Dalla difesa della pedofilia alla Chiesa che chiude le chiese. Non solo coronavirus

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Anche il bardo globalista Jovanotti ci fa la predica. Anche Ilaria Capua (dopo l’economia ci mancava anche la “salute circolare”), che dopo aver sostenuto un governo e un partito che hanno devastato la sanità italiana, lancia accorati allarmi da svariati pulpiti mediatici. Ma ci sono altri virus, più pericolosi per l’anima: Giuliano Ferrara, ad esempio, scriveva solo pochi giorni fa che la pedofilia è legittima, se c’è il consenso di una quattordicenne e se chi la pratica con ostinazione e senza pudore è amico del pingue delatore.

Nel frattempo, l’italico parlamento “sovrano” si appresta a votare per il MES e contro l’urgentissima, esiziale deriva omotransfobica (chissà se all’inferno c’è una pena eterna per chi stupra la lingua italiana). Mentre le scuole restano chiuse, la Chiesa (!?) ha abolito i funerali, introducendo una innovazione inedita in ogni tempo e cultura: non si può più morire, nell’epoca della misericordia universalmente profferta alle masse informi di Occidente. Ancora, in unione di preghiera con la pletora mondialista di artistoidi e starlette di ogni risma, il papa più protervo ed irrituale della storia si ostina a (far) “tweettare” una profluvie ininterrotta di banalità, nel contesto di un pontificato che si è reso disponibile a decostruire quel poco che ancora rimaneva del cattolicesimo (il “rito amazzonico”!), con tenacia e servilismo ineguagliabili: nella marea di sciocchezze si rammenteranno, indelebili, le reiterate bestemmie e le eresie quasi erette a magistero ordinario.

Nel mentre, la gente dovrebbe rimanere a casa, con la ubiqua pornografia telematica, l’ambiguità catodica di Maria de Filippi e la sciantosa “cattolica” Barbara d’Urso a farle compagnia; ovvero, nella migliore delle ipotesi, a compulsare l’ultimo instant book di Antonio Socci, che ricorda tanto Paolo Brosio per lo sguardo perennemente lacrimevole e per il fastidioso escapismo miracolistico.

Inoltre, la Grecia è stata appena invasa da torme inquietanti (Erdogan è solo l’esecutore di tale miserabile ricatto), mentre tre stati invisi ai “powers that be” – guarda il caso! – sono flagellati dal “coronavirus”. Ancora. Su “Il Foglio” ci si trastulla con numeri da pallottoliere, per far quadrare i conti della serva; altri, apparentemente su versanti opposti, si dilettano, previa autorizzazione della “autorità”, con le messe tridentine; ma entrambi, già indissolubilmente uniti nel devoto ossequio porto a chi domina il mondo (ci si divide sulla pedofilia e sulla omosessualità, non sulle entità che signoreggiano e affamano i popoli), invocano “la scienza”: come se ne esistesse una sola. Altri ancora, che si dicono cattolici, difendono la “libertà di espressione” delle nefandezze di “Charlie Hebdo”, che bestemmiò, in copertina, la Trinità. Infatti, anche questi “cattolici” scrivono con costanza su “Il Foglio”.

Baldr osserva tutto questo postribolare spettacolo – una fine ingloriosa, senza neppure una sfumatura di quel tragico che è nobile tratto essenziale della fu “civiltà occidentale” – con disincanto. La sua è una ricognizione di principio, quasi dovuta, a salutare luoghi che gli furono (e gli sono) carissimi, nel profondo del cuore. Egli volteggia con l’occhio della mente su quella Europa che produsse la civiltà più solida e raffinata della storia, ora ridotta ad un ammasso di degenerati.

“Il migliore dei mondi possibili” ha generato, per paradosso ed eterogenesi dei fini, il brodo di (in)cultura nel quale si può cogitare ciò che fino a qualche anno prima era semplicemente impensabile: ad esempio, che il sesso è una costruzione culturale, e che è legittimo abortire, anche al nono mese e forse oltre, mentre si può essere arrestati per una ipotesi storiografica (Salvini concorde), o sospesi dal lavoro se si esprime una valutazione di semplice antipatia per una qualsiasi senatrice a vita.

Ma, seppure a fatica, la compassione vince sul disprezzo: e allora Baldr, anche se sconsolato, torna alla sua avita dimora, la Thule di ghiaccio, a vergare queste brevi note, e a contemplare l’origine: dove tutto, tanto tempo fa, ebbe il proprio fulgente incipit, tra gli oscuri bagliori di un nord immacolato.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

4 commenti su “Dalla difesa della pedofilia alla Chiesa che chiude le chiese. Non solo coronavirus”

  1. Piuchemaigemens&flens

    Temo che questa pestilenza che ci assedia da ogni parte sia solo l’assaggio di qualcosa di molto ma molto più grande. Vengo a sapere che in questi funesti giorni gli aborti aumentano a dismisura…
    Basteranno le poche, inadeguate, e indegne preghiere che si levano da questa terra indurita, cieca, ostinata e impastata di se stessa, a commuovere il cuore di Dio? E quanto dovremo patire?

    1. Piuchemaigemens&flens

      Sottolineo che nel termine “pestilenza” intendo comprendere ogni tipo di calamità, sia fisica che morale.

  2. Oltre alle messe ,non trovo nemmeno preti per confessarmi…. …..per il momento ,ci rimane solo la preghiera ,questa nessun virus o decreto civile o eclesiastico potrà torgliercela!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su