che con un rinvio dell’art.16  recepisce il Piano e le idee che ne costituiscono l’intelaiatura. Un caso di democrazia diretta praticata da sempre dai  governi comunisti, ma qui avvalorata dal concorso di una opposizione  che si è automunita di guinzaglio e museruola, per non correre il rischio di abbaiare al momento sbagliato. Così, con Monti,  Letta e  Renzi, la garrotta sul collo della libertà di educazione viene  chiusa definitivamente.

Dunque la legge sulla scuola ha come pezzo forte il Piano di indottrinamento alla decostruzione dei modelli etici naturali e di quelli famigliari in particolare, e ruota attorno alla idea del genere che già compare nel titolo, anche se dopo il riferimento d’obbligo alla violenza sessuale.  E si capisce. Infatti il manufatto e il suo specifico fine decostruttivo è tutto giocato dietro la grande foglia di fico della violenza sulle donne e della violenza sessuale. Questa è l’unica che consente di parlare di sesso; infatti, poiché risulta un po’ difficoltoso per una donna violentare un maschio sobrio, se si cita il sesso non c’è modo di equivocare, e tutti  capiscono che la vittima è provvista di genitali femminili. Altra foglia di fico è la supposta disuguaglianza giuridica e sociale tra maschi e femmine che farebbe sorridere anche  se non ci fosse l’articolo 3 della costituzione a fugare ogni dubbio, insieme allo Statuto dei lavoratori e al semplice buon senso. E’ evidente che gli Standard come quello uscito dalla conferenza di Istanbul , elaborati in sede di accordi  internazionali per promuovere l’emancipazione delle donne, sono rivolti ai paesi in cui le donne vengono trasportate insieme alle capre nel carretto dell’Ape. Ma  alle signore che soggiornano in parlamento  torna utile informare la gente ignorante, che anche in Italia le donne viaggiano nei treni in scompartimenti separati e non hanno accesso alle alte cariche dello stato. Tutt’al più fanno il Presidente della Camera e qualche volta anche della Confindustria. Poi magari capita pure che vadano ad abortire nella Ussl di competenza senza che il padre del “prodotto del concepimento” possa interloquire.  Ma le parole valgono più dei fatti e ora l’importante è che il “genere” entri con tutti gli onori nel sistema italiano,  ci si abitui fin da piccoli a capire che l’omosessualità è una buona scelta esistenziale e la famiglia è un antico ricettacolo di idee e rapporti minacciosi per la libertà individuale e soprattutto uno strumento di intollerabile oppressione per la donna (quella provvista di genitali femminili), vittima prestabilita.

 Il buon Don Giovanni Ferrara, nel silenzio ultrasonico della chiesa ufficialmente cattolica, ha pensato di aiutare i genitori che essendosi accorti della avanzata di un  nemico poderoso  penetrato come una enorme metastasi in tutte le casematte della “cultura”, cercano disperatamente un modo per  sottrarre ad esso i propri bambini.

 Ma dalla vicenda mediatica che ne è seguita, come dicevamo all’inizio, si colgono facilmente molti spunti  significativi. Infatti bisogna notare anzitutto come il fronte dei detrattori si sia diviso tra chi ha attaccato sul merito difendendo i programmi scolastici ministeriali e chi, senza neppure sfiorare l’argomento, si sia lanciato in una intemerata contro il modo troppo cattolico di interpretare il ministero sacerdotale, ovvero proprio quell’essere un prete cattolico senza sbavature, del parroco di Sant’Ignazio.

