Dalla liberazione animale alla liberazione sessuale – di Lupo Glori

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Lupo Glori

.

zzzzanmlSabato 19 settembre 2015 si è svolto a Roma, in piazza del Popolo, l’Animal day, una lunga maratona musicale in difesa dei diritti degli animali, promossa dall’Associazione Animalisti Italiani, che ha visto la partecipazione di diversi artisti e cantanti. Obiettivo dichiarato degli organizzatori, che hanno definito l’evento il «Primo maggio degli animali», è quello di ottenere il riconoscimento, all’interno dell’ordinamento giuridico italiano, della dignità di essere senzienti anche per gli animali.

Al concerto hanno preso parte volti, noti e meno noti, del mondo dello spettacolo, tra i quali: Massimo Di Cataldo, Franca Valeri, Ivana Spagna, Fiordaliso e l’onnipresente paladino LGBT, Vladimir Luxuria.

Nel “documento politico”, pubblicato sul sito web dell’iniziativa, gli organizzatori spiegano così il loro pensiero in materia di diritti degli animali: «(…) Il dono della “RAGIONE” e l’uso dell’ “INTELLETTO” devono farci riflettere sulla grande responsabilità che abbiamo nei confronti del pianeta in cui siamo ospiti e di tutti i suoi abitanti (…). Una vita non può nascere destinata solo alla sofferenza, alla prigionia, alle privazioni, alle crudeltà indicibili prima che sopraggiunga la morte liberatoria! Ogni vita deve avere il diritto alla dignità di un’esistenza, non alla sua negazione».

Prendendo spunto dalla legislazione europea in materia, i promotori dell’Animal Day esortano il governo italiano a riconoscere lo status di esseri senzienti agli animali, scrivendo: «Il “Trattato di Lisbona” del 2007 riconosce agli animali la condizione di esseri senzienti. (…) In Italia nel corso degli ultimi vent’anni sono state promulgate le leggi 281/1991 e 189/2004 che hanno portato ad un miglioramento nella considerazione dei diritti di alcuni animali ma senza riuscire a riconoscere il diritto a vivere un’esistenza dignitosa a tutti. (…) Riuscire a riconoscere il diritto a vivere degli esseri viventi più deboli significa educare la comunità a non avere posizioni e comportamenti discriminatori, imparando a rispettare la condizione di vita di ogni essere vivente (…)».

È interessante indagare il pensiero animalista o meglio, “antispecista”, e il suo concetto di coscienza per comprendere più a fondo il significato e le rivendicazioni di tale ideologia. Secondo la visione dei teorici animalisti all’inizio della storia vi era solamente la natura che includeva tutto. La natura, in questa prima fase, “pre-storica”, era priva di coscienza, concepita come una sorta di mega-meccanismo autoregolato e privo di libertà.

Il secondo passaggio di questo complesso processo evolutivo è rappresentato, secondo il teorico antispecista Massimo Filippi, dalla comparsa ed evoluzione di «sistemi nervosi centrali sempre più complessi» che hanno determinato la nascita della coscienza. Da questo momento in avanti, una parte della natura è stata in grado di vedersi da fuori, di poter pensare “consciamente” se stessa, considerando il resto da un’altra prospettiva.

Dopo la comparsa della coscienza che, sempre secondo Filippi, precede quella dell’Homo Sapiens, ed è quindi indifferentemente presente negli uomini e negli animali, si ha, quindi, la decisiva fase della “domesticazione animale”. Con essa, escludendo l’animale dalla comunità, scrive Filippi, nel suo pamphlet,Natura infranta. Dalla domesticazione animale alla liberazione animale’, «l’uomo apre una ferita nell’ambito della comunità dei coscienti».

A questa frattura che rompe «l’unità tra i viventi coscienti», gli animalisti danno, con connotazione negativa, il nome di specismo per indicare, spregiativamente, la, secondo loro, presunta convinzione antropocentrica per la quale gli esseri umani debbano godere di maggiori diritti rispetto agli altri animali in quanto detentori per natura di uno status morale superiore. Il termine “specismo”, coniato nel 1970 da Richard D. Ryder, è stato reso popolare dal filosofo australiano Peter Singer che, nel suo noto saggio ‘Liberazione animale’ del 1975, così lo descrive: «Un pregiudizio o atteggiamento di prevenzione a favore degli interessi dei membri della propria specie e a sfavore di quelli dei membri di altre specie».

Singer effettua quindi un parallelo ideologico, paragonando lo specismo ad altre forme di discriminazione come il razzismo e il sessismo: «Il razzista viola il principio di eguaglianza attribuendo maggior peso agli interessi dei membri della sua razza qualora si verifichi un conflitto tra gli interessi di questi ultimi e quelli dei membri di un’altra razza. Il sessista viola il principio di eguaglianza favorendo gli interessi del proprio sesso. Analogamente, lo specista permette che gli interessi della propria specie prevalgano sugli interessi di altre specie. Lo schema è lo stesso in ciascun caso».

È evidente il parallelo ideologico tra la teoria antispecista e la teoria del gender. Entrambe le ideologie fondano il loro pensiero sulla negazione dell’esistenza di una specifica natura umana e sulla promozione di un nuovo paradigma rivoluzionario contro l’uomo stesso. Comune a entrambe le teorie è una visione evoluzionista, antigerarchica e ugualitaria che intende la “liberazione”, come l’abolizione di ogni norma e limite sociale, per tornare utopisticamente allo stato di caos originario.