A difendere l’alto contenuto educativo del Piano renziano, e il suo valore antidiscriminatorio, è intervenuta sul Corriere la signora di genere parlamentare a nome Laura Puppato, che ha sentito il dovere morale di attaccare l’iniziativa della scuola parentale poiché avrebbe l’audacia  di sottrarre alla macina  del programma renziano qualche piccola preda. Come vi permettete di cercare di sfuggire alle chele di Bilderberg?  Anzitutto, dice beffarda la Puppato, la teoria del gender non esiste. Per vero già la compagna Fedeli ci aveva informati  di questa inesistenza per inutilità sopravvenuta o per altra causa. Cosa comprensibile. Ora che il genere è categoria consacrata dalle leggi della Repubblica, possiamo toglierlo di mezzo come entità autonoma di contenuto speculativo: perché dare il destro agli zotici di dire che si tratta di  roba  da dementi?  Ora che il genere femminile ha ottenuto, con la legge sul femminicidio, lo stesso trattamento privilegiato riservato alle foche artiche rispetto ad altre specie animali, il problema è la violenza sessuale  e la discriminazione di genere, in generale. La  prima si esercita sulle donne come abbiamo visto, la seconda dipende dal soggetto implicato e quindi abbraccia anche le prime, perché nel più sta il meno. A ben pensare, poiché chi può discriminare a rigore di logica è solo il legislatore ordinario (il quivis de populo si limita a scegliere il collaboratore domestico che gli pare, finché gli sarà ancora consentito dalla legge) al quale  l’articolo 3 della Costituzione vieta di  fare leggi discriminatorie, un ingenuo potrebbe chiedersi con chi ce l’abbiano tutti questi santi custodi della antidiscriminazione. Invece, si capisce benissimo: vorrebbero che l’articolo 3 fosse esteso formalmente  ai 56 generi codificati dalla nuova immaginifica rivoluzione  culturale.   L’importante è che a forza di ripetere sempre la stessa scempiaggine ci si convinca di dire una cosa intelligente e di grande peso democratico. Questo tipo di  convinzione del resto non  manca  ora di irrobustire la coscienza civile di  politici, ecclesiastici e intellettuali  di riferimento.

Difatti la  Puppato alla fine dello stesso articolo riassume il proprio pensiero con una frase lapidaria che mette tutto a posto e merita di essere riprodotta letteralmente : “Con la scusa della c.d. ideologia gender si attacca lo sviluppo di una cultura che mira alla doverosa parità e al rispetto tra i generi umani”.

Aiutata in questo  sforzo di grande respiro speculativo dall’ assonanza con i generi  alimentari che sicuramente possono ricomprendere  una grande varietà di prodotti, la signora di genere parlamentare ci assicura dunque che esistono anche molti generi umani, tanti quanti una fantasia sana e illuminata può produrre. E di questa consapevolezza deve essere arricchito l’orizzonte spirituale di ogni bambino o adolescente. Grazie alla Puppato sappiamo senza ombra di dubbio cosa verrà insegnato nella buona scuola di Renzi, dell’Onu e dell’Eu, e perché  bisogna fermare iniziative eversive come quelle della scuola parentale.  In  ogni caso  dobbiamo però  rimanere sereni perché il genere e la relativa teoria non esistono, anche se dobbiamo essere educati tutti alla parità e al rispetto tra i generi umani…

Molto interessante è il secondo tipo di interventi contro l’iniziativa di Don Giovanni,  cioè di quelli che non si preoccupano di  attaccare nel merito la scuola parentale per  difendere la bontà della buona scuola renziana in fatto di criteri educativi, ma colgono l’occasione per scagliarsi sul modo di interpretare il ruolo del prete cattolico da parte di Don Giovanni. Forse perché anche questa può essere una questione di genere, e il genere cattolico ora democraticamente imposto è quello del cattolicesimo liberato da dogmi di fede, dottrina, liturgia e morale cattolica e sufficientemente liquido  da potersi adattare alle richieste della società in evoluzione e in dissoluzione, e soprattutto alla politica dominante di volta in volta, anarcoide, marxista, terzomondista, mondialista ecc.

Significativa soprattutto la lettera di certo Schiavon, cognome tra i più diffusi nel Veneto, che estende la critica “religiosa” cui sottopone Don Giovanni, tanto per non badare a spese, ai 26 anni di pontificato di Wojtyla, gli 8 di Ratzinger, e perfino ai 26 del vescovo emerito  Mattiazzo, ora in partenza per la Missione in Africa. L’unico orizzonte luminoso che ora finalmente si schiude sulla chiesa è, sempre secondo lo Schiavon, quello in cui campeggiano Bergoglio e Cipolla. Tutti questi anni di sofferenza devono avere tanto provato il fervente cattolico padovano da fargli cadere ogni freno inibitore persino nei confronti dell’ormai  indifeso vescovo uscente. Delle due l’una: o il problema di Don Giovanni è solo quello religioso liturgico e per questo è stato messo in sì autorevole compagnia, e della scuola non ci si interessa proprio, oppure la scuola parentale non si accorda con l’intesa sulla scuola tra chiesa e politica, una intesa imposta dalla nuova dottrina neo cattolica o dagli accordi di non belligeranza stretti sul tavolo “orizzontale” (parole sue) da Galantino, oppure le due cose vanno insieme, e di tutto ciò è ben edotto l’accorto Schiavon, che di affari ecclesiastici deve pur essere esperto. Tanto esperto da poter lanciare  a Don Giovanni  quello che si chiama volgarmente un “avvertimento”.

Dunque a qualcuno, che pure si professa cattolico, interessa solo attaccare l’ortodossia cattolica così invisa al neo cattolicesimo al rimorchio della politica, e di certo non condivide la preoccupazione di Don Giovanni circa il pervertimento morale dei piccoli  (proprio  ora che la condivisione è stata inserita tra le virtù cardinali al posto della fortezza caduta già da tempo  in disgrazia). Del resto, che  questa condivisione manchi anche nei superiori  di più alto grado gerarchico lo si era sospettato già di fronte al grande silenzio romano sulle iniziative “in difesa dei figli”.

Anzi, a convalidare addirittura l’ipotesi di una benigna accoglienza della scuola renziana da parte della chiesa neo cattolica , compare su Avvenire un interessante articolo di Chiara Giaccardi, sociologa della Università cattolica, che, dando ragione a chi come la Puppato insinua che il gender è invenzione dell’avversario cattolico,  con il linguaggio criptico adatto ad  un certo tipo di temi e ad un certo tipo di trattatisti, ci informa finalmente come di genere possiamo parlare cristianamente, anzi, come del genere anche la Chiesa debba farsi maestra. Lo dice attraverso tutto un  percorso argomentativo, generosamente illustrato e pazientemente sviscerato da Roberto Marchesini in un recente articolo. E poiché di solito chi interviene in una diatriba lo fa proponendo la propria terza via che egli assicura essere sempre la migliore, così pure la nostra sociologa indica quale sia la versione  cristiana del gender: non equivale al sesso, ci mancherebbe. Ma neppure me lo scelgo io a seconda di come mi sveglio la mattina, perché anche questo è proprio un po’ troppo. No. Il genere viene dalla relazione (che si tratti dell’eterno ritorno del famoso “incontro” ciellino?). Dobbiamo pensare allora che tutto  dipenda dalla fortuna o meno di fare  gli incontri giusti? Non si tratterà per caso della famosa capacità costitutiva della relazione che si ottiene dal suo instaurarsi  di fatto? Certo una tale idea ci mette al riparo dagli stereotipi, dalle etichette date dalla società e da una famiglia retriva, però questo valore rimesso al caso, alla ruota della fortuna, pare un po’ nichilista, a meno che non si scomodi  la Provvidenza e i suoi imperscrutabili disegni, anche senza arrivare alla predestinazione, che qualche questione sulla libertà, cristiana e no, la riaprirebbe. Mah! La fluidità del genere fluidifica anche le idee in armonia con la fluidificazione del cattolicesimo aggiornato.