.

fonte: Corrispondenza Romana

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

10 commenti su “Dalla liberazione animale alla liberazione sessuale – di Lupo Glori”

  1. 19 settembre: circa l’anniversario della Presa di Roma da parte della Massoneria di obbedienza anglicana.
    Tuttora, come scrivevo giorni fa, l’Ambasciata Britannica si trova proprio accanto a Porta Pia. Il 20 settembre 1870 entrò con i Bersaglieri un cane (pet dog) battezzato “Pio IX”, che trainava un carrettino con una Bibbia anglicana.

    La sera stessa – a quanto pare- l’inizio dell’anno massonico fu celebrato al Colosseo dagli ufficiali piemontesi.

    P.S. Fra pochi giorni, nei locali dei Musei Capitolini, uno spettacolo sulla soppressione dell’ordine templare – episodio di riferimento per la Massoneria, per insinuare che i Templari “sapevano troppo”, nel senso che sapevano che il Tempio di Gerusalemme (distrutto dai Romani) era “il vero tempio”, da riedificare.
    Spettacolo gratuito, cioè a spese nostre, voluto dalla “Associazione Archeoscienza” e dalla “Consulta delle Elette”

  2. “Ogni vita deve avere il diritto alla dignità di un’esistenza, non alla sua negazione”. Giustissimo. Ma quelli che affermano questo con così tanta amorevolezza sono gli stessi che sostengono aborto (con stritolamento del feto che, per carità, non ha mica condizione di essere senziente…), eutanasia e via discorrendo. Negatori della dignità che Dio ha conferito all’uomo perché negatori di Dio, no si curano di equiparare la propria natura a quella delle bestie: un passo perverso in più verso l’abbrutimento e l’annullamento dell’umanità. Percorso decisamente luciferino.

  3. La prendono sempre da molto lontano, come è già successo per il gender e per l’immigrazione. Iniziano sempre con propositi ultracommeventi e buonisti che più buoni non si può. Ma in realtà hanno già bene in mente dove vogliono arrivare: queste operazioni sono i primi passi per proibire entro breve il consumo di carne. All’expo di Milano già presentano la nostra alimentazione del prossimo futuro, che dovrà essere a base di insetti.

  4. L’antispecismo è pura follia: NON è, come credono molti disinformati, un innalzare l’animale a livello dell’uomo (cosa impossibile per parecchi motivi) ma un abbassare l’uomo al livello degli animali, negando il fatto che è l’unico essere vivente dotato di ragione, di coscienza e di un destino eterno!
    Gli animalisti si divertono a dire che l’uomo è l’unica creatura terrena e SCEGLIERE di compiere il male ma si dimenticano di dire che è anche l’unica che può SCEGLIERE di compiere il bene!
    La possibilità di scelta ci rende infinitamente superiori a qualunque animale!
    Sant’Agostino dimostrò la superiorità dell’uomo sull’animale in un modo semplice e chiarissimo: l’uomo può addomesticare gli animali ma gli animali non possono addomesticare l’uomo!
    Io sono uno specista e me ne vanto, non sarei cattolico se non lo fossi!

  5. Di fronte a simili idee vien proprio da dire: viva viva viva gli animali !!! Sanno essere molto più intelligenti di certi umani, usando il loro cervellino come si deve.
    Guardo la mia gatta, acciambellata sull’erba a dormire, all’ombra quando fa caldo e al sole quando è più fresco: lei sì che ha capito tutto! Perché lei, della liberazione e della teoria antispecista se ne fa un baffo!
    Non scherzo, parlo molto sul serio: dagli animali possiamo imparare diverse cose. Ad es. sanno stare al loro posto e ci stanno bene; non buttano il cervello all’ammasso; prendono la vita come viene; non hanno mai elaborato, in tanti millenni di vita e di evoluzione, una qualche filosofia nichilista o una teoria gender o ecologistica; ecc.
    Insomma: viva gli animali!

    1. Bello quanto da lei scritto, Claudia. Verissimo. Mi ha sempre affascinato il mondo di un animale che noi consideriamo malefico: il lupo. Il lupo è quell’animale che riserva moltissime sorprese: fedele alla sua compagna per tutta la vita, premuroso padre dei cuccioli, virile difensore della sua ‘famiglia’ e caccia per sfamarla senza sosta. Il lupo guida i suoi cuccioli nella crescita, li impara a vivere, con grande pazienza. Così come molte altre specie. Rispondono alle leggi del creato e vivono per il creato.
      Se il lupo è stato voluto da Iddio così, quanto possiamo fare noi, sua opera mirabile, fatti a sua immagine.

  6. Nei paesi bassi ci sono già case di prostituzione con animali. Lo dicevo io che la pubblicità anche nei tg di fatti animali aveva uno scopo…

  7. Questa gente non ama gli animali, ama e persegue solo un fine: l’odio per l’umanità, l’odio per l’Uomo. E, guarda caso, esiste solo un essere che ha votato, sin dalla fondazione dell’universo, la sua azione contro l’Uomo, perché geloso, invidioso, superbo nel non voler riconoscere che il Signore Iddio l’ha voluto a sua immagine. Gesù l’ha definito omicida sin dal principio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su