L’intervento del resto segue a ruota uno  scambio di vedute e  amorosi sensi grosso modo su un tema limitrofo, quello delle relazioni omosessuali, avvenuto sulle pagine di Avvenire tra Dellai e il direttore (per leggerlo, CLICCA QUI).   Dove tutto è passibile di dialogo, condivisione, confronto, tutto è possibile, democraticamente parlando, perché tutto deve tendere ineluttabilmente verso la pace universale. E la nuova pace universale passa per il principio secondo cui ciò che accade è anche giustificato e quindi non c’è neppure motivo di adottare criteri di giudizio. Difatti la nuova chiesa bergogliana non può rifiutare nulla e soprattutto non ha nulla a che fare con la insopportabile immutabilità dei principi cristiani e della legge naturale: a questi è stata sostituita una volta per tutte la dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, con il corredo dei desideri dei generi umani, con il diritto alla felicità. Una forma di delega senza obbligo di rendiconto che permetterà alla macchina organizzativa vaticana di dedicarsi finalmente solo e soltanto al travaso di generi umani e religiosi dai vari mondi al mondo ex cristiano, per contribuire alla costruzione del mondo nuovo unificato e pacificato.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

13 commenti su “Dal genere parlamentare al genere “cattolico”  –  di Patrizia Fermani”

  1. In realtà – come lei sa molto bene, dottoressa – l’unica fonte della sedicente Multiculturalità è il Pensiero Unico, cioè massonico.
    Stupisce sempre il fatto che le numerose e indefesse ondate di “smontaggio” della realtà, della società, della stessa persona umana fisica siiano esplose tutte, con chiarezza di intenti e azioni violentissime, SUBITO, cioè nei tre/quattro anni di virulenza della Rivoluzione in Francia (ultimo decennio del 1700).
    Ciò dimostra, fra ll’altro, che l’anima delle “Rivoluzioni” è propriamente satanica: diversamente il dato storico osservato non sarebbe spiegabile.

    Il “travaso” avviene perciò non dalle varie mentaliità umane (“Tot capita, tot sententiae”) alla Chiesa, ma semplicemente da Rousseau, Marx, Freud…Obama alla Chiesa.

    P.S. Il famoso “inconto” ciellino era in origine realistico (“Ho visto che Cristo è una Persona, non un concetto”); poi, ormai da decenni, evanescente (“Conta incontrarsi – non incontrare Lui”)

  2. giorgio rapanelli

    A tutti questi cattolici impegnati in dialettica con i nemici del Cristo e dell’Eucaristia, la cui eliminazione è il principale obiettivo di Satana, voglio ricordare che San Paolo, malgrado tutte le convinzioni del Bergoglio sulla misericordia di Dio, che non smette mai di perdonare, San Paolo – ripeto – non fa entrare nel regno di Dio pederasti e lesbiche, a meno che non si convertano e facciano voto di castità, oppure ritornino normali secondo natura.
    Questa situazione in cui è la Chiesa cattolica, ormai portata verso una forma di religione per tutte le stagioni, già è stata descritta da Robert Benson ne “Il Padrone del Mondo”. Quindi già sappiamo come finirà. Nel romanzo fantascientifico il Papa era rimasto fedele al Cristo con pochi cardinali. Oggi, papa Bergoglio con chi sta? Con Cristo e San Paolo, oppure con l’OMS e Renzi?

    1. L’ho già scritto, se non sbaglio (vi sarete accorti che sono ripetitiva): in un vecchio libro
      su profezie “serie” relative all’Anticristo che deve tornare, c’è scritto “…il Vescovo vestito
      sempre di bianco sarà l’Antipapa..”
      Chi può essere questo vescovo vestito sempre di bianco????

      PS.
      Gentile Giorgio Rapanelli anch’io ho letto “Il Padrone del mondo”: descrive molto bene
      l’attuale situazione “mondiale”…..

        1. Cara Claudia, glielo dico molto volentieri:

          – L’ANTICRISTO CHE DEVE RITORNARE
          Trattato sull’Anticristo
          – Lorenzo Ventrudo
          – Fede & Cultura
          – Edizione 2010
          – Allegato: CD
          —————————————
          Avevo già citato questo libro in una risposta a R.C. però mi sembra di ricordare
          che citai come data di edizione o il 93 o il 98.
          Mi scuso.

  3. Alfonso Indelicato

    Gentile Patrizia, tutta la mia gratitudine e la mia ammirazione per lo splendido intervento, che merita di costituire un punto di riferimento per chiunque di noi si occupera’ di questi argomenti.
    Alfonso Indelicato

  4. Dottoressa Fermani, la prego, non limiti i suoi interventi nel piccolo ambito di R.C., ma cerchi in qualche modo di far sentire la sua voce là dove ben più persone possano leggerla.La sua impeccabile coscienza cristiana unita alle sue competenze giuridiche fanno dei suoi scritti veri capolavori di verità. Che il Signore La aiuti in questo suo generoso impegno e in questa difficilissima battaglia.

  5. Poveri noi, non ci resta che pregare. Forse c’è un fatto positivo in tutto questo: forse tra poco il vero avversario potrebbe rivelarsi definitivamente, si farà vedere a viso scoperto, ed in quel momento tutto dovrebbe essere decisamente chiaro e nitido.

  6. alberto ferrari

    Aveva ragione Ivan Illich.. mamma mia quanto aveva visto lungo: va “descolarizzata” la società. O rassegnarsi ad avere Brave New World dietro l’angolo.

  7. la soluzione sarebbe togliere i figli dalla scuola statale, se fossimo tutti uniti si potrebbe fare, le galere non ci conterrebbero tutti. Ma siccome non siamo mai uniti e ognuno difende sempre il proprio orticello non si farà nulla e dovremmo aspettare il castigo (già presente per chi è veramente cattolico e soffre per la sittuazione della Chiesa) di Dio, quello che anche gli atei capiranno.

  8. cara dott.ssa mi complimento con lei:all’analisi acutissima e stringente abbina una spassosissima ironia,che ahime’, per lei che scrive e per noi lettori,come nei migliori extravergine d’ol.,visti i temi trattati,lascia in fondo un retrogusto piccante e assai gradevole che pero’ sconfina nell’amarezza desolante.
    Osservare le autorita’ civili ed ecclesiastiche assumere atteggiamenti miserabili o incorrere in scempiaggini verbali e verbose,ripetute,insistite genera un malessere e una ribellione ormai permanenti.Ma come e ‘ possibile che la gran parte dei cattolici di tutte le parrocchie non si avvedano della tragicita’ dell’inganno che li sta’ seducendo,hanno occhi ma non vedono,hanno orecchie ma non sentono,hanno ragione ma non la utilizzano,incantati dal pifferaio magico…resistiamo saldi nella fede di sempre,Gesu’ e Maria confidiamo in Voi…e lei,cara dottoressa,continui implacabile a sviscerare i patteggiamenti vergognosi dei presunti pastori…qualcuno ci sara’ sempre a leggerla con…

  9. Siamo ormai oltre ogni speculazione romanzesca sulla fine dei tempi, in cui tutti gli autori, da R. H. Benson a Soloviev, immaginano la Chiesa ultima guidata da un Papa martire, fedele a Cristo, a capo di un gregge perseguitato. Qui ora abbiamo un pastore nemmeno “perseguitabile”, spartendo con il mondo la gran parte dei suoi giudizi, e un gregge allo sbando senza guida. Stranamente nessun autore prefigurava un papato schierato sul fronte nemico, forse in virtù di quel “le porte dell’inferno non prevarranno”, considerato riferito a Pietro, ma forse da ricondurre alla Chiesa, intesa come residuo scrigno di conservazione della Fede. O forse no, la frase era riferita sì a Pietro, ma Bergoglio non è Pietro. Il quale Bergoglio ha appena inferto un nuovo colpo all’etica cattolica, sciogliendo in pratica il vincolo sacramentale del matrimonio per giustificare il divorzio, sempre con la solita scusa della misericordia, così come si usa la scusa della discriminazione della donna per promuovere il gender.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su